LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

La rivincita di Fantozzi, con tanto di futura Pina al fianco (Milena Vukotic non aveva ancora sostituito Liù Bosisio, all'epoca). Montesano, anzi, parte in condizioni ancor peggiori, è un frustratissimo pulitore di finestre senza donne e senza amici. Solo l'arrivo di un diavoletto in frac e cilindro cambierà la sua vita: lo spingerà ad essere più cattivo, più disonesto. Più umano, in poche parole. E così verrà assunto in una megaditta (le Edizioni Supreme) presieduta dallo spietato Adolfo Celi (del consiglio d'amministrazione fa parte anche Enrico Beruschi) dove, calpestando i piedi ai potenti (il primo è Felice Andreasi) farà in breve una fulgida carriera....Leggi tutto Sempre consigliato dall'aristocratico diavoletto, naturalmente, che nessuno vede e compare e scompare a piacimento. Il film è tutto qui. Flavio Mogherini lo dirige senza verve, fa fare a Montesano esattamente quello che ci si aspetterebbe, a Celi il megadirettore inflessibile e cinico dimenticando di arricchire l'opera con qualche tocco personale. Si ride molto poco (i ritmi blandi di Mogherini sono noti), ci si fossilizza nella medesima situazione senza mai trovare lo spirito giusto per risalire la china. Pur utilizzano discretamente un buon cast (Celi c'è nato, per quella parte), le velleità di denuncia del malcostume negli ambienti capitalistici si scontrano con una superficialità avvilente. Qualche notazione spiritosa qua e là, un timido riferimento alla politica (il solito Pannella – qui chiamato Parrella – e i suoi scioperi della fame) e, per una volta, niente sesso. Poco presente anche la tipica verve surreale del regista.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 1/08/06 DAL DAVINOTTI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Pstarvaggi 18/03/08 13:13 - 80 commenti

I gusti di Pstarvaggi

Una delle interpretazioni meno ricordate di Montesano, che tuttavia se la cava dignitosamente. È un classico film di Mogherini: grottesco, con un’idea di partenza molto semplice (il poveraccio che scala rapidamente i vertici di una grossa ditta), ma che si rivela assai faticoso da seguire per il povero spettatore. Cast pieno di attori di vaglia, forse un po' sprecati: da Celi a Paolo Poli, dalla Vukotic a Felice Andreasi.

B. Legnani 3/01/09 16:34 - 4676 commenti

I gusti di B. Legnani

Malriuscito. Non funziona come commedia, non funziona come satira, non funziona come storia. È uno strano ibrido, privo pure di ritmo, con attori bravi che spesso girano a vuoto o si devono ritirare nel cliché personale o nel bozzetto. Varie trovate sono prese da Paolo Villaggio e da Woody Allen (la rivista sexy - quasi testualmente! - viene da Il dormiglione). Nonostante vivano in un film scombinato, si fanno apprezzare Poli, Celi e la Vukotic. Si vede il cartellone de La ragazza dal pigiama giallo, dello stesso regista.
MEMORABILE: "Lei ha un volto quasi umano".

Markus 20/01/09 11:19 - 3232 commenti

I gusti di Markus

Film un po' fiacco e decisamente senza mordente, anche se il buon Montesano, con la sua nota verve, riesce parzialmente a risollevarlo. Il problema è senz'altro legato alla regia poco funzionale e forse ad un cast troppo variegato ma non artisticamente amalgamato. Ambientazione quasi esclusivamente in interni che, rivisti oggi, appaiono decisamente "vintage".

Daidae 15/06/09 02:15 - 2720 commenti

I gusti di Daidae

Stupenda commedia di Mogherini interpretata con piglio da uno stupendo Montesano, affiancato dalla brava Vukotic (divertentissima qui nella parte di una hostess decisamente presa dal mondo del volo); Adolfo Celi come sempre giganteggia. Ambientazione fantozziana con tanto di megaditta, anche se qui più che nel comico siamo nella commedia satirica pura. Molto bello.
MEMORABILE: Il sequestro e gli scontri tra Celi e Montesano.

Ianrufus 23/07/09 00:38 - 139 commenti

I gusti di Ianrufus

È da vedere già solo per il contorno: un Adolfo Celi carogna al suo meglio e Paolo Poli perfetto diavolo. Il resto è un Mogherini influenzato per certi versi dai Fantozzi miliardari, a cui Montesano rende onore facendo e prendendosi di tutto (non ultimo anche pisciare in testa da Celi). Non è un film riuscito ma (mistero di quegli anni) divertente ed interessante da vedere e rivedere. Ripeto, figlio illegittimo di Fantozzi. Solo che Mogherini non è assolutamente Luciano Salce!

Vstringer 2/11/09 16:56 - 349 commenti

I gusti di Vstringer

Commedia satirica poco riuscita, in cui Montesano e Celi fanno il possibile (quest'ultimo, non poco) per non farla cadere nel disinteresse del pubblico: ma l'intreccio è complicato, il ritmo un po' blando e la sceneggiatura latita. Mogherini non riesce a concretizare uno spunto di partenza efficace. Ruolo presumibilmente alimentare per un bravissimo Paolo Poli, del tutto sprecato in questo contesto; classico cameo di Jimmy il Fenomeno.

Mco 29/04/10 17:00 - 2128 commenti

I gusti di Mco

Commedia di quelle semplice, veloci e che fanno passare un po' di tempo senza pensieri. Qui Montesano si trasforma da Fantozzi a Granfigldiputt nel giro di un amen grazie a un diavoletto che gli si para innanzi per incattivirlo e mal insegnargli. Enrico fa bene la parte e si muove alla perfezione in tutte le situazioni che il copione propone. Certo, dopo un'oretta le idee sono esaurite, ma va bene lo stesso per spegnere la nostra mente.

Plauto 10/07/10 19:42 - 119 commenti

I gusti di Plauto

Forse il miglior film di Montesano. Tutti perfetti per la parte: Adolfo Celi, Paolo Poli, la Vukotic... Perfettamente sospeso tra comicità dolce e amara. Non è Fantozzi, ma molto di più. Molto più realistico. Non esistono carnefici o vittime, tutti puntano al potere, ma alla fine "presidenti si nasce" e lì non si può fare niente.
MEMORABILE: Le botte che prima Montesano e poi Celi si danno a vicenda, fingendo di "essere costretti" per rendere più realistica la "commedia".

Homesick 26/06/13 17:51 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

La disonestà come input e output del capitalismo in una commedia satirica in cui Mogherini recupera il mito di Faust e visionarietà felliniane (il Diavolo in frac di Poli e i fantasiosi arredi in stile aeroplano dell’appartamento della hostess Vukotic). La morale è scontata, ma la sceneggiatura, benché non proprio ricca e talora indulgente al volgare, cammina spedita grazie alle spinte di Montesano – sempre più padrone del suo ruolo fisso di morto di fame e turlupinato anche quando è indotto a farsi furbo e disonesto – e di un comprimario del calibro di Celi. **/**!
MEMORABILE: «Sciur padrun da li beli braghi bianchi...»; la simulazione del rapimento.

Albstef90 5/12/13 09:23 - 78 commenti

I gusti di Albstef90

Uno dei film meno conosciuti del bravissimo Enrico Montesano. Molto surreale, fumettistico e abbastanza divertente. Regge discretamente bene grazie anche ai vari coprotagonisti e caratteristi che compongono il cast. Mogherini, ottimo scenografo, si dimostra qui anche un bravo direttore, indovinando i tempi e gli spazi dei vari siparietti di Montesano. Incalzanti le musiche che rendono il tutto buffonesco ma piacevole. Apprezzabile.
MEMORABILE: L'apparizione del diavolo in frac; La cena a base di salsiccie e polenta; Il sequestro di Adolfo Celi.

Fabbiu 6/08/14 19:11 - 1926 commenti

I gusti di Fabbiu

Montesano riesce a far ridacchiare; rendono poi piacevole il film anche le interpretazioni degli altri bravi caratteristi (Celi su tutti), ma la critica sociale oggetto del film (in molte situazioni simile a quella dei primi film di Fantozzi) non è troppo delineata, mantenendosi spesso sul vago; quasi si fatica a raggiungere il finale; qua e là però simpatiche gag e buone battute.

Trivex 7/01/15 15:46 - 1474 commenti

I gusti di Trivex

Piuttosto strano, anche se non atipico per il suo bel tempo. Commedia che lascia lo spettatore col sorriso "sulla punta della lingua", senza che l'intenzione si trasformi in azione (si ride sostanzialmente ben poco). E' una storia semplice, con qualche implicazione sociale ricorrente dell'epoca, ben girata e ben interpretata (oltre a Montesano, ci stanno bene pure il "cinico" Celi, la "cerebrale" Vukotic e lo "spregiudicato" Beruschi). Parte di routine per il "diavolo" che non tenta ma suggerisce cose normalmente praticate senza la sua collaborazione.
MEMORABILE: Lo sciopero della fame e la cena sontuosa a questo "connessa".

Saintgifts 30/01/15 10:26 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Montesano non è mai riuscito a farmi ridere. Devo riconoscere la sua bravura, ma al pari di Villaggio (lo prendo a paragone perché i ruoli si assomigliano) la sua recitazione, le sue smorfie sono limitate e ripetitive: viste in un film le hai viste tutte. I comprimari invece sono perfetti e se si arriva fino alla fine è merito loro. Oltretutto l'incipit dice già come sarà la storia, per cui nemmeno l'elemento sorpresa aiuta. La satira di costume non è male, ma neppure questa è una novità. La sceneggiatura pesca molto da altri lavori.

Galbo 15/07/15 20:17 - 11314 commenti

I gusti di Galbo

Lasciando da parte le implicazioni "faustiane" che andrebbero riservate a pellicole di ben altro "peso", questa commedia di Flavio Mogherini tendendo a battere contemporaneamente la via satirica e quella della commedia brillante finisce per non essere (per manifesti limiti della sceneggiatura) né carne né pesce; non aiuta l'interpretazione di Montesano superato di varie spanne da caratteristi di lusso come il grandissimo Adolfo Celi. Mediocre.

Deepred89 31/05/16 23:58 - 3259 commenti

I gusti di Deepred89

Commedia con ambizioni di satira sociale dalla sceneggiatura abbastanza risaputa, che sviluppa in maniera blanda (svolgimento banale, comicità poco efficace) la storia di una classica ascesa dell'uomo qualunque (un Montesano un po' Fantozzi un po' Fracchia). L'estrema raffinatezza della confezione (Mogherini era una garanzia) da una parte conferisce al film un'aura di grande professionalità - quasi autoriale - ma dall'altra inibisce ancor di più l'impianto comico. Spassoso Celi megadirettoregalattico, sempre in primo piano e camera a mano.

Schramm 14/11/17 14:16 - 2412 commenti

I gusti di Schramm

La scalata al potere del quisque de populo, che via Faust da plancton diventa balena, quindi suo cacciatore. Mogherini non bada a specifici e libere associazioni: massoneria, casta piramidale, rampantismo, mobbing, rincorsa allo status symbol, esoterismo: il futuro era già iniziato. Se il quadro di insieme sembra smarmellato e la spinta farsesca un vignettistico surrogato, il film mostra tanto di bicipiti, addominali e pettorali in un sopraffino cast (Poli apicale) che fa eccezionale gioco di squadra, dove ciascun ingranaggio manda da solo avanti una sferragliante macchinario strappasorrisi.

Rufus68 14/07/18 10:39 - 3015 commenti

I gusti di Rufus68

Debole apologo sul potere, indeciso tra farsa (le cento mossette di Montesano, inadeguato; gli "E allora..." di Beruschi) e il grottesco della classica commedia nera all'italiana. Il risultato è insoddisfacente sotto ogni punto di vista: si rimane nell'ambito dello scherzo superficiale (il rapimento del Presidente). A sollevare il film dalle bassezze solo Poli, amabile diavolo in frac e l'arrogante Celi, entrambi a loro agio nei rispettivi ruoli.

Oblomoff 10/04/19 00:49 - 38 commenti

I gusti di Oblomoff

Quasi un rifacimento “esoterico” del Terribile ispettore, mostra un evidente debito nei confronti dei ben più incisivi Fantozzi. Al contrario di questi, manca di profondità e di autentico cinismo. Non bastano a risollevarlo la rodatissima maschera comica di Montesano, né il sempre apprezzabile mestiere di Adolfo Celi. Eppure l’idea di (uno straordinario) Paolo Poli come raffinato diavolo in marsina faceva presagire una pellicola di ben altro spessore.
MEMORABILE: Celi che piglia a sganassoni e revolverate Montesano per poi ricevere lo stesso trattamento a parti invertite.

Il Dandi 4/06/19 12:53 - 1732 commenti

I gusti di Il Dandi

Apologo grottesco sulla scalata al potere, quasi un omologo più surreale di Il terribile ispettore. Più che a una commistione di generi sembra però di trovarsi di fronte a una mancanza di decisione sulla direzione da prendere. È un peccato, perché tutti fanno la parte per la quale sono nati: Montesano passa dal pulire i cessi ai vertici aziendali come farà in Grandi magazzini, Celi è industriale vampiresco come in Hanno cambiato faccia, Poli riprende il diavolo in frac e cilindro che faceva in un vecchio carosello del Bitter Campari.
MEMORABILE: Le apparizioni del diavolo Poli (visibile solo al protagonista); Il cedimento dello sciopero della fame di fronte alla polenta; Il falso rapimento.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Zender • 15/06/09 09:42
    Consigliere - 43820 interventi
    Se lo fai piazziamo la cosa nelle curiosità, poi, Mark.
  • Discussione Markus • 15/06/09 19:25
    Scrivano - 4788 interventi
    E' la classicissima, nonchè folkloristica: "Sciur padrun de li beli braghi bianchi foera li palanchi, foera li palanchi. Sciur padrun da li beli braghi bianchi foeri li palanchi c'anduma a cà"
  • Discussione Zender • 15/06/09 21:29
    Consigliere - 43820 interventi
    Ahah, ma questa era? Grazie Markus, a saperlo la sapevo a memoria! Se vuoi copiarla e incollarla anche nelle curiosità aggiungendo l'intro di Daidae che spiega quando si sente...
  • Curiosità Markus • 15/06/09 21:53
    Scrivano - 4788 interventi
    Quando entra il padrone della ditta, Adolfo Celi (che porta effettivamente i pantaloni bianchi), gli impiegati cantano a mo' di nenia: "Sciur padrun de li beli braghi bianchi foera li palanchi, foera li palanchi. Sciur padrun da li beli braghi bianchi foeri li palanchi c'anduma a cà" Anche il titolo del film infatti, come dice Il Dandi, allude a questo canto popolare diffuso tra il XIX e il XX secolo presso le mondine del Novarese e del Vercellese.
  • Discussione Mco • 9/05/10 02:32
    Scrivano - 9631 interventi
    B. Legnani ebbe a dire: Qualcuno ha idea di chi faccia Marzia, l'amante di Celi? Assomiglia alla Parietti! La simil-Parietti dovrebbe essere Rebecca Reder.
  • Discussione B. Legnani • 9/05/10 03:02
    Consigliere - 13757 interventi
    Mco ebbe a dire: B. Legnani ebbe a dire: Qualcuno ha idea di chi faccia Marzia, l'amante di Celi? Assomiglia alla Parietti! La simil-Parietti dovrebbe essere Rebecca Reder. grazie
  • Curiosità Fabiodm102 • 1/12/11 11:55
    Disoccupato - 349 interventi
    Doppiatori: *Sandro Pellegrini: Eugene Walter *Mario Milita: Primo Usciere *Vittorio Di Prima: Esaminatore balbuziente *Gino Donato: Secondo Usciere *Claudio Capone: Barman *Claudio Capone: Operaio intervistato Doppiaggio C.V.D.
  • Discussione Lòpe • 17/03/14 23:39
    Galoppino - 207 interventi
    Causa fotogrammi di bassa risoluzione mi trovo impossibilitato ad inserire alcune location trovate, qualcuno in possesso di fotogrammi buoni che vuole aggiungersi?
  • Discussione Il Dandi • 4/06/19 12:55
    Contratto a progetto - 1427 interventi
    Paolo Poli sembra qui riprendere, dopo anni, il diavolo in frac e cilindro che già faceva in un vecchio carosello del Bitter Campari: https://www.youtube.com/watch?v=PVyYB-Eig8Q
  • Discussione Alegdansk • 24/05/20 23:58
    Disoccupato - 15 interventi
    Gli arredamenti di Jane Charles sono stupefacenti in certe sequenze...