Rambo: Last blood

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Passato il tempo delle guerre e delle trasferte in Asia John Rambo si è finalmente stabilizzato: da anni vive nei tunnel scavati sotto una casa di campagna nel sud degli Stati Uniti con la sua anziana domestica (Barraza) e la nipote (Monreal) di quest'ultima, da entrambi cresciuta come una figlia. Non una vera famiglia ma ciò che nel corso della vita dell'ex combattente più ha saputo avvicinarsi al concetto. Per questo quando la giovane Gabrielle decide di partire da sola per il vicino Messico con l'obiettivo di incontrare il vero padre, ritrovato grazie all'aiuto di un'amica, il parere di "zio John" non può che essere negativo. Ma la ragazza è testarda, e dopo aver assicurato di averci ripensato, prende la macchina e oltrepassa il confine....Leggi tutto Il genitore si rivela un disgraziato che le sbatte in faccia senza mezzi termini il gretto perché del suo abbandono, ma il vero problema è il fatto che la sera stessa, in discoteca, Gabrielle viene avvicinata da tipi loschi, sequestrata e segregata in uno scantinato assieme ad altre ragazzine da avviare alla prostituzione al soldo di un paio di fratelli criminali privi di ogni scrupolo morale destinati a incarnare il Male assoluto. John, giuntagli notizia della scomparsa, parte col suo pick-up al recupero e in un attimo si ritrova immerso tra i vicoli bui di quartieri malfamati. Un urban-Rambo di un certo fascino, si potrebbe pensare, calato in una realtà diversa che sotto le luci notturne, negli appostamenti e negli scorci ben fotografati sembra trovare un terreno congeniale per uscire dagli stantii cliché del personaggio. Ma tutto si risolve troppo in fretta, senza che si riesca a sfruttare a dovere la (per lui) insolita location. E ci si domanda perché ridurre la caccia messicana a sequenze tanto sbrigative: sono queste a rimetterci faccia a faccia con l'eroe impavido che quando perde la testa arriva a compiere gesti di rara ferocia (impagabile l'attacco al collo con le dita che scivolano nella carne tra spruzzi di sangue) e meritavano più spazio. Additato come "vecchietto" (dopo che nell'incipit si era preso dello "scoppiato del Vietnam" dagli amici della forestale), preso a pugni fino a trasformarsi in una maschera di sangue, Rambo si rialza dopo quattro giorni (a 70 anni suonati!) pronto a riprendere la missione. Ma siamo solo all'inizio, perché lo scopo, per una volta, non è muoversi in territori esotici ma attirare le prede nella propria tana, ovvero nella casa-rifugio in cui l'ex Berretto verde vive. E' qui che, dopo aver approntato un'infinita serie di trappole e aver spedito la domestica lontano, Rambo accoglierà sadicamente il convoglio d'auto giunto per vendicarsi. Spingerà i disgraziati nel dedalo di tunnel scavati sotto casa per massacrarli senza pietà in un delirio di sangue che però, tra montaggio forsennato e un'oscurità che lascia spesso solo intravedere quanto accade, non emerge mai con la dovuta potenza, ripetendosi fiaccamente; si rimane nell'ambito dell'action povero, caratterizzato da una scarsa fantasia anche nelle diverse tecniche omicide. Di conseguenza, non potendo certo esultare per una sceneggiatura tronfia di retorica a buon mercato, di drammatica enfasi che sfocia talvolta nel ridicolo e in personaggi monodimensionali prevedibili in ogni mossa (mal appiccicato pure quello della giornalista interpretata da Paz Vega), non resta che consolarsi con l'umanità e la sincera commozione comunicata da uno Stallone che il suo ruolo ancora riesce a incarnarlo a dovere. Titoli di coda con nostalgico montaggio di scene tratte dai cinque film della saga per stimolare l'inevitabile affezione al personaggio: ottiene solo di marcare ulteriormente la differenza qualitativa rispetto ai capitoli precedenti.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 27/09/19 DAL BENEMERITO DIGITAL POI DAVINOTTATO IL GIORNO 28/09/19
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Maxx g 3/10/19 16:41 - 492 commenti

I gusti di Maxx g

Undici anni dopo il quarto capitolo, Sylvester Stallone torna su uno dei suoi personaggi più celebri. La domanda sorge spontanea: serviva davvero un altro capitolo? La storia è invero piuttosto banale e si segue provando un forte senso di déjà vu. A parte lo sforzo degli sceneggiatori, di certo si poteva evitare la bassa macelleria. Di puro mestiere le interpretazioni degli attori.

Digital 27/09/19 12:25 - 1121 commenti

I gusti di Digital

Arrivati al termine (?) di questo ormai leggendario franchising la violenza si eleva alla massima potenza con sequenze, specie nel finale, che fanno impallidire persino gli slasher più truculenti: tra cuori strappati dal petto, impalamenti e teste tagliate di netto, il sangue scorre copiosamente. Uno Stallone in grande spolvero dà una pista agli attori più giovani dimostrando un formidabile atletismo. Certo, la storia ha il sapore del rimasticato e gli sviluppi sono tutt'altro che imprevedibili, ma il film scorre via che è un piacere.

124c 30/09/19 02:05 - 2775 commenti

I gusti di 124c

Un John Rambo invecchiato torna negli USA e va ad abitare nel ranch di famiglia fra cavalli, cameriere e adolescenti che sembrano più delle figlie adottive da accudire; ma poi accade qualcosa di brutto alla sua protetta e l'ex-reduce del Vietnam riparte alla riscossa. Amara pellicola amarcord che, forse, chiude una saga storica dei film d'azione, fra scene gore e splatter, concentrate soprattutto nel finale. Sorprende un Sylvester Stallone iper-settantenne in forma e ancora in parte, taglio di capelli alla Rocky e vestiti da cowboy a parte.

Markus 28/09/19 19:08 - 3307 commenti

I gusti di Markus

Nipote adottiva di un anziano zio scappa dall'Arizona per il Messico per parlare con il padre. Una volta lì sarà incastrata in un terribile giro di prostituzione. Capitolo della saga John Rambo (auto-prodotto da Sylvester Stallone) che nulla aggiunge al genere da lui intrapreso negli ultimi anni con i vari Mercenari; si assiste così, attraverso un lieve filo conduttore col passato Anni '80, a una vicenda atta a inscenare la consueta mattanza del Bene contro il Male. Siamo ormai alla risata facile; alla trashistica messa in scena. Va bene così.

Rambo90 30/09/19 23:30 - 6388 commenti

I gusti di Rambo90

Un ultimo capitolo che non fa sconti. Violento, drammatico, in cui il male esiste ed è tangibile (anche se rappresentato in modo semplicistico) e la consueta lotta messa in scena da Stallone è più difficile del solito. Prima metà triste, dove regna l'impotenza del personaggio e di chi guarda; seconda poderosa, con una strage finale liberatoria e girata con una inconsueta deriva splatter che non guasta. Sly è un Rambo più sofferto del solito e mette in ombra (come era intuibile) il resto del cast. Notevole.

Ryo 23/11/19 02:03 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Quinto e ultimo capitolo della saga di John Rambo. Il personaggio abbandona completamente la sua iconografia: via i capelli lunghi, bandana inesistente e questo spiace un po'. Al di fuori dal suo fedele coltellaccio, dei vecchi Rambo non è rimasto nulla. Storia cruda e a tratti spietata. Apprezzabili le scene splatter, debole la storia. Simpatici i titoli di coda che passano in rassegna scene di tutti e cinque i film.
MEMORABILE: Rambo massacrato di botte; Le trappole nel labirinto; Rambo lascia liberi i cavalli.

Herrkinski 23/11/19 03:24 - 5199 commenti

I gusti di Herrkinski

Una conclusione della saga che sembra guardare più al revenge-movie che ai consueti standard guerreschi dei capitoli precedenti (prototipo a parte); assomiglia infatti agli episodi più violenti de Il giustiziere della notte o a certe cose dello Schwarzenegger anni 80 (Commando su tutti), in una sorta di revival che risulta moderno solo nella messinscena spettacolare, tra CGI e derive splatter piuttosto gustose nel finale quasi horror. Tutto sommato diverte, ma risulta più un'appendice alla saga; avrebbe funzionato più come film a sè stante.
MEMORABILE: Il finale nei tunnel.

Viccrowley 10/12/19 09:25 - 803 commenti

I gusti di Viccrowley

Straordinario Sly. A oltre settantanni suonati riprende in mano uno dei suoi eroi più iconici e ne tira fuori qualcosa di inaspettato. Dopo quattro film in cui John è poco più che una macchina di morte, Stallone si concede silenzi e introspezioni che riflettono sullo scorrere inesorabile del tempo. Il tutto incorniciato in un action granitico che si perde in poche ciance e col passare dei minuti muta in un simil slasher ultra gore con un Rambo quasi ultraterreno che scava solchi nei suoi nemici quasi quanto nella sua anima devastata.
MEMORABILE: La passeggiata a cavallo con Gabrielle; Il primo incontro con i trafficanti; Lo scontro finale nei cunicoli.

Capannelle 21/12/19 00:18 - 3730 commenti

I gusti di Capannelle

Ingloriosa fine di una saga che ci aveva regalato ben altri momenti. Già tecnicamente e attorialmente il film non ha pretesa alcuna ma per giunta deve scontare una sceneggiatura misera, didascalica e piena di falle. Oltre a Rambo e alla sua fida domestica i personaggi sembrano di carta velina e tutto l'epilogo, giocato sul crescendo del truculento, è comunque troppo schematico e prevedibile. Forse sconta fretta e budget limitato e non si capisce perché Stallone accetti un'operazione filmica così raffazzonata.

Galbo 19/12/19 12:25 - 11417 commenti

I gusti di Galbo

Incautamente definito uno "scoppiato del Vietnam", il Rambo di Stallone dimostra di avere ancora qualcosa da dire nel quinto film della serie che si rivela un dignitoso anche se non memorabile film action. Piuttosto cruento visivamente, il film può contare su una doppia ambientazione (Messico e Arizona) che insieme alla durata contenuta tiene lontana la noia. Scene d'azione ben realizzate e interpretazione di Stallone non troppo sopra le righe. Non male.

Nando 23/01/20 09:28 - 3485 commenti

I gusti di Nando

L'eroe del Vietnam torna per vendicare una sua protetta caduta nel baratro della prostituzione. La prima parte non è proprio memorabile e del vero Rambo c'è ben poco. Nella seconda la violenza cruenta esplode con notevole fragore culminando nel giusto finale. Stallone sempre in forma con scene d'azione ben realizzate ma, a dire il vero, appare un Rambo a metà.

Taxius 29/01/20 12:35 - 1643 commenti

I gusti di Taxius

Sfruttatori della prostituzione rapiscono la nipote dell'uomo sbagliato, in quanto lo zio in questione si chiama John Rambo. Questo quinto capitolo è di fatto un revenge movie, quindi tutt'altra cosa rispetto ai film precedenti che erano incentrati principalmente sulla guerra. Stallone, nonostante l'età, dimostra di essere ancora in forma e anche in questo caso fa una strage di criminali. Tra tutti i film della saga è sicuramente il più splatter e violento. Nulla di eccezionale, ma l'azione è tanta come l'adrenalina. Intrattiene alla grande.

Il ferrini 14/02/20 23:14 - 1699 commenti

I gusti di Il ferrini

Una sceneggiatura impresentabile, che oltre a evidenziare numerose e gravi incongruenze è anche largamente prevedibile. Se si riesce a sorvolare sugli imbarazzanti stereotipi con cui viene descritto il Messico, nonché sul piglio reazionario di tutta l'operazione, si possono però apprezzare i pestaggi e le uccisioni, quelle sì, piuttosto fantasiose e ben messe in scena, soprattutto nella classica carneficina finale. Stallone è ancora credibile e Yvette Monreal, qui nipotina di Sly, è bellissima. Ma non basta.

Mc81 28/04/20 05:01 - 5 commenti

I gusti di Mc81

La questione non è neanche che sia bello o brutto. La verità è che questo film non ha nulla a che fare con la saga di Rambo. Il personaggio è completamente diverso sia fisicamente che caratterialmente, capelli corti e una inusuale favella. Anche le scene, molto violente ma poco avventurose, hanno poco a che fare con la saga. Insomma, un altro film. Il finale cerca un riscatto che non arriva, nonostante Stallone si impegni di brutto a fare il mattatore (in tutti i sensi). Si fosse intitolato diversamente sarebbe stato leggermente diverso, ma si chiama Rambo e purtroppo non lo si può salvare.

Maxspur 26/04/20 20:54 - 81 commenti

I gusti di Maxspur

La deriva "splatter" intrapresa nel precedente capitolo procede allegramente anche in questo che però ha bisogno, a un certo punto, che ci venga mostrato il documento di riconoscimento per essere certi che si tratti di Rambo, altrimenti il film rischierebbe di essere scambiato per un "rape & revenge" movie qualsiasi. Diversi anni fa, nei progetti di Stallone c'era quello di rifare Il giustiziere della notte: a quanto pare sembra esserci riuscito. La ridicola acconciatura nero corvino del precedente episodioprecedente capitolo lascia spazio a qualcosa di più credibile.

Puppigallo 29/04/20 13:15 - 4515 commenti

I gusti di Puppigallo

Il Rambo proposto da questo episodio è un mezzo relitto impasticcato e rimuginante, con i soliti problemi di controllo della rabbia e di inserimento (vive quasi isolato, con tanto di rete di tunnel sotterranei... mah). Il vero problema è che sembra tutto costruito ad arte per farlo rimettere in moto, anche se il cigolio degli ingranaggi usurati si sente da chilometri di distanza. In più, nella prima metà sembra che Rambo abbia mandato, in aiuto di chi è in difficoltà, il gemello incapace (un sacco da botte incompetente), cosa che stride profondamente con l’epilogo. Mediocre, seppur vedibile.
MEMORABILE: Pronti via e il povero Rambo viene definito "Uno scoppiato del Vietnam"; "Biancaneve" in Messico in un localaccio (chissà come finirà...).

Pinhead80 1/05/20 18:17 - 3967 commenti

I gusti di Pinhead80

Chi credeva che Rambo sarebbe stato messo nel dimenticatoio sbagliava di grosso. Eccolo qui dover recuperare la sua figlioccia dalle mani di una banda di sfruttatori di giovani ragazze da far prostituire. Anche se la violenza è concentrata tutta nella parte finale, la crudezza delle immagini che vediamo vale l'attesa. Nonostante gli anni passino per tutti, Stallone riesce a rendere credibile un personaggio che interpretato da altri risulterebbe ridicolo. Violenza e rabbia allo stato puro.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Raremirko • 19/11/19 23:00
    Addetto riparazione hardware - 3479 interventi
    Di intrattenimento, scorrevole, ben fatto, ma non è che abbia molto dei vari Rambo; la Vega è una discreta aggiunta, lodi infinite alla forma fisica di Stallone, finale pirotecnico e violentissimo, mai un attimo di noia.

    Fa il suo lavoro, risulta discreto, ma il quarto era magari sociologicamente più impegnato.

    I migliori della serie sono il 4 e l'1; segue questo, poi il 2 (che di interessante ha lo script di Cameron) ed infine il 3.
  • Discussione Capannelle • 21/12/19 00:33
    Scrivano - 2506 interventi
    I titoli di coda preceduti da un collage delle scene dei precedenti 4 Rambo non fanno che aumentare il rammarico per un film così dozzinale. Non che Rambo (primo a parte) sia mai stato una saga profonda e troppo sfaccettata ma Last blood sembra a tutti gli effetti un film che "hanno dovuto girare" e alla cui lavorazione hanno contribuito soltanto dei medioman.
  • Discussione Raremirko • 21/12/19 21:11
    Addetto riparazione hardware - 3479 interventi
    Capannelle ebbe a dire:
    I titoli di coda preceduti da un collage delle scene dei precedenti 4 Rambo non fanno che aumentare il rammarico per un film così dozzinale. Non che Rambo (primo a parte) sia mai stato una saga profonda e troppo sfaccettata ma Last blood sembra a tutti gli effetti un film che "hanno dovuto girare" e alla cui lavorazione hanno contribuito soltanto dei medioman.


    C'è di peggio dai
  • Discussione Poppo • 3/02/20 02:06
    Galoppino - 422 interventi
    Raremirko ebbe a dire:

    C'è di peggio dai



    E' un film eccellente accidenti!