Il giorno del cobra

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Ultimo film importante per la coppia Franco Nero/Enzo G. Castellari, che formarono uno dei sodalizi vincenti nei Settanta. Si tratta di un poliziesco cui il regista cerca di regalare atmosfere e un protagonista da noir alla Marlowe (cappello compreso), pur rimanendo evidentemente legato a stilemi tipicamente nostrani. Il pezzo forte (come quasi sempre nei film di Castellari) restano le scene d'azione, che si sposano magnificamente con le musiche di Paolo Vasile e si avvalgono di eccellenti cascatori. L'ambientazione genovese conferma l’amore di Castellari per la città ligure e per location piuttosto inedite, nel panorama nazionale. Purtroppo però la storia e la sceneggiatura (scritta da Aldo Lado assieme a Fabio e Tito Carpi) funziona peggio...Leggi tutto del solito. Non riesce a dare il necessario spessore ai nemici del detective impersonato da Franco Nero e nemmeno lui, il protagonista, evita una caratterizzazione troppo caricaturale (la pallina antistress in mano e il chewing gum in bocca sono un vero tormentone) che nuoce alla credibilità del film. Sì, l'intreccio è affrontato con chiarezza, ma ci sono una quantità di passaggi a vuoto e un'eccedenza di rissa inutili (addirittura con puntate nelle arti marziali). Manca quella dose di dialoghi studiati e di situazioni particolari che avevano reso indimenticabile LA POLIZIA INCRIMINA, LA LEGGE ASSOLVE. Non c'è grinta sufficiente e anche le parentesi con il figlio (che è poi anche nella realtà il figlio di Franco Nero) sono posticce. Castellari si concede un'apparizione durante la rissa al mercato del pesce, dove si lascia docilmente massacrare dal protagonista. Il film si lascia vedere, ha un discreto ritmo, ma il vero Castellari è un'altra cosa.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Lercio 24/03/07 17:01 - 232 commenti

I gusti di Lercio

Un Franco Nero all'altezza, con un accenno del suo lato ironico che in Autostop rosso sangue è evidente. Le ambientazioni sono piuttosto variegate e contribuiscono positivamente al ritmo del film, che rimane comunque altalenante. Il difetto di questo film è che la storia non brilla assolutamente per originalità. Un thriller poliziesco non brutto ma nemmeno indimenticabile.

StuntMike 5/01/08 14:05 - 3 commenti

I gusti di StuntMike

Un Franco Nero (Larry Stanziani) all'altezza e ben calato nella parte di un ex poliziotto dell'antidroga di San Francisco, ridotto a lavorare come investigatore a caccia di corna e cani scomparsi, richiamato ufficiosamente per catturare il suo vecchio nemico Kandinsky a Genova. Splendide le scene di azione. Forzate alcune battute comiche. Con un cameo di Castellari. Ottima la colonna sonora (di Paolo Vasile).
MEMORABILE: "Tu sei come un'enciclopedia e a me piace leggere a letto" (Nero a Sybil Danning).

Renato 23/02/08 10:08 - 1513 commenti

I gusti di Renato

Un gran bel film, un poliziesco solo nei temi e nell'ispirazione, visto che di polizia praticamente non se ne vede mai e gli inseguimenti -quando ci sono- sono fatti addirittura a piedi... Castellari infonde alla pellicola un buon ritmo ed anche la storia è interessante e ben scritta; i tratti caratteristici del personaggio di Franco Nero sono forse un po' facili, ma nel complesso funzionano bene. Tutt'altro che un film secondario nell'itinerario del regista, direi.

Ianrufus 19/08/08 20:08 - 139 commenti

I gusti di Ianrufus

C'è tutto il Castellari pensiero in questo film e c'è anche la nostalgia per un cinema di genere che nel 1980 se ne sta andando. Genova è il solito (eppure sempre inedito) teatro ma sembrano passati 20 anni da La polizia incrimina. Franco Nero spinge sull'ironia anche se non è il suo forte ma riesce a risultare simpatico, talvolta malinconico. Maranzana è una spalla inedita e riuscita, la Danning statuaria e poco più; con la Lentini che si trasforma in Bruce Lee si finisce nel fumetto (divertente). La musica di Vasile fa centro.

Homesick 14/09/09 14:09 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Con il nuovo decennio Castellari allenta un po’ la presa ma si mantiene su buoni livelli dirigendo un poliziesco-noir che nel finale cita il montaggio e le pessimistiche conclusioni di La polizia incrimina... Nero diventa un dimesso detective tra Marlowe e Mike Hammer appoggiato dal vecchio eccentrico Maranzana; nelle sempre professionali scene d’azione sono coinvolti, oltre agli insostituibili Lerro, Puppo, Vanni e D’Arc, lo stesso regista e persino un’androgina Lentini. Graziosissima Stefania Girolami, figlia di Castellari.

Ghostship 16/11/09 23:46 - 394 commenti

I gusti di Ghostship

Massiccio film d'azione targato Nero-Castellari. Il prototipo è quello tipico del noir: l'antieroe solo. La forza ovviamente non è da ricercarsi nella pur buona sceneggiatura, ma nella superba messa in scena dei momenti topici, con un paio di inseguimenti da antologia conditi da una delle più belle colonne sonore del periodo. Routine tutto il resto, ma da far rimpiangere i bei tempi andati.

Daidae 1/02/10 08:08 - 2720 commenti

I gusti di Daidae

Tra i film del grande Castellari è uno di quelli che preferisco meno. Il cast è il solito (i validissimi Puppo, Vanni, etc), ma la trama non è entusiasmante; oltretutto Franco Nero non regge come attore spiritoso (alcune sue battute e modi di fare ricordano un po troppo il più riuscito "volpe" de Poliziotto senza paura). In conclusione, mediocre.

Undying 27/03/10 23:00 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Tardivo poliziesco italiano, diretto dall'energico Castellari e sceneggiato dal prezioso Aldo Lado. Non privo di momenti umoristici, caratterizzato da un taglio ibrido (azione e giallo), valorizzato dalle retoriche interpretazioni di attori sul cui volto è stata pensata la parte (il detective privato Stanziani, ossia Franco Nero) e impreziosito da inattesi squarci di violenza fumettistica ed esasperata (comprensiva di inevitabile scena castrante, vero leit-motiv del cineasta), Il giorno del cobra scorre piacevolmente sullo schermo riuscendo a "rapire" l'attenzione dal primo all'ultimo minuto.

124c 28/06/10 17:28 - 2756 commenti

I gusti di 124c

Poliziesco energico, duro e pessimista, girato a Genova (città che adoro). Franco Nero è un credibile detective privato, circondato da due bellissime donne (Sybil Danning e Licinia Lentini), che deve guardarsi da tranelli, agguati e telefonate nel cuore della notte, fatte dal suo misterioso nemico. Un b-movie italiano che mi ha sempre entusiasmato, quando passava in tv. Grande, come sempre, il caratterista William Berger, che qui ricopre il ruolo del capo de "il Cobra". Avvincente ed ingenuo.

Nando 30/06/10 23:34 - 3454 commenti

I gusti di Nando

Action-movie realizzato con il solito impegno da Castellari. Belle le scene d'azione accompagnate da un colonna sonora dal ritmo incalzante. Sceneggiatura non eccelsa ma tuttavia godibile nei vari colpi di scena. Ammalianti gli esterni genovesi. Nero in buona forma.

Herrkinski 12/01/11 01:26 - 4967 commenti

I gusti di Herrkinski

Ultimo poliziesco della coppia Castellari/Nero (più un inaspettato Aldo Lado come sceneggiatore), ormai agli sgoccioli del genere ma comunque ancora entrambi in grado di regalare del buon cinema. Rifacendosi ovviamente a modelli americani (Marlowe su tutti in questo caso), ma senza abbandonare il gusto tutto italiano per un certo tipo di poliziesco/noir, Castellari riesce a mantenere un buon ritmo e fotografa bene la bella location genovese. Nero è un po' macchiettistico ma almeno non strabuzza gli occhi; il resto del cast sono aficionados.

Digital 1/06/11 21:37 - 1113 commenti

I gusti di Digital

Un Castellari sottotono per questo poliziesco che non riesce quasi mai ad appassionare e che risulta assolutamente inferiore rispetto a quelli della passata decade. Anche le varie sequenze che vedono coinvolti Franco Nero (che ci mette il solito impegno di sempre) e il figlio che non vedeva da anni sono alquanto stucchevoli e spezzano ancor di più un ritmo tutt'altro che frenetico. Evitabile.

Tomastich 6/06/11 23:10 - 1216 commenti

I gusti di Tomastich

Gli ultimi fuochi del poliziottesco all'italiana ci regalano questo fantastico film di Enzo G. Castellari, che quando si affidava al maestro Franco Nero sapeva regalare sprazzi metropolitani genovesi affascinanti (ed è un mio rammarico che non siano stati girati film di questo genere nella bella Livorno). Coerenza.

John trent 25/08/11 16:50 - 326 commenti

I gusti di John trent

Poliziesco quasi crepuscolare con un Franco Nero ironico e beffardo nei panni del classico detective scaltro e brillante. Non male soprattuto nelle scene d'azione, il film si giova anche delle bellezze femminili di Sybyl Danning e Licinia Lentini (con... sorpresa). Insomma non male per essere un film quasi "over time". Ottima la colonna sonora di Paolo Vasile.
MEMORABILE: La canzone dei titoli di testa.

Gestarsh99 11/12/11 00:20 - 1310 commenti

I gusti di Gestarsh99

Castellari chiude il suo ciclo poliziesco proprio dove era stato inaugurato, festeggiando questo action genovese tra scarpinate sui tetti, ruvide colluttazioni ed un gran lavoro di stunt. Nero è un investigatore alla canna del gas, quasi un Colombo merlizzato; la Lentini invece tiene a freno la sua classica prorompenza libidinosa celando sotto cotonature e vestaglie coprenti l'identità inimmaginabile di un maschione karateka (!) Troppo indisponenti però i piagnucolosi interludi sentimentali padre-figlio che lo spettatore è obbligato a sciropparsi sino all'indiscriminato repulisti finale.
MEMORABILE: Licinia/o che riempie di mazzate l'incredulo Sparanero...

Pinhead80 17/04/13 14:04 - 3835 commenti

I gusti di Pinhead80

Ultimo poliziottesco per Castellari, che poi si butterà nel genere post-apocalittico. Franco Nero interpreta un detective in piena crisi d'identità che torna a Genova per smascherare un losco traffico. La parte strettamente legata all'indagine (quella più action per intenderci) è molto buona, mentre l'inserimento della figura del figlio lasciato in collegio (chissà poi perchè) risulta molto debole. Spettacolare la scena di lotta (con sorpresa) nel club. Alcune cose vengono svelate solo nel finale e questo accresce il pathos. Un buon lavoro.

Rambo90 27/04/13 23:25 - 6275 commenti

I gusti di Rambo90

Poliziesco divertente, soprattutto grazie alle scene d'azione, punto forte di ogni film diretto da Castellari. La storia non è particolarmente nuova, a cominciare dal personaggio del protagonista già visto in tanti action americani, ma Franco Nero sa dargli la giusta interpretazione. Bella la colonna sonora, bravi i comprimari.

Bruce 10/06/13 10:05 - 1000 commenti

I gusti di Bruce

Regia sicura e svelta di Castellari, soggetto e sceneggiatura di Aldo Lado, protagonista Franco Nero. Tutto ciò è garanzia di qualità; se poi ci si aggiungono la caratteristica ambientazione genovese e una colonna sonora azzeccata, si ottiene un poliziesco di tutto rispetto, serrato pur con un tratto di ironia, sicuramente da riscoprire.

Giùan 10/10/13 07:01 - 2878 commenti

I gusti di Giùan

Operazione inversamente parallela a quella che qualche anno prima aveva condotto il Poliziotto senza paura Merli a Vienna. Qui infatti Castellari per riflettere (sul)la crisi del poliziesco regala a Nero il biglietto di ritorno Cisco-Genova, ritornando anche a rebours sul suo cinema. Il modello alto in verità resta Il lungo addio altmaniano, col tentativo di coniugare crepuscolarismo e autoironia che alterna convinzione professionale, colpi d’ala e clamorosi scivoloni fuoriluogo (l’inserto patetico col bimbo). Discreto ma ormai stracco e svuotato.
MEMORABILE: Licinia Lentini che si rivela un “Terribile Ivan”.

Manfrin 20/01/14 13:47 - 323 commenti

I gusti di Manfrin

Classico film d'azione alla Castellari, anche se nella prima parte i cadaveri latitano (ma ci sarà modo di rifarsi)... Nero si ritaglia un ruolo di private eye abbastanza simpatico e riuscito. La vicenda è congegnata discretamente; ne scaturisce un godibile prodotto di genere.

Faggi 6/09/16 20:29 - 1479 commenti

I gusti di Faggi

Pellicola con splendida ambientazione genovese: la città, con il suo porto e le zone circostanti, gli edifici industriali, quelli lussuosi o fatiscenti danno carattere a un prodotto che ha riuscite scene d'azione girato con grande mestiere e idee cupe e pessimiste ma registicamente chiare. La tenuta dell'insieme regge bene e non mancano le trovate genuine e i colpi di scena. Come poliziesco crepuscolare (i tempi d'oro del genere sono ormai trascorsi) è dignitoso e divertente.

Pessoa 30/05/17 23:57 - 1093 commenti

I gusti di Pessoa

Castellari chiude col poliziottesco proponendo schemi ormai già visti interpretati dal gotha dei caratteristi di genere (Enio Girolami, Berger e Vanni sugli altri), ma una storia troppo intricata priva di veri e propri colpi di scena ne rallenta il ritmo e la tensione. Fastidioso l'inserimento della figura del figlio con tutta la teoria di patetismi del caso. Un film che piacerà agli appassionati del genere, avvezzi a chiudere un occhio su imprecisioni grossolane, con numerose scene di pestaggi e sparatorie di buon livello. Non per forza!

Rufus68 19/02/20 23:13 - 3015 commenti

I gusti di Rufus68

A Castellari certi registi ipercinetici d'oggi fanno un baffo. Anche questa storia, trita e ritrita, si dimostra, a distanza di anni, d'un mestiere così robusto da incutere rispetto. Nero stropicciato come Marlowe, tradimenti, inganni telefonati eppure la narrazione regge egregiamente e non sprofonda nemmeno con certi ammicchi patetico-familiari. Finale dal pessimismo risaputo, ma il luogo comune agisce positivo anche qui regalandoci un piacevole scioglimento. Buone le scene d'azione: non è una novità.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Undying • 11/03/10 14:59
    Scrivano - 7638 interventi
    Amata pellicola bis italiana, finalmente - grazie alla CDI - in DVD. Annunciata la disponibilità su supporto ottico a partire dal 7 luglio.
    Ultima modifica: 11/03/10 15:00 da Undying
  • Musiche John trent • 25/08/11 16:43
    Servizio caffè - 510 interventi
    Memorabile theme song di Paolo Vasile: http://www.youtube.com/watch?v=Ea63k-3MWdc
  • Homevideo John trent • 25/08/11 16:45
    Servizio caffè - 510 interventi
    Dvd pessimo sotto tutti i punti di vista: formato video 1,85:1 letterbox e qualità scadente, peggio di una vhs. Molto meglio il master televisivo passato spesso sulla Rai.
  • Curiosità Zender • 29/06/13 11:28
    Consigliere - 43813 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film: