Open range - Terra di confine - Film (2003)

Open range - Terra di confine
Lo trovi su

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 19/12/07 DAL BENEMERITO LOVEJOY
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Lovejoy 19/12/07 18:21 - 1823 commenti

I gusti di Lovejoy

Un western parente stretto del cinema di Mann (Anthony) e Peckinpah. Di Mann per la figura dei due protagonisti (uno dal passato misterioso, l'altro con un futuro incerto a causa del malvagio di turno che soffia ai due cowboys la mandria che trasportavano oltre il confine). Di Peckinpah sopratutto per la resa dei conti finale, spettacolare e selvaggia come non se ne vedono al cinema di questi tempi. Dedicato alla memoria di Michael Jeter, scomparso poco dopo la fine delle riprese.
MEMORABILE: La sparatoria finale, degna del miglior Peckinpah.

Galbo 10/01/08 15:58 - 12419 commenti

I gusti di Galbo

Ottimo film che ha permesso a Costner di tornare a vette mai raggiunte come regista ed interprete dai tempi di Balla coi lupi. Come nel suo celebrato capolavoro, anche in Open Range, Costner costruisce un memorabile western rielaborato con la sensibilità moderna. Ampi spazi, bellissimi contesti naturali (ottimamente fotografati) e nello stesso tempo particolare attenzione alla definizione psicologica dei personaggi e un tocco molto delicato per raccontare la parte sentimentale della storia. Notevole.

Saintgifts 30/05/09 23:51 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

L'incipit del film dove in una carellata su una vallata spettacolare, in sella al suo cavallo, appare Duvall che scruta un cielo minaccioso, promette cose che saranno mantenute fino alla parola fine. Un bel western classico girato come si deve che, una volta di più, ci racconta come sia nato quel grande paese dove, poco più di cent'anni fa, la legge era ancora del più forte "cattivo" ma anche del più coraggioso "buono". Ben interpretato e molto curato, una fotografia super. La sparatoria finale è molto realistica, anche nel suono degli spari.

Hackett 17/05/10 07:25 - 1868 commenti

I gusti di Hackett

Costner sente un grande affetto ed un grande senso di debito con il genere che gli ha dato fama mondiale e non tradisce il suo amore per il polveroso west in questa pellicola dal respiro classico dei film di frontiera. Personaggi realistici per una storia dura e ruvida, che vede il buon Kevin, affiancato al mitico Duvall, alla guida di un cast stellare. Da riscoprire.

Belfagor 19/04/11 12:38 - 2690 commenti

I gusti di Belfagor

Ormai viene realizzato a malapena un western all'anno, ma è il caso di dire "pochi, ma buoni". Costner costruisce una pellicola dall'aspetto classico con una chiave di lettura moderna sul mito della frontiera, soffermandosi sulla caratterizzazione psicologica dei personaggi e sulla potenza scenografica delle ambientazioni, valorizzate da una fotografia eccellente. La storia di giustizia e vendetta dà vita ad una serie di conflitti che si risolveranno in una violenta sparatoria finale, il cui realismo è degno di Peckinpah.
MEMORABILE: L'intera sparatoria finale.

Giacomovie 24/11/12 18:20 - 1399 commenti

I gusti di Giacomovie

Buon ritorno al western di Costner, che stavolta invece di ballare coi lupi lo fa con tutti gli ingredienti tipici del western classico, riproponendoli in modo pacato ma ugualmente interessante. Il film si compiace della sua classicità con un'impostazione di ampio respiro che ne rimarca la componente riflessiva, anche se ciò alla lunga lo rende meno avvincente.

Rambo90 27/03/13 23:22 - 7707 commenti

I gusti di Rambo90

Un grandissimo western, che ha l'ampio respiro dei classici anni 50 e 60, i colori caldi e profondi di una fotografia davvero bella e l'epicità di personaggi che già dopo pochi minuti ci sono simpatici. Eccellente Duvall, ben spalleggiato da Costner (ottimo anche in sede di regia) e da un cast davvero azzeccato (chi se l'aspettava Albus Silente così incisivo come cattivo). Da non perdere.

Cotola 18/01/14 15:41 - 9087 commenti

I gusti di Cotola

Ottimo film, firmato da Kostner, che permette di riassaporare il western classico con i suoi ingredienti. Non ci sono quindi novità da segnalare, ma tutto è svolto nel migliore dei modi, tanto che alla fine il risultato è ragguardevole. Regia invisibile, bella sceneggiatura, ritmo elevato, buone prove degli attori, gran bel finale. Chi ama il genere farebbe bene a recuperarlo.

Capannelle 29/10/15 17:47 - 4421 commenti

I gusti di Capannelle

Buon western che propone un'efficace atmosfera e valide interpretazioni, anche se lo schematismo della trama e l'abbondanza di buoni sentimenti rischiano di indispettire chi guarda. Il tutto viene però riscattato da un duello finale tosto e iperrealista. Lunghetto come durata, sforbiciare qua e là avrebbe aiutato.

Alex1988 15/05/17 19:17 - 728 commenti

I gusti di Alex1988

Dopo l'affresco storico di Balla coi lupi Costner torna dietro la macchina da presa con un western. Stavolta la storia non è nient'altro che un omaggio ai grandi maestri del genere: John Ford e, per la sparatoria finale, Sam Peckinpah. La confezione è un po' pomposa e il ritmo ne risente, ma il prodotto finale è apprezzabile. Inutile dire che, in quanto a recitazione, Duvall sorpassa di gran lunga Costner.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Spazio vuotoLocandina Balla coi lupiSpazio vuotoLocandina L'uomo del giorno dopoSpazio vuotoLocandina Vergini indiane per il totem del sessoSpazio vuotoLocandina Conta fino a 3 e prega!

Puppigallo 20/01/20 15:36 - 5299 commenti

I gusti di Puppigallo

Quello che si dice un buon western, penalizzato però da un'eccessiva durata, non sempre giustificata, soprattutto verso la metà e dopo lo scontro finale (lì un po' di sana sintesi avrebbe giovato). Resta comunque una pellicola girata con mestiere, i due protagonisti sono in parte e affiatati (i loro scambi verbali sono simpatici e non banali), la tensione qua e là non manca; e il bastardo di turno, con sgherri e sceriffo al soldo, fa il suo sporco dovere. Merita la visione, con una menzione speciale per l'accoppiata sigari e cioccolato fondente.
MEMORABILE: "Lei è una vergogna, sceriffo". "Lo so, sono fatto così"; Gelsomino; Lo scontro finale, con faccia a faccia alternati a sparatorie a media distanza.

Daniela 17/10/20 12:03 - 12699 commenti

I gusti di Daniela

Nella sua migliore regia dopo Balla coi lupi, Costner si cimenta con uno dei temi portanti del western classico - la contrapposizione tra mandriani nomadi e latifondisti - avendo l'accortezza di farsi affiancare nel cast da una roccia come Duvall. La prima parte lascia respirare la bellezza delle praterie sconfinate, ben servita dalla fotografia e appena incrinato da un eccesso di didascalismo nei dialoghi, mentre la seconda è appesantita dalla prevedibilità della parentesi sentimentale ma ritrova un piglio energico nella battaglia per le strade del villaggio, epica e brutale.

Rocchiola 26/01/21 08:18 - 974 commenti

I gusti di Rocchiola

Meglio di Balla coi lupi. Costern si conferma un inguaribile romantico e alla fine i buoni vincono sempre ma con addosso qualche ombra scura in più. Un western classico, forse un po' ingenuo ma ancora capace di emozionare. Peccato che nel calderone delle molte citazioni, che vanno da Un dollaro di onore fino a Gli spietati a mancare sia solo il grande Peckinpah, il cui tragico individualismo autodistruttivo pare dimenticato dal western moderno. I riferimenti più ovvi sono Hawks e Ford e alla fine più che Eastwood l’ultimo dei classici è proprio lui, il bel Kevin.
MEMORABILE: La sparatoria finale nelle strade cittadine; Il sogghignante killer interpretato da Kim Coates; L'apparizione degli uomini di Baxter incappucciati.

Minitina80 12/01/23 01:09 - 2990 commenti

I gusti di Minitina80

Si lascia apprezzare per la bellezza dei paesaggi e il tocco delicato della regia che cattura le immagini in punta di piedi, quasi a non voler disturbare. Gli elementi che contraddistinguono il genere non mancano, anche se molti luoghi comuni sono stati eliminati e si percepisce la volontà di andare oltre. Duvall ruba la scena a Kostner e il suo personaggio dimostra di non dover invidiare molto a volti celebri che lo hanno preceduto. La resa dei conti è ben girata e cattura l’attenzione, per quanto i due protagonisti siano capaci di schivare pallottole con irreale semplicità.

Cristina 27/03/24 09:12 - 16 commenti

I gusti di Cristina

Uno dei migliori western del nuovo millennio. Tutti bravi gli attori protagonisti e non, Robert Duvall è comunque come quasi sempre una buona spanna sopra gli altri. Il titolo italiano è piuttosto incongruente, dato che l'originale significa "Pascolo libero", senza confini. Nelle oltre due ore di durata (passano via come niente de è buffo che a risultare un po' troppo lunga sia la sparatoria nel finale) c'è spazio pure per una quasi commedia degli equivoci con protagonista la bella e dolce Bening. La regia e l'interpretazione di Costner sono molto valide, anche se non perfette.

Luluke 3/04/24 17:58 - 106 commenti

I gusti di Luluke

Nello sforzo di emulare Gli spietati il film perde il confronto, soprattutto per il finale melenso, ma conserva molti pregi. A cominciare dalla splendida ambientazione e da una fotografia dei luoghi che fornisce i giusti tempi a una prima parte lenta nel suo incedere, comunque mai noiosa. Ma anche per la lunga sparatoria, sporca e cruenta, perciò credibile. Duvall si conferma un fuoriclasse che nobilita qualsiasi film in cui recita. Qui riesce a compensare il protagonismo di Costner che sembra schiavo del ruolo di bello e dannato che alla fine si converte all'amore.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Discussione Daniela • 17/10/20 12:13
    Gran Burattinaio - 5929 interventi
    Soggetto dal romanzo omonimo dello scrittore statunitense Lauran Paine, pubblicato nel 1990.

    Il film fu dedicato alla memoria di Michael Jeter, noto caratterista americano che era morto a soli 51 anni pochi mesi dopo la fine delle riprese. 
  • Discussione Galbo • 17/10/20 12:43
    Consigliere massimo - 3992 interventi
    un film a mio avviso sottovalutato dal pubblico
  • Homevideo Rocchiola • 26/01/21 08:30
    Call center Davinotti - 1264 interventi
    Malgrado si tratti di un film abbastanza recente in Italia è uscito solo in DVD distribuito da Medusa. Il prodotto in questione, disponibile anche come special edition a doppio disco con svariati extra, è ormai fuori catalogo e benchè ancora reperibile on-line inizia a costare parecchio. Con un pò di fortuna lo si può anche trovare nelle bancarelle dell'usato. Sinceramente il fatto che non sia mai stato ristampato è abbastanza misterioso. Qualitativamente il video è discreto, presentato nel corretto formato panoramico 2.35 offre immagini pulite anche se migliorabili sotto il profilo della definizione che rimane piuttosto blanda lungo tutta la durata del film soprattutto se lo si visiona su di uno schermo di grandi dimensioni. Buono l'audio italiano 5.1 che presenta una discreta potenza e buona chiarezza. Esiste anche una versione a 3DVD con il film presentato in alta definizione ma non ho mai avuto occasione di visionarla. Chissà, prima o poi, uscirà in bluray !!!