Gli occhi freddi della paura

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Pur essendo ispirato palesemente all’ORE DISPERATE di William Wyler (all'epoca ben lungi dall'essere remakkato da Michael Cimino) e pur ambientato a Londra (solo teoricamente, visto che di esterni si contano sulle dita di una mano), GLI OCCHI FREDDI DELLA PAURA è solidamente radicato nel cinema di casa nostra: per la ricchezza delle scenografie (egregiamente fotografate da Ballesteros), per la colonna sonora di Morricone (tipicamente thrilling, nello stile arabo artistico di quella composta per il contemporaneo GATTO A NOVE CODE) ma soprattutto per la complessità...Leggi tutto dell'intreccio, assai lontana dalla semplicità comune a ORE DISPERATE e a gran parte del cinema di genere americano. Frank Wolff e il suo socio appena uscito con lui di galera arrivano in casa del giudice (Fernando Rey) ma vi trovano il figlio (Gianni Garko) con l'amichetta (Giovanna Ralli). Li tengono in ostaggio e costantemente sottotiro dando il via al rapporto visto in ORE DISPERATE, ma dietro vi si nasconde la storia di una vendetta quasi giustificabile e le tecniche usate da Garko per avvertire via telefono suo padre di essere in ostaggio passano attraverso una finezza linguistica curiosa. In aggiunta a un copione più strutturato del previsto va rimarcato il mestiere di Enzo G. Castellari, regista troppo spesso sottovalutato, in possesso di uno stile teso e personale che lo porta a girare un finale senza parole lungo, squarciato solo da grida e rantoli, destinato a restare impresso. Il côté argentiano del film insomma non si limita al solo incipit perché coinvolge l'intero impianto visivo e sonoro.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Dusso 8/02/07 18:49 - 1533 commenti

I gusti di Dusso

Terribile thrillerino di Castellari con una storia che non va da nessuna parte. Cast e recitazione mediocri (su tutti Frank Wolff), musiche di Morricone particolarmente anonime, ridicolo l'attentato al padre di Garko (con pure un gatto che ci si mette di mezzo) e inoltre, addirittura per ben tre volte, c'è un errore evidente in cui si vede la notte che diventa giorno. Finale noiosissimo. Da evitare con cura, credetemi!!!

Deepred89 11/08/07 18:14 - 3255 commenti

I gusti di Deepred89

Passabile. I problemi più grandi risiedono nella sceneggiatura, eccessivamente lenta e poco emozionante. La storia fatica parecchio a coinvolgere; le cose migliorano quando i fatti, seppur banalmente, iniziano a chiarirsi. Ottima invece la regia di Castellari, che opta per diverse geniali scelte registiche (tra cui il celebre scontro finale senza dialoghi) con varie inquadrature altamente bizzarre. Buona anche la fotografia e discrete le musiche di Morricone. Bravi Garko e la Ralli, ottimo come al solito Rey, discreto Mateos, mediocre Wolff.

B. Legnani 8/02/08 18:29 - 4671 commenti

I gusti di B. Legnani

Allungato, pertanto insipido. Quello che poteva diventare un interessante risultato, se condotto nello spazio di cinquanta minuti televisivi, finisce, diluito in un'ora e mezza, con l'essere troppo debitore verso le soluzioni artificiose ed iterate. Tensione zero. Bravo Wolff, bella (come sempre) la Ralli, Garko sorprendentemente capellone, Rey che lavora con la mano sinistra, ma divertente quando ragiona sull'ablativo e sull'accusativo.
MEMORABILE: La telefonata con la citazione in latino.

Cotola 3/03/08 18:39 - 7402 commenti

I gusti di Cotola

Splendido thriller da camera girato dal sempre bravo Castellari che, dopo un inizio tranquillo, dà il via ad una tensione crescente davvero notevole, che avvince lo spettatore nelle sue spire, lasciandolo andare solo alla fine, dopo la straordinaria ultima parte, quasi completamente muta. Ottima la regia, bella la sceneggiatura, bravi gli attori. Nel complesso un film di genere decisamente sopra la media, che non va assolutamente perso.

ShangaiJoe 17/07/08 12:08 - 32 commenti

I gusti di ShangaiJoe

Prepotente incursione "alla Castellari" nel thriller all'italiana. Il film si salva grazie alla maestria del regista e all'interpretazione dei soliti noti: Gianni Garko (qui in versione "capello double-face"), Giovanna Ralli (tanto anonima quanto essenziale), Frank Wolff nel ruolo del cattivone di turno e Fernando Rey giudice imparziale ma non troppo. Consigliato, per ragioni di completezza, agli aficionados del genere. Assolutamente evitabile se si è alla ricerca degli elementi "puri" del filone. Finalone assolutamente sotto le aspettative.
MEMORABILE: La telefonata in codice.

Homesick 25/01/09 08:54 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Considerevole. Un kammerspiel dalla tensione soffocante e inarrestabile, arricchito da uno stile eclettico – prolessi, allucinazioni, labirintici effetti optical – e sferzato dagli stridenti sperimentalismi sonori di Morricone. Alte le prestazioni di tutti gli interpreti, sui quali troneggia Wolff, dapprima razionale e atarassico, poi sempre più belluino e disperato sino al macello finale. I numerosi richiami alla giustizia che si arresta dinanzi alle colpe dei potenti preludono a La polizia incrimina, la legge assolve.
MEMORABILE: Curiosamente, lo stratagemma delle “istruzioni” in latino si ritrova anche nel coevo L’arciere di fuoco di Ferroni.

Capannelle 23/07/09 15:28 - 3689 commenti

I gusti di Capannelle

Rispetto ad altri film del filone possiede il merito di ricercare un filo logico abbastanza strutturato e più da giallo che da action. Purtroppo nel finale compie diversi salti mortali e perde fragorosamente l'equilibrio (tra pugnali multipli e un ridicolo disinnesco). Un equilibrio sostenuto finora da buone musiche, attori decenti (relativizzo eh!) e un minimo di tensione: lenta ma tiene. Per le caratteristiche di Castellari, ci possiamo accontentare.

Herrkinski 2/04/10 16:26 - 4960 commenti

I gusti di Herrkinski

Dal titolo sembra un classico giallo anni '70; invece ci troviamo di fronte a un noir dalle tinte drammatiche. Castellari è bravo a creare la giusta tensione e l'atmosfera claustrofobica, senza annoiare lo spettatore; infatti il film è quasi interamente ambientato nella stessa stanza, dove sono rinchiusi i 4 protagonisti (tutti meritevoli di lode per la buona prova attoriale, in particolare Garko e Wolff). Dalla metà in poi il crescendo di violenza e suspense è notevole, così come il finale; nel complesso niente male.

Trivex 30/03/11 16:33 - 1473 commenti

I gusti di Trivex

Spudoratamente lento, può ammaliare o annoiare a morte. Nonostante sia praticamente indoor, il motivo claustrofobico non è così avvertibile. La tensione invece è sensibile e insieme alla splendida forma di Wolff e soci determina la positiva risultante. Storia derivata ma esplicata bene, con un finale sostanzialmente in linea con i tre pallini complessivi. Da meditazione (ma leggera) e non consigliato agli utenti dinamici.

Xabaras 9/04/11 17:33 - 189 commenti

I gusti di Xabaras

La vera forza del film sta nell'indiscutibile capacità del regista di ricreare con rigorosa efficacia un'atmosfera claustrofobica e asfissiante che permea l'intero tessuto narrativo: dapprima placida e sotterranea. la tensione esplode in maniera deflagrante nel grandioso finalone muto, semplicemente da antologia. Morricone si adegua all'approccio stilistico ricercato da Castellari producendo uno score dalla non facile metabolizzazione ma che lascia il segno. Buona la resa del cast artistico: su tutti spicca Wolff, in una delle sue ultime apparizioni.

Fauno 7/12/11 10:04 - 1899 commenti

I gusti di Fauno

Claustrofobico ma decisamente valido, sia per la drammaticità dei processi farsa, nei quali si cerca la sentenza clamorosa e un unico colpevole, sia per le allucinazioni mentali di chi si sente giudicato e condannato una seconda volta. Queste ultime Castellari le rappresenta divinamente e posso davvero dire che è un regista di grande talento, anche se altri suoi film non sono stati all'altezza. Ottimo fra tutti Julian Mateos, estremamente violento e combattivo, che arriva a ribellarsi perfino al suo complice...

Pinhead80 27/11/12 18:58 - 3830 commenti

I gusti di Pinhead80

In questo film Castellari si cimenta con il thriller. Il risultato alla fin fine non è male, anche se sono evidentissime alcune grossolanerie per quanto riguarda il montaggio di alcune scene e pure per la sceneggiatura (giorno e notte alternate alla bell'e meglio e Fernando Rey che non esce mai dal suo studio, su tutte). Rimane però una buona dose di tensione e i più che sufficienti dieci minuti finali, che riscattano un film in parte deludente. Troviamo anche Karin Schubert in una scena mozzafiato a inizio film.

Lupoprezzo 24/12/12 16:06 - 635 commenti

I gusti di Lupoprezzo

Dopo un incipit un po' superfluo, la pellicola vira verso un violento thriller da camera sull'ingiustizia e sull'immunità del potere e la sua connivenza con l'imbroglio, valorizzato da una imprescindibile prestazione di Frank Wolff, vittima del sistema: implacabile prima, disperato dopo. La realizzazione non è esente dalle solite pecche tipiche delle produzioni del regista romano, ma il messaggio arriva e certi passaggi sono decisamente soddisfacenti. Il ruolo di Ferando Rey poteva essere gestito meglio e l'attentato fa un po' ridere.

Lucius 8/08/13 21:05 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Probabilmente troppo parlato ma di indubbio interesse. Il montaggio risulta claustrofobico e serrato e la pellicola, quasi priva di silenzi, si produce in un meccanismo a tratti farraginoso ma di grande tensione. La Ralli fa la sua bella figura perfettamente calata nel ruolo, mentre Morricone, con le sue partiture, pone la ciliegina sulla torta, valorizzando l'intera opera.

Nicola81 9/08/15 22:53 - 1905 commenti

I gusti di Nicola81

Teso, violento e claustrofobico thriller chiaramente ispirato a Ore disperate, ma capace di proporre una trama più articolata, con annessa denuncia della timidezza della magistratura di fronte agli imputati eccellenti. Castellari parte un po' in sordina, ma poi dimostra di saperci fare anche in un genere per lui inusuale. Bravi Wolff, Garko e la Ralli, discreto Mateos, Rey si aggrappa al mestiere, splendida la Schubert nell'ingannevole incipit. Adeguate le musiche di Morricone. Nel panorama italico anni '70 è senz'altro originale.
MEMORABILE: La telefonata in codice; Il violento finale.

Rufus68 17/04/16 21:56 - 3012 commenti

I gusti di Rufus68

Né un giallo, né un thriller; lo si potrebbe definire dramma psicologico da camera. E Castellari lo orchestra su una cupa ideologia di fondo, quasi alla Dürrenmatt: la giustizia è questione di classe; ed è il ceto sociale di appartenenza a determinare i vincitori e i vinti. Non a caso padre e figlio, apparentemente nemici (ma comunicano fra loro in latino, i despoti!), si riconosceranno, alla fine, quali complici. Ottimi gli attori ed eccellente il jazz d'avanguardia di Morricone, straniante e suggestivo bordone sonoro.

Alex1988 18/04/18 18:53 - 630 commenti

I gusti di Alex1988

Enzo G. Castellari, prima di esplodere con i suoi "poliziotteschi", fa una sua personale incursione nel thriller, che in quel momento stava spopolando con il fenomeno di Dario Argento. E lo fa rifacendosi all'Ore disperate di Wyler; il risultato è piuttosto soddisfacente, seppur non eccelso, ma la storia è realizzata con mestiere, fino al violento finale. Da riscoprire.

Jdelarge 19/11/18 20:10 - 842 commenti

I gusti di Jdelarge

A funzionare è l'atmosfera che Castellari riesce a creare per tutto il film, merito anche della bella location interna e della colonna sonora di Morricone. Ciò che, invece, non convince minimamente è la trama, statica come gli attori Garko e Wolff (stranamente entrambi insufficienti), che parte da un'idea vista e rivista. Non c'è un vero sviluppo della storia e tutto quello che avviene, oltre che prevedibile, è anche fastidiosamente inverosimile.

Giùan 15/08/19 14:46 - 2872 commenti

I gusti di Giùan

Duplicemente eccentrico: rispetto alla carriera di Castellani per il suo indulgere piuttosto sulla costruzione drammatica che non sugli exploit action, rispetto ai thriller italici del decennio per la paranoia claustrofobica che caratterizza personaggi e ambientazione. L'incipit con lo spettacolo teatrale "off" (splendida Schubert) e l'incontro Garko-Ralli è coinvolgente, pur se Giovanna prostituta convince poco, sacrificio finale compreso. Ben tratteggiato, pur se non nuovo, il rapporto Mateos/Wolff e l'odio di quest'ultimo per Rey, giudice fuoricampo.
MEMORABILE: Il flashback dell'omicidio del poliziotto; Gli scoppi d'ira improvvisi di Wolff.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.