LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Dopo il successo di GUERRE STELLARI la fantascienza, genere non di moda in quegli anni, ebbe una nuova impennata, producendo anche da noi una serie di cloni poveri che, a causa della ristrettezza inevitabile di budget rispetto al modello americano, risultavano alquanto ridicoli. È il caso anche di questo LA BESTIA NELLO SPAZIO del valoroso Alfonso Brescia (si firma con l’abituale pseudonimo di Al Bradley), autore di altri quattro fantafilm girati quasi contemporaneamente. In bilico tra soft-core (l'opera venne rieditata quattro anni dopo col titolo di LA BESTIA PORNO NELLO SPAZIO e integrata con spezzoni hardcore della specialista Marina Lotar, presente nel cast) e fantascienza grossolana,...Leggi tutto questo grottesco e maldestro esperimento di Brescia si segnala anche per la protagonista Sirpa Lane la quale, proveniente direttamente dal celebre LA BESTIA di Borowczyk, ne riprende in parte il personaggio finendo stuprata da un mostro meno “animalesco” ma comunque temibile: un fauno dal pene gigantesco. L'intento di sfruttare il successo del film di Borowczyk è evidente, non tanto lo è il motivo che ha portato il produttore a tentare la strada della fantascienza senza disporre dei mezzi minimi necessari: la fotografia di Silvio Fraschetti è terribile, le scenografie essenziali fino allo zen, i costumi risibili, il doppiaggio penoso (c'è perfino chi muove le labbra senza pronunciare parola!)... Addirittura nelle inutili risse si notano pugni che arrivano a 20-30 cm dal bersaglio provocando ugualmente il classico rumore “cartonato”. Un bell’oggettino trash, con astronavi di plastica e un robottone scatolato da sganasciarsi. Si salvano solo le musiche di Marcello Giombini, ai limiti della new age.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Renato 30/06/07 10:49 - 1579 commenti

I gusti di Renato

Uno dei miei cult personali: a mezza strada tra il porno-soft (in alcune versioni non così soft) e la fantascienza, girato con 4 soldi, tra scenografie improvvisate, esterni agghiaccianti e battute tremende, resta però un ibrido affascinante, forse per merito delle musiche ipnotiche di Pluto Kennedy --> Marcello Giombini. Alfonso Brescia girò cinque di questi film di sci-fi praticamente uno dopo l'altro, ma nessuno raggiunge il livello di questo.

Undying 1/08/07 18:30 - 3840 commenti

I gusti di Undying

Sirpa Lane (già sacrificata sessualmente alla "bestia" nel film di Borowczyk e offerta ad un mastino anche nel nazi La Svastica nel Ventre) veste i (pochi) panni di un giovane tenente a bordo di un'astronave diretta verso il pianeta Toriton. La ragazza ha un incubo ricorrente: sogna di essere violentata da un mostro. Il film venne riproposto, un paio di anni dopo (1982), con inserti hard-core e titoli assai indicativi come "La Bestia Porno" o La "Bestia Porno nello Spazio", nei quali Marina Frajese ha "interpretato" le sequenze più crude. Fantaporno.

Pol 11/04/08 18:30 - 589 commenti

I gusti di Pol

Il film è brutto forte, non si scappa. Girato con pochissimi mezzi e poche idee, ma contenente alcune scene che ne giustificano l'esistenza: il sogno ricorrente del satiro che rincorre la protagonista nel bosco e la violenta (con tanto di pisellone di pelo!), la scena della sparatoria composta da 3/4 di inquadrature che si ripetono sempre uguali per 5 minuti, il robot finale di cartone... Insomma, penso che si sia capito a cosa si va incontro. Starcrash a confronto è un kolossal!
MEMORABILE: Beh, il robot gigante che appare alla fine è da vedere per credere: una scatola di cartone colorata.

Trivex 6/12/08 12:14 - 1496 commenti

I gusti di Trivex

Incredibile film fantaerotico, con assurdi inserti porno girati probabilmente altrove e forse anche con attori diversi (bisognerebbe interpellare uno specialista dell'hard!). Comunque la pellicola è stracult, in quanto girata male, con una trama bruttissima e con molte scene tra il ridicolo ed il grottesco. La ricerca di un minerale prezioso su un pianeta misterioso, farà perdere la testa a tutti, ma il rimedio è nella chimica! Mi pare sia pure citata la partecipazione di Venantino Venantini, ma non sono riuscito ad individuarlo. Ha un suo perché.

Manowar79 12/12/08 16:11 - 309 commenti

I gusti di Manowar79

Pasticcio fantascientifico firmato Brescia, che tuttavia mostra qualche piccolo merito a livello artigianale (per non dire amatoriale). La componente erotica, piuttosto marcata per uno sci-fi, è in definitiva un valido aiuto per non cedere al sonno dopo 10 minuti di film. È ovvio che, se in tempi recenti qualcuno è stato capace di rivalutare titoli inammissibili come Starcrash e Paganini Horror (entrambi di Cozzi), non c'è ragione di massacrare a priori il povero Bradley/Brescia.

Daidae 1/03/09 14:09 - 2747 commenti

I gusti di Daidae

Come Brescia abbia potuto girare una schifezza simile me lo chiedo da sempre. In parte ispirato alla Bestia (stessa attrice e stesso atto...) è un miscuglio di fantascienza all'italiana (la peggiore che esista) e soft-porno. Gli attori però non sono malaccio, dalla brava e sfortunata Sirpa Lane ai più conosciuti Venantini e al grande caratterista Claudio Undari. Brutto, ma vedibile.

Aal 14/10/10 15:11 - 322 commenti

I gusti di Aal

Mamma mia che film! Con lo stesso poverissimo allestimento di Anno Zero: Guerra nello Spazio, gli stessi ridicoli costumi e una trama assai simile, Brescia allestisce questa sublime fiera del trash che trova il suo culmine nell'apparizione della "Bestia" del titolo con tanto di spropositato attributo maschile finto. La versione che ho visto è molto spinta, con inserti pornografici veri e propri, buttati lì tanto per aumentare i minuti di proiezione. Dialoghi da delirio del comico involontario, effetti da tre lire. Inarrivabile.

Caesars 4/02/11 09:27 - 2719 commenti

I gusti di Caesars

Di rara bruttezza. Al Bradley (Alfonso Brescia) gira in pochi anni 5 film di fantascienza che cercano di sfuttare il successo planetario di Guerre stellari, ma qui osa di più: accoppia al film di Lucas quello di Borowczyk ed ecco che la bestia finisce nello spazio (o meglio su un altro pianeta). Inutile dire che la trama è risibile, con snodi narrativi assurdi, ed è girata in modo meno che approssimativo con quattro lire. Resta un reperto archeologico interessante per conoscere il cinema italiano di serie Z di quegli anni.

Zardoz35 23/04/11 14:38 - 250 commenti

I gusti di Zardoz35

La risposta italiana a Guerre stellari sta in una serie di film di sf prodotti in fretta e furia nel periodo con pochi mezzi. Qui col pretesto della caccia a un prezioso minerale, conteso fra mercanti e militari, assistiamo a una sorta di western spaziale condito da buoni venti minuti di sesso sfrenato e da dialoghi al limite del ridicolo. Ci sono anche molti riferimenti a La Bète, cult di qualche anno primo, con la stessa attrice (la Lane) e alcune scene molto simili... accontentiamoci!
MEMORABILE: La rissa al bar al Centro Spaziale "non rompermi gli asteroidi"!; i ridicoli copricapi degli astronauti, cuffie da piscina con auricolari.

Deepred89 31/08/11 22:38 - 3291 commenti

I gusti di Deepred89

Allucinante porcheria che attinge dai plot di Alien e de La bestia con risultati terrificanti. Attori cani (giusto una Sirpa Lane imbronciatissima e un Ventantini ridotto praticamente a macchietta comica), regia trasandatissima, montaggio pazzesco, musiche elettroniche tristemente vintage e un doppiaggio tra i meno curati di tutto il cinema italiano. La noia supera il trash, che comunque in alcune occasioni abbonda, specie quando si tira in ballo il film di Borowczyk (si legga sotto). Molto sesso, più o meno hard a seconda delle versioni.
MEMORABILE: Gli inserti equini mentre i nostri eroi esplorano il pianeta misterioso. Roba da non credere.

Modo 15/08/12 18:55 - 826 commenti

I gusti di Modo

Film terribilmente noioso anche nella versione più hard. Solo a citare lo spunto di Guerre stellari fa venire i brividi! Fantascienza pecoreccia e veramente povera. La sceneggiatura è misera e non bastano gli incubi dell'ufficiale galattico a tener sveglia la mente. Forse le scene hard possono stuzzicare l'appetito, ma se l'intento deve essere questo...

Homesick 29/05/13 07:20 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Fantascienza a luci rosse per Alfonso Brescia, che si volge a Borowczyk prendendone in prestito la musa Sirpa Lane con relativi incubi bestiali e persino l’accoppiamento equino. Scaricata la zavorra porno, lo spirito autentico del b-movie italico si leva alto: se ne ammirano le artigianali scenografie space-pop, l’incrocio avventuroso-goliardico (simpaticissimo Venantini), gli intervalli gotico-peplum, gli attimi orrorifici e la sensuale eleganza dei nudi femminili. La colonna sonora è di Marcello Giombini, già avvezzo ai suoni extraterrestri.
MEMORABILE: «Dammi una bottiglia di latte di Urano!»; il banchetto con le fanciulle in vesti da peplum; Hundar con zampe da fauno e fallo gigante.

Herrkinski 5/06/13 15:25 - 5193 commenti

I gusti di Herrkinski

Sci-fi di serie Z misto soft-core (hardizzato in certe versioni), girato con sprezzo del ridicolo dall'ineffabile Brescia. Budget inesistente, doppiaggio a dir poco approssimativo, Venantini che non si sa cosa ci faccia lì in mezzo. La trama unisce lo sci-fi degno di Ed Wood con reminescenze da La bestia, giusto per sfruttare il successo della Lane, qui alle prese con Hundar satiro superdotato. Dialoghi e situazioni da sbellicarsi, musiche elettroniche stranianti, costumi e scenografie da pop-art anni '60 esilaranti. Trash con stile!
MEMORABILE: L'incipit al bar con dialoghi ed esclamazioni incredibili; La squadra spaziale che vede accoppiarsi due cavalli e si eccita; Hundar col fallo finto.

Ronax 18/10/14 02:07 - 912 commenti

I gusti di Ronax

Sconclusionato trash porno fantascientifico con cui Brescia si fa allegramente beffa in un colpo solo di Lucas e di Borowczyk. Quasi simpatico nella sua sfrontata cialtronaggine, il film si segue per la prima mezz'ora con occhio divertito, ma poi si sprofonda nell'assurdità totale condita da noiosissime scene erotiche a cavallo fra soft e hard (a seconda delle versioni), con tanto di "bestia", umana sopra la cintola ed equina da lì in giù. Ovviamente impossibile da prendere sul serio, visto che non ci provano neppure regista e attori.
MEMORABILE: Il computer che governa il misterioso pianeta, nonostante i suoi circuiti siano andati in tilt circa venti secoli prima.

Fauno 15/02/15 14:43 - 1927 commenti

I gusti di Fauno

Indipendentemente da tutto mi ha molto divertito e Brescia ha avuto un'idea geniale sia per la trama che per l'estrema visionarietà presente nel film. Fra l'altro non è esclusivamente a carattere favolistico ma costituisce un vero e proprio simbolo, il pianeta con la pace interiore dominato da un vecchio computer che condiziona la mente di chi ci abita modificando i suoi ordini secondo necessità. E sono ottimi anche gli scontri con scazzottate sempre fra Karis e Venantini (oltre, naturalmente, al ruolo fondamentale della Lane). Davvero valido!
MEMORABILE: Il primo faccia a faccia col computer; Il sogno di Sondra.

Jurgen77 4/11/15 13:37 - 630 commenti

I gusti di Jurgen77

A eccezione della locandina, che promette scontri alla Guerre stellari, il resto è pessimo. Orripilanti le scenografie, i costumi, la trama, gli "pseudo" effetti speciali e pure le musiche di Marcello Giombini (firmate con lo pseudonimo di Plutokennedy). Si vorrebbe salvare il salvabile, ma qui non si salva nulla, a parte qualche momento di non voluta comicità... E Brescia fece pure la trilogia dello spazio!?
MEMORABILE: L'accoppiamento della bestia.

Markus 27/12/15 16:40 - 3306 commenti

I gusti di Markus

Stendere parole per questo film di "fantascienza" (con inserti pornografici) è assai arduo, soprattutto in considerazione che è stato realizzato in un momento in cui il cinema cosiddetto di genere, pur con quattro soldi, riusciva a portare a casa prodotti decenti. Cinematograficamente siamo a livelli da terzo mondo, il tanto irriso "Star wars turco", rispetto a questo nostrano, non è poi così tanto lontano dal paragone. Viste le premesse l'unica via di salvezza per lo spettatore è lasciarsi "coinvolgere" da questo psichedelico trash.

Pessoa 8/05/17 11:33 - 1176 commenti

I gusti di Pessoa

Siamo di fronte al classico B-movie che prende spunto da film famosi e gli rifà il verso. Destinatari i cinema periferici di seconda visione; alla regia Alfonso Brescia, un valido artigiano del cinema di genere che se la cava non male, dato il budget a disposizione. Superiore ad altre produzioni simili giapponesi o americane, mantiene una sua dignità nello script e in alcuni dettagli tecnici di buon livello. La recitazione, Venantini a parte, è amatoriale e gli effetti speciali ridicoli, ma per quel pubblico andava bene così. Per appassionati!

Bullseye2 8/02/18 13:44 - 92 commenti

I gusti di Bullseye2

Zapping selvaggio tra fantascienza di serie Z (alla quale Brescia già era avvezzo), porno pionieristico, commediaccia di infima lega e psichedelia space-age, questa fusione tra Borowczyk e Star Wars (con tanto di spade laser da mercato rionale) regala novanta minuti di pura ilarità nel suo delirio scombinato di fauni superdotati, automi che sembrano copie della Carrà, montaggio distratto, insert zoofili e attori inebetiti, il tutto accompagnato dalla (davvero splendida) colonna sonora di Piombini. Un cinema che purtroppo non c'è più.
MEMORABILE: L'accoppiamento dei cavalli; Il fauno "particolarmente dotato"; I meravigliosi nudi e le spade laser tarocche.

Alexpi94 11/07/18 02:07 - 186 commenti

I gusti di Alexpi94

Pietoso esempio di sci-fi dalle forti venature erotiche (diciamo pure hard in alcune versioni) con un cast interessante (c'è pure la Gallotti in un ruolo striminzito) ma dalla recitazione del tutto sotto la media. Doppiaggio assurdo (attori che vengono doppiati a bocca chiusa e viceversa), effetti speciali ridicolissimi e regia poco curata non migliorano la situazione. La noia si fa sentire a più riprese. Evitabilissimo!
MEMORABILE: L'immane verga della bestia.

Faggi 8/12/19 17:18 - 1506 commenti

I gusti di Faggi

Capolavoro fuori controllo. Fantascienza (delirante, scardinata) e pornografia (da antica sala a luci rosse) inserite in un frullatore rotto, con sfrontatezza (nonché con scienza delle soluzioni immaginarie). Il risultato è da tutto da gustare. Vette ineffabili si toccano con le apparizioni del mostro caprino (si consideri La bestia) e del computer autocrate - che è una specie di robot giocattolo illuminato a festa, definito "arteriosclerotico". Scenografie da psichedelia avariata. Farneticanti fuochi d'artificio durante tutta l'ultima parte.

Rufus68 9/03/20 22:27 - 3115 commenti

I gusti di Rufus68

Il mestieraccio c'è. Con pochi spicci Brescia riesce a rendere gradevole una fantascienza improbabile dalla trama ancor più gratuita, con discrete musiche space e scenografie cheap-pop geniali nella loro essenzialità. Purtroppo il canovaccio erotico, pur nella versione depurata, inclina tutto alla barzelletta: il satiro membruto o l'eccitazione femminile di fronte all'accoppiamento equino sono scene di imperdonabile ridicolaggine, oltre che plagiarie. Peccato.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Schramm • 1/06/13 11:47
    Risorse umane - 6712 interventi
    mah, sì, è un'ideuzza folle (come folle è pensare che la lane abbia accettato di impicciarvisi) ma del resto pienamente in linea con lo spirito exploitativo dei tempi cavalcato per sopperire a una totale mancanza di idee e di pregnanza creativa, se poi vai a stringere vedi che è un mero pretesto con il buco attorno architettato per fare quel poco di cassetta: le ambientazioni sono quelle di un salotto di casa e di un giardinetto, le scenografie son fatte di rudimentalissimi fondali da teatracci circensi, i costumi sembrano i pigiamini irge, il trucco della bestia credo facesse divampare risate a squacquera anche allora, gli effetti tutt'altro che speciali vantano un roto-robot ripreso in scala e spade in plastica pittate di strisce di fosforo per renderle uguali a quelle di star wars, la trama se la deve inventare lo spettatore...c'è da dire che gli inserti hard non sono malaccio, nel loro candore, e che affrontato col giusto spirito fa sbellicare assai, ma anche sbadigliare altrettanto.
    Ultima modifica: 1/06/13 11:49 da Schramm
  • Discussione Raremirko • 1/06/13 12:51
    Addetto riparazione hardware - 3479 interventi
    ahaha, che ridere, la trama se la deve inventare lo spettatore XD XD XD

    Grande Schramm
  • Discussione Herrkinski • 5/06/13 15:37
    Vice capo scrivano - 2298 interventi
    Deepred89 ebbe a dire:

    La combriccola di viaggiatori spaziali esplora il pianeta misterioso in stile Alien (in realtà un boschetto italianissimo, con un leggero filtro sull'obiettivo), con le musiche elettroniche di PlutoKennedy (Giombini in realtà) in sottofondo. Camminano e camminano, finchè ad certo punto la Lane non esclama "Guardate!" ed indica col dito verso sinistra.
    E qui inizia il bello: all'improvviso parte un inserto, con fotografia completamente differente, con un accoppiamento equino di borowkzykiana memoria (e siamo in un pianeta sperduto nello spazio!), con tanto di nitriti che accompagnano la OST plutokennediniana.
    Come se non bastasse le donne del gruppo, estasiate dall'eccitante visione, iniziano a toccarsi in maniera provocante, cercando i punti topici tra le tute spaziali. Il tutto alternato agli inserti coi cavalli.
    Ad un certo punto il gruppo riparte come se nulla fosse.
    Stupendo!

    Hahaha scena mitologica! Poi le donne con quelle tutine verdi di latex erano stilosissime, hahah, tra scenografie e costumi il film fa molto pop-art anni '60, l'ho trovato piuttosto spassoso.
  • Discussione Raremirko • 5/06/13 21:58
    Addetto riparazione hardware - 3479 interventi
    Ma le intenzioni di Brescia erano serie o voleva proprio fare un similcomico?
  • Discussione Herrkinski • 5/06/13 23:00
    Vice capo scrivano - 2298 interventi
    Non credo volesse fare un simil-comico, semplicemente all'epoca i mezzi erano inesistenti e ci si arrangiava alla meno peggio.. Anche se penso i registi di simili brutture avessero la consapevolezza che i film fatti in questa maniera fossero roba senza pretese.. Credo si cercasse solo di portare qualche soldo in cassa con le scene "hot" mentre il resto fosse obiettivamente una stupidaggine anche dal punto di vista dei registi stessi..
  • Discussione Raremirko • 6/06/13 22:49
    Addetto riparazione hardware - 3479 interventi
    Herrkinski ebbe a dire:
    Non credo volesse fare un simil-comico, semplicemente all'epoca i mezzi erano inesistenti e ci si arrangiava alla meno peggio.. Anche se penso i registi di simili brutture avessero la consapevolezza che i film fatti in questa maniera fossero roba senza pretese.. Credo si cercasse solo di portare qualche soldo in cassa con le scene "hot" mentre il resto fosse obiettivamente una stupidaggine anche dal punto di vista dei registi stessi..

    si, penso che le cose stiano proprio così, grazie per la risposta
  • Musiche Herrkinski • 7/06/13 16:35
    Vice capo scrivano - 2298 interventi
    Tra l'altro, andando a memoria (quindi perdonate eventuale cilecca), mi pare che la OST sia molto simile (se non la stessa) a "Le Notti Del Terrore" di Bianchi, tra l'altro anch'esso del 1980. Qualcuno può confermare/smentire?
  • Curiosità Zender • 24/01/14 18:52
    Consigliere - 43594 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film:

  • Homevideo Xtron • 22/12/14 20:19
    Servizio caffè - 1831 interventi
    Esiste anche il dvd tedesco X-Cess con audio italiano e doppia versione (soft e hard) nello stesso disco.

    http://www.ofdb.de/view.php?page=fassung&fid=11834&vid=326762
  • Discussione Buiomega71 • 30/09/16 17:44
    Pianificazione e progetti - 21992 interventi
    Parere prettamente personale (per cui correggibile), ma Sex Wars di Bob Vosse (attenzione, Vosse non Fosse) è centomila volta più divertente, geniale e gustoso di questo obbrobietto firmato Brescia (sempre stando in zona "sex space opera")
    Ultima modifica: 30/09/16 19:28 da Buiomega71