Carnival of souls

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Carnival of souls
Anno: 1962
Genere: horror (bianco e nero)
Note: Per il passaggio televisivo è stato usato il titolo tradotto, "Carnevale di anime". Aka "Corridors of Evil".
Numero commenti presenti: 23
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 23/11/06 DAL BENEMERITO ROSY
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Rosy 21/04/10 15:02 - 73 commenti

I gusti di Rosy

Reduce da un incidente d'auto, la Hilligoss vaga in uno stato di semincoscienza per l'intera pellicola; bellissima ma sfuggente, pare incoraggiare gli uomini ma si ribella quando questi tentano degli approcci, è estranea (nel senso latino del termine) a quanto le accade tanto da non essere talvolta vista né udita. Perseguitata da orribili visioni, stranamente attratta da una specie di luna park abbandonato, la protagonista si trova in realtà sospesa in un limbo surreale, incomprensibile per lo spettatore sino al drammatico epilogo. Un vero capolavoro.
MEMORABILE: I fantasmi che ballano all'interno del luna park, l'autobus dei non-morti, la protagonista che chiama i passanti senza ottenere risposta.

Manowar79 1/03/11 15:32 - 309 commenti

I gusti di Manowar79

Da E se oggi fosse già domani alle più recenti emulazioni di The others passando per intere decadi in cui l'argomento è stato percorso in lungo e in largo, alla fine è necessario puntualizzare l'importanza di questo film in quanto matrice del (sotto) genere horror/mystery. Atmosfere rarefatte, inquietudine, luci e ombre che si mescolano in uno straniante bianco e nero, sequenze allucinanti e visionarie fanno di questo film un must per cinefili e buongustai. Un film difficile, dal ritmo indigesto, ma dalle qualità assolutamente superiori.
MEMORABILE: La protagonista perde letteralmente il contatto con la realtà mentre suona l'organo da chiesa.

Lupoprezzo 1/03/11 18:19 - 635 commenti

I gusti di Lupoprezzo

Sorprendente horror d'atmosfera che si colloca a metà strada tra il cinema allucinato di Edgar G. Ulmer e quello onirico di David Lynch. Tutta la vicenda in cui è coinvolta la protagonista sembra un incubo ad occhi aperti, reso ancora più efficace dallo splendido utilizzo di desolanti campi lunghi. L'eccellente bianco e nero dà al film la giusta aria spettrale. Finale con sorpresa. Assolutamente da vedere.

Gestarsh99 6/03/11 12:31 - 1322 commenti

I gusti di Gestarsh99

Piccola ma intrigante ghost-story, declinata nelle forme angosciose di horror psicologico, che ha acquisito sempre maggior fascino e valore col trascorrere degli anni. Oltre all'evanescente ambiguità della Hilligoss, sospesa tra lasciva spaesatezza catatonica e scostante freddezza inanimata, quello che più inquieta è il clima rarefatto che stagna sull'intera vicenda, quella sensazione di minaccia impalpabile ed impotenza frastornante, resa ancor più enigmatica da manifestazioni irrazionali che digradano via via nel febbrile onirismo della surrealtà. Una perla screziata di morte.
MEMORABILE: I fantasmi che riemergono orribilmente dalle acque; il macabro balletto delle anime nel mega-padiglione abbandonato.

Undying 6/03/11 13:04 - 3840 commenti

I gusti di Undying

Prototipo d'un tipo di horror pessimista oggi molto in voga, Carnival of Soul ebbe scarsa accoglienza all'epoca dell'uscita per essere poi, giustamente, nel tempo rivalutato e apprezzato. Unica regia di Herk Harvey (nel film il persecutore ineffabile di Mary) ha un taglio visivo efficace, reso da un bianco e nero che ricorda, per certi aspetti, talune opere di Jacques Tourneur. Incomprensibile per gli spettatori dell'epoca, può contare sulla credibile e perfetta interpretazione di Candace Hilligoss, sventurata protagonista avvolta dal mistero e da una realtà parallela sfuggente e incomprensibile.
MEMORABILE: L'inquietante parco giochi abbandonato, apparentemente vuoto eppure animato da presenze spettrali.

Vawe 13/03/11 20:22 - 61 commenti

I gusti di Vawe

Un perfetto horror basato sull'atmosfera, che mette da parte effetti macabri per inquietare lo spettatore con la musica ricorrente dell'organo e con l'espressione attonica, dapprima e, in seguito, terrorizzata, della brava protagonista. Un luogo, quasi teatrale, da cui fuggire e al contempo ritrovarsi e ritrovare se stessa, dopo l'incidente in cui è caduta vittima Mary. Mary scappa da una figura oscura che la segue ovunque, deridendola. La figura è la sua ombra, deve portarla a destinazione, quella finale.
MEMORABILE: Le teste degli spiriti che emergono dall'acqua.

B. Legnani 11/12/11 23:47 - 4721 commenti

I gusti di B. Legnani

Curioso horror statunitense di serie B e unico lungometraggio del regista. L'idea, di questa storia di fantasmi non è male e il film ha almeno un bel momento di cinema (quello della salita sull'autobus all'uscita numero nove). Si scontra però con recitazioni mediocrissime (Berger, che fa Linden, il coinquilino, è davvero terribile), talora bilanciate dall'ottimo uso del bianco e nero e dal volto, non bello ma interessante, della protagonista. Qua e là persino impressionista. Guardabile: **
MEMORABILE: I passeggeri dell'autobus in partenza dall'uscita nove.

Homesick 11/12/11 19:05 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Opportunamente compresso, non avrebbe affatto stonato come episodio delle vecchie serie tv di The Twilight Zone, alle quali si accomuna nella predisposizione a calare la realtà quotidiana in una dimensione via via sempre più misteriosa ed irreale. L’esperienza in limine mortis - o anche in limine insaniae - è vissuta da una Hilligoss stranita e catatonica, perseguitata da visioni di spettrali, minacciose figure dagli occhi bistrati che sembrano desunte dalle migliori pellicole dell’espressionismo tedesco. Fosca e rarefatta la fotografia, ossessivi gli accordi d’organo liturgico.
MEMORABILE: La lugubre voce che annuncia la partenza di un autobus dai passeggeri decisamente “insoliti”; i balli nel padiglione abbandonato; l’invisibilità.

Stefania 23/08/12 21:33 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

L'anticamera dell'Ade è un pavillon desolato e fastoso, dove le anime dei neo-morti festeggiano l'ultimo giorno di un Carnevale mai iniziato; l'anticamera dell'Ade è Salt Lake City, ghost-town, evanescente eppure vivida come certi sogni sanno essere, città fantasma per le cui strade si aggira Mary, mentre la distanza tra lei e i vivi, distanza siglata da fughe prospettiche sempre più accentuate, si svela incolmabile. Impeccabile horror psicologico, saturo di ambiguità e di dolore, solenne come musica d'organo, malinconico come un addio.
MEMORABILE: "Ho sempre avvertito che tra me e gli altri c'era una... lontananza"; le maschere ceree e bistrate dei "compagni di viaggio" di Mary.

Giùan 7/09/12 22:27 - 2989 commenti

I gusti di Giùan

Straniante, spettrale gioiello fanta-horror che prelude, per contenuto e soprattutto condizioni produttive, al capolavoro romeriano sui living dead. Harvey, se da un lato razionalizza il materiale filmico, lavorando di sottrazione, dall'altro esaspera l'"ideuzza" portante dell'opera, raggiungendo inquietanti livelli di tensione parossistica. Così il ritmo risulta tetro e monocorde come quello delle opprimenti canne d'organo, mentre la indolente atarassia della Hilligoss produce "vibrati" francamente raggelanti. Peccato il balletto meccanico finale.
MEMORABILE: Le scene tra la Hilligoss e Berger, "sciupafemmine" viscido ed insistente, francamente insostenibile; La Hilligoss che suona in trance musica blasfema.

Puppigallo 10/09/12 11:29 - 4508 commenti

I gusti di Puppigallo

Girato con eleganza e capace di creare la giusta atmosfera, è un horror che non cerca di spaventare eccessivamente lo spettatore, ma più di traghettarlo, assieme alla protagonista, attraverso una sorta di incubo ad occhi aperti, con un'oscura presenza e la sensazione che la vita, intesa come tale (il calore dato dalle emozioni), non sia sempre presente, insinuando il sospetto che...Pur non avendo praticamente ritmo, la pellicola si avvale di buone interpretazioni (molto bene l'organista, spesso giustamente distante) e di un finale che è la logica e giusta conseguenza di tutto. Da vedere.
MEMORABILE: "Abbiamo un'organista che sa toccare l'anima"; La protagonista, come posseduta, suona una diversa melodia ed è in preda a visioni.

Mickes2 15/03/13 18:28 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Suggestivo e straniante horror psicologico d’atmosfera (tipicamente lynchiana) ambientato nella provincia americana, che mette in scena la deriva solitaria di una ragazza intrappolata all’interno di un limbo esistenziale sempre più degenerante, una vita sospesa tra l’aldilà e il reale dove le allucinazioni e le paure ancestrali sublimano nelle apparizioni di anime in festa dalle inquietanti fattezze, spiriti, così vicini e così lontani, nell’attesa di un arrivo. Si chiude un occhio sull’apporto recitativo non sempre all’altezza. Gioiellino.
MEMORABILE: L'allucinante apparizione in primo piano del faccione di Hark Harvey, del tutto paragonbile alla "maschera deformata" di INLAND EMPIRE.

Gianleo67 12/05/13 13:01 - 30 commenti

I gusti di Gianleo67

Percorso dal brivido sinistro della spettrale melodia di una sonata per organo, il dramma fantastico di Herk Harvey si tinge delle atmosfere cupe e bizzarre di una straziata reminiscenza di vita mortale, del tragico limbo di una vita sospesa tra il luccicante splendore del mondo reale e l'inesorabile dominio di un oscuro presagio di morte. Esempio di quel cinema minore e misconosciuto in cui all'originalità di uno spunto eccentrico si unisce il gusto gotico per un climax costruito sulle suggestioni del non detto e di una sottile allusività.
MEMORABILE: Le scene della profana e lugubre sonata intonata nella sacralità di un tempio cristiano e la disperata e impossibile fuga dalla stazione dei bus.

Ciavazzaro 5/07/13 16:10 - 4762 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Bell'horror che risulta essere molto inquietante. Per tutta la pellicola si respira un'atmosfera angosciante e di morte; brava la protagonista bella quanto dal fascino inquietante. Il resto del cast come recitazione è leggermente superiore alla media del genere e la fotografia è di gran fascino. Da citare l'inquietante luna-park abbandonato. Il pericolo è incombente, una corsa contro il destino inesorabile.
MEMORABILE: La musica blasfema; Il finale.

Acid burn 24/01/18 23:00 - 45 commenti

I gusti di Acid burn

Lento, quasi soporifero; solo la partenza è rapida e concisa. Ma deve essere seguito attentamente, si deve avere fiducia di trovarsi di fronte a un'opera notevole, perché alla fine tutto torna e si comprendono scene, elementi e immagini. Ispirato sicuramente a quel gioiellino che è "Le quattro ore del terrore" di L. Ron Hubbard (racconto del 1948), ne conserva il tema di fondo ma ne cambia tutto il contesto, lasciando però più indizi su cui riflettere.
MEMORABILE: La suonata sull'enorme organo; La stazione degli autobus; L'arrivo al Luna Park; I minuti finali.

Schramm 29/11/18 17:20 - 2414 commenti

I gusti di Schramm

Nei registi più appassionati e scaltri, una scarsità di fondi rasente l’indigenza è temperalapis di un ingegno così acuminato da essere codificabile come arma impropria: il più psicotropo espressionismo in spalla, vertiginosa profondità di campo (quando la pellicola era poca, sapere come/dove mettere la mdp era il mazzo di chiavi di San Pietro), la vita come sogno dei morti (siamo o no quel che ci manca?), la morte armata napoleonica per i viventi, l’enigma di ciò che siamo e vediamo come deità artistica. Un’opera povera ma ricca, che merita almeno una prova tecnica di resurrezione.

Cotola 9/01/20 18:28 - 7521 commenti

I gusti di Cotola

Un incidente mortale, una ragazza che sopravvive miracolosamente. Ma da quel momento la sua vita non è più la stessa. Film a bassissimo costo che si regge su una sola idea che viene tirata un po' per le lunghe. Sangue ed effetti speciali sono banditi, ma riesce a creare una bella atmosfera che regala suggestioni e qualche inquietudine. Finale che oggi risulta più che prevedibile, all'epoca meno. Non è escluso che abbia influenzato qualche horror successivo. Buona la forma. Musica ossessiva. Terribile la recitazione. Discreto.

Anthonyvm 24/01/20 15:41 - 1926 commenti

I gusti di Anthonyvm

Dietro l'aspetto cheap di un B-movie da drive-in si nasconde uno degli horror visionari più influenti del ventesimo secolo, sia per la forza suggestiva delle immagini (Romero ne farà tesoro nelle sue notti) sia per la genialata del twist finale, oggi arcinoto ma all'epoca dirompente. Ottima la protagonista, la cui fredda e ambigua bellezza cela un misto di fragilità e repressione (prima della Repulsione polanskiana). Forse troppo lento, ma gli ultimi venti minuti non si dimenticano. Da vedere in double bill con Dementia, altra gemma oscura.
MEMORABILE: Il luna park abbandonato, perfetta metafora mortifera; Le anime escono lentamente dall'acqua; La terrificante scena dell'autobus; Il finale shock.

Ryo 26/03/20 18:34 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Un'horror affascinante per l'epoca, in cui si respirano le grandiose atmosfere di Ai confini della realtà. Molto convincente la recitazione della protagonista, inoltre la colonna sonora, le inquadrature e il trucco contribuiscono a ricreare un'atmosfera malsana e misteriosa. Nonostante i dialoghi banali e gli effetti speciali camp, il film resiste alla prova del tempo e vale davvero la visione, soprattutto per i fan dei vecchi horror.

Caesars 8/04/20 09:51 - 2690 commenti

I gusti di Caesars

All'epoca probabilmente il tema del film poteva rappresentare una novità, purtroppo visto al giorno d'oggi è facile immaginare quale sarà l'epilogo. Oltre a ciò il film, pur nella sua brevità, sembra più lungo di quanto sia in effetti, a causa di un ritmo troppo lento e della quasi assenza di momenti "forti" in grado di scuotere lo spettatore. Comunque, inquadrato l'anno di realizzazione, la pellicola ha qualche freccia al suo arco: una buona interprete principale, un'atmosfera inquietante e un efficace uso del bianco e nero. Discreto.

Deepred89 5/05/20 17:54 - 3282 commenti

I gusti di Deepred89

Universalmente noto più per ragioni in piena area spoiler che per l'effettivo valore artistico, Carnival of Souls gode in realtà di una messinscena interessantissima: datata quando cerca lo spavento, con cascami espressionisti in certi pesanti make up, ma sapiente quando punta alla semplice suggestione, tra silenziosi balli dal gusto funereo e una notevole abilità nell'immortalare esterni sinistri e isolati. Durata giustamente breve, ma l'odioso personaggio del vicino marpione era degno di un ulteriore scorciata. Finale piuttosto irrisolto.

Il Dandi 7/06/20 23:33 - 1772 commenti

I gusti di Il Dandi

Piccolo gioiello, adorabile B-movie paradigmatico dell'horror a basso costo dell'epoca. A dispetto del finale, cui si deve l'istituzione del suo status di culto (l'influenza su pellicole immediatamente o di molto successive è trasparente) ma che oggi ha perso parte della sua carica spiazzante, l'anima del film sta nella sua capacità di compensare gli evidenti limiti di budget (che pesano soprattutto sulle recitazioni, invero quasi dilettantesche) con una fotografia da urlo, capace di rigenerare la lezione espressionista. Scarno (e infatti brevissimo) ma essenziale anche in altri sensi.    
MEMORABILE: Il ballo nel Luna Park abbandonato. 

Bubobubo 4/09/20 11:01 - 1199 commenti

I gusti di Bubobubo

Posto difficile dove vivere, l'America rurale dei primi anni '60, specialmente per una giovane donna che sotto lo stereotipo estetico della bionda d'esportazione nutre un'inconscia androfobia, le cui radicali manifestazioni tracimano nell'irrazionale. È uno dei rari casi di horror low budget del tempo (un unicum, per giunta) in cui l'orrore della vicenda, pur senza ricorrere a nessuno degli espedienti grafici dello splatter da grindhouse, percola da ogni suo poro (il solo incipit dirà più di qualcosa agli amanti di Twin Peaks). Certo, gli attori sono modesti, ma Harvey non è Bergman.
MEMORABILE: La danza degli spettri nel padiglione abbandonato; Suonando l'organo in trance; Un autobus colmo di spettri.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Zender • 13/12/11 15:34
    Consigliere - 43513 interventi
    Sì, a meno che non sia una mera traduzione letterale improvvisata dalle guide. Nel senso che da noi non è mai uscito e che su Rai tre sarà andato coi sottotitoli, quindi è una traduzione per modo di dire intendo. O è passato in italiano?
  • Discussione Caesars • 13/12/11 17:13
    Scrivano - 10691 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Sì, a meno che non sia una mera traduzione letterale improvvisata dalle guide. Nel senso che da noi non è mai uscito e che su Rai tre sarà andato coi sottotitoli, quindi è una traduzione per modo di dire intendo. O è passato in italiano?

    Non so dirti, in quanto il film non l'ho visto. Credo che sia passato in originale con sub, ma che il titolo fosse tradotto l'ho letto nelle note della scheda. Può darsi che fosse una semplice titolazione elettronica prima del film stesso. Credo che nei fuori orario di Ghezzi, Dio lo benedica per il fatto di proporci film altrimenti invedibili, sia fatto abbastanza comune. Volevo capire se c'è una regola precisa da seguire.
  • Discussione B. Legnani • 13/12/11 17:34
    Consigliere - 13809 interventi
    Caesars ebbe a dire:
    Zender ebbe a dire:
    Sì, a meno che non sia una mera traduzione letterale improvvisata dalle guide. Nel senso che da noi non è mai uscito e che su Rai tre sarà andato coi sottotitoli, quindi è una traduzione per modo di dire intendo. O è passato in italiano?

    Non so dirti, in quanto il film non l'ho visto. Credo che sia passato in originale con sub, ma che il titolo fosse tradotto l'ho letto nelle note della scheda. Può darsi che fosse una semplice titolazione elettronica prima del film stesso. Credo che nei fuori orario di Ghezzi, Dio lo benedica per il fatto di proporci film altrimenti invedibili, sia fatto abbastanza comune. Volevo capire se c'è una regola precisa da seguire.



    Esatto quanto ho sottilineato. Per questo motivo, inserito il mio commento, NON ho modificato il titolo anglofono, in questo caso per noi "ufficiale", e l'aka in questione.
    Ultima modifica: 13/12/11 17:35 da B. Legnani
  • Discussione Panza • 17/03/13 13:17
    Contratto a progetto - 4947 interventi
    Il link "Film in lingua originale" non funziona.
  • Discussione Zender • 17/03/13 18:12
    Consigliere - 43513 interventi
    Sì, non so chi metta questi link di film interi. Evitatelo!
  • Discussione Caesars • 20/09/18 15:11
    Scrivano - 10691 interventi
    Un'intera bobina del film è stata perduta dal laboratorio di sviluppo della pellicola. La cosa è stata detta dal regista stesso in un'intervista a Tom Weaver e riportata in "Science Fiction Stars and Horror Heroes (Mac Farland, 1991).
    [fonte blog di Rudy Salvagnini: Odds & Ends]

    qui sotto il link:

    http://rudysalvagnini.blogspot.com/2010/04/il-dizionario-dei-film-horror-e-herk.html
  • Discussione Caesars • 8/04/20 12:04
    Scrivano - 10691 interventi
    So che in generale non si dovrebbe parlare di locations di film stranieri, ma questa è una piccola curiosità.
    L'inquietante edificio che continua a richiamare la protagonista è il Saltair, vicino a Salt Lake City.
    Tale struttura è immortalata anche nella cover del bootleg dei Beach Boys "Unsurpassed Masters, Vol. 19"

    Ultima modifica: 8/04/20 18:20 da Zender
  • Discussione Zender • 8/04/20 18:21
    Consigliere - 43513 interventi
    Non è tanto quello, che una volta ogni tanto si può fare, è che per postare una location esistono regole un po' complesse :)
  • Discussione Il Dandi • 8/06/20 13:14
    Contratto a progetto - 1435 interventi
    Chiedo scusa perché l'utente non mi pare più fra noi, ma il commento di Uomomite va ben oltre lo spoiler. 
  • Discussione Zender • 8/06/20 15:12
    Consigliere - 43513 interventi
    Vero, lo lascewremo qui con la scritta
    SPOILER
    (commento di Uomomite)
    Mary, sei morta, non ti sei accorta? Lei anime bussano alla porta, sono venute a prenderti. Dove credevi di andare? Una di noi, una di noi, sei una di noi. Una vita in un batter di ciglia. Un buco strettissimo, ci si passa appena. Oh my god! Is this the truth? Oh, lago nero, lago nero, lago nero. Repulsion di Polanski è praticamente un remake. Sublime.