Il buio oltre la siepe

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Da molti considerato un classico, TO KILL A MOCKINGBIRD (tratto dall'omonimo romanzo di Harper Lee tradotto in italiano allo stesso modo) è un film che si divide tra il cosiddetto “giudiziario” e il ritratto storico-sociale (siamo negli Anni Ttrenta, nel sud degli Stati Uniti dominato dal razzismo e i pregiudizi), con un occhio di riguardo alle vicende e ai sentimenti dei due piccoli figli dell'avvocato protagonista (Gregory Peck). E’ il loro rapporto con il vicino misterioso e sfuggente a dominare la prima parte, con il terrore di affrontare proprio il buio oltre la siepe che delimita la casa “maledetta”. Poi però il film si trasforma: la figura di Gregory Peck, fino ad allora in ombra, sale a dominare la scena fino a conquistarla...Leggi tutto del tutto nella lunga parentesi processuale. Scompare così l’atmosfera lugubre e curiosa tipica di Mulligan (che la sfrutterà ancora nello splendido CHI E’ L’ALTRO?), in favore di un efficace dramma giudiziario in cui la lezione progressista viene assimilata attraverso precise denunce all'ottuso modo di pensare del sud retrogrado. Il film, altalenante e indeciso sulla strada da seguire, vive inaspettatamente i suoi momenti migliori nelle parti meno vicine allo stile del suo regista, che non riesce a gestire il rapporto dei bambini con il terrore dell'ignoto in maniera soddisfacente. Si riprende un po’ nel finale, quando compare (nel ruolo del “pazzo” Boo Radley) l'esordiente Robert Duvall, destinato a una luminosa carriera coronata dall'Oscar per UN TENERO RINGRAZIAMENTO. Oscar invece meritato per Gregory Peck, un po' meno quello per sceneggiatura (non originale) e scenografie. Le altre pesanti nomination, invece (tra cui miglior film e regia), non hanno portato a nulla.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 13/10/07 14:13 - 11452 commenti

I gusti di Galbo

Ottimo esempio di pellicola che unisce intrattenimento di stile ad impegno civile nei temi trattati (l'intolleranza e la segregazione razziale nel sud degli Stati Uniti). Da un bel romanzo di Harper Lee, il regista Mulligan ha realizzato un film che si avvale di una bella sceneggiatura (che va bene a fondo nella psicologia dei personaggi) e di una suggestiva ambientazione. Ulteriore valore aggiunto l'interpretazione di un Gregory Peck qui al ruolo migliore della sua carriera: il suo è un vero pezzo di bravura giustamente premiato con l'Oscar.

Lovejoy 21/12/07 22:32 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Vincitore del Premio Oscar come Miglior Attore Protagonista assegnato a uno splendido Gregory Peck nel ruolo che vale una carriera. Il ritratto che fa del coraggioso avvocato Atticus Finch è qualcosa che è impossibile sia da dimenticare che da esprimere con le sole parole. Bisogna vederlo. Ben diretto dal bravo Mulligan, il quale resta fedele alle atmosfere del libro della Lee. Ottimo anche il resto del cast con un giovane William Windom (l'indimenticato Seth Hezlit di La Signora in Giallo). Debutto di un giovane Robert Duvall.
MEMORABILE: Atticus affronta i compaesani che si sono raccolti davanti alla prigione; Il confronto con il padre della ragazza.

Paulaster 22/07/19 10:29 - 2869 commenti

I gusti di Paulaster

Avvocato difenderà ragazzo di colore accusato di stupro. Sceneggiatura di ispirazione civile per gli adulti e di formazione per i ragazzini. Temi caldi come il razzismo e la paura che si insinua a livello inconscio. Peck recita sommesso dando importanza a ogni parola; esordio importante per Duvall, anche se non parla. Conclusione compensatoria che stona col senso di giustizia da tribunale.
MEMORABILE: L'uccisione del cane; L'arringa; Il debito pagato con le noccioline; Lo sputo non restituito.

Cangaceiro 2/08/08 21:08 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Tra i migliori di sempre della generazione "in bianco e nero". Peck è un avvocato che difende contro tutto e tutti un imputato nero accusato di stupro e già condannato dal clima di razzismo che si respira nell'America del film. L'appassionato Gregory si erge magistralmente a eroe positivo andandosi a guadagnare un meritato Oscar. Finale bellissimo.

Daniela 10/04/09 09:24 - 9651 commenti

I gusti di Daniela

Da un bel romanzo, un adattamento sensibile ed intelligente, che mantiene il parallelo fra gli incubi dell'infanzia, creati dalla fantasia dei bambini, e quelli ben più pericolosi derivanti dal fantatismo e dal razzismo degli adulti. Nel ruolo dell'avvocato democratico, Gregory Peck tocca il vertice della sua carriera entrando di diritto nella galleria degli eroi cinematografici di tutti i tempi. Molto brava anche la ragazzina che interpreta la figlia. Nel ruolo del vicino di casa con problemi mentali, esordio sommesso e commovente del grande Duvall

Saintgifts 15/05/09 16:00 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Che questo film nel '95 sia stato scelto per essere presrvato nel National Film Registry, la dice lunga. Tratto dal romanzo di Harper Lee (premio Pulitzer) affronta l'argomento dell'intolleranza razziale e della paura del diverso, senza conoscerlo veramente, attraverso l'accusa di stupro mossa a un giovane nero e ai timori di due bambini verso una persona della casa accanto che però non conoscono (il buio oltre la siepe). Gregory Peck (superbo) è l'avvocato che difenderà il giovane nero e i due bimbi sono i suoi figli. Girato in un magnifico b/n.

Enricottta 26/09/09 13:29 - 507 commenti

I gusti di Enricottta

Inizio il film con la precisa idea di compiere un lungo tragitto. La profonda psicologia pervade questa bellissima pellicola e l'interpretatazione di un eccezionale Gregory Peck sono il quid pluris, per me è un "filmone". Il regista Mulligan gioca con lo spettatore trasmettendo emozioni ad intermittenza, ora tenendolo sulla corda ora abbandonandolo quasi, costruendo un piccolo capolavoro, in bianco e nero.

Stefania 9/05/10 02:12 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Il buio come paura primaria dell'infanzia, il buio dell'intolleranza e del pregiudizio che offusca lo sguardo degli adulti, impedisce loro di guardare oltre la siepe che coltivano per proteggersi da chi è diverso. Solo Atticus Finch, non eroico ma semplicemente coscienzioso avvocato bianco, accende in quel buio una piccola luce, tende la mano oltre quella siepe. Un grande classico entrato nel nostro immaginario, una pagina di storia americana raccontata attraverso lo sguardo ingenuo, ma lucido e attento, di una bambina. Da rivedere spesso.

Pigro 14/07/10 08:33 - 7914 commenti

I gusti di Pigro

Due bambini nell'Alabama degli anni 30, tra il padre avvocato, un nero accusato di stupro e un misterioso vicino ritardato. Classico filmone che fa sempre piacere vedere, ma sopravvalutato, a causa dello sbilanciamento tra ritratto (altalenante) di un'infanzia in crescita (sospesa tra mitizzazione e prime prese di coscienza sociale), e questione razziale a cui viene dedicata un'incongrua lunghissima parentesi in forma di dramma giudiziario, che riecheggia I dannati e gli eroi. Le due anime non legano tra di loro e il buonismo diluisce le potenzialità della storia.

Lupoprezzo 3/10/10 18:18 - 635 commenti

I gusti di Lupoprezzo

Mulligan, grazie ad una sceneggiatura da oscar, riesce ad intrecciare l'intolleranza degli adulti con i timori e le paure dei bambini (il ritmo favolistico viene abilmente spezzato da un intermezzo giudiziario). Il film è ben girato e la fotografia da sogno rende credibile il mondo dell'infanzia. Commovente e liberatorio, questa pellicola è una continua lezione di vita. P. S.: voglio il vestito da prosciutto della bambina!

R.f.e. 15/10/10 09:41 - 817 commenti

I gusti di R.f.e.

Si è spesso equivocato su questo capolavoro evergreen, considerandolo semplicemente un apologo anti-razzista o un bell'esempio di cinema "processuale". In realtà, quello che veramente conta nel film, è il tenero ma non sdolcinato rapporto che lega Atticus (Gregory Peck, superlativa "figura paterna") e la figlia Scout - nel libro è cruciale anche il rapporto con il figlio Jem, un po' sacrificato nell'adattamento filmico - nonché il tema della crescita, dell'accettazione del "diverso" e la possibilità di avere una seconda occasione nella vita.

Mickes2 20/11/11 18:31 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Mulligan narra una storia che trasuda coraggio e dignità. Emozionante, specialmente quando le vicissitudini lavorative e famigliari (quel tremendo buio oltre la siepe…) vengono raccontare dal punto di vista dei bambini. Chi non possiamo vedere, conoscere, capire… spaventa e intimorisce. E’ quello che pensano Scout e Jem, ma anche quello che pensano le persone bigotte e razziste che popolano la piccola cittadina. Peck è una grande figura: impersona la determinazione, il coraggio e la bontà al tempo stesso. Bellissimo.

Rebis 31/07/12 18:57 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Il film di Mulligan ha un difetto strutturale: quello di dover rinunciare allo sguardo dei bambini per la lunga sequenza giudiziaria. Limite invalicabile - già in sceneggiatura - oltre il quale ci cattura una densità profetica e un potere evocativo che l'innalzano a opera fondatrice dell'immaginario americano. Il buio, apportatore di diversità e paura: ne faranno ammenda Spielberg, King, Wes Craven, Donner e Zemeckis. È anche uno spaccato sociale che sostanzia l'irrazionale in uno spirito giustizialista che rende Boo vittima e inquietante strumento nemesiaco. Splendidi i pestiferi Scout e Dill.

Tiz91 18/01/13 19:21 - 5 commenti

I gusti di Tiz91

Certamente un capolavoro nel suo genere. Claustrofobico al punto giusto, presenta una sequenza che varrebbe l'intero film: il processo in tribunale. Infanzia, razzismo, rispetto, vendetta, la legge (non) è uguale per tutti. Estremamente commovente in diverse scene grazie all'espressività di attori del calibro di Gregory Peck e anche all'inesperienza di Tom Robinson. Senza dimenticare la spontaneità fondamentale e imprescindibile degli attori bambini.
MEMORABILE: Scout: "Well, it would be sort of like shooting a mockingbird, wouldn't it?"

Homesick 26/05/13 17:18 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Il romanzo della Lee è rimodellato su una sceneggiatura esemplare e trasposto da Mulligan in una pellicola insieme dolce e crudele, fiabesca e realista: sprona all’empatia contro ogni forma di pregiudizio, fa indignare per l’humus xenofobo delle piccole comunità, riesuma paure e interrogativi dell’infanzia e commuove con l’amore paterno. I bambini sono bravi, Peck è la perfetta incarnazione dell’integerrimo Atticus e il debuttante Duvall, nelle poche ma indimenticabili pose del timido Boo Radley, semplicemente straordinario. Pedagogico e meditativo, ideale complemento alla lettura del libro.
MEMORABILE: L’attraversamento del bosco; l’apparizione di Duvall dietro la porta e il suo sguardo che incontra quello della piccola Badham.

Caesars 31/07/13 09:16 - 2768 commenti

I gusti di Caesars

Buon film di Robert Mulligan (regista troppo spesso dimenticato) che lavora, partendo dall'omonimo romanzo, su un doppio binario narrativo: quello giudiziario e quello di formazione. È proprio quest'ultimo comunque ad avere maggiore spazio e il regista riesce a restituirci un riitratto psicologico molto credibile dei piccoli protagonisti. Non tutto è riuscito in questa pellicola, ad esempio ci sono parecchi passaggi un po' troppo retorici (si pensi al "sermone" della bimba ai razzisti), ma lo spettacolo è un classico che merita. ***

Jdelarge 27/11/13 19:26 - 886 commenti

I gusti di Jdelarge

Bellissimo film che mette a nudo molte debolezze dell'essere umano: l'ignoranza sembra essere la regina delle colpe, la causa di tutte le sciagure che incombono sulla storia dell'umanità. Gregory Peck, eccezionale come sempre, rappresenta praticamente il sunto di tutte le qualità dell'uomo e cercherà di lottare contro l'idiozia umana. Fantastica la location quasi claustrofobica ma allo stesso tempo così grande per i bambini, i quali impareranno a capire la vita nel loro piccolo paese. Ottimo.
MEMORABILE: Il reverendo Sykes: "Miss Jean Louise, si alzi, sta passando suo padre".

Rocchiola 4/03/16 10:52 - 878 commenti

I gusti di Rocchiola

Impeccabile film di impegno civile intelligentemente impostato sulla narrazione dal punto di vista dei bambini che durante le giornate assolate e le caldi notti del profondo Sud scopriranno la violenza e i pregiudizi dell'animo umano. Lo stile calmo, lineare e didattico appartiene forse più al produttore e futuro regista Alan Pakula. Comunque ha il pregio di commuovere senza essere eccessivamente patetico. Piccolo ma importante ruolo per l'esordiente Duvall. Ideale per chi crede che nella vita ci sia ancora chi lotta per la giusta causa.
MEMORABILE: "Adesso che il buio non ci faceva più paura avremmo potuto oltrepassare la siepe che ci divideva dalla casa dei Ridley"; L'assalto notturno ai ragazzi.

Nicola81 28/12/16 13:17 - 2009 commenti

I gusti di Nicola81

Racconto di formazione, ritratto di una piccola comunità bigotta e razzista, dramma giudiziario... Dal romanzo di Harper Lee, un film di non facile catalogazione per gli innumerevoli argomenti toccati (ci sono anche momenti thriller), ma diretto da Mulligan con un garbo e una sensibilità tali da elevarlo a vero e proprio classico. La prima parte è soltanto simpatica, la seconda è di vibrante intensità drammatica, il finale non si dimentica. Grande prova di Peck, giustamente premiato con l'Oscar, bravissimi i bambini.
MEMORABILE: Il processo, con l'arringa di Peck; Il finale.

Xamini 5/02/18 01:46 - 1026 commenti

I gusti di Xamini

Fotografia eccellente in b/n per questa riduzione cinematografica in cui tutto fila liscio e prende una certa direzione sino al processo. Qui - e in modo particolare in una visione odierna - si percepisce una lentezza eccessiva che addormenta lo spettatore, oltre ai pargoli di Peck. Peccato perché tutto il resto del film procede con un buon ritmo, il buon Gregory fa il suo figurone e l'amalgama complessiva riesce a funzionare restituendo un buon sapore complessivo.
MEMORABILE: Assolutamente i titoli di testa, chiave di lettura del film

Nancy 27/08/18 17:09 - 774 commenti

I gusti di Nancy

Un film che ha segnato un'epoca, quella dell'abbattimento delle barriere razziali negli Stati Uniti; una storia da noi distante ma che comunque tocca corde universali. La lentezza del film e il suo dilungarsi sulle storie dei bambini rallenta la fruizione dell'opera anche se ne dà ulteriori chiavi di lettura. La parte migliore è indubbiamente quella del processo all'uomo di colore, interrogato dall'avvocato Peck (granitico e indimenticabile). Il resto cede un po' al passo del tempo.

Atticus81 4/06/19 18:08 - 10 commenti

I gusti di Atticus81

Con un'opera semplice si riesce ad arrivare allo scopo senza troppi convenevoli. L'importante è avere una buona sceneggiatura e attori capaci di mascherare la finzione con la realtà. E' un meccanismo che non manca a questo film. Anche i ragazzi, non essendo attori di professione, riescono a immedesimarsi nelle parti. Il talento gigantesco di Gregory Peck emerge in un personaggio totalmente umile e intelligente, tanto presente da sembrare "assente" (assenza ovviamente voluta). Un film che fa bene, oggi.
MEMORABILE: L'inseguimento nella foresta, girato con maestria.

Noodles 13/03/20 22:54 - 952 commenti

I gusti di Noodles

Splendido. Come il libro, da cui si discosta solo per pochi piccoli particolari (una delle migliori trasposizioni cinematografiche in assoluto). L'ambiente del sud degli Stati Uniti del periodo non è mai facile da riprodurre senza scivolare in banalità; qui il lavoro è stato fatto splendidamente. Il cast è degno di nota: bravissimi i due bambini protagonisti insieme a un grande Gregory Peck. Ottime scenografie e bella la fotografia. Fin troppo dimenticato.

Ryo 13/04/20 20:55 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Film ben fatto tratto dal controverso libro di Harper Lee, con Gregory Peck magnifico nel ruolo di Atticus Finch. Mary Badham fa un ottimo lavoro seguendo con interesse suo padre alla difesa di un uomo di colore sotto processo. I drammi dell'infanzia e le atmosfere rurali sono mescolati in modo fluido ma denso, ed è ben curata l'alternanza con la teatrale sala di corte, in cui assistiamo a un processo avvincente. Peck ha sicuramente meritato l'Oscar come miglior attore con il suo approccio paterno e la sua grazia silenziosa.
MEMORABILE: "Non riuscirai mai a capire una persona se non cerchi di metterti nei suoi panni, se non cerchi di vedere le cose dal suo punto di vista".

Siska80 8/09/20 20:15 - 847 commenti

I gusti di Siska80

Troppo lungo, spesso monotono, amalgama malamente due vicende di emarginazione differenti (i "tordi" cui allude il più pertinente titolo originale): la storia dello psicolabile Boo e quella di Tom (la cui unica "colpa" è quella di essere nero), anche se il film affonda il coltello nelle piaghe di una giustizia che a volte non si rivela tale (tant'è vero che finirà in carcere chi non merita, mentre la farà franca chi dovrebbe starci). Grande prova attoriale di Gregory Peck (c'è anche un giovanissimo Robert Duvall nel cast).
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Zelig46 • 31/10/12 14:13
    Galoppino - 94 interventi
    Riprendo questa discussione... un pò movimentata per ricordare che di questo film è stato fatto un Remake (credo TV) che non ho mai avuto il piacere di visionarlo....le ricerche continuano.

    http://www.imdb.com/title/tt0149266/fullcredits#cast

    Alcune curiosità:
    La voce di Jem del doppiaggio Italiano del film originale era femminile (Flaminia Jandolo a 15 anni)
    Fonte Antonio Genna "Il Mondo dei Doppiatori" scheda del film.
    ----
    Gregory Peck e Mary Badham sarebbero rimasti amici per sempre e lei lo chiamava affettuosamente "Atticus".

    L'attore John Megna "Dill" è morto nel 1995 per AIDS
    Fonte IMDB

    L'attore Robert Duvall era specializzato ai ruoli di Malato mentale, ricordate "Capitan Newman", ma il suo primo ruolo in assoluto fu di un MP Militare nel film "Lassù qualcuno mi ama" nel lontano 1956.
  • Discussione Zelig46 • 1/11/12 01:10
    Galoppino - 94 interventi
    Il mio modo di scrivere prevede una fonte certa, e quasi sempre è la mia memoria.
    Alcune le ho lette su libri storici del cinema (ne ho diverse centinaia), alcuni su documentari sul cinema in mio possesso (non so quanti) e poi c'è il web con IMDB o altri siti attendibili, ma sopattutto ci sono i miei film (6k solo film datati), e li ho visti e memorizzati quasi tutti.
    Il problema vero è riuscire, soprattutto nei documentari e libri, a ricordarsi dove ho letto o visto quella notizia e non sempre è fattibile (sarebbe un lavoro enorme).
    Le curiosità del Cinema sono la mia passione ma non sono nemmeno infallibile, ecco perchè ogni tanto mi astengo dal mettere fonte o link quando non sono sicuro, non posso sempre citare IMDB (anche percè le curiosità che posto, raramente si trovato su questo sito), non sarebbe giusto...e mi chiederebbero la mezza.

    Si possono fare tutte le ricerche del mondo su temi cinematografici, ma in alcuni casi, o hai il film in mano o uno si attacca al tram.

    Comunque, una cosa è certa, non parlo di film, attori, trame o musiche da film che non conosco.

    Ogni tanto qualche ricerca incrociata su IMDB non guasta... giusto per una risfrescatina.

    Come ti sarai accorto non ho ancora postato niente sulle Location, un settore che mi piace un casino, ma dovrei stare ore a PC a fare ricerche e a moviolare films, è gli occhi non sono più quelli di una volta, si stancano facilmente.

    per finire...nella musica da film sono anche peggio.

    Queste cose le avrei spiegate nella mia presentazione ma non sapevo dove metterla.

    Fate conto che sia questa.

    Un salutone a tutti
  • Discussione Lucius • 1/11/12 01:38
    Scrivano - 8307 interventi
    Un personale benvenuto nel forum.Ciao.
  • Discussione Galbo • 1/11/12 08:51
    Gran Burattinaio - 3777 interventi
    Benvenuto anche da parte mia
  • Discussione Zender • 1/11/12 09:14
    Consigliere - 43744 interventi
    Il problema, per le curiosità, è che appunto c'è da mettere sempre la fonte (a meno che non si tratti di "scoperte" personali), perché la memoria da sempre gioca brutti scherzi e si rischian di scrivere inesattezze non verificabili.
  • Discussione Caesars • 31/07/13 09:24
    Scrivano - 11318 interventi
    Ma solo a me le inquadrature iniziali su oggetti infantili (bamboline, biglie etc...) ha portato alla mente immagini simili di Profondo Rosso?
  • Curiosità Markus • 25/09/14 08:45
    Scrivano - 4801 interventi
    Dalla prestigiosa collezione cartacea Markus il flano del film Il buio oltre la siepe da Tv sorrisi e canzoni, che andò in onda 23 luglio 1988 su ReteQuattro.

  • Discussione Daniela • 20/02/16 00:32
    Consigliere massimo - 5297 interventi
    E' morta Harper Lee, l'autrice del romanzo vincitore di Pulitzer da cui è stato tratto il film di Mulligan.
    Amica e collaboratrice di Truman Capote, la sua figura è presente in due film a lui dedicati: nel 2005 venne interpretata dall'attrice Catherine Keener in Truman Capote - A sangue freddo di Bennett Miller. nel 2006 da Sandra Bullock in Infamous - Una pessima reputazione.
  • Musiche Lucius • 14/12/16 19:24
    Scrivano - 8307 interventi
    Direttamente dalla prestigiosa collezione Lucius, il 45 giri originale italiano:

    Ultima modifica: 15/12/16 07:48 da Zender
  • Curiosità Siska80 • 9/09/20 11:38
    Call center Davinotti - 424 interventi
    Il personaggio di Atticus Finch è stato modellato sul padre di Harper Lee, Amasa "A.C." Lee, padre e vedovo single, nonchè avvocato e legislatore dello stato dell'Alabama, la cui difesa nel 1923 di un cliente nero ha parzialmente ispirato il processo del romanzo. Gregory Peck conobbe l'uomo, allora ottantaduenne, e strinse un forte legame con lui. Sfortunatamente, l'anziano morì durante le riprese del film, quindi Harper regalò a Peck l'orologio la catena del padre, che l'attore indossò alla cerimonia del Premio Oscar l'anno successivo, quando vinse l'Oscar.

    Fonte: Imdb