Un dollaro di onore

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Rio Bravo
Anno: 1959
Genere: western (colore)
Note: Aka "Un dollaro d'onore".
Numero commenti presenti: 30
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Uno dei più celebri western di sempre, il RIO BRAVO di Howard Hawks resta ancora oggi un gran pezzo di cinema, sceneggiato (da Furthman e Brackett sulla base di un racconto della figlia di Hawks) con sagacia e molto equilibrato, interpretato da un John Wayne in forma smagliante e da due comprimari di assoluto valore: il convincente Dean Martin (è Dude, un ex-ubriacone che ha ripreso la retta via) e il simpaticissimo Walter Brennan (è il vecchio Stumpy, l’aiuto sceriffo storpio e logorroico ma ancora molto in gamba). In tre, con l’aggiunta successiva del giovane Colorado (Ricky Nelson), devono trattenere in prigione il losco Joe Burdette (Claude Akins) fino all'arrivo dei federali, ma il fratello di Joe, Nathan...Leggi tutto (John Russell), e la sua banda cercano di liberarlo a ogni occasione. La storia è minimale, ridotta all'osso, ma Hawks gioca tutto sui personaggi riuscendo spesso, grazie a un felice tocco ironico, a trasformare il film quasi in una commedia, con il divertente rapporto a tre che si crea nell'ufficio dello sceriffo, dove Wayne (lo sceriffo John T. Chance, per l'appunto), Dean Martin e il vecchio Walter Brennan animano una sorta di mini sitcom, spezzata spesso dalle parentesi con la bella avventuriera (Angie Dickinson, futura Agente Pepper), che sono le parti meno azzeccate del film e ne spezzano sovente il ritmo. Spazio ai nemici non ne viene dato praticamente mai e dove c'è Wayne (molto pacato e sempre bravo nel rendere la figura del buon burbero) siamo anche noi, il più delle volte. Girato benissimo lo scontro finale, degna conclusione (prima del doveroso ma scialbo siparietto di chiusura) di un western esemplare, apparentemente giocato sottotono, in verità molto più sentito di altri tutti zuffe e scontri a fuoco. Lo stile e le tematiche cari a Hawks sono presenti. Buone le musiche.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Caesars 23/07/07 10:34 - 2992 commenti

I gusti di Caesars

Classico del cinema western che, rivisto al giorno d'oggi, mantiene inalterato tutto il suo valore. Hawks dirige con piglio sicuro un buon cast di attori, tra i quali spicca John Wayne, non un mostro di espressività, ma a suo completo agio nel ruolo dello sceriffo del paese. Trama minimalista per una vicenda che punta più all'analisi psicologica dei personaggi che sull'azione pura. Forse un ritmo un tantino lento lo penalizza un po', ma è da vedere nella maniera più assoluta. Sicuramente un buon film.

Galbo 4/08/07 12:58 - 11646 commenti

I gusti di Galbo

Western di stampo classico, che privilegia lo studio psicologico dei personaggi all'azione pura, ottimamente diretto da uno dei più grandi registi americani. "Rio Bravo" è magistralmente costruito dal punto di vista tecnico. Nessuna parte ridondante, tutto è funzionale alla vicenda così come il cast, con un John Wayne al massimo della maturità artistica, cui fanno da contrappunto Dean Martin (alcolizzato redento) e un gruppo di validi caratteristi che forniscono anche gli spunti più leggeri al film.

Il Gobbo 1/11/07 18:12 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Così su due piedi non sapremmo elencare "à la Hornby" i cinque western americani più grandi di sempre, per paura di dimenticanze o ripensamenti, ma che ci venga un colpo se questo "Rio Bravo" non è nella lista. Gioiello di costruzione filmica, lezione impareggiabile di economia di mezzi e di uso dello spazio, sapientissimo dosaggio di dramma e humour. E la magia che riscatta anche scelte di casting sulla carta preoccupanti (Ricky Nelson?). Capolavoro assoluto, di Hawks e in generale. Alla lezione non sono mancati allievi attenti, tipo un John Carpenter.

Homesick 1/12/07 18:22 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Western che vanta il pregio di aver superato appieno lo scorrere del tempo, qualificandosi come un classico a tutti gli effetti e un indispensabile modello anche per le pellicole di casa nostra. Azione, riflessione, valori morali, amicizia virile, prepotenza, ironia e colpi di scena sono saggiamente dosati da una una regia professionale e da un gruppo di attori-caratteristi che danno il meglio di sè: Wayne consolida i suoi ruoli-tipo e Martin delinea un personaggio complesso e interessante.
MEMORABILE: Le gocce di sangue nel bicchiere di birra.

Lovejoy 19/12/07 18:36 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Capolavoro. Tutto è entrato nella leggenda: John T. Chance, lo sceriffo che tiene testa a Burdette, cattivone che assedia la sua prigione; Dude, il vicesceriffo ubriacone che tenta in tutti i modi di restare sobrio; Colorado, il ragazzo che vuole vendicare il suo capo, ucciso a tradimento; il vecchio Stumpy, brontolone come pochi; e l'avventuriera Dickinson dalle lunghe gambe che fa girare la testa a Chance. Molte le scene indimenticabili e un cast irripetibile. Purtroppo.
MEMORABILE: Il lungo inizio; l'arresto di Burdette; Colorado che lancia il fucile a Chance; Burdette che visita il fratello in prigione; la battaglia finale.

Cotola 21/07/08 23:05 - 7947 commenti

I gusti di Cotola

Meraviglioso western girato da Hawks che ha il suo punto forte in un ritmo ed una tensione narrativa davvero notevoli. La regia è, come sempre, magistrale, la sceneggiatura ottima e gli attori forniscono una grande prova. Un pietra miliare del genere che ispirerà moltissime pellicole successive tra cui l'ottimo Distretto 13 di Carpenter che rivisita, esulando dal genere, il film in modo particolare ed originale.

Tarabas 27/04/09 14:04 - 1786 commenti

I gusti di Tarabas

L'artigiano Hawks mette in scena la leggenda con 3 interni e uno spiazzo tra le case. Non gli serve altro per celebrare la storia di 3 uomini coraggiosi, ognuno a suo modo, pronti a sacrificarsi per il dovere e per il senso dell'onore che li (contrad) distingue dai banditi assoldati dal possidente Burdette al fine di liberare il fratello detenuto. Tutti i registri toccati funzionano, inclusa la straordinaria lovestory Wayne-Dickinson, insolito (per Hawks) personagggio femminile forte.

Saintgifts 24/05/09 11:12 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Dean Martin e Ricky Nelson cantano "Rio Bravo", che è anche il titolo originale del film, accompagnati da Walter Brennan senza denti, ma recitano anche e Dean Martin è promosso, con questa interpretazione, a vero attore (e ha anche una delle voci più belle del secolo scorso). Per tutti gli altri niente che non sia già stato detto in tante altre occasioni: grandi professionisti. Il film ha un ritmo perfetto e mette al posto giusto tutte le diverse atmosfere; la storia serve a far conoscere i personaggi e a farli amare. Un western dei più belli. Indimenticabile.
MEMORABILE: Tutte le volte che Stumpy brontola.

Tomslick 10/01/10 14:58 - 205 commenti

I gusti di Tomslick

Storia classica che più classica non si può (i super-buoni da una parte e i super-cattivi dall'altra; davide contro Golia), sia in ambito western sia più in generale. A raccontarla magistralmente c'è il grande maestro Howard Hawks, il quale da par suo sfrutta al massimo il minimo indispensabile, spruzzando il tutto di una piacevolissima ironia. Ambientazioni ridotte all'osso, pochi personaggi sulla scena, dialoghi parsimoniosi: eppure non manca nulla. Il grande cinema è anche questo. Ottimo come sempre John Wayne, ma Dean Martin è ancora meglio.

Matalo! 11/01/10 14:19 - 1370 commenti

I gusti di Matalo!

Un modulo che Hawks userà per altri film (Eldorado e Rio Lobo); un paradigma del western americano e nostrano, usato per l'esordio di Carpenter. Ma soprattutto uno dei western assoluti di sempre. Unità di luogo e tempo, Martin ottimo nella parte del loser alcolista, Wayne che non recita ma È, Brennan adorabile. Da qui nasce la tradizione poi esportata in Italia del Deguello, il canto della morte sublimata da Morricone. Ah, Dickinson bellissima e solida. Capolavoro girato in pochissimi ambienti.
MEMORABILE: Dean raccoglie il dollaro dalla sputacchiera; Stumpy dà una botta di scopa sul culo di Wayne; La bellezza della Dickinson.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

R.f.e. 9/10/10 15:40 - 817 commenti

I gusti di R.f.e.

Difficile rintracciare un Western più classico e archetipico! Uno dei pochi amati anche da taluni cinefili che solitamente storcono il naso dinanzi a questo genere. Walter Brennan è il "vecchietto del West" più simpatico di sempre, John Wayne "fa" John Wayne come non mai e il brano "My Rifle, my Pony and Me" cantato da Dean Martin e Ricky Nelson è diventato negli anni una "classic western song", più di tante altre ben più legittime e blasonate. L'aggettivo evergreen sembra inventato apposta per film come questi.

Giacomovie 3/06/10 12:01 - 1365 commenti

I gusti di Giacomovie

Ho sempre letto giudizi lusinghieri su questo film, conosciuto come uno dei migliori western della storia del cinema. Mi ha dato un'impressione meno lusinghiera, anche se positiva per il buon valore tecnico. Racchiude i diversi elementi tipici del genere (lo sceriffo, le sparatorie, il vecchio arzillo, i momenti musicali, la bellezza femminile) ma manca il principale: l'azione negli ampi spazi naturali. Il film è per lo più racchiuso in ambiti ristretti e risulta troppo diluito, con dialoghi, specie nella prima parte, un po' stereotipati. ***

Rambo90 22/06/10 13:18 - 6768 commenti

I gusti di Rambo90

Capolavoro western di Hawks, tutto girato in pochi interni (il saloon, l'ufficio, l'hotel) e in altrettanto pochi esterni (la strada della cittadina) eppure dal ritmo veloce e appassionante. La storia è semplice, ma i personaggi hanno sfaccettature psicologiche molto delineate e il cast è semplicemente perfetto: John Wayne e Dean Martin insieme fanno faville, ma anche la Dickinson, Nelson e il simpatico Brennan fanno il loro. Buono lo scontro finale.

Paruzzo 19/11/10 23:55 - 140 commenti

I gusti di Paruzzo

Uno dei migliori film di Howard Hawks, un western di stampo classico e con diversi momenti comici. Ottimo John Wayne nei panni dello sceriffo, ma i personaggi di contorno e su tutti il brillante Stumpy (magistralmente doppiato da Lauro Gazzolo) sono la forza di questo film. Bella colonna sonora di Tiomkin, con la memorabile canzone "My rifle, my pony and me".

Piero68 18/01/12 08:46 - 2836 commenti

I gusti di Piero68

Da un grande maestro del genere (e non solo) un film che sembra essere il suo canto del cigno. Con una sceneggiatura ridotta all'osso Hawks punta tutto sulle caratterizzazioni dei personaggi e non solo principali, cosa inusuale per un western anni 50/60. E la cosa riesce in pieno regalando uno dei più godibili western di sempre ma anche quello più ricco di personaggi che rimarranno impressi a futura memoria: Dude l'ex ubriacone, Stumpy il vecchietto mano svelta e Colorado. Evergreen!

Rebis 18/01/12 16:23 - 2135 commenti

I gusti di Rebis

In fondo, quello che fa di un film western un grande film è l'intensità dei personaggi. L'inospitalità ambientale, l'asprezza manichea, l'epica ideologica, derivano dal contesto. L'amicizia virile che stringe Dude, Chance e Stumpy, lo straordinario affetto che li lega a Feathers, sono il cuore del film di Hawks, incastonato in una regia armonica, capace di impreviste soluzioni stilistiche (l'incipit muto che allegorizza tutto il narrato, l'uso dei piano sequenza) perché ancorato ad un appassionato, sfolgorante classicismo. Uno di quei film che ti invitano a stilare la top ten del genere.

Belfagor 5/02/12 17:46 - 2640 commenti

I gusti di Belfagor

Splendido quanto atipico western, in cui Hawks usa una trama minima e pochi scenari per concentrare l'attenzione sui personaggi ottimamente caratterizzati e sulla perfezione armonica della regia, che unisce umorismo e azione senza sprecare una singola scena. Cast irripetibile: Wayne che impersona perfettamente il ruolo-archetipo, la Dickinson bella e volitiva, Brennan e Martin semplicemente perfetti. L'economia della realizzazione permette a diverse scene memorabili di spiccare e di restare giustamente impresse.
MEMORABILE: Il prologo; La goccia di sangue nel bicchiere; Il dollaro nella sputacchiera.

Luchi78 7/03/12 17:37 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Stra-celebrato cult western, osannato dal pubblico e nelle classifiche tarantiniane, io l'ho trovato semplicemente noioso. Poca azione e troppi dialoghi spesso inutili; anche i personaggi ormai entrati nel mito western non mi convincono, a partire da un John Wayne troppo monocorde. Le poche sparatorie sono ben fatte, ma durano un lampo, non regalando la giusta suspence necessaria in questo tipo di scene. Sconsiglio la visione a chi non ama il genere.

.luke. 9/04/12 22:30 - 89 commenti

I gusti di .luke.

Memorabile western diretto da un maestro del genere (e non solo) come Howard Hawks e interpretato da John Wayne e Dean Martin, oltre a un bel gruppo di attori secondari. Western che raccoglie in maniera egregia tutti gli stereotipi del genere e punta molto sulle riuscite caratterizzazioni dei personaggi, che verranno poi ripresi in un successivo film del regista, El Dorado.

Puppigallo 23/05/15 09:23 - 4630 commenti

I gusti di Puppigallo

Grande esempio di western, dove i personaggi sono il fulcro della storia, ognuno con la sua differente personalità e, soprattutto, con il suo singolare modo di affrontare la vita e le difficoltà sparse per l'angusto percorso, visto il periodo, il luogo e chi lo frequenta. Wayne è praticamente impeccabile, ma il pistolero alcolizzato non è da meno, come anche chi incombe sulla cittadina e chi, con grande difficoltà, vorrebbe fare breccia nel cuore del burbero eroe. Il vecchio ora può sembrare fin troppo macchiettistico (la parlata), ma in un simile contesto ci può comunque stare. Da vedere.
MEMORABILE: L'anziano aiutante dello sceriffo: "Mi chiudo dentro?". Risposta "No, fatti ammazzare". E il vecchio "Potrei farlo, almeno ti strapperei un sorriso".

Howard Hawks HA DIRETTO ANCHE...

Ultimo 16/07/15 18:42 - 1466 commenti

I gusti di Ultimo

Western anni 50 con John Wayne in una delle migliori interpretazioni di sempre, affiancato da un altrettanto ottimo Dean Martin nella parte del collega dello sceriffo Chance. Più statico rispetto ad altri film del genere, ha dalla sua sequenze dialogate davvero ben costruite e non manca, qua e là, un po' di humour, specie quando apre bocca il vecchio che fa la guardia alla prigione. Poche sparatorie, ma costruite molto bene, con attenzione ai dettagli.
MEMORABILE: Lo scontro finale.

Parsifal68 19/04/16 12:53 - 607 commenti

I gusti di Parsifal68

Western classico zeppo di stereotipi del genere, ma con una tensione narrativa avvincente e un cast di attori che recitano tutti al meglio delle loro capacità. Hawks è un regista che sa quello che deve fare e come farlo; sa ad esempio costruire un film dove convivono egregiamente scene di sparatorie e scazzottate ad altre più soft, come i battibecchi con il vecchio Stumpy e le moine della bella Dickinson. Wayne e Martin, quest'ultimo ubriacone redento, hanno un'alchimia che funziona alla perfezione. Musiche meravigliose, tra cui il Deguello.
MEMORABILE: My Rifle, My Pony and Me cantata da Martin accompagnato da Nelson; La sparatoria finale.

Pesten 16/08/17 09:12 - 655 commenti

I gusti di Pesten

Difficile pensare a un western ben riuscito quando le riprese in esterna sono quasi nulle, eppure il regista, grazie a una storia convincente e uno svolgimento serrato, riesce nell'intento di girare un gran film. Storia ben supportata da attori secondari azzeccati che risultano adatti alla coppia Wayne/Martin, sugli scudi dall'inizio alla fine. Anche quando il film si rivela un po' statico i dialoghi non scadono mai nel ridicolo e l'attenzione alla psicologia dei personaggi è eccellente. Finale scoppiettante.

Daniela 16/02/18 09:40 - 10485 commenti

I gusti di Daniela

Uno sceriffo testardo, un alcolizzato perso, un vecchio malmesso, un giovane pistolero focoso, una donna di dubbia moralità: è la squadra male assortita che deve sostenere l'assedio di forze sovrastanti in questo che non è solo un meraviglioso western ma anche un film seminale, il cui plot è stato riproposto innumerevoli volte anche in genere diversi, a cominciare dal Distretto carpenteriano. Regia magistrale, sceneggiatura calibratissima, sapiente utilizzo delle poche ambientazioni, personaggi caratterizzati al meglio da attori eccellenti (Martin indimenticabile): film da vedere e rivedere.
MEMORABILE: La sequenza iniziale nel saloon, con Martin che gira per il locale sperando in un cicchetto

Faggi 22/05/18 22:15 - 1517 commenti

I gusti di Faggi

Il plot - scarno, essenziale, come in Mezzogiorno di fuoco, per esempio - è l'impalcatura o l'anima di ferro dove giustapporre i personaggi (va detto che la sceneggiatura è a orologeria). Il film, vero gioiello western, è un oliato congegno di personaggi (delle loro psicologie, delle loro interazioni - con tutto il bagaglio di storie personali, travagli, istinti, crudezze, dolcezze). John Wayne, perfetto, indimenticabile, conduce le danze; valorosi tutti gli altri. Regia classica, magistrale.

Rocchiola 30/01/19 08:57 - 905 commenti

I gusti di Rocchiola

Western da camera dove non ci sono indiani, paesaggi maestosi e sparatorie all’ultimo sangue. Hawks mescola azione e ironia puntando soprattutto sulla caratterizzazione dei personaggi. La sua commedia umana rappresenta nel genere una novità altrettanto innovativa quanto le pellicole revisioniste e crepuscolari degli anni a venire. Mitico il vecchietto brontolone interpretato da Walter Brennan. Con i successivi El Dorado e Rio Lobo rappresenta un’ideale trilogia sui temi classici dell’amicizia virile, la dignità e l’etica individuale.
MEMORABILE: La sequenza iniziale senza dialoghi; Le continue lamentele di Stumpy; Il whiskey rimesso nella bottiglia da Dude; Le due canzoni di Nelson e Martin.

Nicola81 5/06/19 23:13 - 2151 commenti

I gusti di Nicola81

Considerato uno dei migliori western di sempre, non ha però il respiro epico di altri classici del genere: molte le scene in interni, l'azione è limitata quasi esclusivamente allo scontro finale, prevale l'attenzione alle psicologie dei personaggi (tutti ottimamente caratterizzati) che fanno assumere al film i connotati di una vera e propria commedia umana. Wayne in una delle sue migliori interpretazioni, Martin valida spalla, spassoso l'anziano vice-sceriffo di Brennan, sempre un bel vedere la Dickinson. Un po' troppo lungo, per quello che dice.

Pessoa 18/07/20 13:15 - 1564 commenti

I gusti di Pessoa

Leggendario western classico di Hawks che trova fin dalle prime mute inquadrature la cifra stilistica del capolavoro. Una storia dai toni epici si adagia su una sceneggiatura magistrale, in cui anche il minore dei personaggi ha un ruolo fondamentale nell'economia della storia. Il cast è in una forma strepitosa, con Wayne e Martin probabilmente nei loro ruoli migliori. Ritmo che alterna azione e pause con un'alchimia perfetta. I momenti "leggeri" sono fra i migliori della storia del genere, e forse è proprio questo il vero segreto del film. Immenso e imprescindibile!
MEMORABILE: Dean Martin che restituisce il gesto del dollaro nella sputacchiera; L'intermezzo musicale; Il dialogo nel finale tra Wayne e la Dickinson.

Camibella 15/10/20 12:16 - 277 commenti

I gusti di Camibella

Un rude sceriffo deve fronteggiare una banda di tagliagole che vuole liberare il fratello del loro capo. Lo aiutano un ubriacone, un vecchio storpio e un giovane inesperto. Western classico di ottima fattura che, al netto di qualche sdolcinatura fuori contesto (il rapporto tra lo sceriffo e la bella Feathers), mostra tutto il campionario dei film di genere. Inutile dire che Wayne e Martin sono perfetti nell'impersonare uno lo sceriffo senza macchia né paura e l'altro l'amico che si redime grazie a un eroico scontro finale. Stupende le musiche di Tiomkin, tra cui spicca il Deguello.
MEMORABILE: La scena del dollaro nella sputacchiera; Lo scontro finale.

Michdasv 21/07/21 13:40 - 28 commenti

I gusti di Michdasv

Capolavoro assoluto. Il western in leggerezza, dicono, ma non così leggero se uno dei protagonisti è in grave dipendenza dall'alcool (motivo per cui il film continua a essere attuale attraverso i decenni, per le analogie con altre dipendenze, da droga, da tv, da social...). Stupendi per la propria parte i cinque (sceriffo legnoso, vice ubriaco, giovanotto sicuro di sé, bella coraggiosa e vecchietto buffo). Testosteronico? Certo. Non supera il Bechdel test (nonostante la presenza della moglie messicana)? Certo. E ciononostante resterà sempre un capolavoro? Certo.
MEMORABILE: "Raccoglilo"; "Just my rifle, my pony, and me".

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Patrick78 • 7/05/09 11:13
    Magazziniere - 546 interventi
    -Fa parte degli undici film preferiti da Quentin Tarantino che per la rivista -EMPIRE MAGAZINE- nel 2008 ha stilato una sua personalissima classifica e lo ha inserito in seconda posizione.

    * 1. The Good, the Bad and the Ugly (1966, Sergio Leone)
    * 2. Rio Bravo (1959, Howard Hawks)
    * 3. Blow Out (1981, Brian De Palma)
    * 4. Taxi Driver (1976, Martin Scorsese)
    * 5. His Girl Friday (1940, Howard Hawks)
    * 6. 5 Fingers of Death / King Boxer (1972, Chang-hwa Jeong)
    * 7. Pandora's Box (1929, Georg Wilhelm Pabst)
    * 8. Carrie (1976, Brian De Palma)
    * 9. Unfaithfully Yours (1948, Preston Sturges)
    * 10. 5 Graves to Cairo (1943, Billy Wilder)
    * 11. Jaws (1975, Steven Spielberg).

    Choices 2, 3 and 4 are marked as "interchangeable".

    -Quentin Tarantino parlando del film ha detto quanto segue: "When I'm getting serious about a girl, I show her Rio Bravo and she better fucking like it".

    -Nel libro di Wensley Clarkson TARANTINO - THE MAN, THE MYTHS AND HIS MOVIES edito nel 2007 in un podio virtuale dei film più cool di tutti i tempi lo stesso regista lo ha inserito in prima posizione.

    * 1. Rio Bravo (1959, Howard Hawks)
    * 2. Taxi Driver (1976, Martin Scorsese)
    * 3. Blow Out (1981, Brian De Palma)

    -Fa parte dei dieci film preferiti da Quenti Tarantino che per la rivista -THE INDIPENDANT- nel 2005 ha stilato una sua personalissima classifica e lo ha inserito in seconda posizione.

    * 1. The Good, the Bad and the Ugly (1966, Leone)
    * 2. Rio Bravo (1959, Hawks)
    * 3. Taxi Driver (1976, Scorsese)
    * 4. His Girl Friday (1940, Hawks)
    * 5. Rolling Thunder (1977, Flynn)
    * 6. They All Laughed (1981, Bogdanovich)
    * 7. The Great Escape (1963, J. Sturges)
    * 8. Carrie (1976, De Palma)
    * 9. Coffy (1973, Hill)
    * 10. Five Fingers of Death (1973, Chang)


    -Fa parte dei dodici film preferiti da Quentin Tarantino che per la rivista -SIGHT & SOUND- nel 2002 ha stilato una sua personalissima classifica e lo ha inserito in seconda posizione.

    * 1. The Good, the Bad and the Ugly (1966, Leone)
    * 2. Rio Bravo (1959, Hawks)
    * 3. Taxi Driver (1976, Scorsese)
    * 4. His Girl Friday (1940, Hawks)
    * 5. Rolling Thunder (1977, Flynn)
    * 6. They All Laughed (1981, Bogdanovich)
    * 7. The Great Escape (1963, J. Sturges)
    * 8. Carrie (1976, De Palma)
    * 9. Coffy (1973, Hill)
    * 10. Dazed and Confused (1993, Linklater)
    * 11. Five Fingers of Death (1973, Chang)
    * 12. Hi Diddle Diddle (1943, Andrew L. Stone)
  • Homevideo Gestarsh99 • 7/08/11 01:29
    Scrivano - 17313 interventi
    Disponibile in edizione Blu-Ray Disc per Warner Home Video:

    DATI TECNICI

    * Formato video1,85:1 Anamorfico 1080p
    * Formato audio1.0 Dolby Digital: Italiano Inglese Tedesco Spagnolo Francese
    * SottotitoliItaliano Inglese Tedesco Spagnolo Francese Portoghese Olandese Finalndese Danese Norvegese Svedese Coreano
    * Extra Commemorazione: Howard Hawks e Un dollaro d'onore
    Old Tucson: la leggenda
    Commento audio
    Trailer
    Profilo regista
    Ultima modifica: 23/07/21 18:26 da Zender
  • Musiche Lucius • 28/05/15 15:11
    Scrivano - 8612 interventi
    Direttamente dalla prestigiosa collezione Lucius, l'EP originale italiano:

    Ultima modifica: 28/05/15 17:50 da Zender
  • Homevideo Rocchiola • 30/01/19 09:03
    Call center Davinotti - 1208 interventi
    Il bluray della Warner nella versione italiana è ormai fuori catalogo e di non facile reperimento. Su Internet è comunque reperibile la versione estera edita con il titolo originale di Rio Bravo, che presente la traccia audio in italiano e costa decisamente meno dell'edizione nostrana. Le due edizioni utilizzano comunque lo stesso master con video presentato nel corretto formato 1.85. L’immagine è discreta, pulita ma non troppo incisiva a livello di definizione. Audio italiano mono originale discretamente potente e chiaro.Comunque un deciso passo avanti rispetto al DVD.
  • Discussione Michdasv • 23/07/21 15:23
    Galoppino - 65 interventi
    Nel 1955 (cioè, 4 anni prima di questo particolare film) John Wayne partecipò al programma tv di LUCILLE BALL intitolato "I Love Lucy" (in italiano la serie era intitolata "Lucy ed io"), nel quale, come è noto, si alternavano scene comiche, interviste e siparietti improvvisati.
    Lo si può vedere su internet o nell'edizione in doppio DVD (vedi scheda):  si cerca come secondo episodio della Quinta stagione, o 129° in generale, diretto dal regista James V. Kern, trasmesso per la prima volta sulla CBS il 10 ottobre 1955.
    Permette di assistere, per buoni 27 minuti, al  singolare ma divertente abbinamento tra LUCILLE BALL e il protagonista di tanti western, con effetti comici sinceramente esilaranti proprio per l'accostamento surreale tra due "icone" di due mondi cinematografici apparentemente così distanti.
    Ultima modifica: 23/07/21 18:28 da Zender
  • Homevideo Michdasv • 23/07/21 15:25
    Galoppino - 65 interventi
    Nel 2016 è stato messo in commercio un doppio dvd con la fascetta che recita "Un Dollaro d'Onore - Collector's Edition 2 DVD" Rimasterizzato in alta definizione - Doppiaggio Originale d'Epoca" distribuito da A&R Productions sas (collana: "Western Classic Collection").

    il primo DVD singola faccia doppio strato contiene il film per una durata dichiarata di 141 minuti, in formato 16:9 (1,77:1). Lingue: italiano (mono), inglese (stereo), francese, tedesco, spagnolo (tutti mono).

    Il secondo DVD offre i seguenti contenuti: "Trailer" - "Glamour" - "Dietro le Quinte" - "Posters e Locandine" - Galleria fotografica (Bianco e Nero) - Galleria Fotografica (Colore) - "Lucy and John Wayne". Questo ultimo contenuto consiste in un intero episodio dalla serie tv "I Love Lucy" (LUCILLE BALL) della durata di 27 minuti anche se sulla copertina c'è scritto 27 secondi.

    Ultima modifica: 23/07/21 18:28 da Zender
  • Discussione Zender • 23/07/21 18:28
    Consigliere - 44633 interventi
    Perfetto grazie.