Il diabolico dott. Satana - Film (1962)

Il diabolico dott. Satana

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONLE LOCATION

Commenti L'IMPRESSIONE DI MMJImpressione Davinotti

Prima di diventare quella disumana catena di montaggio capace di macinare anche dieci film all'anno, lo spagnolo Jesús Franco era un regista “vero”. GRITOS EN LA NOCHE è il suo primo successo, truce rivisitazione del mito di Frankenstein in cui la parte del celebre barone viene coperta dal conte Orloff, intento a sequestrare ed uccidere splendide ragazze per trapiantare la pelle giovane sul volto della figlia sfigurata. Ad aiutarlo nella feroce impresa c'è l'altrettanto sfigurato Morpho, un'impressionante sorta di manichino umano con gli occhi fuori dalle orbite. I due vivono con la figlia e la servitrice Arne nel classico castello diroccato, raggiungibile con una barca. Tipico esempio di cinema...Leggi tutto gotico quindi, supportato da una fotografia in bianco e nero di ottima qualità e giochi d'ombre davvero notevoli. Se però l'impianto figurativo (scenografie comprese) è degno dei migliori esempi del genere, altrettanto non si può dire del soggetto, assai povero e a tutt’oggi datato (tanto che, quando Franco ne girerà uno pseudo-remake con I VIOLENTATORI DELLA NOTTE molti anni più tardi, si vide costretto a inserire sanguinosissimi effetti splatter per modernizzarlo). Si nota una certa cura nella sceneggiatura, nella brillantezza di alcuni dialoghi, nella ricerca di una caratterizzazione efficace dei personaggi anche di secondo piano (vedi l’ubriaco), ma il ritmo è lento, sonnacchioso, troppo legato al cinema horror di un'epoca ormai passata e anche l'ambientazione scelta (siamo nel 1912) non giova di certo. Si intuisce quasi che se Franco non avesse deciso di gettarsi come farà nella filosofia della produzione forsennata avrebbe rischiato di fare la fine del buon Ed Wood. E sarebbe stato un peccato, perché Franco il mestiere lo conosce e conosce la vita.

Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
1
1!
2
2!
3
3!
4
4!
5

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione ( vale mezzo pallino)
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 28/05/07 20:01 - 3015 commenti

I gusti di Il Gobbo

Debutto nel fantastico di Franquito, che inventa l'horror spagnolo con più di un debito verso Occhi senza volto di Georges Franju. Come nel caso di Mario Bava il film "d'esordio" è anche il più "composto" e classico dal punto di vista formale, e quindi paradossalmente sembra meno suo; ma a guardarlo meglio c'è in nuce buona parte del suo cinema, o perlomeno dei suoi leit-motiv. Carriera reinventata per Howard Vernon, e debutto anche per un "personaggio" (Morfo) che rivedremo in parecchie altre opere di zio Jess.

Dr.schock 27/07/09 16:49 - 83 commenti

I gusti di Dr.schock

Esordio horror di Franco, quasi un film "normale" nella sua impostazione classica priva delle deviazioni schizofreniche che costituiranno uno dei suoi marchi di fabbrica. Ottima soprattutto la fotografia in bianco e nero, ad esaltare le atmosfere gotiche della vicenda. Howard Vernon, impeccabile come mad doctor, inizia qui una lunga e fruttuosa collaborazione con "Tio Jess".

Ciavazzaro 26/05/10 20:53 - 4769 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Nonostante l'abbia visionato nell'orrida versione italiana, un film molto interessante. Il caro Jess nel suo periodo più misurato (anche se le versioni estere presentano dei nudi) riesce a creare un buon film di suspence, grazie all'ottima interpretazione del protagonista Vernon, buon mad-doctor, e a un bel cast femminile di contorno. Da citare la ballerina portata nella villa disabitata e tutta la scena nel palazzo.

Rebis 20/05/10 20:47 - 2356 commenti

I gusti di Rebis

Basterebbe guardare l'esordio di Jesus Franco per darsi una ragione della sua discussa autorialità: ingenuo e disordinato, ma pregno di un fascino irriducibile e con un gusto figurativo spudorato, è l'artefice di un cinema spavaldo, in esubero di idee, ma senza cognizione di ritmo e sceneggiatura. Franco contamina l'horror chirurgico alla Franju con le cupezze dell'immaginario gotico, secondo un modulo che avrà lungo seguito nel cinema italiano. I personaggi sono accattivanti, le sequenze di paura ben girate, il bianco e nero - usato in modo egregio - un efficace omogeneizzante. Bel doppiaggio.

Uomomite 26/02/11 02:56 - 174 commenti

I gusti di Uomomite

Folgorante esordio horror di un ancor "rigoroso" Jesus Franco. Il regista spagnolo mescola modelli altissimi (il grande cinema gotico e quello surrealista) e modelli bassissimi (la farsa, i romanzi d'appendice). Il risultato è un'opera "sporca", spuria, nerissima, terribilmente "magnetica".

Giùan 19/09/11 13:36 - 4619 commenti

I gusti di Giùan

Fatta la tara alla visione della pessima copia italiana, l'irruzione di Jess Franco nel territorio horror è lontana da quelli che saran gli eccessi visionari del regista madrileno, ma anche, fortunatamente, dalla frettolosità che diventerà un altro dei suoi trademark. La rilettura del mito di Frankenstein (con un evidente strizzatina al Les yeux sans visage di Franju), all'insegna di un bel bianco e nero contrastato, avviene all'interno dei canoni di genere dell'epoca, sia pur con una precipua connotazione sadica. Forti sprazzi di umorismo (volontario!).

Undying 4/05/14 21:40 - 3807 commenti

I gusti di Undying

Ispirato (o ispiratore) del più riuscito Occhi senza volto, Jesus Franco porta sullo schermo una figura inquietante, quella di Orloff (interpretato dall'attore feticcio del regista Howard Vernon), destinata a ripetersi in questo o quel film (memorabile il remind de I violentatori della notte). La curata fotografia, il morboso clima malsano cagionato da bassi istinti (in contrasto con ottimo senso del cinema) affascina e intriga. C'è pure tempo per mostrare un seno maneggiato gratuitamente, ma il concitato finale è svolto in maniera pedestre.

Minitina80 18/02/15 10:00 - 2994 commenti

I gusti di Minitina80

Franco esordisce con quello che fondamentalmente è un gotico, anche se non purissimo. Ha un buon ritmo che si perde in poche occasioni ed è anche molto lineare nello svolgimento degli eventi; tutto questo lo rende molto differente dalla sua produzione a venire, ma non per questo meno godibile. Da vedere la versione spagnola non tagliata, dissociarsi dal resto.

Rufus68 9/11/16 22:15 - 3860 commenti

I gusti di Rufus68

A ben intendere qui si ritrova tutto il Franco posteriore, depurato dagli eccessi ridicoli e dai compiacimenti più crassi: lo slabbrarsi della linea narrativa dovuta alla musica (qui una sorta di sommessa avanguardia free jazz), il sadismo, la follia maniaca, la fatale bellezza muliebre, l'ingenuità di alcune soluzioni. La coerenza dell'insieme è dovuta più all'evidente calco da Occhi senza volto di Franju che non a meriti del regista. Un horror misurato e senza sorprese, piacevole e sopravvalutato.

Anthonyvm 28/10/19 09:50 - 5844 commenti

I gusti di Anthonyvm

Nasce il dottor Orloff, un villain non particolarmente carismatico ma che ben si sposa alla fisionomia di Vernon. Il plot rimaneggia Occhi senza volto di Franju, ma Franco si rifà agli stilemi dell'horror classico (castelli gotici, pulzelle rapite, lo zombi-servo su modello Cesare di Caligari), puntando su atmosfere consuete ma efficaci nella loro ordinaria (e forse ingenua) convenzionalità. Un po' grezzo (Morpho coi suoi occhi posticci), a tratti raffazzonato (il finale appare frettoloso), ma se si è in vena di B-movie d'epoca può andar bene.
MEMORABILE: Morpho con gli occhi finti tipo Arva de Il bosco 1; Lo scrittore pazzo si autoaccusa degli omicidi; La breve operazione della ragazza in topless.

Conrado San Martín HA RECITATO ANCHE IN...

Spazio vuotoLocandina I lunghi giorni della vendettaSpazio vuotoLocandina C'era una volta il WestSpazio vuotoLocandina Giù la testaSpazio vuotoLocandina Conquest

Von Leppe 25/03/20 12:25 - 1271 commenti

I gusti di Von Leppe

Il nome Morpho è veramente azzeccato per il classico servo deforme del dottore folle, ma il fatto che sia cieco e venga utilizzato per rapire di nascosto le donne è assurdo. Anche la trama ha i suoi punti deboli; per fortuna l'atmosfera cupa in bianco e nero riesce a sollevare le sorti del film. Lo snodo poliziesco comunque funziona, persino l'idea della fidanzata dell'ispettore che si mette a fare indagini per conto suo dà il suo apporto allo svolgimento della vicenda. Attori e location convincenti.

Ronax 23/02/22 01:51 - 1275 commenti

I gusti di Ronax

Prime prove di regia di Jess Franco che mostra buone doti nella scelta delle inquadrature e nella capacità di valorizzare lo scenario cupo e quasi sempre notturno in cui si dipana la vicenda, doti che purtroppo si perderanno progressivamente. Ancora saldamente ancorato a una struttura narrativa tradizionale, il film unisce gli elementi tipici del gotico all'indagine poliziesca con una trama non certo originale ma comunque condotta con sufficiente ritmo. Attore franchiano per eccellenza, Howard Vernon spicca sul resto del cast i vestendo panni per lui ideali del diabolico mad doctor.
MEMORABILE: La seduta con i testimoni per ricostruire l'identikit dell'assassino.

Nicola81 16/05/23 23:06 - 2884 commenti

I gusti di Nicola81

Anche se di originale c’è davvero poco, l’esordio di Franco nel cinema horror lascia ugualmente il segno. I debiti con Franju sono particolarmente evidenti sia nella trama che nella figura del mad doctor (il cui complice sembra invece un novello Frankenstein), il tutto immerso in atmosfere da gotico classico tra le cui pieghe si sviluppa un’indagine poliziesca comunque avvincente, e in cui si avverte già quella vena morbosa che il regista svilupperà in seguito. Adeguati gli interpreti (per Vernon sarà l'inizio di una proficua collaborazione), leggermente sbrigativo l’epilogo.

Myvincent 14/05/24 05:23 - 3780 commenti

I gusti di Myvincent

Il dottor Satana, una specie di crossover del barone Frankenstein, non ha scrupoli a uccidere giovani e sexy donne per riportare agli antichi splendori la propria figlia, che vive in uno stato catatonico. Jesús Franco e il suo stile bislacco propongono qui ulteriormente le classiche atmosfere gotiche con tanto di torre merlata, aiutanti spaventevoli e stanze adibite a torture. Manca però quell’amalgama giusta che renda l’opera unitaria e realmente efficace nella sua riuscita globale. Una sorta di prodotto artigianale mal rifinito, in sintesi.

Trivex 23/05/24 15:12 - 1752 commenti

I gusti di Trivex

Film invecchiato, senza dubbio, ma la vecchiaia non gli fa perdere il suo fascino, anzi. Perché lo svolgimento è lineare, di ritmo non troppo lento e con qualche sorpresa nelle immagini. Poi il sottofondo musicale è spesso solo un primordiale insieme di suoni polverosi, ma se accompagna immagini tetre e cupe fotografate in b/n, ci sta anche questo. Gotico ambientato nel secondo decennio del 900 e ci sono anche le impronte digitali, a fare la differenza per la polizia. Horror, giallo e thriller insieme e non mancano nemmeno i fumosi night club, spesso presenti nel cinema di Franco.
MEMORABILE: La ragazza in "topless", "operata" dal diabolico dottore.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Homevideo Rebis • 20/05/10 19:01
    Compilatore d’emergenza - 4433 interventi
    Il DVD pubblicato da Ermitage, che avrebbe dovuto avviare una collana di film horror (la Devil Collection) con particolare riguardo alla produzione di Franco (mai proseguita), ha un valore decisamente archeologico: si tratta della versione italiana, quindi di per sé CUT nelle scene gore, riversata da una pellicola letteralmente devastata da graffi, stelline (!), salti bruschi e ogni altro disturbo immaginabile! L'effetto è affascinante, da cineteca d'altri tempi, ma i puristi se ne tengano alla larga! Lettere, cartelli e scritte sono ri-filmate in italiano (con qualche errore di grammatica...). L'audio invece è accettabile.
    Ultima modifica: 20/05/10 20:57 da Rebis
  • Curiosità Ciavazzaro • 26/05/10 20:40
    Scrivano - 5591 interventi
    Scheda di doppiaggio:

    Arturo Dominici:Howard Vernon
    Sergio Graziani:Conrado San Martin
    Lydia Simoneschi:Diana Lorys
    [bVittoria Febbi][/b]:Perla Cristal

    L'agente è doppiato da Manlio De Angelis
    Il poliziotto notturno è doppiato da Luciano De Ambrosis
    La zia è doppiata da Wanda Tettoni
    Il messaggero è doppiato da Sergio Tedesco

    Doppiaggio a cura della CD
  • Homevideo Digital • 28/10/11 21:33
    Portaborse - 4029 interventi
    Dvd della Sinister Film disponibile dal 18/01/2012 (fa parte del cofanetto dedicato alla sinistra figura del Dr. Orloff ed oltre a questo film son presenti Miss Muerte e Le amanti del Dr. Jekyll).

    Dati Tecnici : 

    Audio : Italiano, Spagnolo Dolby Digital 2.0 Mono
    Rapporto Schermo : 1.66: 1
    Extra : Presentazione di Luigi Cozzi, Trailers originali, Jess Franco: Iconoclasta del genere.
    Ultima modifica: 10/08/22 08:21 da Zender
  • Homevideo Ciavazzaro • 28/10/11 21:35
    Scrivano - 5591 interventi
    Se esce con la versione originale spagnola sarebbe molto interessante !
  • Homevideo Rebis • 29/10/11 13:41
    Compilatore d’emergenza - 4433 interventi
    Chissà che master presenteranno... Il DVD Ermitage era allucinante! Speriamo almeno sia la versione integrale! Dell'infinita produzione di Jess questo rimane uno dei più godibili...
  • Homevideo Mco • 9/08/22 21:59
    Risorse umane - 9970 interventi
    Purtroppo la versione del Diabolico dr. Satana presente nel cofanetto Sinister è quella francese, della durata di ottanta minuti circa, per cui risulta ancora preziosa la vecchia registrazione da Fuori Orario in lingua originale sottotitolata (93 minuti).
    Discreta comunque la resa di Jekyll (anche qui nella versione d'Oltralpe con traccia italiana) mentre il bel Miss Muerte utilizza la lingua di Sarkozy, a cui possono essere aggiunti unicamente i sottotitoli inglesi.


  • Homevideo Rebis • 10/08/22 10:01
    Compilatore d’emergenza - 4433 interventi
    Grazie Mco per la segnalazione, sai anche in cosa consistono i tagli effettuati sulla versione francese? Ci sono circa dieci minuti di differenza... 
  • Homevideo Mco • 16/08/22 23:03
    Risorse umane - 9970 interventi
    Rebis ebbe a dire:
    Grazie Mco per la segnalazione, sai anche in cosa consistono i tagli effettuati sulla versione francese? Ci sono circa dieci minuti di differenza... 
    Scusa se ti rispondo solo ora, amico mio.
    La versione spagnola di quasi 93 minuti è alleggerita di alcune scene di nudo ma contiene alcuni passaggi (non fondamentali) che, viceversa, in quella internazionale (francese) mancano... 

  • Homevideo Rebis • 17/08/22 10:14
    Compilatore d’emergenza - 4433 interventi
    Mco ebbe a dire:
    Rebis ebbe a dire:
    Grazie Mco per la segnalazione, sai anche in cosa consistono i tagli effettuati sulla versione francese? Ci sono circa dieci minuti di differenza... 
    Scusa se ti rispondo solo ora, amico mio.
    La versione spagnola di quasi 93 minuti è alleggerita di alcune scene di nudo ma contiene alcuni passaggi (non fondamentali) che, viceversa, in quella internazionale (francese) mancano... 

    Grazie mille Mco, tutto chiaro!