Pearl Harbor

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Pearl Harbor
Anno: 2001
Genere: guerra
Note: E non "Pearl Harbour".
Numero commenti presenti: 25
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Dopo il successo di MISSION: IMPOSSIBLE 2 Hollywood sforna un altro gigantesco blockbuster estivo cercando in ogni modo di ripetere la formula vincente di TITANIC. Quindi al centro una contrastata storia d'amore, sullo sfondo un altro dramma da vivere nella sua imminenza (lasciando spazio alle varie vicende umane) e nella sua esplosione (liberando effetti speciali a dir poco impressionanti, tra i quali un'altra nave che si rovescia nella stessa speciale megapiscina messicana usata per TITANIC). Michael Bay, specializzato in filmoni da super incassi (vedi THE ROCK... Leggi tuttoe ARMAGEDDON) sa di non poter sbagliare (gli investimenti sono colossali) e non rischia. Dosa tutte le componenti con mirabile e inattesa maturità, riesce a non rendere la travagliata love story troppo invadente, dirige bene il cast e trasforma i quaranta minuti del blitz giapponese alle Hawaii nel più impressionante spettacolo di guerra finora visto al cinema. Di tanto in tanto il digitale si scopre, ma l'imponenza dell'attacco, la grandiosità degli scenari, la bellezza delle riprese (aeree e navali) lascia con il fiato sospeso. Tanto che il film avrebbe tranquillamente potuto concludersi qui, evitandoci il prolisso finale con ritorsione bellica (messo lì giusto per far vincere comunque qualcosa anche gli americani). I tre protagonisti (Evelyn/Kate Beckinsale, Rafe/Ben Affleck e Danny/Josh Hartnett) sono bene assortiti e rendono un buon servizio al film, così come le musiche di Hans Zimmer. Gustoso il cast in secondo piano: un ingrassato Alec Baldwin, il defilato Dan Aykroyd, l'habitué Tom Sizemore e l'ottimo John Voight (è il presidente Roosevelt). Tre ore che passano veloci. E non è poco...
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 19/12/06 12:02 - 4467 commenti

I gusti di Puppigallo

Signore e signori allacciate le cinture, scollegate il cervello e salite sull'ottovolante di Pearl Harbor. Dopo circa trenta minuti di pellicola sprecata (personaggi risibili, dialoghi da fucilate nelle orecchie e situazioni al limite del parodistico, come il miracoloso ritorno del disperso), arriva infatti il più incredibile, devastante e ben realizzato attacco aereo mai visto. Poi ricordo solo i titoli di coda, mi pare scritti correttamente.

B. Legnani 8/03/07 01:42 - 4659 commenti

I gusti di B. Legnani

Ci stanno tre film. Una fantastica lunghissima fase bellica che è un capolavoro, una storia d'amore che fa venire il latte alle ginocchia, e altre vicende che, una volta che lo spettatore è rimasto stupefatto per le prime due, non riesce neppure a capire/seguire. Insomma, avendo bevuto all'inizio lo Château d'Yquem, diventa dura apprezzare poi (o solo ricordare) un banalissimo frizzantino. Finito l'attacco, passate ad altra occupazione, risparmiando un'ora della vostra unica e irripetibile vita.

Stubby 19/03/07 22:26 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Certamente l'attacco aereo è un qualcosa di altamente spettacolare, tutto il resto però cade nel dimenticatoio. Il film è praticamente una storia d'amore e quindi chi si aspetta un film di guerra probabilmente ne rimarrà terribilmente deluso. Personalmente l'ho visto solamente una volta e non sento il desiderio di rivederlo di nuovo.

Lovejoy 16/12/07 22:26 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Di tutta questa interminabile soap opera (perché di cinematografico questo polpettone ha ben poco) si ricorda solamente la parte dell'attacco a Pearl Harbor. Il resto, inclusa la risposta americana appiccicata nel finale per non chiudere con le immagini della disfatta, è del tutto inutile, gratuito, ridicolo. Personaggi e dialoghi sono veramente squallidi e Bay non sa che pesci prendere. Il cast poi è quanto di più ridicolo si sia mai visto sul grande schermo. Penoso.

Capannelle 18/02/08 12:26 - 3667 commenti

I gusti di Capannelle

Il barista ha mixato due autentici successi come Titanic e Salvate il soldato Ryan, ma dopo il primo sorso l'aperitivo rimane sul bancone. A parte alcune scene leggere iniziali (le ragazze sul treno, il party) e l'attacco a Pearl Harbour (emozionante), tutto il resto è noia, condita da un cast di giovanotti irritanti quanto vuoti. Love story risibile. Il contrattacco dei due caccia contro gli Zero fa impallidire Chuck Norris, come anche le scene di guerra sul terreno dopo la missione dei B25. Del resto, il barista era recidivo.

Galbo 20/02/08 07:41 - 11272 commenti

I gusti di Galbo

Racconto realizzato senza risparmio di mezzi su uno degli eventi topici della storia americana oltre che tappa fondamentale per la costituzione dell'orgoglio degli Stati Uniti come nazione. Se risulta molto curata e riuscita la parte riguardante la preparazione e lo svolgimento dell'attacco, nonchè la ritorsione americana, meno buona (anzi in alcuni punti francamente stucchevole) la parte riguardante una storia d'amore a tre anche per la presenza di attori privi di fascino e carisma.

Hackett 9/07/08 21:07 - 1719 commenti

I gusti di Hackett

I film di Bay possono contare su un budget da capogiro e i risultati si vedono. Non sempre questo è un pregio soltanto. La pellicola ha un impatto visivo notevolissimo, la storia è avvincente e gli interpreti se la cavano bene. Manca però un’anima. Manca la polvere, la sporcizia e l’odore del sangue che un racconto del genere richiederebbe per essere realistico. Troppe immagini patinate, troppo miele e il tutto assume i toni del fotoromanzo. Peccato perché il film ha comunque molti pregi.

Sunchaser 22/09/08 21:43 - 127 commenti

I gusti di Sunchaser

Tremendo fotoromanzo di serie B travestito da filmone di serie A grazie ad un budget ciclopico e una fotografia patinatissima e coloratissima. Due interpreti bellocci completamente fuori parte, dialoghi tremendi, finale da fucilazione immediata. 160 minuti sembrano non passare mai. Anche il tanto esaltato attacco giapponese non è niente di che. Chi ama il cinema si rivolga altrove.

Pigro 4/02/09 09:31 - 7668 commenti

I gusti di Pigro

Rievocazione dell'attacco giapponese su Pearl Harbor, con tutti i crismi della spettacolarità e della retorica hollywoodiana, nonché con tutti i trucchi della narrazione ad alto tasso sentimental-avventuroso-emotivo. Insomma, gli ingredienti del successo ci sono tutti e sono ben dosati, ivi compresa la scelta di attori col physique du rôle perfetto, da divi scialbi prestati all'entertainment. Si capisce la necessità di esorcizzare quel tragico evento, ma è davvero stucchevole. Meraviglioso (il bombardamento) e insopportabile (tutto il resto).

Patrick78 9/02/09 17:21 - 357 commenti

I gusti di Patrick78

Storia d'amore in stile Titanic che si fonde con un brutto film di guerra girato da uno dei più fracassoni registi di Hollywood. Il risultato è brutto quanto mai e la noia spadroneggia incontrastata, tra esplosioni e attacchi aerei poco coinvolgenti. Il cast di attori dalla faccia angelica è solo uno dei mille difetti di un film enfatizzato da un messaggio di fondo stereotipato. Un corollario di luoghi comuni hollywoodiani davvero difficili da digerire. Altra pecca non da poco risulta essere l'eccessiva lunghezza di un'opera da evitare senza remore.

Ciavazzaro 27/02/09 12:02 - 4751 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Sopravvalutato. Il film si rivela essere un inutile kolossal, pieno di luoghi comuni e caratterizzato da una atroce storia d'amore. Il cast non offre buone interpretazioni (Affleck è tremendo, Hartnett di più, Baldwin esagera). Troppo lungo, davvero inutile. Il finale arriva come una benedizione. Meglio che vi guardiate Tora Tora Tora: sarete molto più felici.

Cangaceiro 15/06/09 09:55 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Si tratta di un vero mattone hollywoodiano di quasi tre ore che però sembra durarne cinque, da quanto è pesante e noioso. La parte bellica è relegata sullo sfondo per dare spazio all'estenuante triangolo amoroso, melenso e sdolcinato come nei vecchi fotoromanzi. Le scene di guerra poi sono realizzate grazie al massiccio uso di costosissimi effetti speciali. I due ragazzotti protagonisti non convincono proprio. La Beckinsale aggraziatissima in abiti vintage. Totalmente fuori contesto l'appesantito Aykroyd.

Disorder 15/09/09 21:14 - 1406 commenti

I gusti di Disorder

La scena dell'attacco aereo è bella, la storia sentimentale parallela di amore conteso, passabile; meno passabile è la retorica orgogliosamente americanista generale, degna dei peggiori film di Chuck Norris: parlo dell'attacco giapponese presentato come atto di viltà (falso storico), per non parlare dei soliti baldi eroi che salgono su un aereo in camicia hawaiana ed abbattono zero nemici con assoluta nonchalance. Tutto ciò lo si può accettare nei b-movies o simili, ma non in un (presunto) kolossal.

Belfagor 17/10/09 09:41 - 2617 commenti

I gusti di Belfagor

Stesso risultato de Il nemico alle porte, ma lungo il doppio. L'attacco giapponese è davvero ben realizzato (con il budget a sua disposizione, era il minimo che Bay potesse fare). Il resto è noia, divismo, becera retorica statunitense e travisamento storico, il tutto condito da una patinatura falsa che più falsa non si può. D'accordo, la Beckinsale è uno schianto anche negli anni '40, ma perché dovrei sorbirmi tre ore di brodaglia per vederla? Qualcuno metta Bay dietro la lavagna per un paio d'anni!

Rambo90 26/01/10 14:30 - 6246 commenti

I gusti di Rambo90

Grande film di guerra, come se ne facevano una volta, dove i valori del coraggio e della lealtà prendono il sopravvento sui problemi personali. Ottime scene di combattimento, grande sfoggio di buoni effetti speciali e cast di titaniche proporzioni dove tutti sono in parte e tutti sono più che bravi (da notare Dan Aykroyd in un piccolo ruolo e Tom Sizemore). Un film avvincente che, nonostante la durata, si fa vedere piacevolmente fino all'ultima inquadratura. Bella anche la colonna sonora.

Paruzzo 15/08/10 22:40 - 140 commenti

I gusti di Paruzzo

Un film che usa come pretesto l'attacco di Pearl Harbor per mettere in scena una storia sentimentale. A parte gli errori storici su cui è meglio sorvolare, il film è pesante e esageratamente lungo e la sceneggiatura di Randall Wallace molto banale. Da salvare solamente gli effetti speciali, ma in questo film c'è veramente poca roba.

Nando 28/10/10 01:41 - 3441 commenti

I gusti di Nando

Melodrammone amoroso farcito di realistiche quanto frequenti immagini di battaglie ed attacchi aerei con conseguenti bombardamenti. D'altronde il vigliacco attacco alla base americana doveva essere raccontato. Non discuto le scene di combattimento, molto veritiere, ma è la storia d'amore che presenta quel sensazionalismo tipicamente States.
MEMORABILE: Le scene d'azione che coinvolgono Affleck mentre combatte nei cieli inglesi.

Funesto 13/11/10 14:45 - 524 commenti

I gusti di Funesto

Dico cose che han detto in molti, ma non mi viene da dire altro. Questo è IL film di guerra, ma non perché sia trascendentale, perché è così pieno di cliché da rendersi "esageratamente esemplificativo": c'è la love-story destinata a finire (in uno sprecarsi di miele), il soldato spietato e quello umano (di solito quello della lovestory), parecchia violenza-non-violenta... ma per fortuna qui almeno c'è una buona fase bellica che spezza un po'. Bah! Viva il mio cinismo: andate a vedervi Black sun, non questi alla volemose bene.

Piero68 29/11/11 09:19 - 2749 commenti

I gusti di Piero68

Chi si aspetta il filmone di guerra, il kolossal, rimarrà ovviamente deluso. Trattasi di semplicissima e classica love story in un mondo in guerra. Lui, lei e l'altro (ovviamente il migliore amico di lui): un clichè talmente inflazionato da risultare inevitabilmente noioso. La sceneggiatura spreca e pure le caratterizzazioni alla fine risultano monche. Se c'è da salvare qualcosa è giusto il quarto d'ora dell'attacco vero e proprio alla base di Pearl Harbor. Almeno in quello si cerca di conservare l'attinenza storica. Occasione sprecata.

Didda23 5/01/12 14:02 - 2268 commenti

I gusti di Didda23

Michael Bay firma uno straordinario blockbusterone bellico, intriso di una fenomenale tecnica registica: l'attacco aereo è un capolavoro visivo, perché non c'è confusione nell'azione e tutti gli ingredienti sono dosati nel modo opportuno. L'alta definizione esalta ancor di più la bellezza delle inquadrature. Non me ne frega niente se il resto dell'opera non è trascendetale, perché da una grande produzione Hollywoodiana non posso chiedere di più. Per il genere, al limite del capolavoro.

Trivex 5/10/12 11:17 - 1465 commenti

I gusti di Trivex

Film realizzato con arte, mezzi e motivazione. L'evento di partenza è importante, drammatico e segna la storia: è un battaglia persa dall'America (nemmeno formalmente in guerra). La legna da ardere era molta, ma invece di usarla tutta si è pensato di usare combustibili alternativi per tener vivo il fuoco dell'attenzione. E allora ecco la vicenda d'amore struggente, ingombrante e un po' fuori luogo. E poi, dopo il "rape", arriva il "revenge", per non finire male e turbare il cuore dello spettatore che non conosce il vero finale della storia (quella vera).

Zio bacco 22/10/14 17:35 - 239 commenti

I gusti di Zio bacco

Sedicente kolossal, è uno dei film più sopravvalutati di sempre. Ridicolo è l'improbabile e melenso triangolo amoroso in piena guerra, a cui si somma l'enfasi e la megalomania da americanata, ove i giapponesi sono aguzzini e gli statunitensi eroi che lottano anche senza armi. Gli effetti speciali non sono di poco conto, ma non manca l'impiego di fastidiose immagini sfocate. Malgrado il cast, la recitazione è scarsa e i dialoghi a tratti risultano davvero ridicoli. Ottime le musiche, ma tutto il resto, complice la durata, è indigeribile. Scarso.

Lythops 3/02/15 11:47 - 972 commenti

I gusti di Lythops

Come spendere milioni di dollari per realizzare effetti speciali e buttare via il tutto con attori insopportabili oltre che inetti. Morti da tutte le parti e infermiere con la piega perfetta anche sotto il crollo di un hangar, fotografia inutilmente patinata, Ben Affleck irritante come al solito per non parlare dell'assurda retorica fatta passare come storia. Il film, difficilmente tollerabile, si dimentica tranquillamente dopo una mezz'ora, compresa la fatica fatta per sopportarlo; poi, esiste solo il ricordo dei Mitsubishi Zero. Grandi macchine.

Saintgifts 18/01/16 10:23 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Randall Wallace, lo sceneggiatore, sa bene come raccontare una vicenda storica incorniciandola in un romanzo sentimentale, così da stemperare il documento in una storia che ha lo scopo di accontentare tutti. Saranno soddisfatti i cuori romantici (con l'amore e le lacrime dei tre giovani) e pure gli amanti della spettacolarità della guerra, visto l'uso di tutti i tecnicismi possibili (in alcuni casi non realistici) nella ricostruzione dell'attacco a sorpresa. Film costato moltissimo che ha l'unica pecca di essere troppo vecchio stile.

Il ferrini 29/05/16 23:51 - 1623 commenti

I gusti di Il ferrini

Terribile love-story infarcita di dialoghi degni de "Gli occhi del cuore" (Affleck: "Sei così bella che mi fa male guardarti". Beckinsale: "È il naso che ti fa male". Affleck: "No, credo sia il cuore".), recitato in modo irritante e diretto peggio. Non che da Michael Bay ci si potesse attendere un capolavoro ma almeno Armageddon faceva ridere, questo ha pure la pretesa di prendersi sul serio e per tre interminabili ore. Come film storico era francamente difficile riuscire a fare di peggio.
MEMORABILE: L'attacco aereo, in particolare l'affondamento delle navi.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Funesto • 16/11/10 13:59
    Magazziniere - 1419 interventi
    Ettiparèva... Zè, so che sto sempre a rompe il k@tz0, ma ho errato nel pallinare e me sono accorto only now: DUE pallini, non uno e mezzo. Sempre insufficiente, ma da non disdegnare completamente, grazie alla bella confezione, agli ottimi SFX e alle bellissime riprese aeree... PS: e già che ci sei... mi colleghi Black Sun alla rispettiva page del Davinotti? Sì, hai ragione: oggi sto in vena di scocciare.
    Ultima modifica: 16/11/10 14:02 da Funesto
  • Discussione Zender • 16/11/10 14:38
    Consigliere - 43712 interventi
    Black sun volevo linkarlo ma non ero sicuro fosse quello il film, mi sembrava tutt'altra cosa proprio... Ok, linko.
  • Discussione Funesto • 16/11/10 16:42
    Magazziniere - 1419 interventi
    Zender ebbe a dire: Black sun volevo linkarlo ma non ero sicuro fosse quello il film, mi sembrava tutt'altra cosa proprio... Ok, linko. ù.ù e che cosa? Non colgo... :-)
  • Discussione Zender • 16/11/10 18:54
    Consigliere - 43712 interventi
    No niente, dico che mi sembrava uun titolo quasi sconosciuto, Black Sun, e che soprattutto non risulta che tu abbia visto, per cui non avevo linkato. Confermi che il link ora è giusto?
  • Discussione Funesto • 16/11/10 20:53
    Magazziniere - 1419 interventi
    Zender ebbe a dire: No niente, dico che mi sembrava uun titolo quasi sconosciuto, Black Sun, e che soprattutto non risulta che tu abbia visto, per cui non avevo linkato. Confermi che il link ora è giusto? Giustissimo.
  • Homevideo Gestarsh99 • 17/10/11 00:14
    Scrivano - 13515 interventi
    Disponibile in edizione Blu-Ray Disc per Walt Disney Studios Home Entertainment: DATI TECNICI * Formato video 2,35:1 Anamorfico 1080p
  • Musiche Neapolis • 22/03/12 17:00
    Pulizia ai piani - 1999 interventi
    Stranamente la colonna sonora di Hans Zimmer non vinse nè Oscar nè Golden Globe ma questo brano, Tennessee, è favoloso. Merita almeno un ascolto: http://www.youtube.com/watch?v=uVbwaHTuLvE
  • Musiche Zender • 22/03/12 19:34
    Consigliere - 43712 interventi
    Confermo, anche a me piace moltissimo! Zimmer resta uno dei miei preferiti in assoluto.
  • Discussione Piero68 • 19/01/18 14:51
    Gestione sicurezza - 234 interventi
    Allora.... facciamo un pò di sano complottismo: Pearl Harbor viene distribuito in tutti i cinema del globo tra maggio e giugno del 2001. Tre mesi dopo avviene l'attacco alle Torri Gemelle. Ora, se si considera che molti politici americani neo-con hanno definito l'11/9 la nuova Pearl Harbor, riesce difficile non accostare le due cose. Anche perchè Bay è uno dei registi/produttore perfettamente inserito nell'Hollywood System che si sa, è controllato dai più potenti gruppi mondiali. Che abbiano voluto mandare un messaggio e preparare la gente ad un evento eccezionalmente "infame"?? Magari è solo una coincidenza, ma su quasi tutti i siti complottisti, per quel che può valere, l'opinione è proprio questa
  • Discussione Zender • 19/01/18 15:37
    Consigliere - 43712 interventi
    Direi una sciocchezza bella e buona, ma siccome non si può mai dire, a questo mondo, resta una sciocchezza ma solo fino a prova contraria.