Leviathan

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Leviathan
Anno: 1989
Genere: fantastico (colore)
Numero commenti presenti: 14
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 20/07/07 22:10 - 3841 commenti

I gusti di Undying

A suo tempo richiamò un discreto numero di spettatori nelle sale, e per un certo periodo questa versiona acquatica di Alien ha fatto parlare di sè. Cosmatos, d'altra parte, è regista versato alla direzione di film spettacolari (Cassandra Crossing, Rambo 2, Cobra) ed infonde un ottimo ritmo anche a questa pellicola, inpreziosita da notevoli effetti speciali. Peter Weller viene, invece, da Robocop e non necessita di presentazioni. Il grande successo di pubblico si è, però, rivelato temporaneo, relegando - ad oggi - il titolo nel dimenticatoio.

Herrkinski 8/09/09 23:16 - 5032 commenti

I gusti di Herrkinski

Un buon fanta-horror, realizzato con un certo dispendio di mezzi (ottime le sequenze subacquee, così come le tecnologiche scenografie della base sottomarina). Il cast è di buon livello, col bravo Weller, una discreta Pays e il sempre convincente Crenna ma le affinità con Alien sono molteplici. Inoltre gli ultimi 5-10 minuti, tra colpi di scena evitabili e battutine pseudo-ironiche, spezzano un po' troppo il clima serioso dell'intera pellicola. Resta comunque un film dignitoso, realizzato con professionalità.

Galbo 13/09/09 09:56 - 11343 commenti

I gusti di Galbo

Pellicola tutto sommato riuscita dall'efficace ambientazione subacquea. E' vero che molteplici e facilmente individuabili sono le similitudini con Alien, capolavoro di Ridley Scott; bisogna però ammettere che la bravura del regista nel "gestire" la storia conferendogli un ritmo decisamente adeguato, la bontà degli effetti speciali e la bravura ed adeguatezza del cast ne fanno opera decisamente riuscita e godibile.

Greymouser 27/05/11 10:02 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Rutilante per dispendio di risorse, effetti speciali, cast e chi più ne ha ne metta, "leviathan" è una montagna che partorisce un topino, dal punto di vista filmico. Cosmatos mette su con innegabile mestiere un baraccone solido, nel senso che è tenuto insieme da tutti i più triti luoghi comuni dell'industria kolossal hollywoodiana. La medicina che ne risulta non è amara, perchè la pellicola è fluida e si lascia guardare, ma non essendo altro che un fanta-horror come tanti e siccome il tempo è galantuomo, non è certo rimasto nella storia.

Rambo90 23/06/11 03:02 - 6317 commenti

I gusti di Rambo90

Divertente film fantastico girato sulla scia di Alien e sequel (e della Cosa, per come si diffone l'infezione), ma con una sua personalità. Cosmatos è sempre stato un regista abile nel dare molto ritmo alle sue storie, mentre il cast è davvero notevole: dai protagonisti Weller e Crenna in buona forma fino ai comprimari tutti abbastanza simpatici (si riconoscono Hudson, Helizondo e lo Stern di Mamma, ho perso l'aereo). Buoni gli effetti del veterano Stan Winston, adeguata la colonna sonora. Per una serata da popcorn.

Puppigallo 27/06/11 09:23 - 4497 commenti

I gusti di Puppigallo

Siamo nei vecchi tempi, quando la computer grafica ancora non impazzava. E bisogna dire che questo clone de La cosa, ambientato negli abissi (là un minestrone umano-alieno, qui umano-creatura marina) non è poi così male, almeno finchè non si vede il risultato finale che, seppur di un certo impatto, non entusiasma (per non parlare degli ultimi fotogrammi, decisamente puerili). Comunque, aleggia una certa tensione e i protagonisti, soprattutto il dottore e il capo, se la cavano, pur senza impressionare. Solo il logorroico "3 palle" alla lunga stufa. Un'occhiata la merita.
MEMORABILE: L'iperventilato, dopo la crisi nello scafandro: "Lo so cos'è l'implosione". "Sì, come no...scommetto che sei imploso nelle braghe"; La mano dentata.

Gestarsh99 4/01/12 14:38 - 1314 commenti

I gusti di Gestarsh99

A due mesi di distanza da Cunningham ci prova anche Cosmatos, specialista in action militaresca e contagi al chiuso, ad incrociare prigionia sottomarina collettiva e minaccia xenomorfa incontrastabile: nel primo i bersagli erano scienziati agli ordini dell'esercito, qui invece minatori al servizio di una multinazionale. Le palanche produttive sono molto più consistenti, il ritmo è apprezzabile, l'angoscia manipolata ma costante e la brava Amanda Pays instilla quel pizzico di sensualità ammiccante tra la mascolina ciurma. Un'onesta ibridazione talasso-virale tra Alien e La cosa.
MEMORABILE: Le occhiate sexy e sorridenti della bella Amanda Pays.

Viccrowley 3/12/13 02:49 - 803 commenti

I gusti di Viccrowley

Discreto fanta-action che sguazza nella serie B ma lo fa con orgoglio, brindando alla moda effimera degli "Alien" acquatici. L'equipaggio capitanato dal "Robocop" Peter Weller lavora per estrarre argento dal fondo del mare e si imbatte in un esperimento biologico russo che darà alla ciurma non pochi grattacapi. Le facce sono quelle giuste, la creatura, realizzata dal compianto Stan Winston, è schifosa quanto basta e gli occhioni di Amanda Pays fanno il resto. Divertente.
MEMORABILE: "Che cazzo di giornata!"

Modo 18/04/14 15:08 - 820 commenti

I gusti di Modo

Il primo riferimento che viene in mente è sicuramente Alien, ma il film segue una sua logica con varianti diverse. Il tutto si svolge in una base sottomarina adibita alla ricerca mineararia. Ricco d'azione e suspance, con ritmi a tratti serratissimi e un cast ottimo. Non sarà un film rimasto nella storia, ma non è nemmeno da buttar via, anzi... Da vedere con un bicchiere di Vodka!

Hackett 14/09/14 17:10 - 1721 commenti

I gusti di Hackett

Buon fanta-horror con molti doveri di riconoscenza verso il caro vecchio Alien ma anche La cosa. Il senso di claustrofobia e la lontananza da casa dell'equipaggio passano dallo spazio buio alle profondità marine, ma i mostri (stavolta genetici) sono sempre in agguato. Cast di tutto rispetto, azione e tensione in un giusto mix che ancora oggi rende la pellicola godibile e per nulla invecchiata. Da recuperare.

Pumpkh75 27/04/15 22:53 - 1299 commenti

I gusti di Pumpkh75

La base marina, da sola, non basta certo a garantire un’originalità di fondo (Alien e La cosa sbucano fuori da ogni anfratto), ma il film è comunque solido e convincente: ottimi gli effetti speciali, sufficienti le interpretazioni, essenziale la regia del buon Cosmatos. L’ironia un po’ spaccona del finale non chiude però il cerchio e lascia quel pizzico di insoddisfazione facilmente evitabile. Non male.

Vito 3/01/17 10:07 - 638 commenti

I gusti di Vito

Gli operai di una base sottomarina vengono infettati da un gene mutante che provoca una mostruosa trasformazione. Bel film di Cosmatos che frulla Abyss, La cosa e Alien senza avere le pretese "alte" dei tre classici, ma concentrandosi esclusivamente sull'intrattenimento e il divertimento fantaorrorifico. Buono il cast.

Jena 2/03/17 17:38 - 1168 commenti

I gusti di Jena

Gli autori del film hanno avuto una bella pensata: prendiamo i due maggiori successi fantahorror del decennio (La cosa e Aliens), facciamo un bel misto mare e i soldoni sono assicurati. Questo film infatti è un incrocio a casaccio di pezzi dei capolavori citati, col mare al posto dello spazio. Però, al netto della regia senza guizzi di Cosmatos, questa specie di doppio sequel versione trash qua e là diverte anche. Bel cast di facce note in cui spicca la Pays, che non avrà il carisma della Weaver ma due begli occhioni blu sì!
MEMORABILE: Il ritrovamneto del relitto (Alien); L'infezione che assimila i corpi (La cosa); Il vermone in caccia (Alien); La base che si autodistrugge (Aliens).

Anthonyvm 15/07/20 16:43 - 1786 commenti

I gusti di Anthonyvm

Nel boom della sci-fi underwater sul finire degli anni '80, si fa notare questo costoso e divertente B-movie, che fa sprofondare Alien negli abissi marini e lo abbina a metamorfosi cronenberghiane e mutazioni bottiniane. Un cast riuscito e uno sforzo produttivo notevole sul versante degli effetti speciali, che rimpinzano il film di creature tentacolate à la Deep rising e corpi fusi assieme nella miglior tradizione body-horror, assicurano il necessario intrattenimento. Ottimo il climax finale e apprezzabilissime le musiche di Goldsmith. Tra i più godibili fanta-thriller dell'epoca.
MEMORABILE: I volti umani ammassati nella creatura amorfa; La bocca dentata nella mano; Il mostro simil-lampreda; La creatura pesciforme; Il pugno a Meg Foster.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Maxspur • 24/12/11 09:44
    Galoppino - 205 interventi
    Il debutto internazionale di Luigi e Aurelio De Laurentiis è costato circa 27 milioni di dollari, la lavorazione è durata 14 settimane ed ha impegnato 5 teatri di Cinecittà e alcuni esterni a Malta; post-produzione a Los Angeles. Uscita prevista negli Stati Uniti: inizio 1989.

    La troupe conta (all'epoca) 5 premi Oscar: Stan Winston (Aliens) per gli effetti speciali; Barry Nolan (King Kong) per gli effetti visivi; Nick Allder (Alien) supervisore agli effetti speciali meccanici; il truccatore Zoltan Elek (Mask) e l'arredatore Bruno Cesari (L'ultimo imperatore).

    Direttore della fotografia è l'inglese Alex Thomson (Excalibur, Legend, Labirinth). La sceneggiatura è stata scritta da David Webb Peoples(Blade Runner) e Jeb Stuart.

    Il significativo motto della sceneggiatura è "Natura non confundenda est".

    Fonte: Ciak (Agosto 1988).
  • Discussione Jurgen77 • 29/11/12 08:26
    Fotocopista - 64 interventi
    La scena finale di salvataggio del naufrago è ad opera di un elicottero HH-3F "Pelican" della marina italiana. Alla fine dei titoli di coda, infatti si ringrazia la marina per il suo contributo!
  • Discussione Claudius • 28/07/14 15:08
    Servizio caffè - 192 interventi
    Prima visione TV canale 5 20.30 (20/07/1992)
    Ultima modifica: 28/07/14 16:05 da Zender
  • Curiosità Zender • 26/02/15 17:06
    Consigliere - 43514 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film:

  • Discussione Vito • 8/04/15 05:20
    Fotocopista - 91 interventi
    Un po' Alien,un po' La Cosa,un po' Abyss.
    A me è sempre piaciuto sto film!
  • Discussione Herrkinski • 8/04/15 16:17
    Scrivano - 2291 interventi
    Sì non era niente male. In generale mi mancano un po' questi horror sottomarini, anche perchè negli ultimi anni a riguardo c'è da accontentarsi di orripilanti straight-to-video infarciti di CGI a buon mercato...
  • Discussione Didda23 • 8/04/15 16:31
    Comunicazione esterna - 5712 interventi
    Herrkinski ebbe a dire:
    Sì non era niente male. In generale mi mancano un po' questi horror sottomarini, anche perchè negli ultimi anni a riguardo c'è da accontentarsi di orripilanti straight-to-video infarciti di CGI a buon mercato...

    Verissimo!
  • Discussione Buiomega71 • 8/04/15 17:32
    Pianificazione e progetti - 21756 interventi
    Nel 1989 uscì la tripletta The Abyss, Creatura degli Abissi e, appunto, Leviathan, a distanza di breve tempo

    Il mio preferito, guarda caso, e proprio Leviathan. Fu una vera sorpresa, e Cosmatos (che già amavo per Cassandra Crossing e Cobra), diede scacco al tonitruante Cameron e mise sotto le suole il buon Sean Mr. Venerdì 13.

    E poi vuoi mettere i gustosi SFX di Bruce Barlow?
    Ultima modifica: 8/04/15 17:34 da Buiomega71
  • Discussione Vito • 8/04/15 17:51
    Fotocopista - 91 interventi
    Didda23 ebbe a dire:
    Herrkinski ebbe a dire:
    Sì non era niente male. In generale mi mancano un po' questi horror sottomarini, anche perchè negli ultimi anni a riguardo c'è da accontentarsi di orripilanti straight-to-video infarciti di CGI a buon mercato...

    Verissimo!

    Vero!
  • Curiosità Buiomega71 • 5/09/16 19:16
    Pianificazione e progetti - 21756 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv ("I Filmissimi", lunedì 20 luglio 1992) di Leviathan: