-2 Livello del terrore

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: P2
Anno: 2007
Genere: thriller (colore)
Note: Aka: "2ème sous-sol", "El nivel del pánico", "P2 - Schreie im Parkhaus", "P2 - Sem Saída"
Numero commenti presenti: 23
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 26/07/08 DAL BENEMERITO UNDYING POI DAVINOTTATO IL GIORNO 22/07/09
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 26/07/08 19:07 - 3839 commenti

I gusti di Undying

Il -2 del titolo (l'originale in Italia suonava malino: P2) è il livello del parcheggio sotterraneo del fabbricato, all'interno del quale si svolge il risaputo (poiché ripetuto) proseguo della vicenda. Ovvero l'ennesima versione de "la bella e lo psicopatico". La regia è dinamica, pur dovendo barcamenarsi in uno spazio limitato, e gli attori sono parecchio in parte. Quasi fastidioso appare il doppiaggio, con ripetuti e continui effetti "a sbalzo" (sulla seggiola) realizzati per sopperire ad una sceneggiatura (cui ha contribuito anche l'Alexandre Aja di Alta Tensione) di moderato interesse.
MEMORABILE: l'omicidio di Simon Reynolds, schiacciato tra un muro del parcheggio sotterraneo ed una macchina ...

Cotola 30/07/08 03:19 - 7630 commenti

I gusti di Cotola

Solito filmaccio trito e ritrito in cui l'ennesimo psicopatico di turno prende di mira, sai che novità, una bella ragazza che, ovviamente, poco a poco si trasfomerà nel "Rambo" di turno. Come andrà a finire? Diciamo solo che la sceneggiatura non offre un'idea originale che sia una e dà fondo a tutti i luoghi comuni di questo genere di film. Nessuna sorpresa, nessuna suspence, niente di niente. La confezione è decente ma merita comunque il minimo possibile. Da evitare.
MEMORABILE: Il pazzo verso la fine del film, dopo aver ucciso varie persone e seviziato Angela: "Io volevo solo esservi amici"... ah ah ah!!! Ma per piacere!!!

Keoma 4/08/08 10:14 - 34 commenti

I gusti di Keoma

Film risaputo, ma con una buona atmosfera. Paga l'essere un clone claustrofobico di Alta tensione con il quale condivide lo stesso regista, Alexander Aja, nelle vesti di sceneggiatore. Rachel Nichols mostra uno straordinarioo decolletè e resta più impressa del pazzo di maniera Wes Bentley, lontano dai fasti di American beauty. Tutto sommato, come già detto, un film che non dice nulla di nuovo, ma che sa intrettenere per la sua durata.

G.Godardi 18/08/08 18:41 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Tipico ripescaggio di fine stagione estiva, è una produzione francese "alla conquista dell'America". È un thriller risaputo e poco coinvolgente. Tolto il plot rimane comunque e per fortuna, una sapiente scrittura registica tesa a valorizzare gli ambienti claustrofobici. Qualche esplosione splatter inaspettata regala un paio di buoni brividi. Mediocre ma con un po' di sapore. Da vedere (di notte) e poi dimenticare.

Schramm 24/09/08 11:54 - 2451 commenti

I gusti di Schramm

Si giocano tutti gli stra-abusati ambaradan del caso, ma le mani che amministrano il mazzo da gioco appartengono a un abile baro. Che sa come fartela sotto il naso (e tappartelo giocando sul rapporto spazi ctonii-claustrofobia) e davanti agli occhi (il jolly di soprassalti sangrienti crud(el)issimi; si sente che c'è Aja a far da croupier). Il ribaltamento dei ruoli gatto-topo, con la vittima che per esasperazione supera in maestria il carnefice non sarà situazione nuovissima di questi tempi, ma fa sempre piacere vederla orchestrata come De Sade comanda.

Supercruel 14/10/08 13:21 - 498 commenti

I gusti di Supercruel

Thrilleraccio piatto e scontato. La sceneggiatura è piuttosto banale e ricicla il sempreverde gatto che bracca il topo senza nessuna variante interessante. Nemmeno la location - un parcheggio - è sfruttata a dovere e, togliendo un paio di dettagli gore carini, non ci sono mai momenti di vera tensione e/o visivamente di rilievo. Fa specie che ci sia anche Alexander Aja coinvolto in questa insignificante schifezzuola, anche se pare che in fase di scrittura a più mani non tutto sia filato liscio e alla fine abbia prevalso la visione di Khalfoun.

Ale56 3/03/09 18:02 - 225 commenti

I gusti di Ale56

Il solito thriller estivo da vedere una volta al cinema (o al noleggio) e dimenticarlo, che gioca sul già visto con il solito psicopatico che rapisce una donna in un parcheggio. Nulla di nuovo all'orizzonte ma si spera in qualcosa di meglio nei prossimi anni.

Puppigallo 1/08/09 10:50 - 4526 commenti

I gusti di Puppigallo

Di questo custode psicobalengopatico (interessante per 10 minuti) e del suo cane, seguace di Cujo, proprio non si sentiva la mancanza. Uno dei personaggi schizoidi più insignificanti che abbia mai visto, inserito in un contesto a dir poco banale (soliti discorsi vittima-sciroccato), infarcito di blabla e quaqua che trasudano psicologia spicciola. La vittima, come donna dalle mille risorse, è credibile come le promesse preelettorali di un qualsiasi politico. Non c'è un guizzo che è uno. Tutto procede come ci si aspetta, a parte la fantascientifica reazione della protagonista. Filmaccio.
MEMORABILE: Le care, vecchie plurimazzate in faccia, seguite da: "Ti auguro buon Natale, faccia da culo".

Ghostship 17/02/10 23:23 - 394 commenti

I gusti di Ghostship

Thriller direct to video senza infamia e senza lode. Tutto è routine a partire dalla sceneggiatura (che vanta anche Aja tra i writers) fino alla caratterizzazione dei personaggi. Efferatezze moderate, motivazioni risibili, azione telefonata, finale scontatissimo.

Gestarsh99 29/12/10 21:03 - 1335 commenti

I gusti di Gestarsh99

Tirato a lucido secondo gli imperanti canoni estetici cupo/patinati dettati da Saw et similia, questo film è in realtà un remake più danaroso di Senza scampo - Lower level, tv-movie del '92 di Kristine Peterson, con l'asciutta e mascolina Elizabeth Gracen. Qui invece abbiamo una figura molto più sensuale, munita di seno in bella vista perennemente strizzato (tanto per tener buona certa fetta di pubblico) e di sembianze ricalcate sul modello della Keaton di Non violentate Jennifer. Buona fattura al servizio di un'opera prevedibilmente scontata, con immancabili ammiccamenti allo splatter.
MEMORABILE: L'uomo ripetutamente spiaccicato contro il muro dall'auto guidata dallo psicopatico.

Greymouser 30/05/11 10:03 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Un onestissimo thriller che lavora sul già visto, ma lavora bene; Khalfoun sa costruire un clima di tensione costante, partendo senza mezzi termini da una situazione ansiogena (la donna bloccata nel parking sotterraneo di un palazzo di uffici la notte di Natale), e sfruttandone al massimo le potenzialità filmiche, pur avendo una location scarna e un paio di attori. La vicenda che ne segue è lineare, senza particolari trovate, ma ha il pregio di rispettare abbastanza l'intelligenza dello spettatore. Discreti i protagonisti.

Kekkomereq 29/10/11 20:36 - 359 commenti

I gusti di Kekkomereq

Una donna è vittima di un custode psicopatico innamorato. L'uomo la richiude in un parcheggio e lei dove cercare disperatamente di uscire prima che sia troppo tardi. Classico thriller con uno dei protagonisti intrappolato in una brutta situazione. Il film è impreziosito dalle magnifiche interpretazioni dei due protagonisti (sopratutto quella di Bentley, che ha dato il meglio di sè intepretando l'amante pazzo) e da una sceneggiatura e dialoghi taglienti. Al film avrei dato un voto più alto se non fosse stato per un finale troppo amaro.

Pinhead80 28/11/11 00:10 - 4005 commenti

I gusti di Pinhead80

Siamo alla vigilia di Natale e una giovane donna si ritroverà suo malgrado a dover fare i conti con un ammiratore psicopatico. L'ambientazione claustrofobica rende il film appena più interessante, ma la maggior parte di quelli che dovrebbero essere colpi di scena, alla fine si rivelano essere situazioni più che prevedibili. Alla lunga stufa un po'.
MEMORABILE: L'accanimento dello psicopatico al collega della ragazza.

Belfagor 11/02/12 11:53 - 2627 commenti

I gusti di Belfagor

La bella, bionda e single Angela resta bloccata in un parcheggio sotterraneo la vigilia di Natale, braccata da un guardiano notturno psicopatico. Questo classico thriller claustrofobico non si libera dai soliti cliché, ma almeno riesce a declinarli con professionalità. I due protagonisti hanno le facce giuste e per una volta la protagonista non è stupida. Le inattese virate truculente portano la firma del coproduttore Aja, mentre il finale iperbolico stona. In Italia il titolo originale (P2) avrebbe suggerito mostri di ben altra categoria.
MEMORABILE: L'ascensore inondato dall'acqua; L'uscita catartica sotto la neve.

Rebis 1/03/12 16:57 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Un parcheggio sotterraneo. Un gioco al massacro fradicio di adrenalina sotto l'egida di Alexandre Aja - che scrive e produce. Progetto stuzzicante sulla carta ma raccattato nella forma. Dopo quaranta minuti di chiacchiere buoni a dare aria ai personaggi, ecco un primo guizzo splatter gratuitissimo e inoffensivo; segue un gioco al gatto e al topo scodellato col vigore di una casalinga in ciabatte. Manualistico? Ma no, il killer ha una fissa per Elvis Presley: variante non prevista... E va bene: davanti a una donna "rambizzata" è sempre lecito un sussulto, ma le pretese metaforiche no, grazie.

Lupoprezzo 9/09/12 12:49 - 635 commenti

I gusti di Lupoprezzo

Aja deve essersi bevuto il cervello per tirare fuori dal cilindro questa insulsa storiella, che sta in piedi per una mezz'oretta e non di più, piena di soluzioni improbabili quanto improponibili ormai in un genere abusatissimo e iper-sdoganato. Dal canto suo, il regista non è assolutamente capace di creare non dico un'atmosfera, ma nemmeno un minimo di tensione: si aggrappa alle bocce della protagonista, senza tuttavia mostrarle mai (sic!) allo spettatore. Se si esclude una pugnalata in un occhio (quasi fulciana) e uno spappolamento resta il nulla.

Herrkinski 12/09/12 11:28 - 5297 commenti

I gusti di Herrkinski

Film che conferma lo stato di buona salute dell'horror transalpino, sempre più professionale stilisticamente e visivamente, nel tentativo (piuttosto riuscito) di avvicinarsi alle odierne produzioni americane. Certo, a livello di contenuti siamo nell'ambito del clichè più sfrenato, con situazioni viste e straviste e il solito pazzoide che gioca al gatto e il topo con la procace protagonista; ma c'è sangue e violenza a volontà, la tensione è ben orchestrata, il ritmo non manca e il film intrattiene senza cedimenti di sorta. Decisamente godibile.
MEMORABILE: La morte del tizio legato alla sedia; Il killer che mette Elvis in filo-diffusione.

Daniela 3/12/14 07:35 - 9651 commenti

I gusti di Daniela

Alla faccia dello spirito natalizio! Povero psicopatico in cerca di coccole sequestra una spocchiosa biondina acqua cheta e mal gliene coglie. E' vero che durante il corteggiamento lui ammazza qualche persona, ma è solo un mezzo per attirare la sua attenzione, farle delicatamente capire quanto desideri la sua amicizia... Thriller monoambientato tagliato con l'accetta che pure avrebbe una sua rozza efficacia, come quasi sempre l'hanno le cacce gatto-topo in cui il topo tira fuori le unghie, se fosse meno trito e non cadesse rovinosamente in un finale vendicativo alquanto repellente.

Pesten 19/03/18 09:14 - 646 commenti

I gusti di Pesten

Storia e svolgimento classici che vedono la solita stakanovista rimanere intrappolata nel parcheggio del posto di lavoro, perseguitata dal custode del suddetto. Con tali presupposti è difficile strabiliare, ma il film riesce a costruire la giusta dose di tensione in maniera lenta, con delle fiammate improvvise che non guastano. Guasta invece la scelta di far recitare principalmente il décolleté della Nichols, felicemente in primo piano per la gioia dei maschietti, ma che rende il suo personaggio quasi una macchietta.
MEMORABILE: L'uccisione del collega molesto, molto truce e violenta.

Taxius 11/05/19 20:54 - 1651 commenti

I gusti di Taxius

La povera protagonista rimane bloccata nel parcheggio sotterraneo del grattacielo in cui lavora e il guardiano notturno, un pazzo maniaco, ne approfitterà. Classico film con protagonisti damigella e maniaco che si inseguono e si riempiono di mazzate in un luogo chiuso e isolato. Storia vista e rivista che comunque si fa vedere e apprezzare soprattutto per la grigia ambientazione, il parcheggio sotterraneo appunto. Ci sono anche un paio di scene splatter davvero simpatiche. Nel complesso non è male.

Anthonyvm 20/05/19 23:39 - 2137 commenti

I gusti di Anthonyvm

Piacevolissima sorpresa: thriller natalizio ben poco plausibile e che non brilla per originalità, ma che riesce a sfruttare nel migliore dei modi i pochi elementi che ha a disposizione. La costruzione della suspense è più che buona: si parte da una situazione già di per sé da incubo (intrappolati in un edificio pubblico in orario di chiusura) per arrivare a sequestro, omicidio, nascondigli e inseguimenti. Nulla di nuovo, ma nella sua semplicità è un film assai godibile e con inattese esplosioni gore. Buona prova di Bentely nei panni del folle.
MEMORABILE: Il molestatore spiaccicato contro il muro da un'auto (scena reminiscente del martiniano Torso); La protagonista si spezza un'unghia; Lotta col cane.

Vito 26/12/19 05:29 - 665 commenti

I gusti di Vito

Bel thriller con impennate splatter e violente, in contrasto con l'atmosfera natalizia. La regia è ottima, come lo sono le sequenze di suspense e di tensione. Tutto è giocato sulla bravura dei due protagonisti (Bentley e la Nichols), che si danno la caccia in un'ambientazione claustrofobica come quella del parcheggio. Numerosi i rimandi a Carpenter e al cinema di Argento.

Lupus73 30/01/20 11:08 - 688 commenti

I gusti di Lupus73

Vigilia di Natale: impiegata esce da lavoro ma non le parte l'auto; le viene in aiuto l'addetto alla sicurezza al piano P2. Thriller con sfumature horror ambientato in piani interrati/garage, dal soggetto particolare, confezione standard e dal canovaccio da manuale. Il prodotto funziona grazie a trovate particolari, alla claustrofobia del luogo e a un montaggio che permettono una tensione costante senza cedimenti e un buon intrattenimento. Ottima prova della scollata protagonista (simil Foster) e dell'antagonista. Più che godibile.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Undying • 30/07/08 20:56
    Scrivano - 7630 interventi
    Mi è stato richiesto di essere più preciso sul perché il film di Franck Khalfoun abbia raccolto, a mio (sindacabilissimo) parere, solo 2 pallini in croce.

    Ho aggiornato il commento, per essere più chiaro: a discapito della trama.
  • Discussione Zender • 30/07/08 21:12
    Consigliere - 43741 interventi
    Grazie Undying, sei molto gentile. Te l'avevo chiesto perché in effetti qui sul Davinotti privilegiamo appunto il commento alla trama dei film. E siccome tu stai lassù, nell'Olimpo dei davinottiani in primissima fila, resti pur sempre l'esempio da seguire per tutti. E così com'è ora è esemplare :)
  • Homevideo Undying • 6/12/08 13:35
    Scrivano - 7630 interventi
    Ed eccolo in vendita DVD (ed in Blu-Ray) per la Eagle Pictures, a partire dal 28 Gennaio 2009.
    Formato anamorfico 2.35:1 ed audio 5.1

    Contenuti extra annunciati:

    - Un nuovo livello di paura
    - Progettare il terrore
    - Nuova tensione
    Ultima modifica: 6/12/08 21:35 da Undying
  • Discussione Gestarsh99 • 30/12/10 00:34
    Scrivano - 15092 interventi
    Non so se sia soltanto una mia impressione ma ho notato una certa somiglianza tra l'aspetto provato ed "inselvatichito" della protagonista braccata (Rachel Nichols) e quello di un'altra fanciulla "vindicatura" ben nota alle cronache cinefile:



    Qualcuno potrebbe confermare?
    Altrimenti corro subito a raschiarmi la cataratta con la lametta serie-limitata avuta in omaggio con la special edition
    di Un chien andalou...
  • Discussione Zender • 30/12/10 14:35
    Consigliere - 43741 interventi
    Mah, è una ragazza nuda graffiata e col capello lungo, il che è condizione piuttosto comune visto il tipo di film. Mi sembra un po' tirata per i capelli l'associazione. Suppongo sia Jennifer l'altra.
  • Discussione Gestarsh99 • 30/12/10 15:19
    Scrivano - 15092 interventi
    Il fatto è che sono un fisionomista compulsivo (...) e quando colgo una certa affinità di tratti o di elementi in due volti, soprattutto su schermo, la spinta a rintracciarvi rimandi o prestiti non riesco proprio a trattenerla.

    Però almeno la cataratta è salva :)

    P.S.: Si, è Camille Keaton in Zarchi
  • Homevideo Ruber • 11/12/15 12:52
    Compilatore d’emergenza - 9009 interventi
    Ho il dvd uscito a suo tempo (2010) in edicola per le Edizioni Masters.

    Durata: 1h33m42s

    Formato: 2.35:1
    Audio: Italiano e Inglese 5.1
    Sottotitoli: Italiano
    Extra: Un nuovo livello di paura, Progettare il terrore,Nuova tensione

    Screen a 23m21s

    Ultima modifica: 11/12/15 15:36 da Zender