Il mio nome è Vendetta - Film (2022)

Il mio nome è Vendetta
Lo trovi su

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Una volta si sarebbe tirato in ballo Charles Bronson, oggi il modello è il John Wick di Keanu Reeves: la tipologia è la stessa, quella dell'uomo di poche parole che se gli tocchi qualcosa di molto caro perde la testa. Santo (Gassman) rientra nel novero di queste figure, che d'altra parte resistono al cinema da tempo immemore (western e noir ne hanno sfornate in numero industriale), e non se ne distingue in nulla se non nella ferocia applicata a un volto che siamo abituati a incontrare in ambiti ben diversi. La novità sta tutta qui, nell'osservare un valido commediante come Alessandro Gassmann alle prese con un ruolo per lui inedito, che non mostra alcuna sfumatura ironica,...Leggi tutto mai un sorriso. Si è rifugiato sulle montagne dell'Alto Adige convinto che dopo tanti anni la 'ndrangheta (per la quale lavorava) l'avrebbe dimenticato, ma quando sua figlia Sofia (Francesconi) posta sui social una foto di papà (senza che lui la veda, perché le aveva sempre intimato di non farlo), qualcuno la scannerizza e la identifica in un attimo: "I valori biometrici sono gli stessi... L'abbiamo trovato!".

Non c'è bisogno di aggiungere altro, in un film in cui gli schemi sono quelli di sempre. Si apre la caccia e in men che non si dica, quando Santo è fuori per lavoro, qualcuno gli entra in casa, gli massacra la moglie e pure il fratello di lei, scambiato per Santo da chi evidentemente non aveva le idee troppo chiare sulle fattezze dell'obiettivo da eliminare. Sofia si salva per puro caso e così, una volta rientrato e accortosi della strage, il protagonista la prende con sé e organizza la sua vendetta, destinata a dipanarsi secondo dinamiche abusate e andando incontro a nemici del tutto anonimi, che si confondono tra loro al punto che per dare spessore almeno al boss della famiglia rivale - che prosegue da anni la faida - si è ricorsi al buon vecchio Remo Girone, purtroppo ben poco in scena.

Con una fotografia buia che tende a cromie tra il nero e il verde scuro (ancora John Wick e magari MATRIX, per rimanere in tema Keanu Reeves), il film si fa fin tropo cupo, senza mai rischiararsi e tornare a nuova vita, tutto concentrato a regalare scene d'azione concitate in cui sangue, violenza, coltellate e colpi di pistola sono complementi necessari a rendere viva e pulsante una storia che di fatto quasi non esiste. Con l'aggravante di assegnare alla diciottenne figlia del protagonista un ruolo eccessivamente pesante da reggere, per le sue spalle. D'altra parte poteva essere una via d'uscita dal cliché, se gestita in maniera differente... Cosa che non riesce andando a chiudere in un finale piuttosto deprimente e modesto. In definitiva un noir privo di veri motivi d'interesse, discretamente girato nelle sequenze d'azione, a tratti teso al punto giusto ma debole nel tratteggio di tutti i personaggi positivi e tragicamente carente in quelli negativi, poco più che carne da macello...
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 3/12/22 DAL BENEMERITO GALBO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 12/01/23
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 3/12/22 07:00 - 12065 commenti

I gusti di Galbo

Un ex sicario della 'ndrangheta ritiratosi da anni, viene rintracciato dai suoi avversari che cercano di eliminarlo. Un film che fin dal titolo tradisce la sua natura di “revenge movie”, con molta azione e un’esplicita violenza visiva. Scene d’azione ben realizzate e buone ambientazioni, con un andamento in crescendo fino all’efficace finale. Il limite è il carattere eccessivamente stereotipato dei personaggi, le cui azioni sono un po’ troppo prevedibili. Non avvezzo a questo genere di ruoli, Alessandro Gassmann è autore di una buona prova.

Piero68 7/12/22 15:07 - 2907 commenti

I gusti di Piero68

Gassmann in versione John Wick: al solo pensarlo fa sorridere. Vederlo poi... Nonostante la buona struttura fisica, a Gassmann non riesce di interpretare un ruolo da super duro risultando credibile. Se a questo poi si aggiunge anche una regia altamente deficitaria, che cerca in tutti i modi di scimmiottare alcuni maestri dell'action hollywoodiano, il ridicolo involontario è dietro l'angolo. La sceneggiatura poi si limita a ricalcare tutti i cliché dei classici revenge movie. Resto del cast anonimo.

Daniela 15/12/22 13:23 - 11948 commenti

I gusti di Daniela

Un ex sicario della 'ndrangheta da tempo trasferitosi tra i monti altoatesini deve tornare in azione per proteggere la figlia adolescente quando viene rintracciato dal boss a cui anni prima aveva ammazzato il figlio prediletto... La mancanza di originalità può non essere un problema - basti pensare a un capolavoro dalla trama simile come A history of violence - ma lo è certo la mancanza di idee e di stile e non bastano la bella faccia vissuta di Gassmann o quella da malavitoso doc di Girone a salvare un film sceneggiato in modo banale e diretto in modo anonimo.
MEMORABILE: In negativo: le reazioni poco credibili della ragazzina e il finale forzatissimo.

Geppo 19/12/22 15:24 - 308 commenti

I gusti di Geppo

Film d'azione italiano in stile americano che dopo pochi minuti va subito al sodo. Nella trama troviamo una storia di 'ndrangheta, vendette e addirittura un po' di splatter. Tecnicamente è ben girato e i protagonisti sono in gran forma. Ginevra Francesconi (nel ruolo della figlia) interpreta molto bene il suo ruolo e anche le sue espressioni sono ottime. L'interpretazione di Gassman, diversa rispetto alle sue interpretazioni precedenti, funziona. Il film scorre molto bene e ha diversi momenti di tensione. Un buon film.
MEMORABILE: Il finale con sorpresa. Gassman insegna alla figlia come usare il coltello.

Remo Girone HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.