Mannequin - Frammenti di una donna

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 23/05/11 DAL BENEMERITO FAUNO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Fauno 11/06/11 12:27 - 1899 commenti

I gusti di Fauno

Come immagini e inquadrature non potrebbe essere meglio e la Dunaway è davvero grandiosa, come pure gli altri, Primus in primis. Certo che per apprezzarlo bene il palato deve essere fine e ci si deve porre come in un seminario, perché la frammentarietà e la poca dinamicità possono divenire un challenge per l'attenzione dello spettatore. A parità di argomenti, ovvero il decadimento mentale di una mannequin sempre incapace di trovare un equilibrio mentale, è uno dei più difficili da compenetrare, ed una sola visione rischia di non bastare...
MEMORABILE: Il discorso finale, nel quale si ammette "né rimorsi né rimpianti, la vita continua". Troppo facile dire che le strade non prese son sempre le migliori...

Stefania 18/06/11 03:46 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Una modella è sempre osservata "pezzo per pezzo": nessun dettaglio sfugge al severo scrutinio dell'obiettivo dei fotografi, poco a poco Lou diviene, anche interiormente, una donna-puzzle in di un film-puzzle, segmentato in flash-back, memorie sfuocate di fatti che Lou ricorda, ma che -forse- non ha vissuto. Tentativo di ricostruzione di un Io fatiscente, c'è un po' aria di rimasticatura bergmaniana, ma dopotutto il film restituisce il dramma di chi possiede un privilegio fatale: la farfalla Lou ridiventa larva, soffocata dal bozzolo, scintillante e impenetrabile, della sua bellezza.

Lucius 15/06/12 01:38 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Con Sotto il vestito niente e Gli occhi di Laura Mars, un terzo ipotetico capitolo della trilogia sul mondo, per niente dorato, della moda. Una famosa ex modella rivive la sua drammatica esperienza raccontandola a un interlocutore interessato a farne un film. Una Faye Dunaway immensa e ancora nature ci introduce nei suoi incubi, nelle sue paure, fino all'abisso della follia. Anche considerando qualche piccola bugia, la pellicola rispecchia in pieno le rigide regole vigenti nel mondo della moda. L'ultima porta è il suicidio, lasciala chiusa.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Buiomega71 • 23/05/11 10:04
    Pianificazione e progetti - 21655 interventi
    Già, anch'io sono alla disperata ricerca di questo film del regista dello Spaventapasseri (tra l'altro mio cult movie assoluto). Mi fà specie che rivalutino filmettini infimi, e questo sia ancora relegato nell'oblio.
  • Discussione Gestarsh99 • 24/05/11 00:24
    Scrivano - 13789 interventi
    Su youtube c'è il film diviso in parti ma purtroppo è in lingua inglese con sottotitoli francesi. Un tentativo di comprensione interlinguistica non sarebbe una cosa tanto improponibile.
  • Discussione Atticus85 • 24/05/11 11:46
    Galoppino - 41 interventi
    Sì, però che stress vedere un film su You Tube a pezzi in pessima risoluzione video-audio! Il fascino si azzera e Faye non lo merita...
  • Discussione Fauno • 24/05/11 20:30
    Compilatore d’emergenza - 2527 interventi
    Comunque un passaggio TV c'è stato una quindicina di anni fa...non mi ricordo se su TMC e la qualità era buona.Purtroppo mi aspettavo molto di più e non l'ho tenuto anche perchè non era il mio genere.Proverò a chiedere se qualcuno ce l'ha e sarei ben lieto di accontentare un cultore, perchè so quello che si prova...FAUNO.
  • Discussione Atticus85 • 24/05/11 22:08
    Galoppino - 41 interventi
    Sarebbe un gesto stupendo e ti ringrazio!
  • Discussione Fauno • 11/06/11 12:41
    Compilatore d’emergenza - 2527 interventi
    Il film l'ho trovato in inglese coi sottotitoli francesi e la qualità è ottima. C'è da dire che l'ho dovuto vedere due volte per poterlo aprezzare al meglio, in quanto alla prima visione avevo apprezzato il crescendo finale con le scene del manicomio, ma nel frattempo mi ero già dimenticato i particolari migliori della prima ora di film... nella seconda sono riuscito a sintetizzare il tutto. Certo che ad esempio Star 80 di Bob Fosse è di molto più facile lettura, anche perchè c'è un mondo marcio retrostante, non parliamo poi del nostrano Verusckha poesia di una donna, che ha tutti gli ingredienti da cui sono infiltrato fino al midollo e che apprezzo da quando sono nato...Mannequin è diverso perchè i retroscena non sono così marci e sono più che altro descritte le sensazioni più intime, (ma mai poetiche come in Veruschka,piuttosto prosaiche!), le vulnerabilità della protagonista, il fatto che non sia mai sicura nè di sè stessa nè tantomeno di quello che fa...ma la comprensione del personaggio non può essere così immediata. E' comunque stupenda l'immaginazione che ha in auto per l'entrata nel motel, e non si comprende fino a che punto sia vera la storia dell'aereo. Alla fine sarebbe davvero giusto riesumarlo...FAUNO
  • Discussione Buiomega71 • 15/06/12 19:06
    Pianificazione e progetti - 21655 interventi
    Ottimo Lucius, vedo che lo hai scovato. Altro film che cerco da un pezzo...Ma ahimè nisba...
  • Discussione Lucius • 15/06/12 19:43
    Scrivano - 8423 interventi
    Ho beccato un file in lingua originale coi sottotitoli in spagnolo. Il film merita, eccome...
  • Discussione Digital • 26/03/16 15:11
    Segretario - 3009 interventi
    Nel frattempo è spuntata la versione con doppiaggio italiano. Possibilissimo che esca, a breve, il dvd "ufficiale". :D
  • Curiosità Buiomega71 • 29/05/18 17:42
    Pianificazione e progetti - 21655 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv (Ciclo: "Femminafolle", giovedì 6 marzo 1986) di Mannequin-Frammenti di una donna. Come si evince dalla trama nel flanetto, il film è rimasto inedito in Italia prima di questa messa in onda televisiva ed è stato doppiato in italiano appositamente dalla Rai.