The island

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: The island
Anno: 2005
Genere: fantascienza (colore)
Numero commenti presenti: 28
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Flazich 28/01/07 10:22 - 658 commenti

I gusti di Flazich

Il cinema è ormai saturo di pellicole che fan credere una cosa per poi svelarne un'altra, eppure tutti corrono ancora al cinema a vederle. La fotografia è ottima, gli effetti speciali particolarmente curati, le scenografie (in alcuni momenti) indubbiamente azzeccate. La sceneggiatura ha dei buchi, è innegabile, ma ormai tutti i blockbuster li hanno. Eppure The Island non ha avuto successo come molti film simili, e secondo me immeritatamente. Una seconda chance questo film la merita.

Fabbiu 16/02/07 18:24 - 1989 commenti

I gusti di Fabbiu

Poteva essere totalmente un bel film, ma la trascuratezza di particolari ne fa un semplice e mediocre episodio di fantascienza classica. Assistiamo all'ennesima versione della storia sulla comunità controllata e gestita (che prende ispirazione da tanti altri film, Fuga di Logan in primis). Certe cose fanno arrabbiare, come la ragazza che fugge e per tutto il film mantiene il volto pulito e truccato. Rimediano effetti speciali piuttosto curati.

Galbo 22/02/08 09:05 - 11545 commenti

I gusti di Galbo

The island non è un film disprezzabile negli intenti che sono quelli di affrontare, sebbene nel solito modo spettacolare dei film di Michael Bay, un tema impegnativo quale quello della clonazione. Il film purtroppo ha nella sceneggiatura, piuttosto stereotipata e convenzionale, il suo limite. Discrete le prove dei due protagonisti, molto buona (ma troppo corta) quella di Buscemi. Le sequenze d'azione risultano visivamente godibili così come la fotografia.

Puppigallo 30/04/08 16:31 - 4563 commenti

I gusti di Puppigallo

Clonavventure con contorno di cattivi e di clonatori che ormai si sentono quasi onnipotenti. E' tutto finto, dalla confezione patinata quasi da video clip, ai due attori bellocci messi lì per quello e perchè sono piuttosto atletici. Si salva giusto un po' d'azione, ma nel complesso è una pellicola che finisce per dire poco e quel poco che spiattella lo si era già capito quasi fin dall'inizio. P.S. persino il loro continuo stupore alla realtà pare un po' fasullo. Buscemi, in compenso, se la cava bene, anche se per poco (copione ristretto). Mediocre.
MEMORABILE: La scena d'azione e di distruzione in autostrada (ben girata).

Hackett 2/05/08 09:21 - 1797 commenti

I gusti di Hackett

Bay è un volpone del botteghino, non è una novità. Anche in questo film lo conferma, con velleità d'autore cerca di dipingere un futuro ricco degli stereotipi del genere; ottime le scenografie, bravi, belli e alla moda gli interpreti, avvincenti (come sempre) le scene d'azione. Sembra anche di percepire un po' di critica sociale ma tutto rimane molto in superficie, troppo patinato. Bel film d'azione, film di fantascienza (in senso ampio) un po' incompleto.

Pigro 5/06/08 14:46 - 8224 commenti

I gusti di Pigro

Potenzialmente una bella storia, nel senso che innesta sulla “solita” fuga alla Logan dal mondo chiuso di schiavi inconsapevoli un elemento in più che fa riferimento all'attuale dibattito scietifico: la clonazione, con tutto ciò che questo potrebbe significare. Con un altro regista sarebbe venuto fuori un cult. Qui invece, nonostante qualche piccolo accenno al lato sociale e economico della faccenda, ci si abbandona alla pura azione, agli effetti speciali, al già visto. Inutile, ed è un peccato.

Scarlett 13/07/08 23:12 - 307 commenti

I gusti di Scarlett

Non è bruttissimo, ha i suoi meriti nonostante le palesi carenze della trama. Se fosse stato fatto con tutti i crismi, probabilmente sarebbe dovuto durare un'oretta in più e probabilmente avrei sopportato l'attesa della fine, in questo caso, diciamolo, forzata. Ha qualche colpetto di genio sparso qua e là, le scene d'azione meritano e accontentano un pubblico giovane. Guardabile.

Mascherato 4/08/08 18:49 - 583 commenti

I gusti di Mascherato

Fa uno strano effetto vedere Michael Bay alla regia di un film il cui plot affronta questioni etico-filosofiche non banali (chi siamo? da dove veniamo? qual è il nostro ruolo nell'universo?) e sorprende che il figliolo putativo di Bruckheimer riesca a citare un film (La fuga di Logan) precedente alla decade '80. Temendo di scioccare troppo i propri fan, il buon Michael ci si mette di impegno a distruggere quanto (poco) di buono fatto vedere nei primi 45 minuti e confeziona nella seconda parte il solito action fracassone montato subliminalmente di cui è incontrastato (cattivo) maestro.

Redeyes 20/10/08 10:26 - 2229 commenti

I gusti di Redeyes

In potenza notevole, in atto mediocre. È indubbio il fascino dell'idea a monte della pellicola, ma altrettanto lapalissiana è l'incapacità di renderla in video. La colpa non è tanto nei due attori protagonisti, quanto in un senso di non trasporto che colpisce non solo gli agognanti l'isola, ma anche noi esterni. Come se il bianco e la freddezza del background ci anestetizzasse. Non dico che si fatichi a giungere al termine, anzi, ma si poteva far di meglio. Il finale sicuramente è iper convenzionale. Nel mio voto comunque premio l'idea!

Daniela 16/11/09 09:42 - 9967 commenti

I gusti di Daniela

Peccato... per un pelo (meglio, per qualche pala) non è il miglior film del regista blockbusteraro. La storia è affascinante, con una suggestiva ambientazione alla Fuga di Logan e temi aggiornati ai progressi della scienza, i due protagonisti sono belli e convincenti, la tensione resta alta per tutta la prima parte sotterranea. Poi c'è la fuga e via con l'action cara a Bay, con tanto di elicotteri (eccole le pale!), sua ossessione personale. Action anche spettacolare, ma frenetica, fracassona, risaputa e quindi in definitiva noiosa.

Michael Bay HA DIRETTO ANCHE...

Onion1973 6/01/09 01:33 - 154 commenti

I gusti di Onion1973

Un discreto film di fantascienza classica che nella mediocrità generale merita un attestato di stima. La trama: due cloni (riserve di organi per le loro copie nel mondo reale, fuori dall'isola) acquisiscono coscienza del loro reale status. Non originalissimo, ma la sceneggiatura è abbastanza salda, gli attori bravi (McCregor e Johansson sono affiatatissimi), le ambientazioni ben realizzate ed il ritmo non manca. Lontanissimo dal capolavoro ma un film godibile e con un riuscito invito alla riflessione sul tema della clonazione. Da vedere.

Ciavazzaro 2/02/09 15:58 - 4768 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Fantascienza non molto riuscita. La rappresentazione di una società futura che usa la clonazione per risolvere i propri problemi osservata dal punto di vista di due clonati (McGregor e la Johannson). Si è già visto e non viene rappresentato sullo schermo in modo così perfetto. Così così McGregor, cast sottotono. Poteva essere qualcosa di meglio.

Supercruel 14/04/09 04:21 - 498 commenti

I gusti di Supercruel

"The Island" è un film da rivalutare. Bay riesce a trattenersi e gira al servizio della storia, facendo il tamarro solo quando è il caso di farlo. Gli ingredienti per un buon sci-fi-action ci sono tutti: storia interessante, interpreti credibili, ottime scene d'azione, bella fotografia e scenografie perfette e curate in ogni dettaglio. Il tema è molto interessante e c'è una buon contrappeso tra le riflessioni sulla clonazione e le esigenze spettacolari connaturate allo stile del regista. Bello.

Saintjust 14/06/13 21:19 - 113 commenti

I gusti di Saintjust

No, non ci siamo. Non mi stancherò mai di scriverlo: la fantascienza richiede buoni effetti speciali ma anche una sceneggiatura al bacio. Questa pellicola è a tratti irritante, la sagra dell'americanata, del luogo comune e del cattivo gusto; sceneggiatura infantile e consegnata in mano al peggior regista contemporaneo. Dopo il mezzo disastro con Pearl Harbor, qui ci riprova con successo. Pellicola in cui si capisce benissimo chi ha messo i fondi (Puma, Coca Cola). Ottimi Buscemi e Hounsou.

Belfagor 16/01/10 10:55 - 2632 commenti

I gusti di Belfagor

Non è il film peggiore di Bay, ma questo non ne fa un buon film. La prima parte è ben organizzata, con le giuste ambientazioni e la giusta dose di suspence. Poi, Bay, come se si fosse risvegliato da un sonno creativo, ce la mette tutta, ma proprio tutta, per tornare alla sua beneamata mediocrità fracassona. Sa di già visto e non basta qualche buon momento (Buscemi) per risollevare le sorti della pellicola. **

Luchi78 8/05/10 01:26 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Prima parte interessante: inizio tipo Gattaca, poi sembra preludere ad una storia stile Matrix; dopodichè il nulla concentrato in una lunga fuga che annoia e niente più (tranne per la trovata delle ruote dei treni in giro per l'autostrada). È davvero un peccato che questi film ad alto budget e con buone idee di partenza si ritrovino sempre a che fare con registi proni alla spettacolarizzazione hollywoodiana a tutti i costi. Evitabile.

Capannelle 30/04/10 10:02 - 3804 commenti

I gusti di Capannelle

Considerando la megalomania innata di Bay questo è uno dei suoi film migliori. La prima mezz'ora è piatta, il finale scontato (e inutilmente evangelico), ma quello che sta nel mezzo - dalla sala operatoria all'inseguimento in autostrada - è roba buona, abbastanza coinvolgente e visivamente degna. C'è anche un minimo tentativo di dare profondità alla storia, di introdurre questioni morali cosa che per il regista americano non è affatto scontata. Non male.

Saintgifts 14/03/11 23:16 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Buon connubio tra tema di fondo importante e non poi così fantascientifico e spettacolo puro, usando tutti i mezzi tecnologici disponibili ma con esagerazioni abbastanza contenute, per mettere in piedi una pellicola che cattura abbastanza e diverte, nonostante un finale prevedibilissimo e che altrimenti non poteva essere. Inseguimenti a parte, dove tutto ve bene ai due che diventano umani quando con stupore si baciano, il resto della storia non è grossolano e ci sono particolari abbastanza raffinati, montati a dovere, che impreziosiscono.

Matalo! 2/11/11 18:46 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Anche un tocco di L'uomo che fuggì dal futuro, alla lontana, per un film tanto frastornante da indurre alla sonnolenza. Le speculazioni sulla scienza ed etica, sul simulacro e sull'originale cedono il passo all'effettistica e ad una fotografia solarizzata in cui si muovono i protagonisti (stranamente imbambolati, specie il solitamente ottimo McGregor) in cui l'ingenuità dei cloni (o polizze) è delineata da battute incredibilmente troppo ingenue, da film per ragazzi. Buscemi conserva in armadio abiti da suora e infermiera per sere con moglie. Roboante.
MEMORABILE: In città la Johansson vede il suo originale in uno spot che ha girato nella realtà.

Kekkomereq 11/12/11 21:28 - 359 commenti

I gusti di Kekkomereq

Come sempre i film di Michael Bay sono degli enormi kolossal e "The Island" non è da meno. Il film ha un cast da urlo, tra cui McGregor e Johansson, per non parlare poi delle ambientazioni fantascientifiche e degli effetti visivi all'avanguardia. Purtroppo però dura davvero troppo e si può dividere in due parti: la prima più claustrofobica e la seconda molto più realistica e triste. Non è il miglior film di Bay, ma stilando una classifica dei suoi lavori del decennio passato, il film si posiziona subito dopo Transformers.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Rambo90 8/06/13 00:05 - 6600 commenti

I gusti di Rambo90

Buon film di fantascienza, riuscitissimo nella prima parte, quella più misteriosa e intrigante, un po' meno nella seconda, dove tutte le riflessioni lasciano spazio all'azione. E proprio le scene action (stranamente, visto il regista) risultano già viste e troppo concitate nel montaggio. Ottimo il cast: McGregor è bravo, specialmente quando si trova ad affrontare il suo doppio, la Johansson bella e convincente, Sean Bean ripete un personaggio a cui ormai è abituato (il cattivo di turno). Efficace.

Piero68 13/06/13 09:10 - 2799 commenti

I gusti di Piero68

Come al solito il buon Bay non lesina con gli effetti spettacolari ma questa volta la sceneggiatura, benché affidata a due marpioni del calibro di Kurtzman e Orci, fa un po' acqua. Bioetica, clonazioni e rincorsa all'immortalità... temi già affrontati in numerose pellicole, e questo The Island non aggiunge nulla a quanto già apprezzato in precedenza, nonostante l'inserimento delle tematiche in un mondo futuristico. Cast senza infamia e senza lode. Molto bella invece la OST di Jablonsky, con il pezzo "My name is Lincoln" ripreso in tanti altri film.
MEMORABILE: Il clone e Lincoln: "Quanto sono costato?" - "5 milioni!" - "E sono tanti?" - "Un prezzo misero per ingannare la morte!"

Jdelarge 13/10/13 18:49 - 895 commenti

I gusti di Jdelarge

Un Bay pasticcione (come al solito) dirige un film che parte da un'ottima idea: gli sviluppi potevano essere molteplici e di grande interesse, ma purtroppo la scelta della regia ricade su una sceneggiatura molto banale, condita da scene d'azione decisamente poco credibili. Peccato; nonostante la partenza incoraggiante e McGregor rappresenta sia una sicurezza, il risultato finale è veramente mediocre.

Gestarsh99 23/06/14 17:29 - 1370 commenti

I gusti di Gestarsh99

Un buon decollo iniziale quello di Bay, che tenta il compromesso aritmetico tra Matrix, The Truman Show e la science-fiction kafkiana anni '70. Purtroppo anche qui il "Dr. Stranamore dell'action" non resiste più di mezz'ora alla sua incontinenza pirotecnica e all'istinto da bombardiere astinente: non ce la fa a vertebrare in profondità il prospetto distopico accennato in principio e taglia corto con improntitudine eiaculando ai quattro venti frastuono balistico, fuggi-fuggi dissenterico, stupido umorismo da bettola e manicheismo a tonnellate, sino a un pietoso cafarnao di redenzioni new-age.
MEMORABILE: I riferimenti abusivi a Matrix e Coma profondo: le pile di cloni umani incubati e l'enorme struttura di degenza per i corpi in stato vegetativo...

Toporosso 30/01/15 13:59 - 77 commenti

I gusti di Toporosso

Michael Bay sa fare benissimo una cosa: le scene di azione e inseguimento, e in questo film conferma la sua abilità. La sceneggiatura offre, oltre che più di un'incongruenza, alcuni spunti di riflessione, peraltro affidati interamente alla buona volontà dello spettatore. Il vero punto dolente, a mio avviso, sono i protagonisti: legnoso e svogliato McGregor, Barbie la Johansson; del tutto surclassati dal resto del cast (ottimo Buscemi, convincente Bean, confinato in un cameo Michel Clarke Duncan). Occasione semi-sprecata.

Il ferrini 14/03/18 02:43 - 1782 commenti

I gusti di Il ferrini

Fu l'ultimo lavoro di Bay prima d'entrare nel tunnel dei Transformers e, per quanto non si possa gridare al capolavoro, è un film piacevole, che a distanza di anni conserva un suo fascino; anche grazie all'ottimo cast, nel quale svetta Buscemi, ma soprattutto per le imponenti ed evocative scenografie. Il soggetto forse non è perfettamente sviluppato ma l'idea è buona, tant'è che verrà ripresa da Romanek in Non lasciarmi, sebbene in chiave drammatica. Qui invece è l'azione a prevalere, carta vincente del regista. Non male.

Rufus68 17/07/17 21:03 - 3263 commenti

I gusti di Rufus68

Consueto giocattolone vistoso ed eccessivo, pacchiano e senz'anima. Qui non sono in gioco l'originalità o il freddo professionismo delle cosiddette "star": è la mancanza totale d'ogni emozione e spessore culturale a far disperare, come se una distopia come questa, che implica problemi etici altissimi possa essere risolta con qualche detonazione o gettando nella mischia caratterizzazioni all'acqua di rose. Se potessimo strizzarlo da tale schiantatimpani non uscirebbe un goccio di cinema. Inutile.

Faggi 1/10/18 14:57 - 1512 commenti

I gusti di Faggi

Una specie di lungo videoclip di lusso per musica pessima, con due protagonisti meritoriamente alla moda e un finale all'acqua di rose. Peccato, il tema transumano non era male e la prima parte lo affrontava incuriosendo; curiosità destinata a capitolare. Tecnica perfetta, lirismo zero spaccato. Nella parte centrale l'azione imperversa annoiando. Ennesimo esempio di prodotto d'oltreoceano furbo alla seconda potenza. Visto una volta lo si può relegare in qualche baratro/inceneritore della memoria e buonanotte ai suonatori.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Gestarsh99 • 27/09/11 02:01
    Scrivano - 15849 interventi
    Disponibile in edizione Blu-Ray Disc per Warner Home Video:



    DATI TECNICI

    * Formato video 2,40:1 Anamorfico 1080p
    * Formato audio 2.0 Stereo Dolby Digital: Inglese
    5.1 Dolby Digital: Italiano Inglese Francese Spagnolo Tedesco
    * Sottotitoli Italiano Inglese Francese Spagnolo Tedesco Olandese Danese Svedese Norvegese Finlandese
    * Extra Dietro le quinte
  • Curiosità Raremirko • 10/05/13 21:03
    Addetto riparazione hardware - 3571 interventi
    * La location dove si svolge la prima parte del film è grande come cinque campi da football.

    * Alcune scene (come la creazione dei cloni) sono state ispirate da ciò che avviene nei mattatoi.

    Fonte: extra del dvd