Vite vendute

Media utenti
Titolo originale: Le salaire de la peur
Anno: 1953
Genere: drammatico (bianco e nero)
Note: Aka "Wages of Fear". Remake hollywoodiano nel 1977 col titolo "Il salario della paura".
Numero commenti presenti: 17

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 9/01/10 DAL BENEMERITO SAINTGIFTS
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Saintgifts 9/01/10 17:52 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Dovendo scegliere una categoria ho scelto drammatico, ma può essere catalogato come thriller o come action. Un film veramente speciale sia nella prima parte dove viene descritta la povera cittadina del Guatemala e i falliti che vi sono confinati, sia la seconda parte del terribile viaggio dei quattro eroi in cerca di denaro e redenzione. Una grande suspense permea tutto il secondo tempo (preludio ai Diabolici) sottolineata da una foto in bn superiore e da interpretazioni di alto livello. Bella la versione in cui ognuno parla la sua propria lingua.
MEMORABILE: Il passaggio nella pozza di petrolio che fa dei visi dei protagonisti maschere tragiche, perfette per la vita e la morte rappresentate.

Shannon 13/09/10 20:24 - 72 commenti

I gusti di Shannon

America Centrale. Squattrinati e senza prospettive, quattro europei dal passato torbido vengono assoldati da una compagnia petrolifera per trasportare un carico di nitroglicerina: in cambio, duemila dollari e l'illusione di poter cambiare vita. Ma portare i camion a destinazione non sarà facile, su strade sconnesse "come lamiera ondulata". La lunga introduzione è solo il preludio al dramma: quando i due camion si mettono in marcia, la tensione inizia a salire e non si ferma più. Attori ottimi. Fotografia splendida. Da vedere assolutamente.
MEMORABILE: "Bimba" parla del suo passato: "Ho cent'anni. Non serve molto per avere cent'anni. Qualche mese. Basta essere nel posto giusto al momento giusto".

Lupoprezzo 28/06/11 15:07 - 635 commenti

I gusti di Lupoprezzo

Capolavoro di tensione e di tenacia, zeppo di momenti e soluzioni efficaci tanto da tenere intrappolata l'attenzione per tutto il tempo in cui i camion sono in viaggio. Clouzot, da grande autore, acuisce l'ansia con inquadrature al cardiopalma (la sequenza della manovra con retromarcia). L'unico, piccolo difetto è l'eccessiva lungaggine della prima parte, anche se è necessaria per delineare i protagonisti e i luoghi. Ottime le caratterizzazioni, con un Montand nella parte del corso che parla in italiano e francese. Mitico Charles Vanel.

Mdmaster 3/08/11 09:57 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Dall'incipit che ricorda non poco quello de Il tesoro della Sierra Madre, Clouzot rivela una storia di rapporti umani disperati e misere economie, mentre la sottile psicologia dei personaggi si svela lentamente in un'atmosfera di insopportabile tensione. La prima parte descrittiva è molto efficace, riuscendo a non allungare troppo e servendo invece da supporto essenziale alla storia. Montand e Vanel son bravissimi, specie il primo nell'insolito ruolo drammatico, una coppia affiatata e asimmetrica allo stesso tempo. Splendidamente coinvolgente.
MEMORABILE: Il tabacco cade dalla sigaretta a causa dell'esplosione; mario scende dalla montagna in un'inquadratura spettacolare; le mille lingue diverse.

Mickes2 4/10/11 17:13 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Con abbacinante tecnica Clouzot narra storie di vita aspre, colme di disillusione e con pochissime vie d'uscita. È l'incoscienza frutto di stenti, a portare i quattro protagonisti in un viaggio che ha il sapore della libertà e della morte al tempo stesso. Grandissima regia di Clouzot che si serve di ogni inquadratura possibile per trasmettere allo spettatore quella tensione, quel senso assoluto di amarezza e claustrofobia, figlie di un percorso colmo di disperazione.
MEMORABILE: L'esplosione, tramite dinamite, del masso in mezzo alla strada; L'attraversamento della zona paludosa.

Daniela 25/04/12 15:10 - 9649 commenti

I gusti di Daniela

In un paese dell'America latina, 4 uomini di varie nazionalità accettano di trasportare due grossi carichi di esplosivo verso un pozzo petrolifero in fiamme... Uno dei capolavori di Clouzot, che si prende i suoi tempi in un lunghissimo prologo per poi partire in quarta in un crescendo di tensione, fino al finale beffardo e "necessario". Alla riuscita del film concorrono la bella fotografia a forti contrasti, l'ambientazione polverosa, una sceneggiatura che ben delinea i caratteri in campo e soprattutto gli splendidi interpreti. Da vedere la versione integrale con il suo mix di lingue diverse.
MEMORABILE: Nella pozza di petrolio

Rebis 27/07/12 16:01 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

L'inferno è sulla Terra: allocato a Las Pietras, ronzante, sudaticcia colonia dell'America centrale dove non c'è scampo alla morte se non cavalcando la paura. Con una radicalità visiva che stordisce e lacera, Clouzot s'immerge nella tragedia dei corpi, in una Babele fumigante di lingue, cinismo e dolore. I volti di Montand e Vanel - meravigliosi – affiorano da un allucinante coagulo di sangue, polvere e petrolio. La tensione narrativa - pressoché insostenibile - conferma il regista quale insuperabile maestro di suspense. Dantesco.

Galbo 13/03/13 07:08 - 11452 commenti

I gusti di Galbo

Bellissimo film di Clouzot, che ritrae un quadro di disperazione umana e ambientale con rara efficacia. Escono quasi dallo schermo l'umanità derelitta e la forza della disperazione dei personaggi del film e nello stesso tempo aumenta progressivamente la tensione per le sorti dell' impresa quasi impossibile che tocca loro. Fotografia eccellente ed ottima prova del cast. Buono il doppiaggio.

Jdelarge 30/06/13 11:43 - 886 commenti

I gusti di Jdelarge

Film dall'incredibile potenza visiva ed emotiva. Quattro persone, abitanti di un poverissimo paesino del centro America, cercano la "salvezza" attraverso il compimento di una missione praticamente impossibile. In una climax di tensione, tipica dei film di Clouzot (qui espressa in maniera sublime), emergono i veri caratteri dei personaggi, delineati magistralmente dal regista francese. L'interpretazione degli attori è superlativa e tra i quattro protagonisti del viaggio si crea una straordinaria alchimia. Un film eccezionale.
MEMORABILE: Il tabacco che vola via dalla cartina a causa dell'esplosione.

Cotola 6/08/13 21:43 - 7630 commenti

I gusti di Cotola

La prima parte serve per descrivere, magnificamente, ambienti e personaggi: un'umanità reietta, derelitta e vinta che non può essere felice. Poi nella seconda iniziano le "danze" avventurose e gradualmente la tensione sale a mille fino a raggiungere livelli quasi insostenibili. Alcuni momenti sono di grande potenza (la pozza di petrolio su tutti) e gli ultimi venti-trenta minuti sono da antologia. Ottimi gli interpreti, con la bellezza della Clouzot che si staglia nella memoria. Francamente imperdibile!
MEMORABILE: Bimba "Si fa presto ad avere cent'anni: bastano pochi mesi al posto giusto nel momento giusto". La pozza di petrolio. Il "doppio" ballo finale.

Lero12 22/10/13 20:55 - 3 commenti

I gusti di Lero12

Splendido film di Clouzot. È del 1953 eppure è attualissimo. Il capitalismo più spietato a discapito dei rapporti umani. L'influenza sulle "classi" più deboli, la fame di soldi; tutto il resto non conta. Capolavoro di suspense magistralmente fotografato.
MEMORABILE: Le urla del proprietario del chiosco ambulante, in sottofondo e il tabacco che cade dalle mani di Jo dopo l'esplosione del primo camion.

Giùan 21/11/15 07:56 - 3052 commenti

I gusti di Giùan

Impressiona ancora quell'ossimorico connubio, apparentemente stridente, tra l'ambientazione in un contesto di parossistica marginalità (di cui Clouzot ci fa sentire per intero sudore, afa, deprimente paesaggistica, brulicante promiscuità di uomini e cose) e una forma di racconto classico, talora artificioso (un manipolo di disperati impegnati in un impresa folle). Proprio l'esasperazione della piretica cornice documentaria eleva a potenza il disegno dei quattro protagonisti, tutti straordinari, con un Vanel gigantesco nel trasmetterci l'inane terrore della morte.
MEMORABILE: Il confronto tra Vanel e il sempre grande Folco Lulli; Vanel che sparisce nel liquame.

Lythops 7/05/16 11:49 - 975 commenti

I gusti di Lythops

Film solo apparentemente lungo nella prima parte, è un ritratto formidabile di un'umanità disperata che cerca di sopravvivere in un assolato villaggio dell'America latina sfruttato da una società petrolifera statunitense. I personaggi acquistano spessore col tempo, ritratti da una un bianco e nero che risalta con sorprendente naturalezza ambienti, volti e corpi come di rado accade nel cinema. Versione originale in tre lingue, indimenticabile per tensione e inquadrature.
MEMORABILE: L'impiccato; La fotografia notturna; "c'è un vestito speciale anche per la ghigliottina".

Caesars 11/05/16 09:42 - 2768 commenti

I gusti di Caesars

Ottimo film che, a fronte di una prima ora leggermente sottotono (ma serve per inquadrare i personaggi e la vicenda), nella seconda parte mantiene una costante suspense fino all'epilogo (forse tirato via un po' troppo in fretta). Regia asciutta, montaggio perfetto e buonissima fotografia in b&n. Grandissime le prove attoriali di tutti i protagonisti, tra cui spicca ovviamente quella di Yves Montand. imprescindibile pietra miliare del cinema.

Rufus68 8/08/17 16:38 - 3152 commenti

I gusti di Rufus68

La prima parte, con le sue accorte lungaggini e un felice ristagno buono a delineare nettamente i caratteri, serve a far risaltare il "viaggio" vero e proprio, uno straordinario concerto di tensione, umanità e intelligenza. Semplice e raffinata la tecnica di Clouzot che mostra l'indicibile con un pudore encomiabile (la polvere di tabacco che vola via a significare un'esplosione mortale) e sfaccetta le quattro psicologie dei protagonisti sino a farle intersecare in un tutto unico, quasi a rappresentare la totalità dei sentimenti virili.

Rocchiola 24/04/18 12:21 - 878 commenti

I gusti di Rocchiola

Amara e beffarda riflessione sul destino umano che descrive un universo di miseria e disperazione. Clouzot fonde neorealismo e avventura precorrendo il crossover tra cinema d'autore europeo e spettacolo hollywoodiano. Malgrado l'eccessiva lunghezza della prima parte resta ancor oggi un grande esempio di tensione e cinismo in anticipo sui tempi. Ammirevole il nostro Folco Lulli nel ruolo migliore della carriera. Molto bravi anche Vanel e Montand. Il remake di Friedkin è un capolavoro sottostimato dall’umore ancor più nero e disperato.
MEMORABILE: Il finale sulle note del Valzer di Strauss; La detonazione del masso che occlude la strada; L'attraversamento della pozza di petrolio.

Kinodrop 7/06/20 19:18 - 1600 commenti

I gusti di Kinodrop

Un gruppo assortito di transfughi accetta per denaro di trasportare un pericolosissimo carico di nitroglicerina che potrebbe esplodere al minimo sussulto. La tensione è tutta spalmata nel viaggio dei due camion durante il tragitto, impervio non solo per il fondo stradale ma anche per gli attriti tra le diverse personalità dei trasportatori; il resto appare un riempitivo, per dare veridicità alle motivazioni ambientali e psicologiche dell'impresa, specialmente la didascalica parte iniziale con tante figure "a tesi", compresa la bella Clouzot.  Di certo innovatore per i suoi tempi.
MEMORABILE: La manovra sul ponte di legno; La "ritirata" di mr. Jo e gli "incoraggiamenti" di Mario; Impantanati nel petrolio; Il discutibile doppio valzer.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Saintgifts • 12/01/10 12:35
    Scrivano - 42 interventi
    La F della Fondazione mi rende orgoglioso e sono contento di farne parte. Grazie a tutti.
    Vite Vendute l'avevo visto un sacco di anni fa e mi ricordo che rimasi meravigliato dell'interpretazione di Yves Montand.
    Poi ho visto di recente I Diabolici e mi è tornato in mente, anche per la sexy Vera Clouzot, e ho trovato una bella versione non doppiata dove si parla francese, italiano, spagnolo e inglese.
  • Homevideo Digital • 13/05/11 19:39
    Segretario - 3058 interventi
    Il 13/07/2011 esce il dvd targato Sinister!.
  • Discussione Buiomega71 • 13/05/11 20:00
    Pianificazione e progetti - 22112 interventi
    Digital ebbe a dire:
    Il 13/07/2011 esce il dvd targato Sinister!.
    Interessante, anche se avrei preferito che editassero, finalmente, il remake di William Friedkin, Il salario della paura. Capolavoro quanto mai bistrattato e vergognosamente "occultato".
    Ultima modifica: 9/03/20 14:15 da Zender
  • Discussione Caesars • 23/05/11 12:06
    Scrivano - 11318 interventi
    Imperdibile.
    Comunque concordo con Buio che anche il remake di Friedkin meriterebbe una bella uscita su dvd
    (grandi anche le musiche dei Tangerine dream).
  • Homevideo Galbo • 29/07/11 20:42
    Gran Burattinaio - 3777 interventi
    Specifiche tecniche del dvd (fonte dvd-store.it)

    Formato video 1,33:1
    Formato audio 2.0 Mono Dolby Digital: Italiano Francese
    Sottotitoli Italiano
    extra
    Documentario "Clouzot - Un despota illuminato"
    Galleria fotografica
    Mini poster
    Ultima modifica: 9/03/20 14:16 da Zender
  • Homevideo Caesars • 6/09/13 11:34
    Scrivano - 11318 interventi
    Attenzione: leggo sul forum di "Gente di rispetto" che il dvd ha almeno una scena, abbastanza lunga ed importante, mancante.
    Per dettagli si può vedere qui:
    http://www.gentedirispetto.com/forum/showthread.php?24621-Le-salaire-de-la-peur-Vite-Vendute-%28Henri-Georges-Clouzot-1953%29/page3
    Tale scena è regolarmente presente invece nella versione mandata in onda su Raimovie (che fortunatamente ho registrato), mentre pare che manchi anche nel dvd della Criterion.
  • Homevideo Rebis • 6/09/13 11:40
    Gestione sicurezza - 4287 interventi
    Buona notizia, anch'io ho la registrazione di Rai movie. Era successa una cosa analoga con Il buco: nel dvd A&R mancano delle sequenze che sono invece presenti nella versione Rai.
  • Homevideo Caesars • 9/05/16 18:19
    Scrivano - 11318 interventi
    Ho scoperto almeno un altro taglio nel dvd (nell'edizione A&R, ma credo che il Sinister sia uguale), anche se non importante come quello segnalato su "gentedirispetto". Nei primi minuti del film c'è una scena che si svolge nel bar del paese e uno sputa sui piedi del barista che non reagisce più di tanto perché "fa troppo caldo" (più o meno). Nel dvd a questo punto c'è uno stacco con Ives Montand che si alza e va dentro verso la ragazza del bar, invece nella versione trasmessa da raimovie c'è un'altra scena con un ragazzo che sputa anche lui sui piedi del barista e questi reagisce prendendolo a botte, solo dopo questo siparietto Ives Mondand si alza ed entra nel bar.
    Ultima modifica: 9/05/16 18:21 da Caesars
  • Homevideo Rocchiola • 9/03/20 10:29
    Call center Davinotti - 1152 interventi
    Il film ritenuto piuttosto lungo uscì nelle sale cinematografiche italiane alleggerito di alcune scene recitate in lingua originale per una durata di circa 131 minuti. Nel 2012 il canale televisivo Rai Movie ha trasmesso la versione integrale con le scene inedite in Italia che sono state sottotitolate. La versione integrale è stata distribuita anche in DVD dalla A&R e dalla Sinister. Entrambi i DVD hanno una durata di 142 minuti.

    Negli Usa e in Uk ci sono due ottime versioni in bluray a cura rispettivamente della Criterion e della BFI per una durata di circa 152 minuti. Per quanto sia noto che i DVD durano meno dei BD, si desume comunque che la versione in DVD italiana abbia qualche minuto in meno di quella in BD estera. Il perché manchi ancora qualcosina nella versione integrale italica resta un mistero. In ogni caso il DVD della Sinister è sconsigliato in quanto pur indicando in copertina il formato 1.33, una volta inserito nel lettore il film si presenta nel più tradizionale formato 1.78, con evidente taglio dell’immagine ai margini superiore ed inferiore. Anche la qualità video ne risente in quanto le immagini appaiono come zoomate perdendo in definizione e nitidezza. Pure agendo sul telecomando impostando forzatamente il video nel formato 4:3, che dovrebbe permettere la visione in 1.33, non si ottiene alcun miglioramento anzi l’immagine viene deformata risultando allungata in altezza ma senza poter recuperare le informazioni mancanti sui lati superiore ed inferiore dello schermo. Non ho personalmente visionato il DVD A&R ma temo possa presentare lo stesso problema. Di conseguenza ho preferito dotarmi del bluray inglese marchiato BFI pubblicato in versione combo con il DVD dotato di un bel booklet fotografico. La qualità video è spettacolare a partire dalla proposizione del corretto formato video 1.37 anamorfico. Le immagini restaurate in 4K appaiono luminose e brillanti ripulite da qualsiasi forma di sporcizia residua pur mantenendo una lieve e del tutto naturale patina granulosa che non disturba in alcun modo la visione. Ovviamente sul versante audio c’è solo l’audio francese con eventuale opzione dei sottotitoli in inglese. Verificata personalmente la grande differenza d’immagine ho preferito tenermi il BD pur non avendo grande padronanza della lingua francese.
    Ultima modifica: 9/03/20 14:14 da Zender
  • Homevideo Rebis • 9/03/20 16:22
    Gestione sicurezza - 4287 interventi
    Rocchiola ebbe a dire:
    Nel 2012 il canale televisivo Rai Movie ha trasmesso la versione integrale con le scene inedite in Italia che sono state sottotitolate. La versione integrale è stata distribuita anche in DVD dalla A&R e dalla Sinister. Entrambi i DVD hanno una durata di 142 minuti.


    Scusa Rocchiola, ma Sinister e A&R non hanno pubblicato la versione integrale mandata in onda da Rai Movie. Il dvd Sinister presenta anche un documentario sul regista "Clouzot - Un despota illuminato". Inoltre non ho riscontrato problemi con il formato, mi sembra regolare e la definizione è buona. Forse hanno sistemato tutto con la ristampa, ricordo che era andato fuori catalogo e poi è stato ristampato.
    Ultima modifica: 9/03/20 19:26 da Rebis