Schegge di follia

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Heathers
Anno: 1989
Genere: drammatico (colore)
Note: Aka "Lethal attraction".
Numero commenti presenti: 21
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Un'idea suggestiva, sviluppata anche in modo intelligente: uno studente mezzo pazzo (Christian Slater, assolutamente perfetto per il ruolo) plagia una giovane studentessa poco inserita (Winona Ryder) uccidendo col suo aiuto la più in vista delle Tre “Heather” della scuola e facendo passare l'atto per un malinconico suicidio. Un evento destinato a scuotere l'istituto portando all'emulazione i più infelici (se si è suicidata lei perché non dovrei farlo io?) e realizzando così il folle piano di J.D./Slater. Veronica/Ryder però a questo punto non ci sta più. Il regista Michael Nyman parte bene, sfrutta i punti di forza di una sceneggiatura originale; poi però tende a perdersi per strada con una direzione modesta poco a conoscenza dei...Leggi tutto ritmi, incapace di coinvolgere come vorrebbe (e dovrebbe) lo spettatore. E’ proprio un difetto di regia, perché il cast è invece centrato (c'è anche una Shannen Doherty pre-BEVERLY HILLS 90210) e i dialoghi non sono affatto male. La critica dichiarata alla superficialità della gioventù americana degli 80 (abbigliamento, musica, fotografia, tutto è inscindibilmente legato al decennio più “easy” della storia recente) colpisce un nervo scoperto divertendosi a enfatizzare sadicamente i difetti della società del tempo. Eppure, nonostante gli indubbi meriti di un film più profondo di quanto appaia, non ci si diverte come si dovrebbe (e come si sarebbe potuto). E’ sufficiente la mezz'ora finale per comprendere quanto ci si dilunghi inutilmente perdendo di vista l'efficacia registica. L'apprezzamento è d'obbligo, ma poi si rischia di storcere la bocca.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Lovejoy 21/05/08 13:59 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Inizia come la solita commedia adolescenziale per poi tramutarsi, quando compare in scena il personaggio di Christian Slater, in un imprevedibile dramma dalle conseguenze disastrose. Ben scritto e diretto con mano ferma dall'ottimo Lehman, poi persosi per strada, il film si pregia sopratutto di due ottimi e misurati interpreti quali uno Slater in splendida forma e una Ryder che gli dà man forte. Un paio, anche tre le scene memorabili, compreso il finale. Un film sicuramente da riscoprire.

Herrkinski 7/10/08 16:36 - 5148 commenti

I gusti di Herrkinski

Un film che avrebbe potuto essere davvero valido, ma che invece si gioca le sue carte male e finisce per perdere in ritmo e capacità di intrattenimento. Ed è un peccato, perché la feroce critica sociale ai giovani americani degli anni '80 e lo humour nero erano centrati in pieno, ma purtroppo dopo la prima mezz'ora il film comincia progressivamente ad afflosciarsi a causa di inutili lungaggini. Non basta la vitalità di Slater e della Ryder a risollevare il film dalla caduta libera e quindi questo "Heathers" rimane solo un discreto thriller.

Cangaceiro 9/01/09 16:15 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

È sconcertante come un oggetto così particolare sia sparito da anni dai palinsesti tv. Niente a che vedere con i college-movie da sempre sinonimo di fancazzismo. Qui troviamo una lucida follia (ben azzeccato il titolo italiano) che squarcia il mondo di plastica dei vacui teen-agers americani per mezzo di una scìa di violenza attuata dal neo-arrivato psicopatico Slater (bravissimo, la faccia del pazzo ce l'ha) non prima di aver lavato il cervello alla "fragile" Ryder. Consigliatissimo.

Galbo 11/01/09 07:39 - 11390 commenti

I gusti di Galbo

Film molto particolare e difficilmente catalogabile (un inizio da commedia e uno svolgimento a metà tra il dramma e il grottesco) e che non mantiene purtroppo tutto quello che promette, quello di essere cioè una spietata satira del mondo giovanile americano degli anni '80. Dopo un inizio davvero incisivo infatti, il film di Lahmann si perde in toni maggiormente convenzionali e il regista si fa prendere la mano dell'effetto facile.

Deepred89 27/03/09 23:42 - 3283 commenti

I gusti di Deepred89

Un thiller pieno di spunti interessanti ma piuttosto faticoso ed indigesto. Siamo perennemente in bilico tra il thriller adolescenziale e la commedia nera e la regia dimostra qualche indecisione sul registro da adottare. Il livello comunque è sicuramente più che discreto, grazie ad una confezione di tutto rispetto, con un utilizzo sapiente della macchina da presa, una fotografia ben curata e un cast molto in parte, tra cui uno spiritatissimo Chistian Slater. Ottima la scena finale (che riprende Massacro al Central College). Niente male.

Patrick78 3/06/09 13:04 - 357 commenti

I gusti di Patrick78

Film esaltato dalla critica, diretto dall'allora esordiente Michael Lehmann che mai più riuscì ad esprimersi su livelli perlomeno dignitosi, visto ai giorni nostri risulta una black-comedy con qualche buono spunto ma senza nulla di più. Brave le giovani e future star (Slater e Ryder su tutti), interessante l'incipit ma pesante tutto il resto, che si trascina tra momenti di stanca e dialoghi soporiferi (si salvano giusto i duetti tra Slater e suo padre). Troppo poco per gridare al miracolo, già tanto per uscire dall'anonimato di un semplice teen-movie.

Homesick 8/07/09 09:55 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Il lato oscuro dei teen movies degli anni Ottanta ormai al tramonto, che con tocco cinico e grottesco svela le pulsioni (auto)distruttive sottostanti un microcosmo di venialità, perbenismo, conformismo, sciacallaggio mediatico, passività famigliare. Bravissimi la Ryder, che pencola tra innocenza e ribellione, e Slater, psicotico sornione, diabolico e superomista; ma anche gli attori di seconda fila e le comparse sono tutte azzeccate. Un encomiabile esordio.

Darkknight 4/05/10 20:59 - 352 commenti

I gusti di Darkknight

Il capostipite (mai eguagliato) d’un nuovo filone: la commedia noir a sfondo liceale, con annessa critica alla superficialità dei giovani e alla loro ossessione per la popolarità (cloni evidenti, Amiche Cattive e Mean Girls, ma anche Election e Jennifer’s Body rientrano un po’nel genere). Gli attori sono perfetti e lo sceneggiatore Daniel Waters (Batman Returns) graffia più a fondo di quanto ci si aspetta, senza esagerazioni pulp o surreali, ma anche senza moralismi alla American Beauty. Regia senza sorprese ma efficace dell’esordiente Lehmann.
MEMORABILE: Due bulli uccisi con accanto una bottiglietta d’acqua minerale, anziché birra, per far credere che fossero gay.

Rebis 28/10/11 16:31 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Commedia caustica, dall'intelligenza luciferina, a tratti geniale, curatissima nella scrittura e votata stilisticamente a Lynch e Waters, fu penalizzata dai distributori italiani che la sdoganarono (a partire dal titolo) come thriller adolescenziale: è invece un'opera capace di catalizzare umori e reflussi di un trapasso culturale (gli '80 nei '90) facendosi lente focale di una generazione e spioncino sul disadattamento futuro. Irresistibili Ryder e Slater, impegnati in un sadico balletto in cui l'uno interpretando e attuando le pulsioni inconsce dell'altra dà corpo alla sua stessa nemesi.

Capannelle 15/05/10 17:02 - 3723 commenti

I gusti di Capannelle

Buona l'idea di parodiare senza troppe remore i miti (pupi e club studenteschi) e le istituzioni (famiglie e poliziotti compresi) legate al college americano. Non è di ugual spessore la messa in scena che ha il merito di non prendersi sul serio ma è abbastanza elementare quanto a situazioni e dialoghi e che, procedendo, diventa un po' stucchevole. Ok gli attori, noti e meno noti.

Hackett 24/05/10 07:39 - 1725 commenti

I gusti di Hackett

Con "Schegge di follia" prende vita autonoma una sottotrama classica di tanti slasher e horror: l'annientamento della gioventù americana cresciuta da genitori inconsistenti e vacua di ideali. La pellicola è una commedia nera promettente e graffiante, che spiazza lo spettatore per almeno un'ora. Poi il finale tende ad essere più rassicurante e non ha la forza dissacrante e la cattiveria che ci si poteva aspettare. Comunque un film memorabile, almeno per certi aspetti.

Vawe 19/06/10 18:12 - 61 commenti

I gusti di Vawe

Schegge di Follia è una commedia nera con un sottotesto che ha dato spunto ad altri film pseudo adolescenziali. La pellicola, interpretata dall'ottima accoppiata Ryder-Slater, fa riflettere sulla differenza abissale tra alcune categorie di persone e sulla generazione a confronto, quella dei liceali e quella degli adulti. Ci sono i "cattivi" (belli, narcisisti, popolari) e i "buoni" (brutti, sfigati, emarginati); ma ci sono anche i ribelli, coloro che stanno nel mezzo e che vogliono cambiare le cose. Non è possibile raggiungere un equilibrio?

Belfagor 31/01/11 12:06 - 2623 commenti

I gusti di Belfagor

Uno sguardo obliquo sui teen movies, rinfrescato da una notevole dose di ironia nera, in cui la final girl e l'assassino vanno a braccetto per la maggior parte del tempo. Al contrario di molti altri slasher, gli omicidi sono un riferimento per mostrare la vacuità, il conformismo e l'elitismo tipici degli anni '80 e riflessi in una generazione di irritanti teenagers. Qualche incertezza su che registro adottare in certi momenti, ma nel complesso una buona decostruzione. Slater ha proprio la faccia da psicopatico.

Luchi78 5/01/12 15:26 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Un'interessante commedia dai risvolti psicotici, protagonista la gioventù americana di fine anni '80. Peccato per il finale piuttosto deludente, ma il film nel complesso cattura l'attenzione, viaggiando su onde piuttosto deliranti ben cavalcate dal duo protagonista. La rappresentazione dei rapporti familiari, come quelli tra coetanei, assume spesso aspetti grotteschi tracciando un ritratto dissacrante della società americana di quegli anni. Per questo mi ricorda American Psycho...

Bizzu 18/02/15 11:30 - 210 commenti

I gusti di Bizzu

Teen-comedy che ha il suo punto di forza nel buon uso del registro grottesco. Il film parte molto bene e inizialmente ha il pregio di non afflosciarsi su plot convenzionali, però col passare del tempo perde decisamente di mordentte, soprattuto a causa del pessimo Slater, incredibile bamboccio come mai avevo visto prima. Rimane comunque godibile grazie all'humour nero e a un buon assortimento di personaggi tipici degli anni '80.

Daniela 11/04/15 11:08 - 9411 commenti

I gusti di Daniela

College americano anni '80, con menate annesse. Nel ristretto club delle ragazze più popolari c'è anche Veronica, che però prova disgusto per la loro spocchia proterva. Un un nuovo compagno di scuola saprà mettere in atto i suoi desideri più riposti... Curiosa commedia satirica, con una ottima partenza (il trio delle tre Heather del titolo) ed alcune riuscite sequenze d'humor nero (i funerali dei presunti suicidi). Tuttavia una mano più leggera in certi passaggi avrebbe giovato, evitando le cadute in forzature grottesche. Finale così così. Giovani protagonisti in parte.

Schramm 5/05/15 13:16 - 2414 commenti

I gusti di Schramm

L’omicidio forma distorta di impegno umano o come una delle belle arti: Slater todesengel suicida la società della perfezione, la monda di quella falsa eccellenza classista che invero la corrompe, così facendo permette agli snodi narrativi di aprire brecce sociologiche sul disagio giovanile di allora, che è poi quello degli over 40 di oggi. Ma quello che ieri era eccentrico, subdolo, anarcoide e ambiguo sottotesto oggi soggiace a quel decorativismo spicciolo che appagherebbe le armate crepetiane, e che sfarina non poco di quello smalto che 20 anni fa abbacinava.

Paulaster 18/12/15 10:34 - 2789 commenti

I gusti di Paulaster

Nel solito ambiente scolastico americano di difficile convivenza per gli studenti vengono instillati frammenti noir che sorprendono per la loro efferatezza. Prima parte più leggera che anticipa le singole rese dei conti e grazie a Slater si discende in vendette da psicotico killer. Finale smorzato dove si ci poteva aspettare anche la violenza di massa, ma la piega col messaggio positivo può accontentare.

Anthonyvm 18/05/18 23:12 - 1950 commenti

I gusti di Anthonyvm

Buona black comedy che riesce a far ridere e a far riflettere avanzando un parallelismo audace fra la società dell'apparire degli anni '80 e il mondo scolastico, che ricorda qualcosa di analogo visto in Massacro al Central College. Le ipocrisie, le incomprensioni fra giovani e adulti, la scuola che col suo finto orientamento democratico maschera un classismo feroce, tutto virato verso il grottesco e con pizzichi di surrealismo. Il finale è un po' troppo didascalico, ma il resto funziona. Gran bel cast con uno Slater diabolico e una brava Ryder.
MEMORABILE: Il sogno della Ryder; I due ragazzi uccisi fatti passare per omosessuali; Il confronto finale.

Pumpkh75 4/09/19 14:06 - 1316 commenti

I gusti di Pumpkh75

Il tempo l’ha consunto. La potenza bombarola ed eversiva è ormai sabbia al vento (forse perché la realtà generazionale odierna lo fa sembrare un balocco per pupi?), l’indecisione tra i generi da adolescenti gasava a mille mentre ora sembra quasi un solletico. Eppure rimane storicamente importante: sembra un ponte verso i 90’s che crolla al passaggio, lasciando cadere nel precipizio una spensieratezza 80’s che non tornerà più. Se la Ryder sembra acerba e troppo raffinata e si preferisce la versione mature è colpa di Stranger things. Impolverato.

Daidae 26/06/20 20:47 - 2738 commenti

I gusti di Daidae

Film decisamente sopravvalutato pesantemente debitore (in certi casi quasi copiato) dello stupendo Massacro al Central College. La prova del cast convince del tutto: passabile la Ryder, odioso Slater, decisamente fuori forma la Doherty che per l'occasione sfoggia una discutibile capigliatura. Più che un thriller è pittosto una commedia nera. Decisamente mediocre.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Vawe • 2/05/10 22:27
    Galoppino - 94 interventi
    Gente, si vocifera che potrebbe esserci un sequel.
    La stessa Winona Ryder si è detta favorevole alla nuova opera, non rinnegando il primo film e, anzi, candidandosi per una nuova parte in questo progetto.
    ....magari!
  • Discussione Hackett • 3/05/10 07:14
    Segretario - 531 interventi
    Dipende... sono un pò dubbioso sui remake e sui sequel fuori tempo massimo...
  • Discussione Schramm • 3/05/10 18:20
    Risorse umane - 6710 interventi
    ma poi senza il carisma del luciferino slater e con la ryder che fa la liceale dopo 20 anni? ma per favore.
  • Discussione Vawe • 3/05/10 22:36
    Galoppino - 94 interventi
    Schramm ebbe a dire:
    ma poi senza il carisma del luciferino slater e con la ryder che fa la liceale dopo 20 anni? ma per favore.

    Probabilmente interpreterebbe la madre di una liceale :-P

    Film con un sottotesto del genere se ne fanno ben pochi, rinsaldare la questione, a me, non dispiacerebbe.
  • Discussione Zender • 4/05/10 08:02
    Consigliere - 43517 interventi
    vero, anche se probabilmente sarebbe tutto un altro film. Bisognerebbe vedere come recuperano l'idea...
  • Discussione Johnnyb • 14/10/16 20:56
    Galoppino - 23 interventi
    la prima tv fu Italia 1 in una versione pesantemente tagliata. Nonostante ciò un paio di giorni dopo un ragazzo si impiccò per sbaglio cercando di emulare la scena in cui Winona Ryder finge di impiccarsi da sola per sfuggire a Slater e veniva scoperta dalla madre.
  • Discussione Zender • 15/10/16 08:13
    Consigliere - 43517 interventi
    Ricordo bene l'episodio e quanto se ne parlò al tempo!
  • Musiche Schramm • 18/09/17 12:49
    Risorse umane - 6710 interventi
    * La canzone "Teenage Suicide (Don't Do It)" dei Big Fun è la parodia di "Don't Try Suicide" dei Queen.

    * La band Australiana electro-rock/pop-punk The Veronicas ha preso il nome da Veronica Sawyer, specificamente quando J.D. le chiede "Sei una Heather?", e lei risponde "No, sono (una) Veronica".

    * La scuola del film si chiama "Westerburg High" (è in realtà la scuola media John Adams). La band allora preferita di Winona Ryder era The Replacements (Le Sostituzioni, altro cablaggio involontario col film, n.d.S.), il cui front-man si chiamava Paul Westerberg. Un altro riferimento alla band scatta quando J.D. dice "Color me impressed", che è il titolo di una canzone contenuta nel loro album "Hootenanny".

    * La band ska/punk 'Edna's Goldfish' intititolò "Veronica Sawyer" una propria canzone in omaggio alla protagonista del film. I Reel Big Fish la coverizzarono nell’album del 2009 "Fame, Fortune and Fornication."

    * L’incipit di Veronica "Dear diary, my teen angst bullshit has a body count" è stato usato da Sonny Moore a.k.a Skrillex nella sua vecchia banda 'From First to Last', nella canzone 'Ride the wings of Pestilence'.

    * Mentre sequel e serie-tv del film naufragarono, un riadattamento teatrale in chiave musical aprì all’off-Brodway nel 2016, nel teatro New World Stages. La compagnia produttiva del film, per una fortuita coincidenza, si chiamava proprio New World. In Heathers The Musical uno dei grandi cambiamenti apportati alla storia fu che Martha diventa la migliore amica di Veronica al posto di Betty Finn; inoltre, Heather, Kurt, e Ram appaiono nelle sequenze oniriche dopo essere morti.

    (Fonte: Imdb)
    Ultima modifica: 18/09/17 12:53 da Schramm
  • Homevideo Schramm • 18/09/17 12:52
    Risorse umane - 6710 interventi
    * Nella prima versione della sceneggiatura Veronica aveva un gatto soriano chiamato J.F.K. sul quale testava le pallottole "ich lüge"; J.D. la fermava dicendole che non avrebbero funzionato su corpi piccoli. Nel finale uccideva J.D. sparandogli per poi saltare per aria mentre gli strappa via una bomba molto più grossa e articolata di quella poi apparsa nel film; in un altro ipotetico finale Veronica si uccideva sussurrando pacatamente “bang!” prima dell’esplosione, facendosi saltare per aria assieme a tutta la scuola, vidimando l’ottica complessiva di J. D. Dopo una dissolvenza in nero era prevista una festa finale in paradiso dove Martha cantava per una folla danzante di differenti caste sociali. Lo studio ritenne questi scenari troppo cupi per il target adolescenziale e optò per un finale più “luminoso”.

    * In un finale alternativo Martha Dumptruck accoltellava Veronica. Martha le urlava "Fottiti, Heather!" Veronica, inerte sul pavimento son un coltello nel ventre, le ripeteva "Il mio nome non è Heather! Non mi chiamo Heather!"

    (Fonte: Imdb)
  • Curiosità Schramm • 18/09/17 13:19
    Risorse umane - 6710 interventi
    Attenzione:
    le curiosità contengono numerosi e sostanziosi spoiler sia su questo film che su Massacro al Central College/Sexy Jeans.

    J.OIN D.EATH

    * Daniel Waters concepì lo script per farlo dirigere a Stanley Kubrick

    * Il ruolo di Heather McNamara fu inizialmente offerto alla diciassettenne Heather Graham, i cui genitori le impedirono di accettarlo per via della negatività dell’assunto del film.

    * Il ruolo di Veronica era designato per Jennifer Connelly, che lo rifiutò.

    * Drew Barrymore fu tra le provinande per il film.

    * Renee Esteves, che interpreta Betty Finn, è la sorella di Emilio Esteves e Charlie Sheen, e figlia di Martin Sheen.

    * L’agente di Winona Ryder la supplicò di non fare questo film, dicendole che avrebbe porto termine alla sua carriera.

    * Jim Carrey, Judd Nelson e Justine Bateman vennero considerati per il ruolo di J.D.

    * Christian Slater sconfisse Brad Pitt per il ruolo d J.D. Pitt venne scartato perché ritenuto “troppo simpatico” (di lì a poco non lo sarà più di tanto, n.d.S.)
    Tempo dopo, Pitt ottenne un ruolo omonimo in Thelma & Louise, per il quale si fece avanti anche Slater.

    * Per la propria performance, Christian Slater si è ispirato a Jack Nicholson. Gli scrisse anche una lettera chiedendogli di guardare il film, senza mai ricevere risposta.

    * Lisanne Falk mentì sulla sua età per ottenere la parte. Disse di avere 18 anni ai tempi del film. Ne aveva in realtà 23.

    * Shannen Doherty ebbe problemi nel dire le oscenità previste dallo script per via della sua rigida educazione conservatrice. Non riusciva a tenere un’espressione seria. Come risultato, la vediamo sogghignare, fare smorfie o sorridere quando pronuncia le battute più sconce.

    MAGIC MOMENTS

    * Due delle attrici sono morte in modi trasversalmente profetizzati dal film. Jeremy Applegate, il cui personaggio dice che non si suiciderà mai, si è sparato il 23 marzo del 2000. Kim Walker, il cui personaggio chiede "Hai mangiato un tumore al cervello a colazione?", è morta di tumore cerebrale il 6 marzo 2001.

    * È ritenuto uno dei più controversi film mai fatti sulle esperienze giovanili nei college. Quando uscì, i detrattori sostennero che si faceva beffe del suicidio e delle sue problematiche. Curiosamente furono proprio gli psicologi a difenderlo. Al giorno d’oggi la controversia è maggiormente orientata verso le similitudini con quanto accaduto dalla Columbine in poi.

    * Il libro da cui ai supposti studenti suicidi vengono fatti sottolineare passaggi da loro considerati significativi avrebbe dovuto essere Il giovane Holden. I produttori non ottennero il permesso da J.D. Salinger di usare il libro. Si ripiegò su Moby Dick perché i lavori di Herman Melville sono di dominio pubblico.

    * Nella stessa settimana in cui Winona Ryder ricevette lo script, uno studente della sua scuola si suicidò, coincidenza che la convinse ulteriormente a imbarcarsi nel film.

    * Christian Slater e Winona Ryder erano realmente impegnati in una relazione durante la lavorazione e la promozione del film.

    * Alcuni personaggi esclamano sardonicamente "Oh, l’umanità!" Quest’espressione venne coniata dal radio reporter Herbert O. Morrison il May 6, 1937, durante la telecronaca in diretta dell’esplosione dell’Hindenburg in New Jersey (la frase conclusive della sua radiocronaca, “è la cosa più orribile che abbia mai visto in vita mia!” verrà invece ripresa in Blob - Fluido mortale, n.d.S.)

    * Quando Heather Chandler cade sfondando il tavolo di vetro, sopra di esso ci sono una copia dello speciale di Cliff's Notes per "la campana di vetro" (di Sylvia Plath, morta suicida), e una rivista con in copertina il titolo "La caduta dell’adolescente Americano

    * Dopo aver ucciso Kurt e Ram, J.D. dice: "Si chiude così la stagione del football". Questa sentenza fu adoperata nel 2005 da Rolling Stone come titolo di un articolo sul suicidio di Hunter S. Thompson, e sulle note da lui lasciate prima di uccidersi.

    * J.D. inganna Veronica dicendole che le pallottole "ich luge" ledono solo superficialmente. "Ich lüge” in tedesco significa “Sto mentendo”.

    * I nomi di Veronica Sawyer e Betty Finn vengono sia dal fumetto Archie, che da Tom Sawyer e Huckleberry Finn.

    RACCORDI ANULARI

    * Kim Walker e Lisanne Falk sono entrambi apparsi in Non per soldi... ma per amore.
    La pistola usata da J.D. poco oltre l’inizio del film è una 44 Magnum, il cui nome alternativo è Remington Magnum. Il party del college a cui partecipano Veronica e Heather si tiene alla Remington University.

    * I nomi degli ufficiali di polizia, Milner and McCord, fanno riferimento a Kent McCord e Martin Milner, che interpretarono ufficiali di polizia in Adam-12.

    * Winona Ryder e Glenn Shadix sono entrambi apparsi in Beetlejuice - Spiritello porcello.

    * Fu Tori Spelling, che vide Shannon Doherty in questo film, a raccomandarla al padre Aaron Spelling per il cast di Beverly Hills, 90210

    * Quando Heather Duke raccoglie firme per la petizione, uno degli studenti si firma Dennis Di Novi. È un riferimento all’omonimo produttore del film.

    * Lo slogan di J.D. "Greetings and Salutations" venne poi ripreso da Genn Shadix in Demolition Man.

    * Shannon Doherty e Patrick Labortyteaux hanno precedentemente recitato insieme ne La casa sulla prateria in ruoli non dissimili. In un paio di episodi vi appare anche Jennifer Rhodes (Mrs. Sawyer), nei panni di Mrs. Hale, un altro ruolo ricorrente, e così anche William Cort (il padre di Veronica). Shannon Doherty e Jennifer Rhodes saranno successivamente assieme nella serie-tv Streghe, dove la Rhodes, che qui interpreta la madre di Veronica, sarà la nonna di Shannon.

    * Christian Slater e John Ingall, sono entrambi apparsi in episodi di La Law

    SCHEGGE DI UN MASSACRO AL COLLEGE

    * Quanto a elementi della trama e della struttura narrativa, il film tradisce non pochi debiti con Massacro al Central College. Sono entrambi centrati su malvage congreghe snob in odor di para-bullismo. Quella di Massacro al Central College è maschile, costituita da un gruppo dominante di quattro elementi, di cui tre bulli e uno buono, chiamato "The Little League Gestapo"; le Heathers sono quattro ragazze di cui tre perfide e una dissidente. La differenza sostanziale tra i film sta nel gender. In Massacro il gruppo malmena e minaccia chiunque; in Schegge il bullismo si manifesta con scherzi particolarmente perfidi. In ambedue la pecora bianca del gruppo è ferita dal capo-gruppo: Veronica è umiliata da Heather Chandler (l’eponima leader delle Heathers), quando vomita al party all’inizio del film; David viene fisicamente ferito dal capobanda Bruce all’inizio di Massacre, che lo rende storpio a vita mentre sta riparando un auto. In entrambi I film i protagonisti si vendicano orchestrando la morte dei bulli facendola sembrare accidentale o un premeditato suicidio. In ambedue, una volta eliminati i membri delle congreghe, nuovi studenti subentrano per prenderne il posto; le passate vittime del bullismo diventano a loro volta carnefici, inducendo alla giustezza dell’omicidio di massa uno dei protagonisti. In entrambi v’è un tentato omicidio di massa tramite esplosivo piazzato nella palestra della scuola. Uno dei protagonisti si fa saltare per aria con la sua stessa bomba alla fine del film in entrambi i film.
    Un’altra differenza tra i due è che nella corsa al dominio, in Massacre il conflitto è da un punto di vista dialettico molto più chiaramente scoperto e violento, con molti degli studenti coinvolti in una guerra intestina dove tutti minacciano e uccidono tutti; in Schegge di follia è a solo titolo delle Heathers, e la loro forma di bullismo è più psicologica che fisica, più crudele che violenta. L’altra grande differenza è che l’eroe di Massacre è in Schegge sdoppiato in due diversi personaggi che finiranno col diventare conflittuali tra loro. In entrambi c’è una canzone tematicamente centrale rispetto alla trama; "Crossroads of your Life" in Massacro e "Teenage Suicide (Don't Do It) in Schegge.
    Nonostante tutto questo, lo sceneggiatore Daniel Waters ha sempre negato di aver mai visto Massacre prima di aver steso la sceneggiatura di Schegge, e si è limitato ad ammettere di averne probabilmente letto la trama in passato nel libro Cult Movies di Danny Peary e che questa “deve essersi intrufolata a mia insaputa nel mio subcoscio".

    LE VARIE, LE EVENTUALI

    * La prima scena a essere girata fu quella del croquet. La prima scena del film fu in realtà l’ultima a essere stata girata. Per allora, Lisanne Falk si era tagliata i capelli e per rispettare la continuità dovette indossare una parrucca.

    * Le camere da letto di Heather MacNamara e Veronica vennero costruite nella palestra della scuola usata dal film.

    * La cucina di Heather Duke nella scena del sogno è la stessa usata per la casa di Heather Chandler, con diversi colori e luci.

    * I close-up delle gambe di Veronica vennero ripresi ricorrendo a una controfigura.

    * La Fox Network valutò di trasformare il film in una sit-com, ma gettò a mare l’idea in favore dello sviluppo di Beverly Hills, 90210

    * J.D. è l’acronimo dell’autore preferito di Winona Ryder, J.D. Salinger.

    * Le immagini televisive della demolizione dell’hotel sono quelle dell’Hotel King Cotton di Memphis, Tennessee, filmate il 29 Aprile 1984.

    * Winona Ryder si è detta motivata a fare questo film per via della sua forte preoccupazione per il fenomeno delle congreghe femminili, del pervasivo bullismo scolastico e dell’infernale esperienza del college. È buffo, considerato che Winona Ryder ha passato la maggior parte del tempo del college sui set dei film e non in vere scuole. Ciò non di meno fu la maggiore supporter per un sequel del film. Uno dei canovacci ipotizzati per esso dai realizzatori rivelava che JD era in realtà un agente della CIA. La CIA, ritenendo Veronica responsabile della sua morte, la ricattava e la storia finiva con Veronica che assassinava il Presidente degli Stati Uniti. Daniel Waters ha in seguito dichiarato di avere pronta la sceneggiatura di "Heathers 2" in cui Veronica diventava portaborse di un senatore di nome Heather, che avrebbe dovuto essere interpretata da Meryl Streep. Nel finale lei ammazza il presidente degli U.S.A., uscendone trionfante. Malgrado l’entusiasmo della Ryder, a tutt’oggi non si hanno ancora notizie sulle concrete possibilità di realizzazione.

    (Fonte: Imdb)