LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 1/08/07 18:19 - 3840 commenti

I gusti di Undying

Della manciata di pellicole "Eros-Svastika" questo è uno dei titoli più interessanti principalmente a causa di una buona messa in scena, garantita da attori di certo rilievo e dalla mano di un regista tutt'altro che superficiale (Mario Caiano). Non mancano le scene oltraggiose, come quella che vede Hannah (la bella Sirpa Lane, ormai destinata a feeling bestiali dopo la sua partecipazione ne La Bestia) costretta a "simpatizzare" con il pastore tedesco del perverso capitano delle SS. Ragion per cui, data la professionalità, il film disturba...

Homesick 21/08/08 17:44 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Di una buona spanna al di sopra della gratuità di tanti film del filone. Caiano dirige con stile e professionalità riprendendo i rapporti sadomasochisti del Portiere di notte, il postribolo di Salon Kitty, la ferocia dei vari porno-nazi, una storia romantica con vendetta, immagini storiche di repertorio, un bel prologo montano. Protagonista è un’icona eros come la Lane. Immancabile (ed immancabilmente non accreditata) Gota Gobert.

Mco 16/09/09 15:02 - 2150 commenti

I gusti di Mco

Dignitosissimo erossvastica firmato Caiano (sotto pseudo), che possiede tutti i parafernalia del genere (prostitute, violenze, depravazioni e uomini in divisa) ma senza gli eccessi di tanti suoi consimili. La regia è salda e gli attori validi e dopo circa mezz'oretta non fa neanche più effetto il nudo integrale femminile che insiste sullo schermo. Eccezione lo sono i capezzoli irti e magnificenti della Lane, che spiccano su tutto il resto. Piacevole visione in un gustosissimo film.

Trivex 28/10/09 20:21 - 1488 commenti

I gusti di Trivex

Un naziexploitation pseudo-autoriale, frullato con R&r piuttosto inverosimile, visto il finale. Questo filmaccio di lusso effettivamente poteva rappresentare quel gradino successivo per l'approdo del genere al piano del "dignitoso", ma qualcosa è andato storto. La ricerca di creare un dialogo cinematogradfico decente, anche grazie all'impiego di artisti di discreto livello, ha portato qualche frutto e la regia oltre la sufficienza completa l'opera. Meno feroce di Ilsa la belva delle SS e molto meno aristocratico di Salon Kitty, ma almeno ci hanno provato.

Vstringer 8/11/09 17:48 - 349 commenti

I gusti di Vstringer

Violenza più psicologica che non fisica: Caiano cerca una via mediana fra l'edonismo brassiano di Salon Kitty e i naziporno più truculenti e al netto di qualche grave sbavatura formale (il passaggio dagli spezzoni di guerra in bianco e nero alle scene del film è orrendo) il film si lascia guardare. Buon lavoro psicologico sul personaggio principale, dignitosamente interpretato da Sirpa Lane, sufficienti gli altri. Uno dei prodotti naziexploitation più potabili, come testimoniano i suoi passaggi notturni non rari su Mediaset.
MEMORABILE: Sara Crespi fulminata dall'alta tensione del filo spinato.

Rebis 28/10/10 16:51 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Ovvero: come rappresentare l'orrore senza suscitarlo e la depravazione senza stimolare appetenze voyeur. Ingessatissimo nazi-erotico, banalizzato dalla sua programmaticità: è legnoso nelle recrudescenze melò e talmente solenne nella drammatizzazione degli eventi da rasentare l'autoparodia. Se Caiano ha dato corpo al miglior prodotto del filone, figuriamoci cosa deve riservare il peggio. Discreta la rievocazione storica che si affida in larga parte a materiali da repertorio. Il doppiaggio salva gli interpreti dallo sfacelo. Retorico score di Francesco De Masi.

Lucius 29/04/11 15:12 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Valido a cominciare dal preambolo erotico, proseguendo con l'ambientazione nazi, molto curata e col sentimento di vendetta che permea gran parte della pellicola. Una giovane fanciulla, vittima di soprusi dei nazisti, riesce a farsi una posizione sociale grazie alla sua professione e a una sadorelazione con un ufficiale. Il suo scopo si chiama vendetta. Intrigante quanto basta.

Luchi78 5/09/11 10:27 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Evidente l'impegno profuso dal regista nel tentativo di innalzare il film al di sopra degli standard del genere. Tutto sommato vi riesce, soprattutto nel finale drammatico e crudele. La Lane, oltre ad essere molto bella, è anche protagonista di un'interpretazione non male. Le lunghe inquadrature sulle nudità di gruppo rovinano la media del prodotto, mentre mancano totalmente quegli eccessi che hanno portato alla ribalta i film della nazisploitation. Forse qualche "affondo" in più avrebbe vivacizzato la visione.

Herrkinski 1/11/11 23:05 - 5123 commenti

I gusti di Herrkinski

Caiano, buon artigiano del nostro cinemabis, non ha mancato di cimentarsi anche nel famigerato eros-svastika grazie a questo ennesimo esponente del filone. In realtà il film si eleva leggermente al di sopra di altri prodotti analoghi, grazie principalmente a una regia competente, ad una discreta ricostruzione storica e a prove attoriali perlomeno decenti; tutto ciò però non basta a rendere il film dignitoso, affondando il tutto nella solita sequela di nudi gratuiti, Gestapo sadomasochisti, stupri e violenze assortite, seppur senza eccessi gore.

Capannelle 26/09/13 13:23 - 3720 commenti

I gusti di Capannelle

Il tipico materiale pornonazi rivisitato in chiave più meditata del solito e anche enfatica, ricorrendo a musiche e filmati d'epoca. Caiano si applica insomma e il risultato risulta decente anche se non mancano pure didascalie specie all'inizio. Discreto il tasso di perfidia che non straborda in scene da parodia e molto in tono la protagonista, sia come deportata che come maitresse. Peccato che diversi comprimari non reggano.
MEMORABILE: Sirpa Lane conosce e doma Axel, il cane del capitano. Poi doma anche lui.

Faggi 28/02/17 02:18 - 1502 commenti

I gusti di Faggi

Spaghetti-svastica meno delirante di alcuni prodotti simili della decade settantiana; normalizzato (quasi), con traccia meló e altra traccia vendicativa. Tenta una via moderata, appunto, tra l'estetismo di Salon Kitty e l'esaltazione criminale di altri prodotti del sottogenere naziporno ma, paradossalmente, funziona meglio lì dove esagera e si abbandona alla truculenza, al sadismo e alla perversione. Abbastanza curato nella confezione cade nel banale introducendo filmati d'archivio; il finale è enfatico.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Ciavazzaro • 5/11/10 20:45
    Vice capo scrivano - 5599 interventi
    Grazie per il link !
  • Homevideo Trivex • 5/11/10 21:27
    Segretario - 1292 interventi
    Allora ricordavo bene (vedi discussione generale)!
    Gli inserti sono effettivamente montati benino, ma mi sfugge, come spesso accade, il motivo del loro esistere.
    Sono troppo brevi per caratterizzare il prodotto, rimane solo, forse, una questione di comunicazione:è una versione..hard!
    Ultima modifica: 5/11/10 21:46 da Trivex
  • Homevideo Buiomega71 • 16/03/13 00:45
    Pianificazione e progetti - 21888 interventi
    In dvd Quadrifoglio, disponibile dal 18/09/2013

    http://www.kultvideo.com/DVD/DVD.aspx/aid17124aid-DVD-La-svastica-nel-ventre-18-09-?__lang=it-IT
  • Homevideo Lucius • 30/12/13 14:20
    Scrivano - 8326 interventi
    Ma e' uscito poi il dvd?
  • Homevideo Buiomega71 • 30/12/13 14:43
    Pianificazione e progetti - 21888 interventi
    Lucius ebbe a dire:
    Ma e' uscito poi il dvd?

    Pare di no, Lucius...
  • Homevideo M.shannon • 1/01/14 20:58
    Disoccupato - 312 interventi
    L'uscita è stata annullata. (fonte: Thrauma.it)

    La Quadrifoglio non si smentisce.
    Ultima modifica: 1/01/14 20:58 da M.shannon
  • Homevideo Lucius • 26/07/14 21:39
    Scrivano - 8326 interventi
    Immagine al min.1:13:39 del dvd Quadrifoglio:

    Ultima modifica: 26/07/14 21:40 da Lucius
  • Discussione Zender • 15/06/16 14:15
    Consigliere - 43507 interventi
    Però in questi casi non capisco Andy: come facciamo a esser certi che sian davvero gli interni del Casino di Villa Ricotti e non di un'altra villa multiutilizzata per dire (o di un'altra che dobbiamo ancora ritrovare)? Nella verificata de La minorenne non ci sono, e finché non si vede lei che entra senza stacchi non so come si possono dimostrare...
    Ultima modifica: 15/06/16 15:03 da Zender
  • Discussione Andygx • 15/06/16 15:55
    Disoccupato - 2262 interventi
    E' semplice: si sfrutta la proprietà transitiva delle location in interni!

    Si confrontano gli interni sotto indagine con quelli presenti in altri film in cui la presunta location è già conclamata, fino a trovare una pellicola in cui si vedono elementi esterni attraverso una finestra.

    In questo caso il trait d'union è il film Terza ipotesi su un caso di perfetta strategia criminale (1972). Per questa pellicola avevo dimostrato (in VERIFICATE) che gli interni erano proprio quelli del Casino di Villa Massimo.

    Per evitare di postare centomila fotogrammi mi sono limitato a mettere quello più confrontabile (da un altro film) ma solo dopo aver verificato (tramite "proprietà transitiva" appunto) che l'interno è correttamente associato.

    Per fugare ogni dubbio residuo ecco un fotogramma da Terza ipotesi... che mostra parzialmente il medesimo caminetto:


    PS Per un attimo ho pensato di aver avuto le traveggole: richiamando le multi del Casino di Villa Massimo sul radar non riuscivo più a trovare il film in cui avevo associato interni ed esterni. Ti prego di aggiungerlo al radar!
    Ultima modifica: 15/06/16 16:01 da Andygx
  • Discussione Zender • 15/06/16 18:37
    Consigliere - 43507 interventi
    Beh certo che il sistema è quello, solo che proprio non ricordavo quel post di verifica e che avessimo mai trovato gli interni del Casino. In effetti strano che non li avessimo memorizzati.