LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 6/06/07 00:18 - 4688 commenti

I gusti di B. Legnani

Alcuni sprazzi del film sono davvero divertenti, ma se non c’è Pozzetto sullo schermo il film arranca paurosamente. Azzeccata la figura del preside disegnata da Stefano Satta Flores, sarcastico nei confronti della manipolante popolazione etnea della Milano del Sud. Curioso il cast femminile.
MEMORABILE: Pozzetto alle prese con lo sconosciuto lèmma “minchia”.

Fabbiu 19/10/07 15:37 - 1930 commenti

I gusti di Fabbiu

Sono rimasto colpito da questo film; è uno specchio sul bigottismo del Meridione (almeno quello di una volta) e sul mondo femminile, sulla libertà dell'uomo e contro le barriere dei tabù; ha anche un suo lato piuttosto poetico... per non parlare dei "flash" dei personaggi (la borghesia sul treno, il cavolone sul finale...) che sono realizzati benissimo. Soprattutto Pozzetto mi è parso in ottima forma, grandissimo (con un capello biondo spassoso) nello sparlare e nel fare il pieno di freddure. Veramente molto comico, merita di essere riscoperto.
MEMORABILE: ...la minchia.

Cotola 19/09/08 01:36 - 7449 commenti

I gusti di Cotola

Discreta commedia dal ritmo molto discontinuo e dal tono a tratti giocoso, a tratti un po' bizzarro e stralunato. Dicaso lo stesso per Pozzetto, che fornisce una prova attoriale piuttosto riuscita. Naturalmente siamo bel lontani dal capolavoro ed anzi il film è piuttosto esilino, ma tutto sommato è gradevole e riesce a tenere "botta", o quasi, fino alla fine.

Deepred89 25/12/08 22:14 - 3268 commenti

I gusti di Deepred89

Commedia tutt'altro che perfetta, ma molto interessante. La regia di Mogherini alterna qualche leggera caduta a scene molto raffinate, esagera con le sequenze surreali e oniriche (alcune quasi felliniane), ma riesce a funzionare alla grande nelle parti con Pozzetto (convincente nonostante battute non sempre memorabili e qualche parolaccia gratuita) alle prese con i bambini. Ci sono qualche lentezza e qualche parentesi edipica di troppo, ma la storia non è priva di qualche spunto niente male. Ottima colonna sonora di Riz Ortolani.

Renato 19/09/09 12:00 - 1528 commenti

I gusti di Renato

Divertente commedia del primo periodo pozzettiano, ancora piuttosto stramba (gli inserti onirici, per fare un esempio) ma anche molto divertente. Il cast è di gran livello, ed in particolare spicca Paola Borboni, anche grazie a dei dialoghi che strappano sempre il sorriso ogni volta che apre bocca. Come molti dei primi film del comico di Laveno, è decisamente volgare, pieno di parolacce ed è quindi tra le sue pellicole che si sono viste meno in tv.
MEMORABILE: Pozzetto che litiga con una gallina: "Ti strappo via tutte le piume! Ti mando in giro nuda!"

Mark70 11/09/11 01:03 - 118 commenti

I gusti di Mark70

Giovane, disinibito, nudista, il giovane Paolo Barca viene trasferito da Milano in una scuola di Catania, dove si scontra con la cultura sessuofoba a bigotta del meridione. Pozzetto è bravo e molte scene sono veramente divertenti ma nel complesso la storia è un po' esile e noiosa: Mogherini forse ambiva a fare un cinema poetico e surreale, alla Fellini (vedi tutti gli inserti onirici o il cavolo nel finale) con il risultato di appesantire inutilmente il film. Nel complesso decoroso.
MEMORABILE: Un ingenuo Pozzetto urla nel corridoio della scuola "Signorina Cacchiò, lei lo sa cos'è la minchia?"

Herrkinski 30/09/11 21:46 - 5023 commenti

I gusti di Herrkinski

Commedia satirica ed anarchica in perfetto stile anni '70, interpretata da un Pozzetto non ancora al massimo delle sue potenzialità ma comunque già unico. Molti dialoghi sono degni di nota, le location e l'ambiente del profondo Sud sono resi con un giusto mix di poesia e critica; a non convincere sono qualche lungaggine di troppo e alcune parti oniriche un po' pretenziose. Interessante il cast, su tutti il bravo Satta Flores. Ritratto di un cinema italiano "libero" che non c'è più, ambizioso ma non troppo, scevro da vincoli commerciali.
MEMORABILE: I discorsi del preside con genitori e prete, trasmessi in filo diffusione senza volere.

Caesars 13/03/12 10:19 - 2671 commenti

I gusti di Caesars

Commediola gracile che porta per la seconda volta Pozzetto sui grandi schermi. Proprio la presenza dell'attore lombardo è l'unica ragion d'essere di questa pellicola (anche se personalmente ho gradito assai l'interpretazione dell'ottimo Satta Flores nel ruolo del preside) perché la trama appare invecchiatissima e la regia di Mogherini (con chiari intenti "artistici" alla Fellini) è molto pesante e rende noiosa in più punti la visione. Splendida la Agren. Comunque poco più di *!

Markus 21/03/12 12:41 - 3251 commenti

I gusti di Markus

Curioso film che sfrutta l'allora stella nascente del cinema Pozzetto. La pellicola è godibile e divertente ed è impreziosita da spunti interessanti quali le differenze di mentalità tra Nord e Sud, usi e costumi sessuali, uno spaccato del mondo scolastico, l'infantilismo e non ultimo il giovanilistico (la storia d'amore tra Paolo Barca e la Agren). Mogherini dirige l'opera improntandola al surreale. Da segnalare la singolare ambientazione a Catania e le efficaci musiche di Riz Ortolani.

Homesick 10/07/14 17:13 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

In mezzo a barzellette su sesso e procreazione che si burlano del retrogrado sistema educativo siculo, si aprono numerose finestre onirico-surreali (la gallina, la voce della nonna, l’incubo nuziale, il cavolo gigante, la statua del diavolo con i palloncini, la stessa presenza della straniante Noel), testimoni della chiara volontà di Mogherini di rifarsi all’immaginario felliniano di Amarcord e 8 1/2. Con il professionale sostegno di Satta Flores, un candido e sboccatissimo Pozzetto manda avanti la scalcinata baracca. *!/**
MEMORABILE: La spiegazione “fantozziana” sul significato del termine “minchia”.

Daidae 12/03/16 17:09 - 2727 commenti

I gusti di Daidae

Se non ci fosse stato l'ottimo Pozzetto a tenere su la baracca sarebbe stato un filmetto mediocre. La storia è quella ipersfruttata sul sud bigotto e religiosissimo, che ha come "contraltare" un maestro nordico nudista (?) ma in parte inibito con le donne, problema dovuto alla nonna (?) austera. Confuso, lungo.. ha molti punti deboli ma nel complesso direi che si salva.
MEMORABILE: La signorina Cacchiò!

Rambo90 17/04/19 16:42 - 6316 commenti

I gusti di Rambo90

Piuttosto noioso, nonostante un Pozzetto agli inizi che riesce a infilare qualche battuta surreale delle sue e una sceneggiatura che qua e là crea un discreto contrasto tra apertura mentale del protagonista e arretratezza del Sud. La regia di Mogherini tenta tocchi onirici che sembrano non c'entrare nulla, il ritmo è fin troppo lasco e alla lunga l'esile canovaccio non interessa più. Bravo Satta Flores, buona la colonna sonora.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Geppo • 19/09/09 12:37
    Addetto riparazione hardware - 3999 interventi
    Purtroppo il DVD è stato cancellato dal catalogo DNC.
    Per adesso non è ancora stata resa nota la data di un'eventuale prenotazione.
  • Curiosità Markus • 21/03/12 19:21
    Scrivano - 4785 interventi
    Il fotogramma è tratto da un filmato girato a Milano nell'aprile del 1975 durante una burrascosa manifestazione (si notino i molti poliziotti muniti di casco in basso). La telecamera inquadra dei cartelloni pubblicitari ed ecco in mezzo il manifesto del film in oggetto.
    Nulla di che, ma è curioso sapere che in giornate così drammatiche per il nostro paese (terrorismo, manifestazioni sanguinolente) ci si poteva rinchiudere nei vecchi cinema vintage (ahimè oggi chiusi per la maggior parte) a godersi le simpatiche e tranquillizzanti avventure di un milanese trasferito in una scuola elementare di Catania.

  • Discussione Zender • 21/03/12 19:28
    Consigliere - 43506 interventi
    Markus ebbe a dire:
    Il fotogramma è tratto da un filmato girato a Milano nell'aprile del 1975 durante una burrascosa manifestazione (si notino i molti poliziotti muniti di casco in basso). La telecamera inquadra dei cartelloni pubblicitari ed ecco in mezzo il manifesto del film in oggetto.
    Nulla di che, ma è curioso sapere che in giornate così drammatiche per il nostro paese (terrorismo, manifestazioni sanguinolente) ci si poteva rinchiudere nei vecchi cinema vintage (ahimè oggi chiusi per la maggior parte) a godersi le simpatiche e tranquillizzanti avventure di un milanese trasferito in una scuola elementare di Catania.


    Beh tu sai che di cinema vintage ancora qualcuno ne resiste ;-) Peccato per la qualità del fotogramma.
  • Discussione Markus • 21/03/12 19:30
    Scrivano - 4785 interventi
    Quello teniamocelo stretto perché è uno dei pochi a resistere!
    Purtroppo il filmato è d'epoca, riversato da vhs a dvd e per giunta in movimento.
  • Musiche Lucius • 10/05/14 00:08
    Scrivano - 8345 interventi
    Direttamente dalla prestigiosa collezione Lucius, il 45 giri originale:

    Ultima modifica: 10/05/14 08:34 da Zender
  • Musiche Zender • 10/05/14 08:35
    Consigliere - 43506 interventi
    Davvero molto bella anche questa, Lucius! Gran colpo al mercatino!
  • Musiche Lucius • 10/05/14 10:15
    Scrivano - 8345 interventi
    No, questo l'ho trovato tramite un fornitore che gira mezza Italia.
    Ultima modifica: 22/10/14 23:58 da Lucius
  • Musiche Zender • 10/05/14 13:56
    Consigliere - 43506 interventi
    Ah ok, peccato, aveva più fascino il mercatino :) Resta un gran bel colpo!
  • Curiosità Zender • 8/12/15 16:43
    Consigliere - 43506 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film:

  • Curiosità Buiomega71 • 1/10/18 19:10
    Pianificazione e progetti - 21745 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv (lunedì 15 ottobre 1984) di Paolo Barca, maestro elementare praticamente nudista: