La ruota delle meraviglie

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Wonder wheel
Anno: 2017
Genere: commedia (colore)
Numero commenti presenti: 23
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Scelti come ambientazione spiaggia e luna park della Coney Island Anni 50, Allen ne sfrutta magicamente i colori e le luci attraverso la fotografia di uno Storaro superbo, che lascia filtrare riverberi rossastri dalle finestre della casa dei protagonisti, posta proprio di fronte alla ruota panoramica (la "Wonder Wheel") del titolo: ci vivono Humpty (Belushi) e Ginny (Winslet) assieme al figlioletto piromane della seconda, coppia scoppiata che tira avanti tra problemi di alcol e di denaro. Una grigia quotidianità sconvolta dall'arrivo della figlia (Temple) di lui, sposatasi anni prima con un gangster italiano, fuggita e inseguita dagli sgherri di quest'ultimo per aver parlato troppo con la polizia. Il padre, che l'aveva ripudiata, finisce per...Leggi tutto darle ospitalità, ma lei ricambia flirtando con l'amante (Timberlake) della matrigna senza sapere della tresca. Brava la Winslet a dissimulare l'enfasi melodrammatica con una performance volitiva e convincente, lontana da eccessi teatrali e lodevolmente vicina al crudo realismo che Allen sa contrapporre ai colori da favola d'altri tempi in cui immerge il film. Ricostruzione impeccabile, costumi e scenografie davvero in grado di restituire quella nostalgica aria fifties che diventa importante chiave di lettura. Ma WONDER WHEEL è anche uno dei film più tecnicamente alti di Allen, attento come non mai alla scelta delle inquadrature, ai movimenti della mdp tra i divisori e gli infissi dell'appartamento al centro della scena, ai tramonti, ai campi lunghi... La raffinatezza stilistica nella messa in scena si fa di anno in anno più consapevole, figlia di una maturazione registica ormai lontanissima dalle estrose improvvisazioni degli esordi. La storia non è mai banale nella sua costruzione (si pensi alle difficoltà di Humpty nel trattare una moglie che ci si aspetterebbe insultasse o prendesse a schiaffi) e, anche se la sceneggiatura offre meno virtuosismi del consueto senza lasciare estasiati come altre volte in passato e non sembra più interessata a fissare nella memoria frasi destinate a colpire per genialità o acutezza, la cura nei dialoghi garantisce standard elevati. Viene lasciato più spazio all'interpretazione, alla semplicità dei sentimenti che si fanno combattuti nell'animo di ognuno mentre barlumi di humour alleniano si ravvisano solo nella non troppo centrata figura del piccolo piromane: estranea al contesto, ripete azioni che si riflettono meno del previsto sull'animo della madre. Non un film destinato a lasciare grandi tracce nell'opera del suo autore ma la conferma del raggiungimento di una "normalità" superiore alla media anche quando l'ispirazione non è ai massimi livelli. Ci si può abbandonare nell'ammirazione di quanto evocativo sappia essere il cinema, nella contemplazione di spazi e architetture o lasciarsi catturare dalla curiosità di sapere come andrà a finire la vicenda. Timberlake, narratore nel ruolo del seducente bagnino attratto prima dalla madre poi dalla figlia, regge bene la parte ma è evidente come tutto il peso drammaturgico pesi sulle spalle di una Winslet che sbaglia forse solo nell'ultimo confronto, eccessivamente verboso e prolungato. Temple dolcemente ingenua, Belushi impeccabile.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 17/12/17 DAL BENEMERITO KINODROP POI DAVINOTTATO IL GIORNO 28/12/17
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Kinodrop 17/12/17 17:33 - 1427 commenti

I gusti di Kinodrop

Un luna park con tanto di ruota panoramica fa da sfondo a una storia di delusioni e illusioni sentimentali nella Coney Island degli anni ’50. Ginny, insoddisfatta del suo secondo matrimonio, è facile preda di uno scafato e avvenente bagnino non proprio affidabile. Una trama scontatissima e asfittica, massacrata da una sceneggiatura che si stenta credere opera di un maestro del cinema. Perfino la magnifica fotografia di Storaro, la performance di Winslet e la ricostruzione scenica, non riescono a sollevare la pochezza dell'insieme. Una grande delusione.
MEMORABILE: L'inutile piccolo piromane; I più che prevedibili "colpi di scena"; La parentesi di Carolina.

Hiphop 18/12/17 12:08 - 34 commenti

I gusti di Hiphop

Il grandissimo Maestro girando alla spaventosa media di un film all'anno da circa quarant'anni ogni tanto un film lo toppa. Questo è uno dei rari casi. Da salvare poco o nulla. Storia sentimentale banale e scontata. Bella fotografia, bella ambientazione, solita carrellata di attori famosi che cercano nella partecipazione a un film del mitico Woody la consacrazione come attori intellettuali e impegnati. Provaci ancora mr. Königsberg!

Buiomega71 21/12/17 02:02 - 2211 commenti

I gusti di Buiomega71

Mai amato il cinema di Allen, ma questa sua ultima fatica ha qualcosa di ipnotico. L'inizio non promette bene, tra snervanti e stucchevoli canzonette anni '50 e una fastidiosa patina finto nostalgica in stile Radio days. Poi i toni cambiano, tra gelosie e un morboso senso del possesso femmineo (patetica figura da Viale del tramonto da bancarella la Winslet, con grottesca maschera da tragedia greca) e colpi bassi (la telefonata troncata). Di grande suggestione la fotografia storariana alla Un sogno lungo un giorno e di sottile cinismo il piccolo piromane.
MEMORABILE: I 500 dollari spesi per regalare l'orologio (poi gettato); La Winslet con il coltello in mano; La poco allegra festa di compleanno; Il giardino cinese.

Fedeerra 21/12/17 04:16 - 401 commenti

I gusti di Fedeerra

La ruota delle meraviglie è Kate Winslet, una donna che rifiuta di uscire dal mondo delle fiabe, drammatica fino all'assurdo, grottesca e logorata, talmente bella e commovente da diventare quasi surreale. La ruota delle meraviglie è anche Woody Allen, che ama il suo cinema, che ama i suoi attori e che ama raccontare le sue storie. Un regista che, grazie anche alla lussureggiante fotografia di Vittorio Storaro, riesce a descrivere i rapporti umani, il profumo dell'aria e la sensazione della pioggia attraverso la sensibilità del colore. Immenso.

Xamini 22/12/17 17:32 - 991 commenti

I gusti di Xamini

Meno avvincente di quello che locandina, trailer, colori lascerebbero supporre, questo Wonder wheel è un drammone di impianto teatrale privo di quel guizzo comico che l'avrebbe reso più leggero (o dei dialoghi del miglior Allen, se preferite). Nondimeno viene arricchito da una prova superba della Winslet a braccetto con un uso del colore cui manca solo la parola: delizioso il modo in cui vira anche più volte all'interno della stessa scena, a sottolineare l'umore cangiante della protagonista.

Lou 26/12/17 18:42 - 934 commenti

I gusti di Lou

Cambia l’ambientazione ma non il tema di fondo delle ultime prove di Woody, che si ripropongono con cadenza regolare ogni anno senza lasciare troppo il segno. Stavolta siamo a Coney Island negli anni ‘50, dove l’infelicemente sposata Ginny (Winslet) ha una relazione con un avvenente bagnino colto e romantico (Timberlake), che però poi si invaghisce della figliastra di lei. I soliti tormenti amorosi, condizionati dal caso e dalla fragilità umana, in un quadro gradevole ma poco incisivo. Straordinario l’uso delle luci.

Rufus68 26/12/17 19:49 - 3013 commenti

I gusti di Rufus68

Si potrebbe dire: il solito Woody Allen. La rinunzia alla brillante vena autobiografica degli inizi e ai successivi temi dell'esistenzialismo e della colpa lascia il posto a una maniera crepuscolare (nella messa in scena e nelle ambizioni artistiche). Lampi del genio che fu abbagliano ancora e ciò predispone a una pacata indulgenza verso le pecche (la prevedibilissima coppia dei Soprano). Gli attori assecondano con mestiere perfetto la fragile sceneggiatura; la Winslet lo fa, però, con bravura debordante, sino a ritagliarsi un film a parte.

Rambo90 28/12/17 21:27 - 6275 commenti

I gusti di Rambo90

Allen minore, come tutta la sua recente produzione, ma che almeno azzecca i caratteri. A fronte di una storia banalissima e poco entusiasmante abbiamo almeno due personaggi (Winslet e Belushi, bravissimi) che creano da subito empatia con il pubblico, con le loro ombre e le loro negatività. I due giovani sono insignificanti al loro cospetto, mentre l'ambientazione retrò risulta leggermente impalbabile, per quanto ben costruita scenograficamente. Ritmo lento, ma i dialoghi buoni qua e là ci sono e si arriva alla fine.

Matalo! 30/12/17 01:20 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Piuttosto avversato dalla critica, in nome di un giustificazionismo delle vicende private (al cuor non si comanda e si pensa alla moglie del regista), in verità porta a vituosistica rarefazione l'analisi delle relazioni e le "sorprese" dei sentimenti con una forma magistrale. Winslet eccellente come tutto il cast. Fotografia iperrealistica di Storaro che enfatizza per contrasto il caramello di Coney. Comunque sia Allen è sarto sopraffino in stoffa Tennessee Williams.
MEMORABILE: "Anche un giardino cinese qui è un assurdo ma è bellissimo".

Markus 28/12/17 17:33 - 3230 commenti

I gusti di Markus

Il newyorchese luna park di Coney Island fa da "diabolico" teatro per una storia d'amore travagliato e di corna per un'ansiosa neo quarantenne (l'ottima Winslet). Ambientato negli stilosi Anni '50, l'ultima opera di Allen ha tutta l'aria di non essere incisiva e tagliente; dà più spazio ai sentimenti che a quella sagacia che da sempre contraddistingue il suo cinema. Ottima prova del cast, ma unica location ed eccessiva verbosità creano alla lunga qualche problema in fatto di claustrofobica e logorroica pesantezza dell'insieme.

Zio bacco 30/12/17 23:39 - 239 commenti

I gusti di Zio bacco

Fotografia magniloquente, cast molto valido, scenografia notevole. Eppure è una sonora bocciatura. Kate Winslet è davvero brava e con Belushi mette in ombra i giovani colleghi, malgrado i rispettivi personaggi siano diluiti nel turbinio di una vicenda sviluppata senza nessun sussulto reale. La voce narrante alla lunga, infatti, smorza ogni possibile cambio di passo e il film non offre nessun momento di reale tensione, complice una sceneggiatura sinceramente piatta. Trama davvero esile e scontata. Viste le premesse ci si aspettava ben altro...

Daniela 9/01/18 21:46 - 9099 commenti

I gusti di Daniela

La fotografia di Storaro, che sparge una patina dorata sugli esterni diurni e dipinge di blu ed arancio i volti in penombra, è come una carta da regalo che, per quanto scintillante, non riesce a mascherare la qualità del contenuto del pacco: una vicenda di mogli infelici e tradimenti matrimoniali che aspira a modelli alti (tragici greci, Shakespeare e O'Neill) ma è condannata dalla propria banalità a volare basso, nonostante l'impegno di attori navigati come Kinslet (ruolo ingrato) e Belushi, il cui personaggio ruvido è l'unico in grado di suscitare simpatia. La confezione non basta.

Deepred89 5/01/18 18:57 - 3257 commenti

I gusti di Deepred89

Un Allen in buona forma orchestra con la consueta apparente semplicità (ma avvalendosi di un'estetica più barocca del consueto, con forti e vividi cromatismi) un ménage a quatre che ha il coraggio di non arretrare di fronte al sentimentalismo esasperato, bilanciato da un'ironia sempre puntuale e da tocchi noir che colpiscono soprattutto quando sussurrati. Bella ambientazione tra sfarzo e squallore, al contempo livida e solare, kitsch e realista. Cast efficace, coi meno giovani che sovrastano nettamente i pur accettabili giovani.

Manrico 15/01/18 07:47 - 80 commenti

I gusti di Manrico

Caro Woody, sai bene quanto ho amato i tuoi film. Però questo accanimento terapeutico di un film all'anno non produce più nulla di buono, fidati. Sono ormai lustri che fai dei film prevalentemente banalissimi, che non perdoneremmo a un esordiente, in cui fai della filosofia spicciola sul caso e l'animo umano. "La ruota” è davvero inutile e bruttarello, senza spessore. Come dici? Kate Winslet è brava? Fotografia bella? Cose che sapevamo, dai. Ma forse è il caso che tu, dati gli anni, ti riposi. Con affetto.

Capannelle 19/02/18 00:09 - 3690 commenti

I gusti di Capannelle

Cifra caratteristica di questo film sono le musiche d'annata, a cominciare dalla onnipresente "Coney Island Washboard". Arrivano al limite della stucchevolezza ma sono loro a rimarcare un interessante contrasto tra le tragedia greca (anche farsesca) che avvolge mano a mano gli interpreti della storia e uno stile di ripresa comunque elegante e in grado di fare presa. Difatti Allen sa ritrarsi in tempo dal rischio melodramma e gestisce ansie e fragilità dei personaggi in modo da mantenere vivo il ritmo della pellicola.

Didda23 16/04/18 11:05 - 2280 commenti

I gusti di Didda23

Un buon Allen, senza dubbio. Ciò che perde in compatezza narrativa (e nei dialoghi non sempre all'altezza della fama del newyorchese) guadagna nella forma sorretta dalla strepitosa fotografia di Storaro in grado di cambiare le colorazioni in base ai sentimenti dei protagonisti. I personaggi sono, come spesso accade, dipinti meravigliosamente, con una Wislet gelosa e isterica da applausi a scena aperta. Sorprendente Belushi, sottotono Timberlake e Temple. Omogeneo e interessante, nonostante l'assenza di scene madri indimenticabili.
MEMORABILE: Il figlioletto piromane con la passione del cinema; Il giardino cinese; L'ambientazione a Coney Island.

Il ferrini 7/05/18 00:21 - 1647 commenti

I gusti di Il ferrini

Di certo è di una bellezza estetica folgorante, sia nella composizione dell'immagine che nei movimenti di macchina, per non parlare poi delle luci, che paiono pennellate di Caravaggio. La recitazione è di livello, si apprezza perfino Timberlake, ma a svettare è chiaramente la Winslet, che dipinge un ritratto femminile notevolissimo. Musiche e scenografie maniacalmente curate. La vicenda in sé probabilmente non aggiunge nulla al mondo alleniano, ma lo racconta assai bene. Ancora una volta.

Paulaster 11/06/18 12:09 - 2681 commenti

I gusti di Paulaster

Nella cornice di Coney Island e le sue attrazioni una donna sposata si innamora di un bagnino. Sceneggiatura che racconta la gelosia e le sue derive lasciando in disparte la componente gangster, non calca la mano nel bieco finale e non ha battute degne di nota. La Winslet è al solito brava e mette in ombra Timberlake; Belushi ha poche variazioni; si poteva sfruttare di più il ragazzino piromane. Fotografia di livello che però distoglie l’attenzione con eccessivi cromatismi.
MEMORABILE: La Winslet che non sa difendersi dalle accuse.

Minitina80 22/06/18 10:32 - 2272 commenti

I gusti di Minitina80

Allen è assolutamente imbattibile nel descrivere le nevrosi e le psicopatie, individuando nelle relazioni interpersonali la causa dell’infelicità che rendono imperfetta la natura stessa dell’animo umano. La summa di ciò è una Winslet meravigliosamente antipatica e umanamente disprezzabile nei panni di un’instabile nevropatica. C’è anche il bambino piromane in secondo piano, parafrasi della tragedia genitoriale e dell’incompiutezza affettiva che si estende a ogni età. Chi apprezza Allen non resterà deluso. Epilogo nerissimo.
MEMORABILE: “Hai un bel viso alla luce della pioggia”.

Galbo 11/09/18 05:49 - 11314 commenti

I gusti di Galbo

Uno dei film stilisticamente più raffinati di Woody Allen, segnato da un comparto tecnico (ambientazione, fotografia) di primissimo ordine. Un plauso a Kate Winselt che eccelle in un ruolo a forte rischio di banalità e ad un ritrovato Jim Belushi nel suo migliore ruolo da molti anni a questa parte. Peccato che la vicenda sia assai banale e totalmente inappropriati i riferimenti colti che l'autore dissemina nel tentativo di rendere meno scontata una storia di comunissimi tradimenti e ripicche familiari.

Hackett 9/02/20 09:45 - 1720 commenti

I gusti di Hackett

Coloratissimo film romantico di Woody Allen in cui il regista sicuramente si è molto divertito con la fotografia regalandoci cartoline a ripetizione, che narrano una storia di romanticismo e infedeltà graziosa anche se non particolarmente ispirata. Si respira la nostalgia per un certo periodo come in altre pellicole quali Radio days, ma la scrittura in fin dei conti appare più piatta che in altri lavori. Comunque molto gradevole.

Caesars 13/05/20 09:57 - 2654 commenti

I gusti di Caesars

Allen dimostra di saper invecchiare bene e di poter quindi raccontare ancora storie che ci tengano incollati allo schermo. In questa occasione più di un aiuto gli viene fornito dalla splendida fotografia a colori del maestro Storaro e dall'interpretazione, davvero intensissima, di Kate Winslet, affiancata da un comunque efficace Jim Belushi. La trama non è che sia particolarmente ricca di novità, ma indubbiamente il regista newyorkese riesce a modellare la materia con sapienza e a farcela gustare con leggiadria. Bravo Woody.

Noodles 29/05/20 15:49 - 789 commenti

I gusti di Noodles

Ci vuole tutto il mestiere di Woody Allen e un'ottima tecnica di contorno per rendere gradevole una commedia abbastanza banale, con intrecci familiari già visti, anche se qui si tingono di giallo. È anche questa spruzzata di thriller a dare qualcosa in più al film, che si fregia anche di una bravissima Kate Winslet e di un Jim Belushi quasi come ai vecchi tempi. Insomma, poco di nuovo all'orizzonte ma un film molto godibile. Woody Allen c'è ancora.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Galbo • 23/12/17 17:14
    Gran Burattinaio - 3745 interventi
    Per me tra visone e commento passano come minimo 7 giorni ....
  • Discussione Matalo! • 30/12/17 01:01
    Call center Davinotti - 621 interventi
    Avete tutti ragione e csto sul before after. Scusate se ho latitato ma ho avuto da farei
  • Discussione Matalo! • 30/12/17 01:03
    Call center Davinotti - 621 interventi
    Daniela ebbe a dire: Succede a tutti penso, soprattutto se si fanno i commenti a caldo o caldissimo. A me capita di scriverne anche in piena notte, con i titoli di coda ancora impressi nella retina, figurati la lucidità e poi, la mattina a mente fresca mi pare di essere stata troppo buona o troppo micragnosa con i pallini. Diciamo che la vedo alla Groucho Marx e i club... Però caro Matalo! mi permetto di suggerirti di non scrivere "Mi devo dissociare dalla mia recensione": ti fa passare per un ministro o un VIP ;oP PS: Suggerimento di cui non tener conto se sei effettivamente un ministro o un VIP
    Ultima modifica: 30/12/17 08:02 da Zender
  • Discussione Neapolis • 18/03/18 16:02
    Fotocopista - 2013 interventi
    Non capisco l'esclusione di questo film dalle candidature agli Oscar e in particolare quella di Kate Winslet. Certo che non c'erano a mio avviso film decisamente migliori di questo e se penso al lucertolone....
    Ultima modifica: 18/03/18 16:16 da Neapolis
  • Discussione Zender • 18/03/18 17:49
    Consigliere - 43808 interventi
    Beh, è stato abbastanza distrutto dalla critica, non stupisce molto in realtà. Concordo anch'io, per quanto possa valere, sull'eccellente interpretazione della Winslet (anche se quello alla MacDormand non mi pare certo un Oscar immeritato).
  • Discussione Neapolis • 18/03/18 19:33
    Fotocopista - 2013 interventi
    Zender parlavo di candidature e forse la critica è stata condizionata dalle voci di una presunta molestia sessuale alla figlia adottiva che ogni tanto viene a galla.
    Ultima modifica: 18/03/18 19:41 da Neapolis
  • Discussione Zender • 19/03/18 07:55
    Consigliere - 43808 interventi
    Non lo so, credo semplicemente sia stato valutato il film nel suo insieme non "degno" di proporre candidature (anche se poi la Winslet ha vinto l'Hollywood Film Awards).
  • Discussione Capannelle • 19/03/18 09:23
    Scrivano - 2491 interventi
    Domanda legittima, poi scorrendo le altre candidate non saprei chi escludere, forse la Streep: Frances McDormand - Tre manifesti a Ebbing, Missouri Sally Hawkins - La forma dell'acqua Meryl Streep - The Post Margot Robbie - I, Tonya Saoirse Ronan - Lady Bird E la Winslet ha avuto 7 candidature in 21 anni, forse hanno applicato un principio di rotazione (però anche la Streep..)
  • Discussione Didda23 • 19/03/18 11:29
    Comunicazione esterna - 5713 interventi
    Sarà, ma la Hawkins non mi sembra che abbia offerto una prestazione cosi memorabile
  • Discussione Neapolis • 19/03/18 15:10
    Fotocopista - 2013 interventi
    Capannelle: forse il dubbio è solo con la McDormand, vincitrice tra l'altro, ma a mio avviso l'interpretazione della Winslet è difficilmente superabile in questo film.