La morte dietro il cancello

Media utenti
MMJ Davinotti jr

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
PAPIRO DAVINOTTICO INSERITO IL GIORNO 27/04/08
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Ciavazzaro 27/06/08 13:34 - 4768 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Ottimo horror a episodi della Amicus, diretto dal veterano Roy Ward Baker. Un giovane medico, per farsi assumere in un ospedale psichiatrico, deve indovinare chi tra quattro pazienti sia il dottor Star recentemente impazzito. Si comincia con una ragazza che fa far fuori la moglie del suo amante pagandone però le conseguenze (molto macabro soprattutto nel finale), poi vediamo un sarto che fa uno strano vestito per l'ottimo Cushing, sdoppiamento di personalità e pupazzi assassini. Gran cast e gran finale.
MEMORABILE: Il finale molto teso con una tripla sorpresa!

Undying 8/01/09 03:34 - 3834 commenti

I gusti di Undying

Interessante produzione Amicus che per l'occasione (ma avrà ulteriore seguito) ingaggia in regia il talentuoso Roy Ward Baker. Sceneggiato dalla magica penna di Robert Bloch, La Morte dietro il Cancello sfrutta un ottimo comparto d'attori, riuniti per l'occasione in un film ad episodi (quattro gioiellini) legati da un insolito trait d'union: un neolaureato in psichiatria dovrà riconoscere tra i pazienti di un manicomio il dottor Starr, noto medico recentemente impazzito. Frozen Fear è un remake (a parodia) di un racconto già affrontato da Francis come primo episodio de I Racconti dalla Tomba.

Pumpkh75 16/08/11 22:47 - 1381 commenti

I gusti di Pumpkh75

Bello, molto bello. Difficile trovare un film a episodi dove il livello delle singole storie è così uniformemente alto, con la vetta del primo racconto, davvero strepitoso. Forse il segmento con Charlotte Rampling è un po' prevedibile, ma solo se visto ora e dopo molti anni di film con un twist simile. Uno dei migliori film horror a episodi di sempre.

Von Leppe 26/01/12 15:12 - 1083 commenti

I gusti di Von Leppe

Buona l'idea di ambientare il classico plot Amicus ad episodi in un ospedale psichiatrico. L'atmosfera è oscura, come le location inglesi, molto tipiche. La cosa più interessante e allucinante sono i racconti, i deliri narrati dai malati di mente dell'ospedale, che aumentano ancora di più l'atmosfera di disagio. Ottime le due storie delle donne, mentre il racconto del sarto ha un sapore mortifero e magico. Non ho gradito più di tanto l'episodio del paziente con i robottini (comunque bello e assurdo). Cast di grandi attori.

Lucius 26/02/12 12:44 - 2888 commenti

I gusti di Lucius

Le premesse erano ottime, se non si fosse esagerato con alcune sequenze a dir poco fuori luogo come quella relativa al corpo sezionato (ma che non sanguina) che torna alla vita, come la mano in La casa 2. È comunque recitato bene e soprattutto basato su di una sceneggiatura avvincente, che porta la firma del mitico Robert Bloch. Il cast è infatti professionale e la soundtrack inquietante; inoltre la magione, dal fascino storico, risulta perfetta nella sua presenza architettonica.

Deepred89 3/10/12 01:52 - 3371 commenti

I gusti di Deepred89

Una cornice tanto intelligente quanto promettente (dietro quale pazzo si nasconde il dottore recentemente impazzito?) introduce tre episodi (più un quarto più breve e nel complesso non disprezzabile che amplia la cornice) decisamente meno esaltanti: risibile il primo, intrigante ma dal finale deludente il secondo, straniante ma prevedibile il terzo. A garantire la sufficienza abbondante la confezione di alto livello (fotografia di grande suggestione, buon gusto nelle inquadrature) e il notevole cast. Nulla di eccezionale comunque.

Homesick 3/12/12 08:10 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Discreto portmanteau targato Amicus. Il meglio (***) arriva nel quarto e nel secondo episodio, con il robottino ad energia psichica di Lom e l’abito taumaturgico che l’occultista Cushing si fa confezionare dal povero sarto Morse. A netta distanza (**) seguono il primo e il terzo: l’uno, piuttosto floscio, rimonta in un macabro finale con arti semoventi pre-Raimi; l’altro, è una derivativa vicenda di schizofrenia divisa tra la vittima Rampling e la tentatrice Ekland. Psichiatrico.
MEMORABILE: I pezzi del cadavere ricomposti nel freezer; il manichino “Otto”; il robot aziona il portavivande.

Rambo90 10/06/14 02:45 - 6679 commenti

I gusti di Rambo90

Non ho gradito particolarmente questo horror a episodi; anzi, ho trovato che tutti i segmenti prevedibili nello svolgimento quando non addirittura noiosi. Leggermente migliore il secondo, con un ottimo e ambiguo Peter Cushing. Buono il resto del cast, in particolare Lom e la Rampling, ma anche il colpo di scena finale è abbastanza telefonato. Mediocre.

Pinhead80 23/07/14 13:42 - 4064 commenti

I gusti di Pinhead80

Horror a episodi diretto da Baker e prodotto dalla Amicus. Scoprire quale sia il dottore impazzito è il vero motivo di interesse dell'intero film, in quanto gli episodi non regalano grandi emozioni. Qualche idea interessante sparsa qua e là c'è, ma il film non raggiunge mai i livelli da me sperati. Appena sufficiente.

John trent 13/03/15 12:57 - 326 commenti

I gusti di John trent

Horror a episodi come da consolidata tradizione Amicus. Gli episodi sono legati da un filo comune (la follia) e incastonati in un’unica cornice narrativa all'interno di una clinica psichiatrica dove un dottore neolaureato, per essere assunto, deve scovare tra i pazienti un altro dottore, recentemente impazzito anch'egli, che era l'ex direttore dell'istituto. Per far ciò dovrà ascoltare le storie dei degenti. I vari segmenti si mantengono su buoni livelli, soprattutto quello con Cushing e quello con Powell e Lom. Uno degli Amicus migliori.
MEMORABILE: La sfida di Magee a Powell; Il manichino nella bottega del sarto; I modellini costruiti da Herbert Lom.

Patrick Magee HA RECITATO ANCHE IN...

Schramm 9/02/16 17:30 - 2532 commenti

I gusti di Schramm

Diciamolo pure: anche in tempi meno sospetti di questi centrare un horror antologico equivaleva a fare terno o quaterna secchi. La controprova? Questa stanca quadripartizione combinante il sovrannaturale con la neuropsichiatria, traslata su pellicola dal Bloch-notes. La sufficienza è scarsamente accarezzata da ogni aspetto dell’apparato orrorifico: scarsa la tensione, statico il ritmo, scontato il dipanarsi, fatua l’atmosfera, inane la regia, pigro il cast (ma è bello ritrovare un McGee parpaplegico). Si sottrae al segno meno il secondo episodio e resta il generale ma vago fascino vintage.

Minitina80 29/10/16 18:58 - 2508 commenti

I gusti di Minitina80

Un semplice espediente raccorda quattro differenti episodi ambientati in un manicomio sperso nella fredda e umida Inghilterra. Ognuno di essi spinge sul grottesco e sul macabro, come da buona tradizione horror, ma senza concedere una goccia di sangue. Più che dignitoso il parterre di attori in cui spicca a sorpresa, nei panni di un povero sarto vessato, Barry Morse, capace di gettare ombra sul più blasonato Cushing. Malgrado tutto non sfigurerebbe al fianco di tanti Hammer più rinomati. Gradevole il colpo di scena a chiudere.

Il Dandi 26/04/17 14:07 - 1910 commenti

I gusti di Il Dandi

Ennesimo horror a episodi (genere assai in voga in quegli anni e vera e propria specialità della Amicus) in cui, per una volta, vale più la cornice (davvero ben costruita, con uno psichiatra che deve scoprire chi trai pazienti di un manicomio è il suo predecessore) degli episodi in sé: bene Lom e Morse, sprecati Cushing e la Rampling, colpo di scena finale un po' disonesto ma inevitabile.
MEMORABILE: I robottini di Lom, che ricordano un episodio analogo di Ai confini della realtà.

Giùan 1/09/17 09:25 - 3245 commenti

I gusti di Giùan

Discreta "valigetta" contenente quattro preziosi del sempre affidabile Maestro Ward Baker. La cornice di Bloch è di quelle che più succulentemente lapalissiane non si potrebbe pensare, mentre le singole "stanze" visitate dal povero Cristo Powell risentono dell'aritmia classica del genere. Si comincia col bizzarro e passabile "Frozen fear", mentre "The weird tailor" è "oscurato" dal carisma di Cushing ben coadiuvato da Morse. Duetto di "doppio" riuscito pur quello Ekland/Rampling in "Lucy come to stay" e chiusura allucinata garantita da Lom in "Mannikins of horror".

Maik271 19/02/18 11:10 - 436 commenti

I gusti di Maik271

Quattro episodi interessanti con un unico filo conduttore, la clinica particolare per malati di mente e l'arrivo del giovane dottore che risponde a una inserzione per un lavoro. Le singole storie sono ben fatte e congegnate e donano un sapore di Ai confini della realtà che aleggia per tutta la pellicola (in effetti ogni singolo episodio potrebbe ben figurare nella serie). Nel cast la sempre bella Rampling. Interessante ma nulla di eccezionale.
MEMORABILE: Il robottino e la cantina.

Ronax 21/02/18 01:25 - 955 commenti

I gusti di Ronax

Horror a basso costo diretto dallo specialista Ward Baker, formato da quattro episodi legati da un esile filo conduttore e con una conclusione piuttosto prevedibile. Volutamente tenuto in sospeso fra spiegazione psichiatrica razionale e dimensione soprannaturale, il film si svolge quasi tutto in interni cupi e claustrofobici conditi da un tocco di umorismo molto british. Il capitolo migliore è sicuramente quello finale con il robottino vivente, il più banale quello con la Rampling e il suo alter ego Ekland. Professionale ma poco coinvolgente.
MEMORABILE: Il piccolo automa schiacciato da cui escono viscere umane.

Rufus68 23/02/18 23:01 - 3330 commenti

I gusti di Rufus68

Gustosissima collezione di reperti crudeli che svaria fra diversi echi: il Poe de "Il sistema" e La bambola del diavolo di Browning. Solo l'episodio con la Rampling è risaputo: gli altri hanno un bel tono macabro, particolarmente evidente nel primo, forse il più riuscito assieme alla cornice. Ma a far apprezzare il tutto è l'atmosfera artigianale del buon horror d'una volta, malsano il giusto e radicato in una letteratura popolare di qualità. Bravi i veterani protagonisti.

Fedeerra 13/07/18 23:04 - 586 commenti

I gusti di Fedeerra

Pecca un po' di sonnolenza visionaria (la Amicus ci aveva abituati meglio) ma l'incipit e il finale sono davvero straordianari. Leggendaria la colonna sonora (firmata da Douglas Gamley) che si lancia fiera e maestosa fin dai titoli di testa; succulento invece il cast di all stars. L'episodio del sarto con il leggendario Peter Cushing si fa decisamente ricordare.

Daniela 22/10/18 00:47 - 10142 commenti

I gusti di Daniela

Film ad episodi modesto, nonostante la sceneggiatura di Robert Block che riprende alcuni suoi racconti. Se il primo episodio, gustoso sulla carta, è compromesso da una messa in scena approssimativa, il secondo è meglio sviluppato e può contare alla presenza dell'elegante Cushing, mentre risulta banale lo sdoppiamento di personalità alla base del terzo con la bellissima Rampling. L'ultimo episodio, che conclude anche la cornice in cui sono incastonati gli altri, risolleva le quotazioni generali grazie ad una trovata "minuscola" ma d'effetto, ma il colpo di scena finale è prevedibilissimo.

Vito 23/02/19 20:15 - 686 commenti

I gusti di Vito

Bel film a episodi targato Amicus tratto da alcuni racconti brevi di Robert Bloch. Suggestiva la framing story ambientata in un manicomio che si collega all'ultimo episodio dei piccoli robot assassini. Per il resto gli episodi sono tutti molto interessanti e paurosi, come il primo con gli arti della donna uccisa dal marito che si animano e il secondo col grande Peter Cushing.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Anthonyvm 22/09/19 16:02 - 2558 commenti

I gusti di Anthonyvm

La soddisfazione dell'appassionato medio è praticamente assicurata dal cast, ma gli episodi non brillano per inventiva e la cornice è piuttosto prevedibile. Abbiamo la banale vendetta di un corpo sezionato, l'intrigante ma infin deludente vicenda di un sarto dedito all'occultismo, una storia di schizofrenia con twist assai intuibile e una storia di pupazzi assassini fullmoonesca, interessante ma poverissima nella resa. Nel complesso godibile, ma manca quel certo fascino british che le produzioni dell'epoca solitamente conservano.
MEMORABILE: Robert "Gesù" Powell che afferma di essere ateo; Il manichino portato in vita dall'abito; Il risibile pupazzetto vivente; L'agghiacciante risata.

Daidae 12/03/20 00:16 - 2831 commenti

I gusti di Daidae

Tipico film dell'orrore all'inglese, con poca violenza ma con diverse scene d'effetto. Il cast è ottimo e comprende diversi nomi celebri nel cinema inglese e non solo. A tratti risulta un po' pesante, ma nel complesso si lascia vedere anche in considerazione del finale alquanto movimentato. Ottima la colonna sonora che apre e chiude con un famoso pezzo di musica classica. Consigliato, sopratutto se vi piace il genere.
MEMORABILE: Il vestito; L'automa.

Trivex 7/04/21 10:37 - 1549 commenti

I gusti di Trivex

Si parte da un evento particolare che fa cornice per tre “quadretti horror” tutto sommato non male, al termine dei quali si ritorna al punto di partenza. Dotato di una ottima confezione e di partecipanti di qualità, è un classico che poteva essere “sbrigato” meglio, in particolare per la chiusa finale abbastanza puerile e poco incisiva. Episodio meritevole di menzione è quello con il mitico Cushing nei panni di un padre disperato, "macabro" e piuttosto “spietato” (***), mentre gli altri ondeggiano tra (**) e (**!) . Consigliato agli appassionati del genere.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Digital • 20/01/12 00:17
    Portaborse - 3181 interventi
    Cotola ebbe a dire:
    Quindi tu escludi categoricamente che possa
    trattarsi di un semplice dvd guasto e che tutte
    le copie siano così, per colpa della casa produttrice?

    No beh, categoricamente no, certo è che non voglio rischiare di farmi dare un nuovo dvd che magari presenta lo stesso identico difetto.
    Preferisco permutarlo con un altro titolo o farmi rimborsare i soldi.
    Comunque fesso io che continuo a dar credito a questa label che si è dimostrata più e più volte cialtrona.
  • Homevideo Buiomega71 • 20/01/12 00:47
    Pianificazione e progetti - 22566 interventi
    Appena ordinato da Kult video stamane.

    Andiamo bene!

    Prima che mi spediscano il pacchetto li avviso di questa cosa segnalata da Digital.

    In caso non partisse, metto le mani avanti...
  • Homevideo Digital • 20/01/12 14:58
    Portaborse - 3181 interventi
    Colpo di scena.
    Stamattina sono andato a casa di un amico e ho provato il dvd con un lettore blu ray e magicamente funziona!, il video comunque fa pena, non rispetta le giuste proporzioni, è in 4:3 invece di essere in 16:9 e anche il doppiaggio italiano lascia parecchio a desiderare.
  • Homevideo Deepred89 • 20/01/12 17:31
    Comunicazione esterna - 1437 interventi
    Così ad occhio e croce, ti sembra il doppiaggio d'epoca oppure un ridoppiaggio?
  • Homevideo Digital • 20/01/12 20:19
    Portaborse - 3181 interventi
    Deepred89 ebbe a dire:
    Così ad occhio e croce, ti sembra il doppiaggio d'epoca oppure un ridoppiaggio?

    Non vorrei dire una sciocchezza, ma secondo me è un ridoppiaggio..
  • Homevideo Buiomega71 • 21/01/12 00:39
    Pianificazione e progetti - 22566 interventi
    Grazie Digital...Mi hai tolto un peso. Procedo con l'ordine allora... :)
  • Homevideo Ciavazzaro • 23/01/12 15:48
    Scrivano - 5620 interventi
    A sto punto era meglio tenere la sola lingua inglese.
    Tra l'altro una vhs italiana di questo film esiste anche se è praticamente impossibile da trovare.
  • Homevideo Buiomega71 • 23/01/12 17:48
    Pianificazione e progetti - 22566 interventi
    Ciavazzaro ebbe a dire:
    A sto punto era meglio tenere la sola lingua inglese.
    Tra l'altro una vhs italiana di questo film esiste anche se è praticamente impossibile da trovare.


    Scusa, Ciava, puoi dirmi la label di tale vhs?

    Sarei curioso, perchè a me non risulta che il film di Baker sia stato mai editato in vhs da noi...Ma forse mi è sfuggito.
    Ultima modifica: 23/01/12 17:49 da Buiomega71
  • Homevideo Ciavazzaro • 23/01/12 21:22
    Scrivano - 5620 interventi
    Della vhs se ne parla qui:
    http://www.caina.it/2005/12/economia-di-una-vhs.html

    Praticamente è quasi il sacro graal,pure io non ne sapevo nulla prima di questo articolo
  • Homevideo Buiomega71 • 23/01/12 21:51
    Pianificazione e progetti - 22566 interventi
    Ho letto Ciava, ma il tipo afferma che cercava in vhs La morte dietro il cancello ma non lo ha mai trovato! (sfido, al ghè minga).

    Non mi sembra faccia menzione nè della label nè che aveva la vhs (a meno che non fosse stata Svizzera o Tedesca). Oppure che sia roba giurassica tipo Silma (ma non l'ho mai visto in nessun catalogo) o Mpv/New Pentax, che però sarebbe label estera .

    Leggo poi di un ipotetico Bug insetto di fuoco in vhs da noi...Mmmm, la vedo dura, durissima, altro titolo mai editato in vhs from Italy.

    E poi che La notte dei mille gatti l'abbia visto SOLO lui gò i me dube (ho i miei dubbi!).
    Ultima modifica: 23/01/12 22:05 da Buiomega71