LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 22/06/22 DAL BENEMERITO HERRKINSKI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Herrkinski 22/06/22 04:57 - 7076 commenti

I gusti di Herrkinski

Una trama di stampo prettamente hitchcockiano, ma anche reminiscente del primo Polanski (da Repulsione a L'inquilino), il tutto calato nel filone dei serial-killer; la scelta di girare a Bucarest è il punto di forza del film, con le sue particolari architetture che donano un'atmosfera a tratti spettrale, oltre a essere un escamotage per aumentare il senso di solitudine della protagonista. Resta comunque uno slow-burner girato con una certa eleganza che tende a metter dubbi allo spettatore per tutta la durata, per poi chiudere con un finale thriller improbabile, per quanto efficace.

Schramm 29/06/22 11:14 - 3040 commenti

I gusti di Schramm

E se le finestre fossero due? E se non fossero finestre, ma specchi? Di nuovo dalle parti della criptometafora schopenhaueriana della realtà che può determinarsi solo previo osservatore, della compenetrazione tra osservatore e osservato. Bando a olio di semiotiche varie, sappiamo da quel dì che il peggio per un paranoico è scoprire che la realtà è proprio come la sospetta, per cui affannarsi a tramortire con dubbi e controdubbi non attacca. Tipicissimo caso in cui tutto ha fine proprio quando il film inizia a farsi coinvolgente, quasi bello. Imparare a esserlo quei 70' prima no, eh?

Lupus73 10/07/22 16:11 - 1318 commenti

I gusti di Lupus73

Una coppia si trasferisce in Romania (per metà terra di origine di lui), ma lei inizia a venir osservata da un tizio, e le raccapriccianti news del tg non aiutano: manie di persecuzione o realtà? La pellicola si muove su questa linea sottile, corredata da confezione elegante e bilinguismo dei dialoghi (locali e anglofoni), rivelando solo alla fine il nocciolo della questione con un finale cruento che se vogliamo ha poco di verosimile date le dinamiche, ma che riesce comunque nella sua efficacia a dare uno slancio risolutore alla sceneggiatura dalle forti tinte/atmosfere polanskiane.

Nick franc 8/09/22 20:57 - 381 commenti

I gusti di Nick franc

La Onuko cerca di modernizzare un soggetto ormai logoro con echi di Hitchcock e Polanski trasportando l'azione in una solitamente poco utilizzata Bucarest, ma il film non convince del tutto: la prima parte fatica a ingranare e il colpo di scena finale (neanche troppo sorprendente) è servito in modo improbabile e plausibile. Il film non è tuttavia privo di punti a favore: la Monroe è brava e bella, la faccia di Gorman è perfetta per il ruolo, la tensione della seconda parte è costruita benino e la colonna sonora è valida. Non fondamentale ma sicuramente guardabile.

Rambo90 16/09/22 14:44 - 7237 commenti

I gusti di Rambo90

Da Hitchcock a Polanski, niente che non sia stato già visto al cinema. Con l'aggravante di un ritmo non propriamente effervescente che dopo una prima parte stuzzicante fa affondare molto interesse nella noia. La Monroe è comunque brava e tiene la scena, così come la fotografia e la regia sanno creare un piacevole gusto retrò anni Settanta. Poca carne però al fuoco e il film probabilmente verrà dimenticato poco dopo la visione.

Reeves 18/09/22 10:44 - 1232 commenti

I gusti di Reeves

Bel thriller che mette insieme una serie di luoghi comuni di questo genere ma lo fa con eleganza ben supportato dagli attori e soprattutto da una cornice inconsueta come la Romania, dove si svolge tutta l'azione. L'attrice protagonista porta un cognome importante ed è molto brava, pesa su di lei quasi tutto il film ma sa come comunicare i suoi incubi agli spettatori. Insomma: quando la routine è gradevole.

Rebis 27/09/22 12:39 - 2219 commenti

I gusti di Rebis

Thriller paranoico e routinario di evidente matrice polanskiana, aggiornato alle istanze del #metoo. Okuno definisce un habitat ad hoc per enfatizzare il senso di smarrimento e solitudine della protagonista, centralizza la dimensione percettiva, ma banalizza l'aspetto relazionale mettendo in campo un personaggio maschile ricettacolo di blandi stereotipi maschilisti. Gorman invece, laido e parassitario, genera vera inquietudine. Sofisticato e audace nel procrastinare la deriva di sangue, non apporta nulla di sostanzialmente nuovo, ma rimane un discreto esercizio di stile.
MEMORABILE: La stretta di mano obbligata; La sportina della spesa.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.