Due magnum 38 per una città di carogne

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 16/05/07 DAL BENEMERITO DUSSO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Dusso 16/05/07 18:29 - 1540 commenti

I gusti di Dusso

Poliziesco poveristico di Pinzauti. Il protagonista è Dino Strano, che ha un viso giusto ma che nelle scene di lotta è ridicolo. Ci sono poi attori molto più conosciuti come Pistilli, Gordon Mitchell ed Erna Schürer, ma solo quest'ultima ha un ruolo importante e di rilievo, nel film. Sarà un po' per il master un po' troppo scuro e rovinaticcio e per la povertà dei mezzi, ma invece che un film del 1975 pare uno del 1965. Sarà anche per questi motivi ma ha un certo fascino: non è lento e seppur con evidenti difetti è piuttosto godibile e divertente.
MEMORABILE: Non si può non ridere al sogno del protagonista dopo essere stato pestato... (trash puro)

Renato 20/07/07 21:10 - 1619 commenti

I gusti di Renato

Un film poverissimo, ma con un suo perché. Intanto diciamo che la fotografia è ingiudicabile, dato il master che è stato trasmesso recentemente sul satellite; la storia è quella classica del picciotto che vuole farsi giustizia "solo-contro-tutti" perché la sua donna ha fatto una brutta fine. Banalità a iosa, ma non mancano alcuni momenti riusciti, ed i comprimari sono quelli giusti (Gordon Mitchell, Guido Leontini) e anche la musica è da film di serie A. Certo, l'inizio faceva sperare di meglio, ma tutto sommato vista la povertà produttiva mi sento di non bocciarlo, perlomeno non del tutto.

Iochisono 18/08/08 22:01 - 133 commenti

I gusti di Iochisono

Film allucinante, dalla messinscena dilettantesca come raramente si è visto. Tecnicamente imbarazzante: punti macchina, luci e posizione degli attori su tutto! La storia sembra imbastita via via, durante la realizzazione del film, con una infinità di raccordi e raccordini verbali in cui si cerca di far combaciare tra loro gli accadimenti. Incredibile vedere annaspare in un simile disastro gente come Gigi Pistilli e pretendere di credere a Dino Strano come protagonista cazzuto e sciupafemmine. Aveva osato farlo solo Demofilo Fidani prima...
MEMORABILE: ERNA SCHURER A DINO STRANO: "C'è qualcosa in te, siciliano, che manda misteriosamente le donne su di giri... e non sei nemmeno bello!"

Daidae 27/01/09 20:17 - 2790 commenti

I gusti di Daidae

Poveristico e confusionario poliziesco all'italiana. Dino Strano se la cava bene anche se non si capisce cosa sia esattamente: un mafioso, uno scrittore ribelle o un giustiziere? Nonostante tutto non si muore di noia, ci sono alcune belle scene e attori discreti come Leontini (qui nei panni di un odioso criminale) e Pistilli. Discreto.
MEMORABILE: Dino Strano con 2 magnum e la sgommata sul volto.

Homesick 19/07/10 08:33 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

In mezzo alla povertà assoluta di ambientazioni "casalinghe" e all'imbarazzante dilettantismo delle riprese affiora una storia di un certo mordente, imbibibita di gocce di romanticismo spicciolo e culminante in una vendetta e in un tragico epilogo consumati nel segno del noir classico. Da Strano agli ex uomini del peplum Mitchell e Lloyd, il cast allinea facce alquanto azzeccate per una produzione cinemabis, nella quale sono coinvolti, per probabili esigenze alimentari, anche i più nobili Pistilli, Musy e Leontini.
MEMORABILE: L'inseguimento tra i pini marittimi e l'incubo supertrash di Strano in cui sogna le facce dei suoi aggressori.

Il Dandi 22/07/10 13:51 - 1894 commenti

I gusti di Il Dandi

Poliziesco poverissimo, con i ritmi di una sceneggiata napoletana e lo specifico cinematografico di un fotoromanzo. Ad ogni modo si è visto addirittura di peggio. Inadeguato il protagonista, sprecati Leontini e Pistilli, il maestro Nicolai concede i suoi scarti. *1/2

Gestarsh99 16/08/10 13:38 - 1347 commenti

I gusti di Gestarsh99

Stravagante noir naif di Pinzauti, il quale, con una chiara punta autobiografica, ci regala un film girato senza troppi fronzoli, con l'antico motto del "buona la prima"; un'opera si ruvida e grossolona ma che riesce piacevolmente a sorprendere grazie soprattutto a scene di violenza sporche e durissime, di taglio quasi scorsesiano (con un pestaggio degno di Quei bravi ragazzi). Indubbiamente fumettistico, va apprezzato proprio in virtù del suo sfrenato dilettantismo che lo rende, in fondo, simpatico ed efficace. Impagabile Dino Strano, giustiziere ex novo.
MEMORABILE: La conclusione inaspettatamente nichilista.

Nicola81 20/09/10 12:11 - 2048 commenti

I gusti di Nicola81

Un noir realizzato con mezzi limitatissimi e diretto in modo a dir poco approssimativo; eppure, a sapersi accontentare, qualcosa di buono lo si trova, in particolare nella rappresentazione di una Roma mai così cupa e desolante, nella quale sembra esserci spazio soltanto per personaggi destinati alla sconfitta. Dino Strano è un protagonista rozzo e inadeguato, ma alcuni personaggi di contorno sono riusciti (su tutti il commissario di Pistilli e il vile magnaccia di Leontini). Frettoloso ma coinvolgente il finale. Musiche morriconiane di Nicolai.

Ciavazzaro 28/10/10 20:41 - 4768 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Curioso film che nonostante la povertà di mezzi risulta interessante, ma soprattutto si fa vedere dallo spettatore fino all'ultimo minuto senza rischi di noia. Ottima la Schurer, belle le musiche (riciclate!) Merita la visione almeno una volta. Tra le cose da citare pur nella sua assurdità l'incubo (da notare le facce degli aggressori!).

Fauno 14/03/11 20:53 - 1956 commenti

I gusti di Fauno

Cast valido e buona la resa degli attori, ma stona il romanticismo: in un film del genere va impiegato diversamente. Impossibile rompere unilateralmente i rapporti con la mafia ed uscirne vivi, figurarsi poi se la stessa ti manda anche degli uomini se sei in difficoltà, oltre a lasciarti fare lo scrittore fallito e il salvamignotte. Geniale anche se elementare la trovata delle due pistole... la morte a distanza la si era già vista l'anno prima e a farne le spese era stato nientemeno che Jeff Bridges, a quel tempo ancora illustre sconosciuto...

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Uomomite 13/07/11 01:53 - 174 commenti

I gusti di Uomomite

Poverissimo vendetta movie che riesce a tener desta l'attenzione dello spettatore fino alla fine (e già questo basterebbe a giustificarne la visione). Ma il "filmaccio" di Pinzauti, oltre a una trama che non si inceppa, ha anche altri elementi che lo elevano allo status di piccolo cult: il protagonista è uno scrittore in cerca di fortuna con un passato da killer mafioso (!!!), questo scrittore mafioso ha l'incredibile faccia di Dino Strano (affidargli un ruolo da "bello e dannato" è una trovata..come dire... geniale!). Azzeccate le (squallide) location. Bello il finale melodrammatico/trash.
MEMORABILE: L'incubo di Franco.

Rufus68 16/05/16 23:59 - 3221 commenti

I gusti di Rufus68

Ammettiamolo subito: Dino Strano è uno spasso. La ridicola sentenziosità con la quale attraversa il film, l'aria da duro (?), la calata sicula, le paturnie da scrittore fallito... tutto questo non può che mettere di buonumore. Il resto della pellicola si conforma irresistibilmente a tale fallimento attoriale. La produzione poverella aggiunge benzina al fuoco del disastro. A salvarsi son solo alcuni volti: un bottino assai gramo.

Il Gobbo 12/06/16 17:57 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Povero ma brutto di Pinzauti già inconcepibile dall'idea di partenza di Dino Strano scrittore (!) Il resto (l'uomo solo contro il milieu) non è freschissimo, ma non sarebbe neppure malaccio se per l'appunto la miseria della messa in scena non tarpasse ogni velleità. Non male la Schurer. Pistilli come sarà finito qui in mezzo? Colonna sonora con pout-pourri di altri film di Nicolai.

Pessoa 30/09/17 17:27 - 1364 commenti

I gusti di Pessoa

Gangster-movie dalla fattura artigianale messo su con pochi denari e tanta buona volontà. La storia, inutilmente involuta e piuttosto improbabile, fa il paio con una sceneggiatura assolutamente insufficiente. Strano, alla sua prima occasione da protagonista, si impegna ma resta un buon caratterista privo di vere e proprie capacità attoriali, mentre Leontini è come al solito bravissimo. Pistilli e Mitchell sembrano capitati lì per caso e non incidono. Ruoli non da tappezzeria per il cast femminile, anche se il livello è amatoriale. Insalvabile!

Azione70 2/09/18 01:20 - 146 commenti

I gusti di Azione70

Non è un film poliziesco. Non è un film d’azione. Non è un film d’amore. Semplicemente non è! Pellicola di serie Z, nella quale un “Siciliano” killer e scrittore si divide tra prostitute e brutti ceffi, senza alcun filo logico. Regia latitante, scene “povere”, dialoghi assenti. Anche il cast è di basso livello: si salva solo il buon Leontini, a suo agio nei panni di un viscido boss (Il piattola). Da segnalare un Gordon Mitchell qui totalmente estraneo dal plot più del solito. Da dimenticare.

Berto88fi 22/03/19 11:12 - 206 commenti

I gusti di Berto88fi

Poliziesco di periferia girato senza una lira, rozzo nella messa in scena, dozzinale a livello di regia e fotografia. Se almeno il cast di contorno può vantare piacevoli facce di genere (Pistilli, Leontini, Mitchell), il protagonista Strano è inadeguato, goffo e senza il "physique du rôle". Nel complesso mediocre ma divertente: l'atmosfera è bucolica e fumosa, le musiche discrete, le location perfette nel loro squallore, il finale spietato.
MEMORABILE: Il pestaggio (trash); L'inseguimento finale (buono).

Trivex 7/07/20 11:10 - 1520 commenti

I gusti di Trivex

Classico prodotto minore della filmografia “gangster & noir”. Nonostante i limiti oggettivi, si tratta di un film violento e sempre sostenuto da una atmosfera tesa e nervosa, un ritmo accettabile e una storia semplice ma gradevole da seguire. I componenti della gang hanno le facce giuste  i cazzotti facili mentre si distingue, tra i comprimari, la figura dell’ottimo Pistilli, qui commissario di PS. Il protagonista, seppur non proprio eccezionale come attore, copre la sua parte con convinzione. Dialoghi a tratti micidiali e finalone senza pietà.
MEMORABILE: Il protagonista, con la sigaretta perennemente accesa, anche quando stava male.

Noodles 27/11/20 23:51 - 993 commenti

I gusti di Noodles

Inserire una specie di melodramma in un thriller è uno dei tanti errori che caratterizza questa sconcertante pellicola. Una storia senza senso e confusa con personaggi del tutto inutili. Molto deludente la recitazione a partire dal protagonista - uno dei più imbarazzanti giustizieri del mondo della celluloide - fino agli attori secondari. Luigi Pistilli fa quel che può ma con sceneggiature simili non si può far nulla. Colonna sonora onesta. Il budget basso potrebbe giustificare in parte il risultato, ma c'è un limite a tutto. Pessimo.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Musiche Il Dandi • 22/07/10 01:51
    Contratto a progetto - 1490 interventi
    Lavoro al risparmio (e non meraviglia, data la produzione del film) anche per Bruno Nicolai:
    prima colleziona un brutto e anonimo tema "mafioso" a base di schiaccia pensieri siciliani, poi ricicla il tema melodico di La coda dello scorpione e quello thrilling di Tutti i colori del buio.
    Ultima modifica: 22/07/10 02:13 da Il Dandi
  • Discussione Gestarsh99 • 21/10/10 16:32
    Scrivano - 15513 interventi
    Stravagante mafia-movie del 1975 firmato da Mario Pinzauti.
    Dino Strano, attore feticcio dei "bucatini-western" di Demofilo Fidani, interpreta qui Franco Palermo, scrittore dal passato fallimentare, tormentato dai ricordi delle sue precedenti esperienze sentimentali. In un impeto d'orgoglio e determinato a ridare un senso alla propria esistenza, si improvviserà giustiziere per far piazza pulita dei delinquenti che hanno schiavizzato la sua ex, gettandola sulla strada.
    Con una chiara punta autobiografica, l'autore/scrittore Pinzauti ci regala un film girato senza troppi fronzoli, con l'antico motto del "buona la prima".
    Due magnum 38 è una pellicola alquanto ruvida e grossolona ma riesce piacevolmente a sorprendere grazie soprattutto a scene di violenza sporche e durissime, di taglio quasi scorsesiano,
    con un pestaggio degno di Goodfellas.
    Per gli interpreti secondari, tutti rigorosamente fuori da ogni schema di moderazione, si va dal prezzemolo degli z-movies
    Gordon Mitchell sino all'infido Guido Leontini, che compare nella parte di "er piattola" (addirittura, per una curiosa coincidenza animalesca, lo stesso attore sarà poi "er sogliola" nel successivo
    La banda del gobbo).
    Si aggiungano anche un finale dolorosamente nichilista e le belle musiche morriconiane di Bruno Nicolai ed il quadro è completo.
    Indubbiamente fumettistico, questo noir va apprezzato proprio in virtù del suo sfrenato dilettantismo che lo rende, in fondo, simpatico ed efficace.

    P.S. : La copia trasmessa in tv,credetemi, grida : VENDETTAAAAA!!!
  • Discussione Zender • 21/10/10 21:05
    Consigliere - 43942 interventi
    Vista la sufreccia al voto del Davinotti hai fatto bene ad argomentare, Gest :) Hai dato voce alla maggioranza. Ben scritto!
  • Discussione Gestarsh99 • 21/10/10 22:05
    Scrivano - 15513 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Vista la sufreccia al voto del Davinotti hai fatto bene ad argomentare, Gest :) Hai dato voce alla maggioranza. Ben scritto!

    Grazie Zender!
    Purtroppo era una "maggioranza silenziosa"...
  • Discussione Ciavazzaro • 22/10/10 20:31
    Scrivano - 5619 interventi
    Pensavo di averlo commentato,quindi rimedierò molto presto.
    Comunque un film curioso,che alla fin fine cattura.
  • Homevideo Daidae • 25/04/19 12:33
    Compilatore d’emergenza - 894 interventi
    È uscito in vhs per GVR
    Ultima modifica: 25/04/19 12:34 da Daidae
  • Homevideo Gestarsh99 • 25/04/19 13:11
    Scrivano - 15513 interventi
    Chissà se il master analogico è il medesimo trasmesso di tanto in tanto sul circuito televisivo di Telenorba.

    A tal proposito, la copia andata in onda su Teledue a fine novembre 2017 (e da me al tempo registrata) dura esattamente 01:27:35.

    Ecco il fotogramma col titolo:

    Ultima modifica: 25/04/19 17:39 da Zender