Sfida infernale

Media utenti
Titolo originale: My Darling Clementine
Anno: 1946
Genere: western (bianco e nero)
Regia: John Ford
Numero commenti presenti: 21

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 16/12/07 DAL BENEMERITO LOVEJOY
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Lovejoy 16/12/07 22:21 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Ricostruzione del celebre scontro avvenuto nella cittadina di Tombstone tra lo sceriffo Wyatt Earp e la famiglia dei Clanton. Ford realizza una pellicola di una bellezza che oggi è difficile replicare. Girato in un magnifico bianco e nero. Ford ammanta la pellicola di un lirismo intenso e straziante e regala almeno tre sequenze da mandare a memoria. Intenso e emozionante il cast e non solo nelle parti principali. Per citare un nome solo: il mitico Ward Bond nel ruolo di Morgan Earp.
MEMORABILE: Tre sequenze su tutte: Mature che recita Shakespeare; Papà Clanton che spara alle spalle a Virgil Earp; Il drammatico scontro finale.

Rebis 3/01/08 19:39 - 2091 commenti

I gusti di Rebis

Forse il film perfetto di Ford, appassionante e umano fuori dalle ideologie nazionali, fuori dalla storia e dentro, a fondo, nel racconto e nella leggenda. Il finale negato (Earp doveva rimanere a Tombstone quale sanzione del progresso civile) lo sospende suo malgrado nella memoria cinematografica. Fotografia tersa e immacolata di Joseph MacDonald, sceneggiatura eloquente di Engel e Miller, grandi gli interpreti: Fonda, compassato, bellissimo ha il giusto distacco ironico umanizzante e Mature impone viso e sguardi da dietro le barricate del dolore.

Cotola 13/07/08 19:41 - 7692 commenti

I gusti di Cotola

Uno dei tanti capolavori di Ford nonchè uno dei film western più belli della storia del cinema. Splendido lo stile quasi barocco con cui è girato e che lo fa differenziare dalle altre opere del regista. Mito allo stato puro che mantiene inalterata nel tempo tutta la sua bellezza e che si imprime in maniera imperitura nella memoria. Imperdibile!

Ercardo85 15/12/08 12:43 - 81 commenti

I gusti di Ercardo85

Tra i vari western che hanno tentato di ricostruire la famosissima sparatoria all'O.K. Corral, questo è sicuramente il migliore. Storicamente meno attendibile rispetto al film di Sturges (rubousto narratore di grande mestiere e poca inventiva), è fenomenale nella descrizione psicologica dei personaggi, soprattutto nel Wyatt Earp di Fonda. Fantastico il finale che conferma la poca fiducia di Ford, uomo d'altri tempi, nei confronti del progresso e dei mezzi con i quali l'uomo cerca di raggiungerlo.

Saintgifts 27/10/09 22:29 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Sullo sfondo della, tanto amata e usata da Ford, Monument Valley, si svolge la storia di Wyatt Earp e dei suoi fratelli, di Doc Holliday e dei famigerati Clanton. Credo questo sia il miglior western dei tanti girati dal famoso regista e a mio avviso il migliore in assoluto. Non si riescono a trovare sbavature; gli interpreti, dal più importante all'ultima comparsa (il fratello di Ford nella parte di un ubriacone), sono perfetti, la fotografia è splendida, i dialoghi asciutti, più di una volta suscitano il riso e l'entusiasmo, la canzone sdrammatizza tutto.

Galbo 7/05/10 13:55 - 11516 commenti

I gusti di Galbo

Capolavoro assoluto del western, diretto da un vero e proprio "cantore" del genere che fece di Sfida infernale una delle sue opere più riuscite. Imperniato sulla mitica figura dello sceriffo Wyatt Earp, è un film impeccabile sostanzialmente senza grossi difetti che ha nella magnifica fotografia e nella prova di tutto il cast i suoi punti di forza.

Belfagor 30/04/10 16:34 - 2628 commenti

I gusti di Belfagor

Un western magistrale, girato in uno splendido bianco e nero. La bravura degli interpreti e le meravigliose scenografie danno un'impronta epica e tragica all'intero racconto, che termina in uno scontro finale che è forse una delle vette del genere. Per tutta la sua durata, il film è una sequenza di emozioni, fra tensione, dolore e allegria. Lo stile unico, quasi immacolato, di questa pellicola la rende unica nel suo genere. Fonda e Mature si sfidano in una costante gara di bravura, ma anche il resto del cast è eccellente.
MEMORABILE: "Sei mai stato innamorato?" "No, faccio il barista da una vita."

Paruzzo 30/01/11 23:21 - 140 commenti

I gusti di Paruzzo

Sicuramente il migliore dei film che trattano la famosa sfida dell'O.K. Corral, è uno degli svariati capolavori western di John Ford, incentrato sulle figure di Doc Holliday e Wyatt Earp. Fonda è straordinario, ma è coadiuvato da un cast di alto livello.

Matalo! 9/02/11 12:46 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

La narrazione della leggenda Di Earp e Hollyday; la meno reale delle rappresentazioni resta la più bella, con un Fonda elegante e un Mature stranamente bravissimo. La messinscena barocca non convinse tutti eppure, tra solito humor bonario e momenti di schietta tensione, Ford cesella una rete di relazioni tra umani limpida ma profonda, che svilupperà al massimo grado nel capolavoro Sentieri Selvaggi. Siamo nel mito ma Ford è troppo grande per non conquistare. La canzone del film riesce a commuovere nonostante l'inflazione.
MEMORABILE: La messinscena estemporanea dell'Amleto nel saloon.

Pigro 22/05/11 09:41 - 8081 commenti

I gusti di Pigro

Versione ampiamente mitizzata dello storico scontro all'O.K. Corral: Ford dà un respiro epico alla vicenda, complice la riduzione delle complessità a pura struttura di eterne passioni, e complici anche i paesaggi che la incorniciano in uno spazio desertico assoluto e in un paese che ne è oasi sofferta (con magistrale fotografia). Ma il suo personaggio più riuscito non è lo sceriffo animato da (giusta?) vendetta, quanto il tormentato amico, continuamente oscillante fra nichilismo e sentimento, fra illegalità e cultura. Potente il duello finale.

Grant Withers HA RECITATO ANCHE IN...

Lupoprezzo 1/09/11 13:26 - 635 commenti

I gusti di Lupoprezzo

In questo meraviglioso ritratto poetico converge tutto il cinema western: una summa elegante di uno dei generi più nobili e virtuosi messa in scena dal grande John Ford che grazie alla fascinosa fotografia di Joseph MacDonald immerge la pellicola nella leggenda e ammanta i personaggi di lirismo universale consegnandoli alla storia (il vespertino Fonda, il tormentato Mature, la sanguigna Darnell e la candida Clementine). Grande padronanza dello spazio, in uno stile barocco e furoreggiante ineguagliabile. Grazie, Ford.

Darkknight 16/09/11 10:59 - 353 commenti

I gusti di Darkknight

Bellissima la fotografia in bianco e nero, per il resto non mi ha mai convinto: malgrado il tema leggendario trattato, Ford smorza l'epica calcando inutilmente la mano verso il melodramma sentimentale e la tragedia, prendendosi pure troppe libertà storiche (fa morire Doc all'OK Corral quando invece se la cavò con un graffio). Fonda e Mature sono completamente fuori parte. Sarò blasfemo, ma il miglior film su Wyatt Earp e Doc Holliday è Tombstone.

Giacomovie 15/01/12 11:35 - 1357 commenti

I gusti di Giacomovie

Western melodrammatico di grande rilievo ed intensità, col quale John Ford firma una grande "sfida all'Ok Corral" piena di eroismo, nostalgia e sentimento. Clementine (Chathy Downs) e Chihuahua (Linda Darnell) si contendono un uomo per un amore che caratterizza tutti i risvolti di una vicenda virile. Film di tale spessore fanno dubitare che oggi si possa cogliere l'essenza del cinema come in questo caso.

Daniela 7/08/12 15:04 - 9822 commenti

I gusti di Daniela

Il titolo originale "My Darling Clementine" meglio rende la sottile ironia che sottende il racconto che narra - falsando la realtà perché diventi leggenda - la sfida fra i fratelli Wyatt e la famiglia Clayton. Una delle opere più belle di Ford e una delle vette del cinema western, con musiche memorabili come certe sequenze in campo lungo esaltate dalla splendida fotografia. Fra gli attori, indimenticabili il patriarca stizzoso Brennan e Fonda, dai movimenti felini. La migliore interpretazione in carriera sia per Mature nel ruolo di Doc Hollyday che per Darnell in quello di Chihuahua.
MEMORABILE: Appena uscito dal barbiere, Wyatt Earp oscilla sulla sedia osservando la strada

Mickes2 19/02/13 22:45 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Cinema dei valori che passa attraverso la lotta fra uomini per il bene comune, per una vita migliore, per sradicare il Male oramai insediato tra quegli spazi sconfinati. Il b/n impreziosisce ogni immagine e la mitezza di Wyatt Earp è direttamente proporzionale al suo coraggio, all’integrità morale, alla voglia di vendetta rimanendo comunque fedele ai propri ideali. E il melodramma si mescola all’epica del racconto, all’universalità dei contenuti, perché i personaggi dipinti da Ford emanano una lucentezza che arriva dritta al cuore. Capolavoro.

Tarabas 6/02/14 15:10 - 1735 commenti

I gusti di Tarabas

Una "morality play" (Ebert). Ed è così. Ford scolpisce il racconto in un b/n debitore del noir coevo, un punto di vista morale solido e svettante come le guglie della Monument Valley, una storia (e)semplificata fino a renderla mitica. Il West è sempre meno Far, arrivano le chiese e le scuole, gli ultimi fuochi dei pionieri presto saranno lumi a gas, sulla pista delle mandrie correrà il filo del telegrafo. I Clanton non hanno posto in quel futuro. Tra buoni e cattivi, ovviamente, il personaggio più interessante è quello di mezzo, Doc Holliday, l'antieroe.

Ultimo 26/08/15 13:37 - 1407 commenti

I gusti di Ultimo

Classico western diretto da un maestro del genere come John Ford, "My darling Clementine" si segnala per l'ottima prova dell'intero cast, su tutti Henry Fonda nei panni dello sceriffo Wyatt Earp, figura realmente esistita nel selvaggio west e famosa per la sparatoria dell'Ok Corral, alla quale assistiamo nella parte finale del film. Nonostante sia degli anni quaranta il film ancora oggi sprigiona fascino e lo consiglio agli amanti del cinema d'altri tempi.

Pesten 19/09/18 08:47 - 648 commenti

I gusti di Pesten

I film di Ford sono sempre una spanna sopra gli altri. Vuoi per l'importanza data alla fotografia e alle location, vuoi perché l'attore riesce a rendere interessanti anche le storie più semplici con quel suo tocco unico nella caratterizzazione dei personaggi. Il famoso scontro all'O.K. Corral passa quasi in secondo piano davanti alle vicende personali dei protagonisti Earp (Fonda) e Holliday (Mature), con quest'ultimo che ruba la scena al più famoso collega. La famosa sparatoria è solo il finale di una storia ben più complessa.
MEMORABILE: La Monument Valley, come al solito.

Puppigallo 3/08/19 10:17 - 4545 commenti

I gusti di Puppigallo

Earp, equilibrato, riflessivo e decisamente timido con le donne. Holliday, instabile, malato, pieno di rabbia, ma più verso se stesso, anche se non esita a scaricarla sugli altri. E' questo il carburante di una pellicola diretta con maestria da Ford, che riesce a dargli anche quel tocco ironico-umoristico quasi spiazzante (Earp costretto a segnalare e giustificare il profumo, che gli ha spruzzato il barbiere). La drammaticità della situazione avrà poi la meglio; e l'espiazione di chi ha rinnegato se stesso sarà evidente dall'operazione in poi. Un grande esempio di western con contenuto.
MEMORABILE: Holliday a Earp "Parli troppo, a differenza della tua pistola, che sta sempre zitta"; "Vai a miagolare a qualcun'altro le tue canzoni appiccicose".

Lebannen9_ 6/06/20 23:45 - 33 commenti

I gusti di Lebannen9_

La sparatoria più famosa del west viene raccontata da un Ford incatenato al contratto della Fox. Sì, perché sebbene Ford offra una regia perfetta, mostrando con eleganza le potenzialità del "western" classico (il duello è fenomenale), le scelte di produzione pesano come macigni sul risultato finale. Una sceneggiatura banale punta su un melodramma romanzato che è troppo persino per Ford, con personaggi smemorati, privi della caratterizzazione umana che ha reso grande Ombre rosse, in cui Wyatt Earp (Fonda) si palesa come il protagonista meno fordiano in assoluto. Peccato.
MEMORABILE: L'ottima fotografia; Il duello finale.

John Ford HA DIRETTO ANCHE...

Pessoa 2/12/20 13:55 - 1353 commenti

I gusti di Pessoa

Come nei grandi capolavori, c'è dentro tutto il cinema. Ford trasforma un avvenimento paradigmatico della storia degli USA in una tragedia di portata shakespeariana, grazie a un cast tecnico sopraffino e a una sceneggiatura cesellata scena per scena, parola per parola. Mature, che aveva su di sé i dubbi della produzione, è il migliore di un cast eccellente e i suoi duetti con un altrettanto bravo Fonda sono indimenticabili. Grandi scene d'azione, fotografia sublime, esterni di una bellezza surreale completano un film la cui visione è praticamente obbligatoria, se vi piace il cinema.
MEMORABILE: I panorami negli sfondi; La corsa a rotta di collo della diligenza; La sfida all'OK corral, naturalmente.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Rebis • 3/01/08 19:50
    Gestione sicurezza - 4292 interventi
    * Il film è basato su una traccia narrativa scritta proprio da Earp circa dieci anni prima della realizzazione e poi sceneggiata da Engel e Miller.

    ** Ford disconoscerà il finale SPOILER in cui Earp lascia Tombstone: nelle sue intenzioni Earp sarebbe rimasto sceriffo del paese.
  • Curiosità Darkknight • 16/01/12 17:20
    Custode notturno - 153 interventi
    Wyatt Earp morì nel 1929, e lasciò effettivamente Tombstone dopo aver regolato i conti con Johnny Ringo e Curly Bill Brocius (credo che lui e Doc ripararono in Colorado per evitare problemi legali).