Butch Cassidy

Media utenti
Titolo originale: Butch Cassidy and the Sundance Kid
Anno: 1969
Genere: western (colore)
Note: Ha un prequel: "Il ritorno di Butch Cassidy e Kid".
Numero commenti presenti: 19

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 12/03/07 DAL BENEMERITO CAESARS
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Caesars 12/03/07 17:02 - 2719 commenti

I gusti di Caesars

Per la prima volta vediamo Paul Newman e Robert Redford insieme, diretti dal buon George Roy Hill (stesso cast del successivo, ottimo, La stangata); il film rimane a metà strada tra il western e la commedia brillante, anche se il finale avrà una svolta decisamente drammatica. I protagonisti sono decisamente simpatici ed interpretati in modo magistrale dalla coppia Newman-Redford; la musica di Burt Bacharach ha fatto epoca. Ottimo esempio di un modo di fare cinema che è scomparso. Da vedere.

Sadako 31/03/07 19:10 - 177 commenti

I gusti di Sadako

I fuorilegge sono sempre stati parte del mito americano, nel bene o nel male. In questo film, due dei più ricercati banditi dell'epoca, Butch Cassidy e Sundance Kid, vengono ritratti con mano leggera e divertita, diventando simpatici e accattivanti protagonisti di avventure dal sapore meno drammatico e brutale di quanto non fossero in realtà. Per non togliere la patina del mito, il finale drammatico si chiude con un fermo immagine, lasciando allo spettatore la scelta di credere o meno alla "fine" della coppia.

B. Legnani 12/07/07 00:22 - 4743 commenti

I gusti di B. Legnani

Costituì un vero grande successo, grazie alla indiscutibile brillantezza della sceneggiatura, la quale ben sposava la commedia al western e all’avventura, il tutto condito con due grandi attori, cui si aggiungeva la deliziosa Katharine Ross. Un buon film.

Galbo 3/01/08 05:26 - 11415 commenti

I gusti di Galbo

Insieme ad un fim violento ed iperealista ma completamente diverso come Il mucchio selvaggio di Peckinpah, Butch Cassidy ha radicalmente cambiato il western americano. Vengono infatti introdotti i toni della commedia, cosa quasi inedita per il genere e il film ha un andamento quasi onirico per tutto lo svolgimento eccetto forse il finale lasciato volutamente in modalita' di sospensione. Molto buone regia e colonna sonora (anche se straniante per un western). Bravi Newman e Redford. Efficace la regia di Hill.

Cotola 1/06/08 23:16 - 7549 commenti

I gusti di Cotola

Splendida rilettura scanzonata dei miti del Western, caratterizzata da un ritmo a tratti indiavolato, da una fotografia maestosa dell'immenso Conrad Hall (premiato giustamente con l'Oscar), da una godibilissima ed indimenticabile colonna sonora di Burt Bacharach (anche qui Oscar meritato) e da una coppia di attori semplicemente magnifici. Chi si aspetta un western sporco, veritiero e fedele alla realtà resterà, forse, deluso. Moltissime le scene memorabili.
MEMORABILE: Newman e la Ross in bicicletta; il lungo inseguimento; le "lezioni" di spagnolo; la prima rapina in bolivia; il finale.

Sunchaser 30/09/08 16:00 - 127 commenti

I gusti di Sunchaser

Western anomalo, sia per i suoi due protagonisti (due ladri gentiluomini, interpretati magnificamente da Newman e Redford, che divenne una star), sia per il suo ritmo che alterna un tono da commedia leggera a scene d'azione tipiche del genere, sia per gli stranianti coretti lounge della colonna sonora, che oggi appaiono come un colpo di genio, ma che nel 1969 lo stesso Redford si chiedeva cosa mai c'entrassero con un western. La somma di questi elementi produsse un capolavoro che fu amato sia dal pubblico sia dalla critica.
MEMORABILE: Indimenticabile Newman che gioca con la bicicletta insieme alla Ross.

Patrick78 18/01/09 13:01 - 357 commenti

I gusti di Patrick78

Connubio attoriale da annali cinematografici, film western in stile picaresco, occasione leggermente mancata da Roy Hill, il quale sdrammatizza un tema che poteva senza ombra di dubbio essere più incisivo. Pluripremiato dall'Academy anche in maniera spropositata, sembra La stangata in versione Far West, con la coppia di belli più famosa di Hollywood che impersonano i due fuorilegge Butch Cassidy e Sundance Kid. Una domanda sorge spontanea: se al posto di Redford/Newman ci fossero stati altri due attori, in che termini ora staremmo parlando del film?

Belfagor 9/06/10 10:16 - 2624 commenti

I gusti di Belfagor

Maltin lo definisce "uno studio sui personaggi tragicomici travestito da western". Non potrei essere più d'accordo. Decisamente singolare per via dell'atmosfera da commedia e le musiche non proprio ortodosse per il genere, deve il proprio successo ad una sceneggiatura brillante e al duo di protagonisti senza i quali non sarebbe stato di certo lo stesso film. Agli antipodi rispetto all'iperrealismo di Peckinpah e alla calcolata lentezza di Leone, ma invero meritevole anzichenò!

Cif 17/01/11 18:21 - 272 commenti

I gusti di Cif

Fotografia splendida, dai toni cupi. Gran ritmo. Che dire poi della coppia di protagonisti e ancora della notevole colonna sonora? Il film ha fatto epoca e questo pesa e condiziona un giudizio attuale. Non un capolavoro (e nemmeno ne ha la pretesa), comunque un bel film, assai godibile. Il miglior pregio sta forse nel rivitalizzare un genere - il western - già in declino in America, innestando elementi di novità (il tono brillante), in una ideale "risposta" al successo di Leone e degli spaghetti-western. Tre pallini.
MEMORABILE: Newman è un mattatore, tiene la scena come nessuno, Redford più silenzioso, beffardo: insieme sono una miscela esplosiva, regalano duetti memorabili.

Homesick 4/04/11 17:03 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

I due leggendari fuorilegge del West Butch Cassidy e Sundance Kid vengono ricordati con un western scanzonato, esposto alla ventata libertaria del Sessantotto che li fa apparire più come bambinoni ribelli che veri banditi. È proprio questa eccessiva leggerezza di tocco, unita ad una certa ripetitività d’insieme, a costituire il limite di un film per il resto confezionato accuratamente (scenografie, luoghi, musiche) e poggiante su due carismatici personaggi dall’opposta indole, cui dà man forte l’efficace doppiaggio italiano (Locchi per Newman e Barbetti per Redford). Finale in stand-by.
MEMORABILE: Il tuffo; le difficoltà con la lingua spagnola durante la prima rapina in Bolivia; la celeberrima canzone “Raindrops keep fallin’on my head”.

Almicione 1/08/14 02:22 - 765 commenti

I gusti di Almicione

Butch Cassidy e Sundance Kid, ovvero Paul Newman e Robert Redford, ovvero la coppia più bella del cinema. Eh sì, perché l'intera pellicola non ha nulla di straordinario se non loro, l'uno la controparte dell'altro nel carattere e nelle abilità. Vederli all'opera, o ancora meglio in fuga, è un piacere, specialmente se il tutto è condito da qualche arguzia e una donna cotta d'entrambi. Comunque Hill dirige bene questo western alternando sagacemente momenti di suspense e azione con azzeccate pause. Non ho gradito la connessione con le foto. Bello!
MEMORABILE: "Ehi Kid... ehi Kid! Sei davvero un fulmine?"; Sundance che spara al serpente. Anzi, Sundance che spara.

Jandileida 20/11/14 12:13 - 1258 commenti

I gusti di Jandileida

Piacevole e ritmato western diretto con mano leggera da Roy Hill e impreziosito dalle prove, sempre di spessore, di due mostri sacri del cinema americano come Newman e Redford (che oltretutto in coppia davano sempre il meglio di se stessi). Indicate tali note positive, posso dire in tutta franchezza che apprezzo molto di più l'approccio sanguigno e nichilista di Peckinpah: in questo film alcune scenette d'amore e tutto il sottinteso dell'amicizia virile dopo un po' vengono a noia come una sceneggiatura sì diligente ma un po' ripetitiva. Conciliante.

Gordon 7/12/15 14:33 - 170 commenti

I gusti di Gordon

Un western insolito che si basa su una solida regia di Hill, una buona sceneggiatura e sulla verve dei due straordinari attori protagonisti, Newman e Redford, che in un film del genere riescono a infilare ottimi intermezzi di comicità senza far cadere il film nel ridicolo. La fotografia e le musiche sono ottime; dispiace solamente per una scarsa ricostruzione storica, il che è un peccato visto che il film si basa su una storia vera. Buono il personaggio femminile e anche l'epilogo non delude.
MEMORABILE: La rapina con i foglietti nella tasca; Newman che gironzola allegramente in bicicletta con la Ross; Il testardo Mr. Woodcook e il finale.

Parsifal68 10/06/16 09:53 - 607 commenti

I gusti di Parsifal68

La vita romanzata di uno dei più famosi delinquenti della storia e del suo fido compare Sundance Kid. Il western di fine anni '60 sta andando incontro a un inevitabile declino. Lo sa bene il regista Roy Hill che sceglie una storia vera, la riveste di una gradevole patina di raffinata commedia grazie a due eccellenti marpioni come Redford e Newman e la fonde magistralmente con l'epico. Ne viene fuori un gran bel film, una pietra miliare da vedere assolutamente. Immortale la canzone "Raindrops keep fallin' on my head", composta per l'occasione.
MEMORABILE: La scena della bicicletta; Lo scontro finale in Bolivia.

Josephtura 29/05/17 16:47 - 151 commenti

I gusti di Josephtura

Strepitoso, sempre piacevole a vedersi. Inizio meraviglioso, grandi tempi, fotografia, toni mai eccessivi per un prodotto diretto al grandissimo pubblico ma di alta qualità. Personaggi e film entrati nel mito, dove si tifa senza pudore per i "cattivi". Tutti bravissimi: Newman, Redford, la Ross. Se devo trovare qualcosa di forzato è proprio la famosa scena di "raindrops".
MEMORABILE: L'incontro con jeff Corey, lo sceriffo da cui sperano di trovare una via di fuga per scontrarsi invece con la cruda realtà.

Paulaster 2/03/18 11:16 - 2819 commenti

I gusti di Paulaster

Coppia di rapinatori passa dai treni alle banche arrivando fino in Bolivia. Prima parte più aderente al western dove i dialoghi in stile commedia ravvivano le vicende criminose. Il prosieguo sudamericano sembra girato invece solo per allungare la fuga e per concludere. Newman più fascinoso nello humor e Redford più calato nel personaggio. Ottima fotografia e musiche di Bacarach godibili ma poco adatte al genere.
MEMORABILE: Newman che fa i numeri in bicicletta; Il trucco di dividere i cavalli; La rapina in spagnolo; Il dipendente del treno fatto saltare in aria.

Pesten 3/08/19 17:40 - 639 commenti

I gusti di Pesten

Gran film e gran coppia di attori, capaci di caratterizzare in maniera eccelsa i loro rispettivi personaggi. I temi classici del western ci sono tutti, anche se il lato comico non viene relegato a piccoli sipari o momenti, bensì irrora l'intera pellicola di una leggerezza da commedia scanzonata (spesso il western sembra quasi passare in secondo piano). Le scene della lunga fuga sono clamorose, girate in location pazzesche come Zion e occupano i momenti migliori del film, che nella parte finale diventa troppo commedia, appunto.
MEMORABILE: La colonna sonora, contenente la famosa canzone portata al successo in Italia da Patty Pravo col titolo "Gocce di pioggia su di me".

Rocchiola 25/02/20 13:53 - 872 commenti

I gusti di Rocchiola

Nello stesso anno del Mucchio selvaggio l’altra faccia del western crepuscolare. Una raffinata commistione tra western e commedia soavemente musicata da Bacharach e con una coppia d’interpreti piena di charme. I due celebri banditi sono ritratti come eterni bambini che con spirito anarcoide rifiutano l’inevitabile fine di un’epoca. Splendida fotografia di Hall che fa miracoli a partire dall’inizio virato in seppia. Resta una delle più struggenti elegie funebri del vecchio west. Regista e interpreti si riuniranno nel 1973 per un'altra Stangata.
MEMORABILE: Il lungo inseguimento a cavallo; Raindrops keep fallin on my head; “Avete fatto il vostro tempo dovete accettare di morire”; Il fermo immagine finale.

Magi94 7/09/20 23:07 - 687 commenti

I gusti di Magi94

Opera che lascia un po' basiti perché è praticamente impossibile capire da che punto prenderla. Film sessantottino su una gioiosa ribellione giovanile che verrà repressa nel sangue come in Gangster story? Epopea Western durante l'infinito inseguimento lungo i magnifici paesaggi dell'America selvaggia? Dramma su due giovani yankee che non hanno capito come funziona il mondo? L'impressione è che neanche il regista avesse capito bene dove andava il film, che spesso si sfilaccia e perde il ritmo; allo stesso tempo però ogni spezzone ha troppe cose belle per non definirlo buono.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Galbo • 3/06/11 07:12
    Gran Burattinaio - 3763 interventi
    Edizione Blu Ray disponibile con queste specifiche tecniche (fonte dvd-store.it)

    Formato video 2,35:1 Anamorfico 1080p
    Formato audio 5.1 DTS: Italiano Spagnolo
    5.1 DTS HD: Inglese
    extra
    2 Commenti audio
    Making of
    La vera storia
    Scena tagliata
    Trailers
  • Musiche Lucius • 3/06/11 11:47
    Scrivano - 8319 interventi
    Direttamente dalla prestigiosa collezione Lucius, il 45 giri originale:

    Ultima modifica: 3/06/11 11:59 da Zender
  • Curiosità Columbo • 19/06/11 10:57
    Magazziniere - 1102 interventi
    La giovinezza dei due personaggi verrà raccontata nel "Ritorno di Butch Cassidy" (1979).
  • Homevideo Rocchiola • 25/02/20 13:54
    Call center Davinotti - 1142 interventi
    Il suddetto bluray italiano marchiato Fox è ormai fuori catalogo ed anche on-line incomincia a raggiungere cifre ragguardevoli. Comunque si tratta di n ottimo prodotto con video panoramico 2.40 pulito, nitido e dettagliato, perfettamente in grado d’esaltare al meglio la grande fotografia di Conrad Hall dall’inizio virato in seppia agli splendidi paesaggi naturale che accompagnano il lungo inseguimento a cavallo e la trasferta boliviana. Audio italiano rielaborato in DTS 5.1. chiaro e pulito ma poco potente.