R Mia moglie è una strega

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Mia moglie è una strega
Anno: 1980
Genere: commedia (colore)
Note: Remake di "Ho sposato una strega" (1942).
Papiro: elettronico

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Remake di HO SPOSATO UNA STREGA, con Pozzetto e la Giorgi in sostituzione di Fredric March e Veronica Lake. Nel prologo assistiamo a un sabba semimusicato orchestrato nientemeno che dal diavolo in persona (un Helmut Berger in calzamaglia e mantello, dallo sguardo mefistofelico ma dalla resa involontariamente ridicola). Tutto per spiegare il perché di una vendetta che la bella strega Finnicella (un'ammaliante Eleonora Giorgi) dovrà compiere qualche secolo dopo ai danni del discendente del vescovo che la condannò al rogo. Giorni nostri. Emilio Altieri (Pozzetto) è la vittima predestinata, ma farlo innamorare per poi farlo soffrire sarà per Finnicella meno semplice del previsto....Leggi tutto Il duo Castellano e Pipolo scrive e dirige una commedia dai toni comicamente surreali, come nel loro stile. Quindi da aspettarsi buone gag che si alternano ad altre molto meno efficaci e talvolta fastidiose nella loro ingenuità, quasi infantili. Inoltre la storia tende a ripetersi senza alcuna variazione stimolante e nel viaggio in scopa sopra a Parigi si tocca il fondo. Caratteristica la colonna sonora di Detto Mariano, che ripropone il tema portante in ogni salsa e con ogni strumento (addirittura in chiave hard rock suonata dai Pandemonium, un gruppo simil-Kiss, in discoteca). Pozzetto cerca di salvare il salvabile con la sua comicità dimessa e trasognata che alterna a momenti di brusco ritorno alla realtà (però deve fare i salti mortali e non sempre ci riesce), Eleonora Giorgi è dolce e indicata per la parte. Tanto è vero che il film ebbe un certo successo e la formula venne replicata da Corbucci due anni dopo in LA CASA STREGATA (con Gloria Guida al posto della fisicamente simile Giorgi).
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Fabbiu 11/04/07 15:20 - 2044 commenti

I gusti di Fabbiu

Sono poche le trovate comiche, Pozzetto è piuttosto bravo e le sue battute sono efficaci, purtroppo la sceneggiatura è al limite della semplicità. Carino il prologo, poi il film continua in maniera troppo facile e si ride poco. Rimangono impressi solo i vari effettini speciali che pur essendo stupidi e elementari rendono bene l'idea. La Giorgi è bella ma la sua interpretazione è a volte fastidiosa, con dialoghi prevedibili e poco studiati. Molto trash il volo in scopa. Dello stesso genere e con Pozzetto, molto meglio La casa stregata.

Stubby 3/10/07 10:25 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Film abbastanza divertente per un pubblico però prettamente giovanile, con un Pozzetto in ottima forma a salvare da solo la baracca ed una Eleonora Giorgi al top della forma fisica. Alcune sequenze sono veramente esilaranti, ma si contano sulle dita di una mano; per il resto trattasi del solito canovaccio in salsa favolistica che ci propina la premiata coppia Castellano & Pipolo.

Lovejoy 30/01/08 16:33 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Tra i film meno riusciti interpretati da Pozzetto, sebbene sia uno dei suoi più famosi. La simpatica storiella ha un discreto inizio, ma nella parte centrale il ritmo lentamente si spegne fino ad arrivare ad un finale molto (troppo) prevedibile. Pozzetto è sempre bravo e in pratica il film si sorbisce volentieri sopratutto per lui. La Giorgi e Berge sono insopportabili! Così così.

Gugly 1/05/08 21:46 - 1054 commenti

I gusti di Gugly

Film leggerino leggerino che si fa vedere con piacere ogni due o tre anni, non più spesso perché la trama e le gag sono troppo inconsistenti per essere veramente divertenti; in ogni caso la Giorgi è simpatica e Pozzetto dolcemente stralunato. La nota stonata è Berger, bellissimo ma francamente un corpo estraneo nel film, da Visconti a Castellano e Pipolo senza un trattamento che lo renda omogeneo non solo alla trama, ma alle scenografie e agli altri attori.

Redeyes 24/06/08 11:29 - 2289 commenti

I gusti di Redeyes

Una delle pellicole maggiormente conosciute di Pozzetto che, fra le altre cose, non è nemmeno delle peggiori. La sceneggiatura ha una sua cura, tutto sommato, e non ci troviamo falle evidenti, la Giorgi risulta addirittura migliore di Pozzetto. Piacevoli le situazioni e piacevole anche il poco credibile e buggerabile Diavolo, Helmut Berger. È uno di quei film che si riguardano sempre con piacere!

Cotola 25/06/08 19:23 - 8313 commenti

I gusti di Cotola

Da piccolo era uno dei miei film preferiti. Poi il tempo non è passato invano ed il ridimensionamento è stato inevitabile. Tuttavia resta ancora un discreto e godibile intrattenimento per giunta anche privo di grevità il che non guasta. Divertente il cameo di Berger. L'originale francese ha decisamente qualcosa in più.

Daidae 23/02/09 14:27 - 2934 commenti

I gusti di Daidae

Graziosa commedia sul tema fantastico. È un po deboluccia e troppo prevedibile, oltretutto non si ride quasi mai (ci sono pochissimi momenti comici) e, alla fine, sembra un film romantico più che una commedia. Ottimo Berger nella parte del diabolico Asmodeo. Tutto sommato è più che vedibile.
MEMORABILE: La macchina che sfonda il portone.

Franz 4/01/10 12:09 - 110 commenti

I gusti di Franz

Favoletta piuttosto insulsa, salvata dal grande Pozzetto che con due-tre zampate delle sue suscita qualche buona risata. La Giorgi è carina, ma davvero la sua recitazione non ha spessore. Berger è carismatico (seppure in un filmetto come questo) nel ruolo di diavolo punk-rock. Non male le sequenze dei sabba (streghe assai carucce!). Parola d'ordine, ovviamente: "Canistracci oil" (le azioni di borsa di cui Pozzetto vorrebbe disfarsi e che invece...).
MEMORABILE: L'auto rossa d'epoca: "Io giravo il volante a sinistra e invece la macchina voltava a destra"; Pozzetto indemoniato in discoteca.

Disorder 5/01/10 23:53 - 1414 commenti

I gusti di Disorder

Direi che questa commedia ha un po' gli stessi pregi e difetti di un altro classico di Pozzetto, ovvero Il ragazzo di campagna: trama esile, cast di contorno non sempre memorabile, grande leggerezza di fondo. Però c'è un dato di fatto: si ride, anche nelle trovate più puerili come il volo sulla scopa o le insegne impazzite alla Borsa. Riuscita anche la parentesi iniziale in costume. Leggero e divertente, insomma.
MEMORABILE: "Vendo le Canistracci"; "Ne sei proprio sicuro?"

Hackett 1/06/10 07:27 - 1830 commenti

I gusti di Hackett

Divertente commedia fuori dal tempo. Si può ridere di gusto anche ora nonostante siano passati molti anni, perché gli elementi comici sono tutti nelle mani di un Pozzetto ispirato e trascinatore. Notevole l'affiatamento con la Giorgi; il film è un esempio autorevole di come questo genere di commedia leggera all'italiana potesse essere divertente, tenendosi lontana dalle volgarità insite nel cinema italiano leggero (solo di contenuti e idee) che ci piomberà addosso dagli anni '90.

Renzo Rinaldi HA RECITATO ANCHE IN...

Galbo 12/06/10 07:18 - 11853 commenti

I gusti di Galbo

Commedia italiana decisamente ispirata ad un classico americano il tutto trasposto a Roma dove ritorna a vivere per un sortilegio una strega bruciata nel '600. Il film è vedibile ma si dimentica in fretta benchè abbia dalla sua una buona prova del cast (con un Renato Pozzetto in parte affiancato da una Giorgi spiritosa quanto basta). In generale è la storia che appare piuttosto debole e non adeguatamente supportata dalla sceneggiatura.

124c 11/04/11 18:06 - 2832 commenti

I gusti di 124c

Era l'epoca in cui in tv passava Vita da strega (il "magico" telefilm anni '60), quando al cinema arrivò questa commedia italiana ispirata anche al classico americano Ho sposato una strega. Il film è il tipico triangolo lui/lei/l'altro, dove lui è Renato Pozzetto, lei è Eleonora Giorgi e l'altro è il diavolo Helmut Berger (doppiato da Sergio di Stefano). Storia d'amore, magia e vendetta, con spruzzate di comicità anni '80 che oggi, mancano nelle nostre sale, poiché non esistono cloni di comici come Pozzetto. Grazioso e senza troppe pretese.
MEMORABILE: I travestimenti di Helmut Berger, diavolo innamorato della strega Eleonora Giorgi.

Dengus 20/05/11 17:13 - 361 commenti

I gusti di Dengus

All'epoca bastava nominare la parola "RenatoPozzetto" e i botteghini friggevano! Effettivamente anche in questo film vediamo uno dei migliori Renato, magari non dilagante come in La patata bollente o nel Ragazzo di campagna, ma che comunque con la sua goffaggine offre sempre grandi risate, stavolta con la complicità della bella ma anche simpaticissima Eleonora Giorgi, una maldestra e dolce strega che invece di vendicarsi del lontano antenato di Pozzetto se ne innamora. Bellissima la sigla "Magic", cantata proprio dalla Giorgi; favolistico.

Trivex 7/07/11 14:09 - 1624 commenti

I gusti di Trivex

Bel film del Renato nazionale: davvero un buon esempio di come si possa fare un prodotto per tutti, divertente per bambini e scacciapensieri per gli adulti. Naturalmente il tutto è nelle mani del grande Pozzetto, perseguitato dalla strega bionda e dal diavolaccio. Ci sono momenti divenuti ricorrenti, nelle citazioni cinematografiche (come le mitiche Canistracci Oil, quando ci si vuole divertire con le "azioni"). Il contesto è completamente sdrammatizzato, proprio un benvenuto agli anni 80 attraverso una nuova porta verso la serenità.
MEMORABILE: "Tremate, tremate... le streghe son tornate"!

Herrkinski 23/09/11 02:01 - 6608 commenti

I gusti di Herrkinski

Remake italico di Ho sposato una strega, in versione Castellano & Pipolo. Il tutto si risolve in una garbata commedia romantica, molto probabilmente pensata per le famiglie (tant'è vero che Pozzetto limita drasticamente il turpiloquio e le gag in genere sono molto "pulite" e a tratti infantili). Il film in sè è più che guardabile ed è discretamente realizzato; può anche vantare la presenza stracult di Berger, tuttavia ha il difetto di non far ridere quasi mai, cosa che ci si aspetterebbe da un Pozzetto del periodo. Meglio La casa stregata.

Dusso 10/05/12 20:28 - 1548 commenti

I gusti di Dusso

Commedia garbata semplice e pulita. Pozzetto è molto misurato e non sbraca mai, mentre la Giorgi è davvero molto bella. Il film è simpatico ma a dir la verità si ride piuttosto poco. Nella scena iniziale si riconosce, tra le streghe, una giovanissima Serena Grandi.

Pumpkh75 26/05/12 18:12 - 1504 commenti

I gusti di Pumpkh75

Simpatica commedia a tinte fantastiche, mette in risalto un Pozzetto piu’ controllato del solito ma comunque brillante e una Giorgi vera e propria spalla, anziché la solita presenza ornamentale al servizio del big di turno. Nonostante l’estrema semplicità della trama, qualche scena, vedi la discoteca o il celeberrimo volo sulla scopa, rimangono comunque scolpiti nell’immaginario. Buono, anche se, sul piano squisitamente comico, Pozzetto ha fatto certo di meglio.

Hearty76 7/11/12 00:58 - 235 commenti

I gusti di Hearty76

Gradevole film di matrice tipicamente ottantiana. Come remake non è un granché, ma nemmeno da svalutare del tutto. Simpatico e scorrevole, anche se nel rivederlo a distanza di anni si notano facilmente tutte le incrinature dovute a una sceneggiatura "saltellante" per non dire frettolosa. Ottimamente calata nel ruolo la bella e quanto basta accattivante Giorgi. Peccato che coprotagonisti e personaggi secondari defluiscano rapidamente verso la deriva narrativa. Per una serata di lieve nostalgia.

Modo 19/03/13 08:53 - 887 commenti

I gusti di Modo

Pozzetto negli anni d'oro difficilmente sbaglia un colpo. Anche questo film è apprezzabile e dignitoso. Certo non siamo di fronte a niente di eccelso, ma le battute sono simpatiche e il ritmo è buono. Brava la Giorgi nelle vesti di strega ammaliante. Gli anni '80 si sentono ed è gradevole rivedere la moda e lo stile degli anni "da bere". Nostalgico.

Gabrius79 25/07/13 18:51 - 1321 commenti

I gusti di Gabrius79

Successo al cinema per questa commediola semplice con protagonista la coppia formata da Renato Pozzetto e Eleonora Giorgi. Il film è piuttosto arrangiato e povero di mezzi ma Pozzetto riesce a strappare un po' di risate e a farci dimenticare alcune pecche nella sceneggiatura. La Giorgi è bravina ma in alcune scene risulta addirittura migliore Lia Tanzi. Berger così così.
MEMORABILE: Pozzetto che legge il libro di magia.

Castellano (Franco Castellano) HA DIRETTO ANCHE...

Rambo90 24/12/13 03:45 - 7064 commenti

I gusti di Rambo90

Non è uno dei migliori del duo Castellano & Pipolo: parte bene ma poi diventa presto ripetitivo e, soprattutto, infantile. Le gag son quasi tutte surreali ma poco divertenti e Pozzetto non ha lo spazio giusto per le sue tipiche battute spiazzanti. La parte finale poi è proprio bruttina, con la ghigliottina e il volo a cavallo della scopa. In compenso ci sono una Eleonora Giorgi particolarmente dolce e bella e una colonna sonora simpatica.

Mco 22/05/14 17:52 - 2247 commenti

I gusti di Mco

Negli anni Ottanta si faceva la fila per potersi gustare in sala il debutto di film(etti) come questi. E il successo derivava dalla scelta del comico adeguato e dalla sua compagna di "viaggio". Qui Renatone non delude, con la sua carica sarcastica di battute e ammiccamenti, mentre al suo fianco la streghetta di turno è una bellissima Eleonora Giorgi, maliziosa al punto giusto. Probabilmente si potrà avvertire un senso di pedanteria con il trascorrere dei minuti ma, nel complesso, la pellicola resta un classico del genere.

Claudius 13/09/14 10:59 - 496 commenti

I gusti di Claudius

Remake nostrano di un film anni 40, questa garbata commediola si lascia guardare sempre con piacere, riuscendo sempre a divertire. Il lato fantasy non è molto riuscito, ma la simpatia del comico milanese e la bellezza della Giorgi riescono a salvare la pellicola.
MEMORABILE: Eh la madoonnaa, ma lei ha tutta la Borsa qui.

Schramm 12/02/15 17:19 - 2895 commenti

I gusti di Schramm

Strega per vendetta prima e per amore poi, la Giorgi cara Giorgi corre felice sui prati d’asfalto meneghino e passa il brillantante sulla bigia vita di un Pozzetto accomodato al meglio da una partitura narrativa semplicissima fino alla naiveté ma più maliarda di una pozione, una regia fatata che dirige l’orchestra con una bacchetta da fata turchina, f/x da segno più grande così. Che si balocchi con gli stampi della magia bianca, nera o rossa, l’incantesimo filmico non sfuma mai e il buonumore dato in usufrutto resta cospicuo fino all’ultimo metro di pellicola.

Deepred89 26/08/15 13:31 - 3488 commenti

I gusti di Deepred89

Sia chiaro: commedia piacevolissima, che scorre liscia come l'olio. Eppure non si può passar sopra a una sceneggiatura esilissima, incapace di articolare minimamente il suo simpatico soggetto, senza contare il numero allarmante di battute francamente pietose ("Porco me... volevo dire porco diavolo"). Pozzetto e la Giorgi perfetti tengono a galla la baracca e ogni tanto strappano pure la risata. Berger completamente fuori luogo, almeno quanto il prologo ultrakitsch; belle le musiche ed effetti speciali simpaticamente naïf. ** e qualcosina...

Zender 19/01/16 08:16 - 298 commenti

I gusti di Zender

Quant'è bella Finnicella! L'altero Altieri le resiste stoicamente e se finisce nel pallone è solo per le simpatiche stregonerie subite tra una Muratti e l'altra. E' insomma Pozzetto a sedurre la Giorgi divertendo coi suoi nonsense in risposta agli incanti che non l'incantano; e a lui s'aggrappano pure i due registi, perché di scrivere una buona sceneggiatura stavolta non se ne parla (e difatti col diavolo Berger in scena addio). Manifesto del pozzettismo salvatutti: come sbancare proponendo solo Canistracci! Basta un poco di ritmo e la pillola va giù. Poi si pensa ad altro.
MEMORABILE: Di ritorno a casa tra i fumogeni della polizia causa vicina manifestazione femminista: “E che nebbia! Che tempaccio!”

Il ferrini 28/09/16 22:37 - 1950 commenti

I gusti di Il ferrini

Non sarò obiettivo, trattandosi di un cult della mia infanzia, ma questo film è davvero grazioso. Certo a rivederli oggi gli effetti speciali fanno tenerezza, così come certe battute, ma Finnicella Giorgi è straordinariamente bella e Pozzetto è all'apice della forma. Le scene memorabili non si contano: la magica pulizia dell'ufficio, l'auto che li porta al mare, le Canistracci Oil quotate più dell'oro. Una comicità semplice, genuina ma mai volgare. Meritevole di menzione l'ormai leggendaria colonna sonora "Magic" di Detto Mariano. Tenero.
MEMORABILE: "Gli spaghetti lei li mangia singolarmente?"

Markus 19/01/16 12:36 - 3501 commenti

I gusti di Markus

Basterebbe citare le "Canistracci oil" per riconoscere questo film come indiscutibile culto, perché se è vero che trattasi di rivisitazione - senza troppo impegno - di Ho sposato una strega, certo è anche che leggerezza, felici intuizioni nella sceneggiatura e ritmo sono qui assicurati dalla scoppiettante coppia Giorgi/Pozzetto (replicheranno in Mani di fata), corroborata dall'easy listening di Detto Mariano. L'impellicciato pubblico del Natale 1980, con buona pace della critica che bistrattò il film, aveva ragione.
MEMORABILE: Pozzetto isterico che dice: "Ortisei, vado a Ortisei!" e "Vendo/compro Canistracci oil". Giorgi: "Effettivamente un po' di eco c'è".

Motorship 9/10/16 17:07 - 585 commenti

I gusti di Motorship

Garbata commedia targata Castellano & Pipolo che ha tra i suoi punti di forza un Pozzetto piuttosto in forma, anche se non al massimo della sua comicità. I punti deboli invece risiedono nella sceneggiatura, scritta davvero male e che genera situazioni piuttosto ripetitive e alla lunga stancanti (la scena di Parigi per esempio era evitabilissima). La Giorgi è di una bellezza folgorante e piuttosto brava, inutile invece il bolso Berger. In definitiva niente male.
MEMORABILE: Canistracci oil.

Il Dandi 15/07/16 01:26 - 1917 commenti

I gusti di Il Dandi

Commedia sentimental-fantastica (in realtà un remake di un film degli anni '40, anche se noi della generazione ottantiana lo avremmo scoperto dopo). La dimensione pozzetto-centrica è di successo innegabile (tanto da ispirare anche il successivo La casa stregata) quanto inspiegabile: la trama fantastica innesca trovate infantili condite da effetti speciali casarecci. Strano a dirsi, ma il traino principale del film risulta essere la Giorgi, che finisce per essere anche il personaggio più spiritoso. Berger è nato per fare la parte del diavolo.
MEMORABILE: La corsa in macchina di Pozzetto con la Giorgi sull'auto che guida da sola.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Ultimo 15/07/16 10:00 - 1533 commenti

I gusti di Ultimo

Filmetto debole debole di Castellano e Pipolo salvato da solito monumentale Pozzetto che colleziona battute a raffica e riesce sempre a far ridere. Il Renato nazionale è un vero spasso quando non riesce a controllare l'automobile (a quanto andiamo, 200 più 30, 230!!!) e parte con i soliti discorsi al limite del surreale che da sempre caratterizzano la sua comicità. La Giorgi non rende come dovrebbe, ma qua e là piazza gag riuscite (il viaggio in scopa è divertente...). Per molti un cult movie, non è tra i miei preferiti di Pozzetto.

Parsifal68 6/10/16 08:48 - 607 commenti

I gusti di Parsifal68

Film leggero per un Pozzetto all'apice della sua notorietà. La storia non è il massimo e le situazioni divertenti sono tutte a carico del comico milanese, ma qualche scena strappa discrete risate. La Giorgi, bella come non mai, rimane troppo soggiogata in un ruolo edulcorato. Ci sono Helmut Berger che fa il diavolo e la grande Lia Tanzi, forse la più in parte.

Alex75 12/10/16 13:44 - 773 commenti

I gusti di Alex75

Commedia con sfumature rosa e con buoni sentimenti mai stucchevole, grazie alla buona forma di Pozzetto e alla presenza e simpatia di Eleonora Giorgi, che fanno passare in secondo piano una certa debolezza della sceneggiatura e la modestia della regia; completa il quadro Helmut Berger nei panni di un Asmodeo più ridicolo che diabolico. La caratteristica più notevole del film resta, però, l’assoluta mancanza di volgarità, che ne fa un più che dignitoso prodotto per famiglie.
MEMORABILE: Il corteo femminista; Le azioni “Canistracci Oil”; L’auto di Pozzetto che va da sola.

Ira72 27/12/17 20:50 - 1168 commenti

I gusti di Ira72

Se non ci fosse stato Pozzetto, difficilmente questo film si sarebbe salvato da un basso pallinaggio. La trama è banale e raffazzonata, con poco dispendio anche in costumi e scenografia. Va benissimo la leggerezza e passi anche la poca pretesa, ma zero sostanza, alla lunga, affiacca. Renatone tuttavia, per fortuna, regala sempre quell’ingenuità genuina, tipica della comicità Anni Ottanta, strappando comunque un sorriso. E pure il buon umore. Certo è che, da piccola, era uno dei miei film preferiti.

Pesten 24/10/18 11:19 - 696 commenti

I gusti di Pesten

Da giovani si apprezza di più, oggi è ancora simpatico ma ha perso molto di quello smalto che sembrava ricoprirlo all'epoca. Salvano tutto Pozzetto (seppur abbastanza limitato) e una Giorgi in parte, che è graziosa ma come recitazione nella prima parte lascia un po' a desiderare (si ridoppia e anche malino), ma per il resto sembra tutto troppo scontato e facilone, quasi come se il film fosse stato fatto seguendo una manciata di idee e non una sceneggiatura vera e propria. Basti guardare il finale, fin troppo frettoloso (per non dire sbrigativo).

Paulaster 21/02/19 10:15 - 3603 commenti

I gusti di Paulaster

Strega tornerà per vendicarsi ma si innamorerà. A parte che le streghe femministe erano già fuori tempo per l'epoca, non si può negare che sia un intrattenimento che regge i decenni che porta. Pozzetto (merito del suo repertorio con Cochi) riprende alcune ottime situazioni surreali e le sparge senza essere pedante. Brava la Tanzi e sempre gran presenza scenica per Berger. La storiella è esile, si sa, ma è adatta per serate in famiglia (grazie all'assenza di volgarità).
MEMORABILE: Le Canistracci Oil; I capelli in ordine sparso; I balli di Pozzetto in pista; La Tanzi dopo la pozione d'amore.

Pessoa 3/02/22 00:57 - 2107 commenti

I gusti di Pessoa

Rifare Ho sposato una strega poteva essere un'arma a doppio taglio perché al vantaggio di uno spunto sicuramente vincente si associava il pericoloso (e impietoso) paragone con l'originale, anche perché Castellano e Pipolo non sono René Clair. E così uno script raccogliticcio e una regia superficiale vanificano la buona prova dei protagonisti, riducendo il risultato finale a un prodotto mediocre, a tratti divertente, ma totalmente privo di carattere. Migliore del cast l'austriaco Berger che interpreta un diavolo sornione che avrebbe meritato miglior pellicola. Guardabile, ma anche no.

Gottardi 28/02/22 12:25 - 276 commenti

I gusti di Gottardi

Strega che venne bruciata sul rogo nel Seicento per ordine di inquisitore torna in vita ai giorni nostri per vendicarsi del di lui discendente, oggi bancario, ostacolandogli le prossime nozze, ma finisce con l’innamorarsi di lui. Moderatamente divertente, ed è già tanto perché è l’ennesimo film che poggia solo sulle capaci spalle di Pozzetto e le sue battute stranianti e folgoranti; anche la Giorgi è brava e bella, ma la trama è troppo esile e la sceneggiatura scade troppo spesso nel puerile. Nel complesso moscio come una maionese impazzita.
MEMORABILE: Le azioni della Canistracci Oil.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Geppo • 31/03/12 13:18
    Addetto riparazione hardware - 4239 interventi
    Incredibile... non ci speravo più. Grazie per la segnalazione.
  • Homevideo Zender • 31/03/12 13:52
    Pianificazione e progetti - 45706 interventi
    Eh sì, fondamentale!
  • Homevideo Didda23 • 31/03/12 17:17
    Comunicazione esterna - 5772 interventi
    Ottimo!
  • Homevideo Dusso • 9/05/12 13:51
    Archivista in seconda - 1677 interventi
    Eccolo:
    DVD5 (3,25 GB)
    Menu Animato con in sottofondo la canzone Magic
    Audio Mono 2.0
    Formato 1:78:1 ottimizzato per tv 16:9
    Durata : 1:26:16 Master pulito mi è parso piuttosto buono
    Extra: Trailer originale (2:35 minuti)
    Prima del film un cartello ci avvisa che Medusa titolare del 50% del film dopo lunghe ricerche non è riuscita a trovare il titolare dell'altra metà
    Ultima modifica: 9/05/12 13:56 da Dusso
  • Homevideo Markus • 9/05/12 13:57
    Scrivano - 4811 interventi
    Grazie Dusso. Lo devo assolutamente acquistare.
  • Homevideo Markus • 13/05/12 21:53
    Scrivano - 4811 interventi
    Preso il DVD. Debbo dire che lo ritengo qualitativamente soddisfacente perciò mi sento di consigliarlo. Un film che si attendeva da lungo tempo in formato digitale.
  • Homevideo Zender • 14/05/12 10:39
    Pianificazione e progetti - 45706 interventi
    Ok, da prendere sicuro allora, grazie.
  • Homevideo Comix • 3/05/13 21:58
    Disoccupato - 16 interventi
    ''La Cecchi Gori Home Video ridistribuirà il film in dvd per conto della Mustang Entertainment, il dvd non era più in distribuzione da qualche mese, e dal 21 Maggio sarà di nuovo in vendita!''
    l'edizione del film sarà uguale a quella distribuita dalla Medusa.
  • Discussione Alex75 • 20/02/17 17:56
    Call center Davinotti - 668 interventi
    L'automobile guidata da Pozzetto è un'Alfa Romeo 6C Replica del 1931. Non so se fosse dell'attore, il quale, come è noto, è un appassionato di auto d'epoca.
    http://www.imcdb.org/vehicle_429529-L-Automobile-Alfa-Romeo-6C-Replica-1931.html
  • Curiosità Fauno • 29/03/19 00:15
    Compilatore d’emergenza - 2638 interventi
    Dalla collezione cartacea di Fauno il flano del film.