LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
PAPIRO DAVINOTTICO INSERITO IL GIORNO 20/01/07
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 28/11/07 17:40 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Il discorso ufologico con tutta l’aneddotica del caso (dossier top secret su incontri ravvicinati, rapimenti e piani d’invasione aliena) cede presto il passo ad uno spy-thriller d'azione, con il giornalista alla ricerca della verità e i servizi segreti che tentano di impedirglielo. Trama e recitazione sono piatti, la sceneggiatura inutilmente aggrovigliata; gli elementi più interessanti sono il cast trasversale (da Balsam alla Delon, da Hintermann ad Ardisson sino ai picchiatori Di Luia e Novelli), la fotografia cupa dell’esimio Menczer e le musiche spaziali di Giombini.
MEMORABILE: Le soggettive concave degli alieni.

Il Gobbo 23/12/07 23:36 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Come anticipato dall'ineffabile didascalia sotto il nome del regista, che ne attesta l'affiliazione a improbabili società ufologiche, è un film a tesi di impianto complottardo/delirante, girato con raccapricciante povertà di mezzi. Si salvano solo l'approccio non buonista al tema degli extraterrestri e un cast ultra-trash davvero - questo sì! - spaziale, fra vecchie glorie (Ardisson, Hoffmann), gite-premio (Balsam, la Delon) e brutti ceffi (Bruno Di Luia, Novelli, Cianfriglia, Alex Partexano medico - sic! - con barba e occhiali fumé!)

Renato 26/08/09 01:55 - 1580 commenti

I gusti di Renato

Con un cast più che buono ma pochi soldi per gli effetti speciali, Gariazzo firma questo film di fantascienza cui pare tenesse moltissimo. In effetti sembra di percepire una passione per la materia non indifferente, anche se poi la storia è un po' annacquata dai soliti luoghi e stunt romanissimi (notevolissima la macchinata silenziosa con su Ardisson grande capo e Novelli-Di Luia manovalanza). L'atmosfera a tratti funziona, ed il finale è apertamente polemico.

Ronax 27/07/11 01:27 - 912 commenti

I gusti di Ronax

Se uno fosse disposto a prendere sul serio l'esistenza degli UFO, dopo aver visto le prove portate dall'eminente ufologo e non proprio eminente regista Mario Gariazzo non potrebbe che cambiare idea. Partito come un para-fantascientifico da recita dell'oratorio, il film vira presto in uno sgangherato spionistico con i cattivoni dei servizi segreti impegnati a occultare le prove delle scampagnate extraterrestri sul nostro pianeta. Balsam e la Delon si aggirano con aria sperduta fra un classico cast da z-movie, questo sì perfettamente in parte.
MEMORABILE: L'espressione ridicolmente glaciale dell'agente segreto Giorgio Ardisson. Che sia lui il vero alieno?

Fauno 11/01/12 17:45 - 1927 commenti

I gusti di Fauno

I mezzi sono limitati e alcuni attori rendono meglio sul piccolo schermo, ma il problema della congiura del silenzio dei vari governi sugli UFO è reale e magnificamente centrato. Nell'Olimpo di tanti film fiabeschi e deflagranti che hanno sbancato raccontando bufale e basandosi su effetti speciali, la risposta di Gariazzo è con pochi mezzi e più attaccata alla realtà, solo che è una realtà passata un po' di moda. Ma tanto chi se ne frega... prendete tutto a calci che è meglio.

Daidae 7/01/13 07:08 - 2747 commenti

I gusti di Daidae

Uno dei peggiori film a cui abbia mai assistito. Misto di fantascienza, puerile azione e spionaggio di serie B. Vuoi per il ritmo lento, vuoi per l'incapacità di quasi tutto il cast, vuoi per la regia non proprio eccezionale... non riesce a suscitare la minima attenzione. Un pallino.

Deepred89 25/01/15 21:01 - 3291 commenti

I gusti di Deepred89

Thriller ufologico un po' raffazzonato ma non all'altezza dell'aura di scult che lo circonda. Quando si tenta di mettere in scena alieni e navicelle spaziali il livello scende sotto lo zero, ma tutti gli altri elementi più o meno reggono, dalla confezione fino ai vari membri del cast (convincente Ardisson boss spietato, meno Hoffmann protagonista, ok le donne, Garofalo - protagonista del curioso incipit - più efficace del solito). Pur con le sue cadute e le sue leggerezze, un filmetto non disprezzabile.

Undying 17/05/16 19:39 - 3840 commenti

I gusti di Undying

Al di là del budget - ché la pietosa astronave proprio non si può credere tale - il film trasuda ufologia allo stato puro: con dovizia di particolari, personaggi e retroscena estrapolati da dossier top secret. E in questo Gariazzo denota approfondita conoscenza e riesce a girare una bellissima sceneggiatura (che ancora oggi sarebbe un must) divisa in due tempi: dalla presenza aliena al complotto. Sì che le soggettive con filtro sono davvero inquietanti e le musiche di Giombino contribuiscono a creare un'astmosfera unica e straniante.
MEMORABILE: Franco Garofalo scatta foto nel buio del bosco, nell'assordante silenzio e nella cupa cupa certezza che loro stanno lì!

Nicola81 25/09/16 21:17 - 1975 commenti

I gusti di Nicola81

Mix di fantascienza e thriller spionistico insolito per il cinema italiano. Gariazzo credeva molto nel progetto, tanto di rischiare di apparire pretenzioso, ma il film (nonostante la povertà del budget e degli effetti speciali), scorre piuttosto bene, offre una discreta tensione e culmina in un finale amaro che non lascia indifferenti. Discreti Hoffmann, la Delon, Erpichini e Hinterman, svogliatamente professionale Balsam, spaesato Ardisson. Bella fotografia di Erico Menczer, efficaci musiche di Marcello Giombini.

Schramm 1/12/18 17:44 - 2417 commenti

I gusti di Schramm

Parte precorsivo, come periculum in Mora che abbaglia con un Garofalo spiritatissimo che avrebbe meritato il ruolo di alieno anziché di rapito, per poi rovinare a babbo morto nel burrone cospirazionistoide nell’imbranato tentativo di pedinare Project Ufo. Ribambare l’alien abduction e annesso complottismo non è in sé un male, il male è farlo mancando di ogni abc filmico. Affermazioni straordinarie richiedono cinema straordinario e tra cast, script ed f/x al totale abbandono non è certo questo il caso. Se queste sono le stelle (del cinema e non) di cui siamo figli, era meglio morire da piccoli.
MEMORABILE: Il cardiologo che annuncia la morte in occhiali da sole (!!!); Le aliene soggettive-geiger

Leandrino 10/08/20 21:25 - 42 commenti

I gusti di Leandrino

Un giornalista di punta che gioca a fare il detective si fa prendere la mano nella questione UFO. Ambientazione romana per questo thriller sci-fi (ambientato in Inghilterra) gemmato dal calderone della casistica ufologica e dell'aneddotica cospirazionista. Un film che fa acqua un po' da tutte le parti e che nonostante il basso budget sfoggia alieni, astronavi ed effetti speciali: fa tutto molta simpatia, ma qualcosa sarebbe stato davvero meglio lasciarlo all'immaginazione.
MEMORABILE: Il dottore con gli occhiali da sole; La sensitiva che parla per conto degli alieni; L'UFO con tre manopole tutte uguali.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Digital • 11/05/11 23:16
    Segretario - 3038 interventi
    A luglio esce il dvd targato CineKult.
  • Discussione Homesick • 16/11/11 18:32
    Capo scrivano - 1378 interventi
    Victor Valente non è altri che lo pseudonimo di Mario Erpichini, che nel film interpreta l’ufologo Perry Coleman.
  • Discussione Zender • 17/11/11 07:56
    Consigliere - 43600 interventi
    Ok, grazie Homesick, aggiunto tra parentesi.
  • Homevideo Xtron • 24/06/12 11:23
    Servizio caffè - 1831 interventi
    Il dvd Cinekult ha una durata di 1h34m05s

    Ultima modifica: 25/06/12 09:07 da Zender