Auguri per la tua morte

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Happy Death Day
Anno: 2017
Genere: horror (colore)
Note: Aka "Again", "Half to Death", "Happy Deathday", "Happy Birthdead". Seguito da "Ancora auguri per la tua morte" (2019).
Numero commenti presenti: 21
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Marmotta-slasher in salsa giovanilista che sfrutta spudoratamente la solita idea dello stesso giorno rivissuto infinite volte per variare sul tema del killer che uccide e va scoperto (citando RICOMINCIO DA CAPO nel finale per chiarire che la fonte è invariabilmente quella e anticipare, come si usa oggi, chi intendesse parlare di spudorata ricopiatura). La vittima predestinata è Tree (Roth), seducente biondina che il giorno del suo compleanno non fa niente di speciale, a dire il vero: si alza dopo una sbronza, va a scuola, incontra le amiche, torna a casa, la sera esce e... zac! Qualcuno vestito con la buffa maschera...Leggi tutto della mascotte universitaria (perfetta per trasformarsi in nuova icona horror) la ammazza. Buio. Effetto marmotta: Tree si rialza nella stessa camera del ragazzo che l'aveva ospitata il giorno prima e si accorge che tutti intorno a lei fanno le stesse cose del giorno prima: perché? Perché è il giorno prima, appunto. E Tree passa da un fastidioso senso di déjà vu alla realizzazione che sta continuando a rivivere il giorno del suo compleanno, ogni volta destinato a concludersi con l'immancabile uccisione da parte del misterioso individuo mascherato. Il meccanismo marmottesco era già stato sfruttato in chiave mystery dal di qualche mese antecedente PRIMA DI DOMANI, sempre in salsa teen, ma qui il sapore è più quello degli horror giovanilistici alla Kevin Williamson: veloci, formalmente molto curati, con una bella atmosfera e una regia di prim'ordine. Jennifer Roth è molto espressiva: riesce a irradiare il film con la sua spigliatezza e va annoverata tra i punti di forza (ma è il cast a funzionare abbastanza, nel suo complesso), mentre la base slasher è contaminata saltuariamente dall'inevitabile ironia che si nasconde dietro ogni scena che prevede il reiterato omicidio; quando l'azione viene accelerata mostrando consecutivamente i ripetuti sventramenti si sconfina inevitabilmente nel comico: sono tuttavia solo labili tracce riprese di tanto in tanto, perché poi invece la situazione si fa drammatica, mentre si cerca di dare spessore alla protagonista e ai comprimari. Piace comunque l'esperimento, che dà linfa nuova a un genere stantio sfruttando la singolarità soprannaturale dell'idea e lasciando che la storia fluisca con semplicità e gusto non comuni. Non ci si rompe la testa a indovinare l'identità del killer perché c'è nel frattempo altro da vedere; ad esempio seguendo i mille tentativi di fuga da un destino segnato. Felicemente scovata la nuova maschera da bimbo allegro da sfruttarsi come simbolo del film, si mescolano più generi (anche l'azione, che in certi inseguimenti non manca) per compiacere un pubblico giovane, ma con un simpatico colpo di scena finale (nel metodo) che nobilita la soluzione, in sé meno interessante. Superficiale e derivativo, ma veloce e sbarazzino quanto basta per accontentare.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/11/17 DAL BENEMERITO HERRKINSKI POI DAVINOTTATO IL GIORNO 22/10/18
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Herrkinski 7/11/17 05:10 - 5300 commenti

I gusti di Herrkinski

Definito una sorta di Ricomincio da capo in versione slasher, in verità rielabora un'idea tipica di cinema e letteratura fantastica e horror, quella di rivivere il giorno della propria morte in un loop; nonostante l'effetto venga ripetuto fin troppe volte, risultando un po' stucchevole, il film riesce a rendersi più interessante nella seconda metà e regala alcuni twist riusciti e non necessariamente disonesti. Visti i precedenti del regista non mancano ironia e atmosfera da teen-movie; splatter e tensione latitano, ma tuttavia resta godibile.
MEMORABILE: Il twist finale.

Rambo90 10/11/17 01:40 - 6441 commenti

I gusti di Rambo90

Più thriller che horror, con forte venature da commedia (del resto il modello è Ricomincio da capo). Il filmetto diverte e mantiene quanto promette: una visione disimpegnata con un minimo di intreccio giallo che cattura bene l'attenzione e qualche discreta scena di tensione. La protagonista è carismatica e graziosa, sa affrontare le varie sfumature richieste dalla trama e la regia non demerita affatto tra momenti più leggeri e qualche classica scena di "terrore". Identità del killer non troppo difficile ma onesta. Buono.

Daniela 13/11/17 09:18 - 9651 commenti

I gusti di Daniela

Commentando Prima di domani, variante del giorno della marmotta in chiave adolescenziale, mi ero rammaricata che non fosse uno slasher. Questo lo è, sia pure declinato in chiave leggera: la collegiale protagonista è costretta a rivivere il giorno del suo compleanno, che si conclude con la morte per mano di un tizio mascherato. Per uscire dal loop temporale, l'unica soluzione sembra quella di scoprire l'identità dell'aggressore e neutralizzarlo. Poche pretese e molte citazioni, condite da una spruzzata di ironia che fa perdonare i molti svarioni logici: fatalmente ripetitivo ma gradevole.
MEMORABILE: Le battute finali, in cui l film di Ramis è espressamente citato.

Puppigallo 17/11/17 17:09 - 4526 commenti

I gusti di Puppigallo

Non serve neanche sottolineare da quale precedente opera questa pellicola attinge, perchè è uno dei protagonisti ad ammetterlo candidamente, quasi fosse una confessione. Certo, qui lo scopo è diverso (l'unica, vera novità). Ma non è sufficiente a tenere in linea di galleggiamento un prodotto filmico di quasi nullo spessore, che non va oltre la mediocrità. Persino il colpetto di scena non convince. Mentre la parte in cui la protagonista inizia a sfruttare l'assurda situazione non è male (la lista dei sospettati). Si può anche vedere, ma altrettanto ignorare.
MEMORABILE: "La pianti di guardarmi come se avessi cacato in testa a tua madre?".

Dusso 23/11/17 09:52 - 1540 commenti

I gusti di Dusso

Pochi mesi dopo Prima di domani ne esce questa variante thriller a suo modo più riuscita e che nel finale omaggia il suo vero capostipite (Ricomincio da capo). Landon conosce l'ambito teen e il film è decisamente godibile, con una protagonista (la Rothe) perfetta per il ruolo. Forse si poteva fare di meglio in alcune situazioni e battute, ma decisamente non si tratta di un'occasione persa ma di un buon film, nel suo genere.

Ryo 11/12/17 12:15 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Non ci speravo, e invece... Certo, alla fine l'idea semplice di una versione horror di Ricomincio da capo sulla carta non era chissà quale innovazione, ma la pellicola in questione ha una regia che funziona, che diverte con trovate e soluzioni piacevoli da seguire e una trama che si fa sempre più interessante. Scoprire l'assassino poi non è nemmeno così scontato (anche se a me è capitato di capirlo quasi da subito)!
MEMORABILE: La suoneria del telefono ogni mattina.

Hackett 28/12/17 09:32 - 1748 commenti

I gusti di Hackett

La scommessa di mixare Ricomincio da capo (citato nel finale) e Scream risulta vincente e dà origine a questo teen slasher fresco e leggero che inevitabilmente, per la natura ripetitiva della vicenda, finisce per ironizzare sulle situazioni tipiche del genere. Una storia esile ma giocata con abilità e senza inutuli fronzoli, che concede qualche sorriso oltre agli inevitabili spaventi telecomandati.

Taxius 7/03/18 16:26 - 1651 commenti

I gusti di Taxius

Un Ricomincio da capo in versione horror (il film con Bill Murray viene pure esplicitamente citato). Il film non si prende totalmente sul serio, tanto che spesso sconfina nell'horror comedy e questa è la chiave che lo rende riuscito e interessante; ciò ovviamente non vuole dire che manchino momenti di puro horror, perché sangue e omicidi ci sono eccome. Una piacevole sorpresa.

Pumpkh75 29/05/18 14:22 - 1337 commenti

I gusti di Pumpkh75

Ricomincio da capo tra le oche giulive di Scream queens: repetita iuvant soprattutto perché il timore della sostanziale ed estenuante serie di repliche viene via via sgomberata da una certa baldanza, da numerose sequenze indovinate e da quel Landon in cabina di regia che pare conoscere alla perfezione ciò che una certa utenza desidera (e sa come girarlo). Vista anche la sporta di buoni sentimenti della seconda parte, negli anni 80/90 sarebbe stato un cultone senza se e senza ma. Puro svago e di classe discreta.

Anthonyvm 6/06/18 23:05 - 2140 commenti

I gusti di Anthonyvm

Il punto di partenza (anche citato in un dialogo) è ovviamente Ricomincio da capo: anche qui, infatti, la protagonista è intrappolata in un loop temporale che la porta pian piano a conoscersi meglio e a migliorare se stessa. L'elemento horror (assassino mascherato da cherubino) non stona affatto e il regista riesce molto abilmente a mantenere alto l'interesse dello spettatore nonostante lo schema sia risaputo. Uno slasher atipico che pur non rivoluzionando nulla si lascia guardare e probabilmente ricordare. Buono il colpo di scena finale.
MEMORABILE: La maschera del cherubino, molto inquietante; Il finale a sorpresa.

Cotola 25/07/18 01:39 - 7630 commenti

I gusti di Cotola

Remake in chiave slasher del film di Ramis: scemenzuola? Nì. Perché nonostante una certa ripetitività il film fila via liscio e riesce a divertire con qualche spruzzata comica. Certo non si può parlare di una vera tensione né di spaventi ma non c'è nemmeno noia. La progressione psicologica del personaggio principale è, a mio parere, un po' da latte alle ginocchia. Non male il colpo di scena finale, anche se un po' gratuito ed eccessivo nei suoi moventi. Con un suo perché.

Belfagor 22/07/18 14:03 - 2627 commenti

I gusti di Belfagor

Il richiamo a Ricomincio da capo è evidente, con tanto di menzione diretta, ma questo bel thriller è debitore anche verso Scream, con i cliché rielaborati fra il serio e il faceto e i personaggi che suscitano empatia e interesse al posto della solita, anonima carne da macello. La ripetizione non blocca la storia, anzi la fa evolvere grazie alle tante variazioni e l'autoironia si rivela salutare, in alcuni momenti anche gustosamente macabra. Un gradevole uroboro di pellicola.
MEMORABILE: I risvegli sempre più traumatici; La bizzarra spiegazione sull'origine dei dejà-vu.

Piero68 23/10/18 10:54 - 2783 commenti

I gusti di Piero68

Nonostante l'espediente del loop temporale non sia proprio una novità (vedi il recente Edge of tomorrow) il film funziona benino grazie soprattutto a una vena ironica che scavalca finanche le intenzioni horror o thriller. Segno che il regista non si prende sul serio. E fa bene, vista anche la sceneggiatura. Prodotto Blumhouse che inverte il recente trend della casa produttrice e ottiene un buon incasso ai botteghini con la solita spesa di produzione irrisoria. Peccato per alcuni plot hole che lasciano l'amaro in bocca alla fine della visione.

Pesten 14/08/18 11:32 - 646 commenti

I gusti di Pesten

Simpatico teen slasher che parte dalla stra-abusata idea di far rivivere al protagonista lo stesso giorno. In questo caso la nostra biondina rivive il giorno del suo omicidio e la scelta di far combaciare ogni volta qualche pezzo, qualche indizio, qualche spunto, si rivela sicuramente il salvavita della storia, che di suo parte con l'handicap della ripetitività. La deviazione simil-comica è all'inizio un po' forzata, per fortuna poi rientra in canoni credibili. Ci sono le solite iniezioni di melensa retorica americana, ma il film non tracolla.
MEMORABILE: I vari colpi di scena finali, alcuni prevedibili.

Viccrowley 4/10/18 23:35 - 803 commenti

I gusti di Viccrowley

Prendendo come spunto Ricomincio da capo condito con spruzzate di Edge of tomorrow, Landon imbastisce un discreto divertissement dove l'horror resta in un angolino e si dà spazio a uno svolgimento che sconfina nella commedia. L'odiosa protagonista continua a rivivere il suo omicidio per mano di un figuro mascherato che nelle movenze e nelle legnate ricevute ricorda tanto il Ghostface di Scream. Non male il ritmo e l'approccio che lascia da parte il gore e costruisce una solutio non impossibile da intuire ma comunque discreta.

Deepred89 9/10/18 00:24 - 3312 commenti

I gusti di Deepred89

Ennesima conferma dell'influenza di Ricomincio da capo sul cinema del nuovo millennio, in questo caso filtrato attraverso la lente del teen movie contemporaneo e riadattato secondo uno schema whodunit sulla carta pure interessante. Se la commedia offre qualche punto piacevole nel percorso formativo della protagonista (buona interpretazione), l'intreccio giallo fa acqua e l'identità del colpevole affiora scontatissima (ma si apprezza il modo in cui si giunge alla sua scoperta). Esangue, leggero, scorrevole, a tratti un po' televisivo.

Pinhead80 17/10/18 17:14 - 4005 commenti

I gusti di Pinhead80

Inutile dire che Ricomincio da capo ha fatto scuola. Ad interessarsene questa volta è Christopher Landon, che imbastisce un discreto horror con il pregio di tirare fuori dal cilindro un paio di colpi di scena niente male. Un film che appare ben confezionato e un cui altro pregio è la durata contenuta, cosa che evita di appesantire oltremodo lo schema ripetitivo su cui si fonda.

Jdelarge 20/12/18 13:35 - 886 commenti

I gusti di Jdelarge

Film senza troppe pretese che ha nella prova della sua protagonista uno dei punti di forza maggiore, vista la buona capacità di quest'ultima di cambiare registro recitativo con lo scorrere dei minuti. Il risultato finale è piacevole e la svolta nel giallo riuscita. Le musiche, a volte, rasentano il ridicolo perché eccessive, ma contribuiscono a rafforzare il lato comico del film.

Alf62 5/06/19 20:20 - 64 commenti

I gusti di Alf62

Saccheggiare cinematograficamente gli anni '80 ibridando idee originali provenienti da diversi film sembra nascondere un senso di inferiorità latente. Detto questo, il frullato di Ricomincio da capo, Halloween e Venerdì 13 è abbastanza gradevole. La protagonista e la spalla "sfigata" riescono a non annoiare nella ripetitività delle scene. Sceneggiatura banale, senza colpi di scena. Riconciliazione col padre e chiusura col passato di prevaricatrice senza scrupoli risultano un po' patetici.

Aco 15/11/19 13:15 - 59 commenti

I gusti di Aco

Horror ideale per quanti amano storie dove l’intreccio narrativo, la suspense, il thriller predominano sul lato splatter della sceneggiatura. La tensione non è data dallo spargimento di sangue ma da una situazione che si ripete sempre uguale, il giorno del compleanno di Tree, al quale si aggiunge un tocco di ironia nella definizione delle situazioni e dei personaggi. Brava la protagonista, Tree, che interpreta la studentessa egoista e viziata, la ragazza disperata sull’orlo di una crisi di nervi e una fanciulla bisognosa di affetto e desiderosa di riconciliarsi con il mondo.
MEMORABILE: Tree: “Sai il buffo? Se vivi lo stesso giorno in continuazione… inizi a capire veramente chi sei”.

Il ferrini 14/03/20 00:17 - 1734 commenti

I gusti di Il ferrini

Si prendano Ricomincio da capo e Scream, si mescolino bene e si otterrà un film inevitabilmente derivativo ma tutto sommato piacevole. La protagonista ci crede e il ritmo - nonostante le ovvie ripetizioni - è alto. Il sangue scorre, ma senza impressionare troppo e le situazioni divertenti non mancano. Forse non c'era bisogno di cercare a tutti i costi il dramma attraverso il trauma della madre morta e il difficile rapporto col padre, ma nell'economia generale non hanno un peso così determinante. Lieto fine garantito, ma avrà un sequel.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Aco • 15/11/19 13:16
    Galoppino - 17 interventi
    I contenuti speciali prevedono Il Finale alternativo, le Scene eliminate dal film, Le tante morti di Tree ovvero in che modo la protagonista conclude la sua esistenza e Il peggior compleanno di sempre dove, il regista, il produttore e gli attori spiegano quali criteri sono stati utilizzati per creare e mantenere sempre interessante una storia che ha una struttura narrativa circolare.
    “Dietro la maschera: i sospettati” viene spiegato come è stata scelta la maschera dell’assassino (un volto di bambino utilizzata perché bizzarra, inquietante e sinistra) e viene descritta la personalità di Tree.
  • Homevideo Zender • 15/11/19 14:28
    Consigliere - 43740 interventi
    Nel dvd? O nel bluray? In ogni caso scrivi sempre dove è contenuto ciò che scrivi e soprattutto l'etichetta, così siamo certi che si sta parlando dell'edizione giusta, grazie.