LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 3/09/15 DAL BENEMERITO DIGITAL
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 5/09/15 00:47 - 4526 commenti

I gusti di Puppigallo

Venti minuti di successo e quasi tutto il resto del film a rotolare sempre più in basso. Trattasi di melodrammone, maldestro nel disegno dei personaggi (poca cosa) e troppo Rockyzzato (ma meno genuino) nello sviluppo. Alla fine rimane ben poco di questa pellicola, dove anche un dignitoso Whitaker non può fare più di tanto (la sceneggiatura è quella che è). Non convince, sia la parte drammatica, col percorso di redenzione, che quella riservata ai match (piuttosto fasulla e pompata). Il risultato, nonostante un discreto ritmo, non può quindi che essere mediocre.
MEMORABILE: "Domani incominciamo". "L'allenamento?". "No, a fare biscotti..."; "Tu sei un ammazzasogni".

Digital 3/09/15 09:04 - 1123 commenti

I gusti di Digital

Dopo aver raggiunto la vetta del successo, il campione di boxe Hope si trova tragicamente vedovo e con una figlia affidata ai servizi sociali. Il nostro, pur con difficoltà, saprà riscattarsi. Partendo da una storia risaputa, Fuqua dirige un film che unisce abilmente situazioni prettamente intimistiche a esplosioni di feroce violenza. Gyllenhaal si conferma attore di classe sopraffina; la McAdams è più raggiante che mai mentre Whitaker è un buon comprimario. Ricattatorio anzichenò e con personaggi manichèi, resta tuttavia più che godibile.

Xamini 20/09/15 22:34 - 1026 commenti

I gusti di Xamini

Vive di una duplice anima, questo Southpaw, fatta di elementi contrastanti: abbiamo una vicenda di riscatto, banale, che avrei visto meglio declinata in dramma puro; abbiamo una serie di ingenuità che la accompagnano (e che faranno storcere il naso in particolare a chi di boxe ci capisce qualcosa). Ma di contro c'è un Gyllenhaal favolosamente in parte (e non parlo solo di preparazione fisica) e alcune scene girate alla perfezione, con una fotografia che pure si fa soddisfacente. Ne sono riuscito a cavare un sapore godibile, ma avrebbe potuto essere qualcosa in più.

Capannelle 12/10/15 09:06 - 3746 commenti

I gusti di Capannelle

Pugile (Gyllenhaal) scende negli inferi familiari e professionali e si trova a fare i conti con la propria coscienza con l'aiuto di una persona (Whitaker) in grado di farlo ragionare. La storia non è nuova ma il vero problema è che anche il modo di raccontarla è del tutto prevedibile e ancorato a schemi abbastanza banali. Si apprezza il look di Gyllenhaal ma anche lui non pare al suo meglio rispetto ad altre prove.

Ultimo 21/11/15 10:55 - 1386 commenti

I gusti di Ultimo

Mi aspettavo qualcosa di più da questo film di Fuqua che pur vede protagonista Jake Gyllenhaal, uno degli attori più richiesti a Hollywood negli ultimi anni. La vicenda è quanto di più drammatico ci si possa aspettare e verte tutta sul tentativo del campione di boxe Hope di riprendersi la figlia, affidata ai servizi sociali dopo la morte improvvisa della moglie. In un mescolarsi di dramma e sport si arriva alla fine con diversi momenti statici e vedendo incontri di pugilato ben lontani dalla realtà. Mediocre.

Galbo 22/12/15 05:42 - 11453 commenti

I gusti di Galbo

Dramma pugilistico diretto da Antoine Fuqua. La storia è quella di una redenzione che passa attraverso lo sport, come spesso accade nei film del genere. La sceneggiatura fa leva su troppi luoghi comuni e i dialoghi sono davvero limitati, così come la caratterizzazione dei personaggi che presentano limitato "spessore". A parziale compensazione, oltre alla realistica ambientazione, le belle interpretazioni di Jack Gyllenhaal e Forest Whitaker, bravi e credibili. Ben fatte le riprese degli incontri di boxe.

Daniela 23/12/15 23:47 - 9658 commenti

I gusti di Daniela

Dalle stelle alle stalle andata e ritorno. Campione sbarella dopo la morte della moglie, perdendo titolo, onore, soldi, figlia, amici... Gyllenhaal conta sul volto tumefatto, Whitaker sul mestiere, Fuqua sull'impasto di sangue e lacrime: non basta a fronte di una sceneggiatura tanto forzata, caratteri poco definiti e/o stereotipati, momenti tanto palesemente ricattatori da suscitare un'autodifensiva disempatia nei confronti dei personaggi per cui si dovrebbe in teoria parteggiare. Funziona meglio sul ring che fuori, ma solo perché suscita il ricordo di film migliori.

Piero68 27/09/16 09:35 - 2784 commenti

I gusti di Piero68

Sono rimasto stupito nel vedere Fuqua, regista capace di dar vita a noir tosti e fuori dal coro, mettere la faccia in questo ennesimo e inutile excursus nel mondo della boxe dove i rimandi a Rocky sono sempre dietro la porta. Senza contare la sceneggiatura impalpabile, senza capo né coda e l'assoluta mancanza di sviluppo dei personaggi che doveva invece essere la punta di diamante. Così, tra una crisi di nervi, un pianto sfrenato e una scena melensa, si arriva al più banale dei finali. Male anche le scene dei combattimenti. In una parola: noioso.

Nando 27/09/16 09:57 - 3496 commenti

I gusti di Nando

Vicenda abbastanza telefonata in cui s'assiste al declino e al successivo ritorno di un talentuoso pugile. Nulla di nuovo nonostante la buona confezione corredata dalle buone interpretazioni di Gyllenhaal e Whitaker e un discreto mestiere nelle riprese pugilistiche. Probabilmente ci si aspettava un'indagine psicologica più dettagliata del protagonista.

Pol 1/06/17 11:34 - 589 commenti

I gusti di Pol

Dispiace che non si sia osato di più in fase di sceneggiatura, perché Gyllenhaal e Withaker sono attori di razza e Fuqua un regista tecnicamente solido, ma non si può far finta di niente di fronte a una trama che segue pedissequamente i binari tracciati da millemila film sul pugilato in un secolo di cinema. Non si nega quindi la professionalità del tutto, ma al tempo stesso non si capisce bene che senso abbia un film come questo nel 2015.

Redeyes 30/11/17 11:09 - 2164 commenti

I gusti di Redeyes

Per quanto prevedibile e retorico il film riesce, grazie sopratutto alla fisicità di un ottimo Gyllenhaal, a smuovere gli animi e caricarti d'adrenalina e questo merito gli va riconosciuto. Fuqua dirige con ottime inquadrature che esaltano una boxe un po' meno rockyzzata (senza offesa per il capolavoro) sul lato tecnico e molto stalloniana per ll'aspetto emotivo. Il risultato finale è un intrattenimento di buon livello che pare ricalcare una boxe moderna fatta di borse, spacconate e lustrini.

Rambo90 23/05/18 16:52 - 6442 commenti

I gusti di Rambo90

Sulla boxe sono stati girati tanti film e questo non sfugge a nessun cliché: dalle stelle alle stalle e risalita per il protagonista, ma il tutto orchestrato molto bene da Fuqua. La sceneggiatura privilegia i toni drammatici rispetto alla spettacolarità degli incontri e trova nella coppia Gyllenhaal/Whitaker ottimi interpreti capaci di dare le sfumature necessarie ai rispettivi personaggi. La storia coinvolge e commuove, pur con qualche rallentamento nella parte centrale. Buoni gli scontri sul ring, notevole nel complesso.

Enzus79 16/10/19 23:08 - 1847 commenti

I gusti di Enzus79

La boxe fa da sottofondo a questo dramma: pugile tenta di risollevarsi dopo aver visto la propria carriera raggiungere il baratro. Purtroppo siamo nel già visto e si cade troppo nel melodrammatico (Rocky era tutt'altra cosa!). Ben girate, però, le scene di combattimento sul ring. La performance di Jake Gyllenhaal non convince del tutto. Colonna sonora da dimenticare.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Digital • 4/09/15 14:10
    Segretario - 3059 interventi
    Si era in quattro in sala a visionarlo. Un silencio de tumba... Hahaha!
  • Homevideo Mco • 9/02/16 17:55
    Scrivano - 9687 interventi
    Disponibile in DVD e BLR dal 28/1/2016 per 01 Distribution.