Hook - Capitan Uncino

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 15/06/07 DAL BENEMERITO PUPPIGALLO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 15/06/07 13:46 - 4526 commenti

I gusti di Puppigallo

Una produzione pomposa e pompata. Tutto appare tronfio, grandioso (le scenografie), ma poco coinvolgente (manca quella certa magia indispensabile in una produzione di genere fantastico). Williams se la cava, ma solo finchè non sa ancora chi è ed è già sull’isola (lì è piuttosto simpatico). Quando però capisce, diventa troppo spocchioso e gasato. Hoffman invece disegna un Uncino esageratamente clownesco (lui era soprattutto cattivo). Bene Spugna. La pellicola arranca parecchio verso il finale strappalacrima, palesando tutti i i suoi limiti. Mediocre.
MEMORABILE: Immaginare il cibo; L'orologio-coccodrillo.

B. Legnani 25/07/07 00:34 - 4788 commenti

I gusti di B. Legnani

Mi ero accostato non troppo convinto, perché non è che Peter Pan e compagnia mi abbiano mai entusiasmato. Sarà forse per quello, ma l'ho trovato un poco sotto quanto proclamato dalla grancassa. Eppure la mano di Spielberg e di Williams giocano bene col magico, cosicché arriva pure il divertimento anche dello spettatore inizialmente diffidente. Certo va detto, pur se a malincuore, che un grande come Hoffman stavolta non funziona, travolta dall'eccessiva teatraltà. E' un buon film, ma avrebbe potuto puntare all'ottimo.

Galbo 18/09/07 07:19 - 11452 commenti

I gusti di Galbo

L'idea di un Peter Pan cresciuto e che ha smarrito la consapevolezza del sé bambino è ottima e Spielberg ci mette tutto il suo impegno per realizzarla a dovere. Il film tuttavia, pur molto curato nel cercare di ricreare la magia della favola, è spesso privo della leggerezza necessaria al tema e fa prevalere i toni tragici e cupi del mondo adulto. Prevalgono così sul piano narrativo i personaggi negativi a partire da Dustin Hoffman, che funziona come cattivo (Uncino) molto di più di Williams come Peter Pan.

Fabbiu 19/10/07 17:34 - 1954 commenti

I gusti di Fabbiu

A me è piaciuto tantissimo. Ripropone le avventure di Peter Pan in era contemporanea, rappresentando "l'isola che non c'è" come il luogo dei giochi di chiunque creda nella fantasia e ama viverci dentro. Robin Williams è l'avvocato troppo impegnato a far soldi e a pensare alla realtà da aver dimenticato la fantasia ed aver ucciso la propria infanzia. Molti valori/morali, fino al finale strappalacrime. Grandissimo Hoffman doppiato dal magico Ferruccio Amendola, che ne aumenta la simpatia. Belle le scenografie e le musiche. Confezionato magistralmente.

Il Gobbo 3/01/08 17:44 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Peter Pan già ci stava sulle balle, di suo, per la noia provocata dalle metafore sociologiche (e qui "artistiche") sulla sindrome a lui intitolata, per l'idiosincrasia verso l'utopia dell'isola che non c'è (ma si sente), cara a orde di bischeri. Figuriamoci quando il soggetto è trattato (e in pompa magna) da un altro che sul suo Fanciullino ha costruito un impero: il peggio dello spielberghismo! Oltretutto, malfunzionante anche sul piano spettacolare, governato poco e che finisce per sembrare uno spot di Gardaland gonfiato a dismisura. Esiziale.

Lovejoy 1/01/08 20:53 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Uno dei più brutti film di Spielberg di sempre. Su una piatta sceneggiatura di James Hart (autore anche del Dracula di Coppola), a cui dopo un buon inizio segue una seconda parte ad alto tasso di melassa, è una pellicola che spreca il buon potenziale e l'ottimo cast con una messa in scena insostenibile. Fin quando si rimane sulla terra, infatti, il film è anche divertente. Paradossalmente quando si arriva all'isola che non c'è il film crolla. Buono, ma completamente sprecato il cast (con in testa i divertenti Hoffman e Bob Hoskins).

Redeyes 23/02/08 19:36 - 2164 commenti

I gusti di Redeyes

Chiaro che mai nessun film o trasposizione teatrale saprà rendere la magia della storia di Peter Pan, ma questo filmone mainstream ha comunque un suo fascino. La confezione è curatissima, a tratti patinata forse, il cast gira benissimo (oltre a Williams un gran bel Hoffman). Film forse melenso, ma sarebbe stato difficile non esserlo. Non ha la forza di una favola di Burton o Jeunet, ma si riguarda con piacere. Il suo vero limite sta proprio nell'esser prevalentemente, per non dire solamente, per un pubblico di bambini.

Hackett 23/04/08 10:02 - 1747 commenti

I gusti di Hackett

Nonostante i mezzi, gli interpreti e la buona mano di Spielberg, questo non è decisamente tra i migliori film del regista di E.T. La storia dell'eterno ragazzino affascina, ma è facile scadere nella banalità. Gli effetti speciali e le ambientazioni sono troppo "finte" e infantili e il tutto lascia il sapore dell'occasione perduta. Peccato.

Ciavazzaro 14/01/09 17:21 - 4766 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Versione, con attori in carne ed ossa, di Peter Pan poco riuscita. Gli attori saranno anche tutti apprezzati caratteristi, ma il risultato è insufficiente. Spielberg non ci mette impegno (almeno secondo me) e il film non presenta grandi cose da vedere. Evitabile.

Renato 8/03/09 20:59 - 1595 commenti

I gusti di Renato

Discreta rilettura spielberghiana di Robin Hood, anche se non fu un successone come forse era lecito attendersi. Probabilmente perché Robin Williams interpreta un personaggio quasi odioso, almeno per una certa parte della pellicola, e si finisce quasi col simpatizzare di più per il presunto villain Dustin Hoffman (strepitoso, qui come quasi ovunque). E Julia Roberts è del tutto fuori parte. In ogni caso non è da buttare via: direi un mezzo passo falso.

Cotola 19/10/09 23:43 - 7630 commenti

I gusti di Cotola

Steven Spielberg scivola su una storia che sembrava scritta apposta per lui: quella del bambino che non vuole crescere. Peccato che dietro una messa in scena ricca e, come al solito, estremamente professionale, traspaia una certa freddezza che impedisce allo spettatore (specie a quello più “maturo” che vorrebbe tanto empatizzare con Peter Pan) di divertirsi davvero e partecipare emozionalmente allo spettacolo.

124c 28/12/09 16:26 - 2779 commenti

I gusti di 124c

C'era una volta Peter Pan... adulto. Un brutto giorno, il terribile capitan Uncino rapisce i figli di Peter, che, oramai, è diventato uno yuppie con telefonino. L'idea in sé è buona, poiché Robin Williams è un eterno bambino. Eppure il film, che poteva essere uno dei capisaldi di Steven Spielberg, è lento, teatrale, anche se sostenuto da un ottimo Dustin Hoffman, capitan Uncino. Lo Spugna di Bob Hoskins sembra Lucio Dalla, mentre Julia Pretty Woman Roberts fa una Trilly... vietata ai minori.
MEMORABILE: Trilly che "ce prova" con Peter Pan adulto.

Ghirlanda 21/05/10 09:59 - 58 commenti

I gusti di Ghirlanda

Seconda stella a destra e poi dritto fino al mattino... Questa è la strada che porta all'isola che non c'è, dove in un batter di ciglia si può ritornare ad essere bambini, sognatori. Un nuovo racconto su Peter Pan e i bambini sperduti. Un tuffo in un mondo fantastico che regala emozioni a grandi e piccini. Spielberg non fa commuovere come in ET ma confeziona un prodotto credibile. Un bravo Robin Williams ridona vita allo storico personaggio volante, mentre spicca come performance quella di Hoffman. Capisaldo della mia infanzia, più che sufficiente.

Daniela 29/06/10 16:08 - 9651 commenti

I gusti di Daniela

Spielberg è un grande regista e, quando mira a fare spettacolo, riesce a stupire gli occhi, colpendo al cuore di rimbalzo. Il problema sorge quando vuol puntare dritto all'organo pulsante, ed allora - salvo rare eccezioni - rischia di diventare didascalico più di un abbecedario, pomposo più di una pompamagna, estenuante come una maratona sul tapis-roulant. Hook mica è un brutto film, ci mancherebbe, però mette voglia di diventare CATTIVI, sparare a Campanellino e prendere a calci Williams/Pan (qui al suo sentimental/peggio).
MEMORABILE: Da salvare su una scialuppa Spugna/Hoskins, gettare una ciambella a Hoffman, buttare a mare tutti gli altri tranne Maggie Smith (lei non si tocca MAI)

Rambo90 8/10/10 20:37 - 6440 commenti

I gusti di Rambo90

Bellissima avventura per ragazzi (e non) che fa da ipotetico sequel alle avventure di Peter Pan. Spielberg è come al solito un regista capace di spettacolarità, divertimento e commozione allo stesso tempo e si avvale di un cast in ottima forma: Williams è l'unico attore che ho in mente se dovessi pensare a un Peter adulto, Hoffman un gigionesco Uncino e Julia Roberts una bellissima Trilli. Spassoso anche Hoskins come Spugna, ottimamente caratterizzati tutti i bimbi sperduti e buone le location dell'isola che non c'è. Imperdibile.
MEMORABILE: "Vivere può essere un'avventura straordinaria!"

Siregon 26/10/10 23:31 - 353 commenti

I gusti di Siregon

Terrificante. Un'americanata folle, come spesso Spielberg ha in canna, attraversata da un profondo moralismo e da una tristezza di fondo che lo rende particolarmente pesante. Williams è patetico e totalmente fuori parte, Julia Roberts non lascia il segno come d'abitudine e tutto l'impianto visivo sembra uscito da una puntata di Spongebob. Musiche orrende, montaggio poco ispirato, sceneggiatura senza spunti, regia piatta e attori allo sbando. In quanto a sfascio solo Benigni con il suo Pinocchio lo supera.

Mdmaster 11/12/10 20:35 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Indigesto polpettone di Spielberg, capace di trasformare un'idea promettente come un Peter Pan cresciuto e terribilmente adulto e "workaholic" in una fanfaronata piena di attori famosi ma performance ignobili. Peccato ché certe sequenze rimangono memorabili (da piccolo avevo un debole per Trilly innamorata, ora vedendo la Julia rabbrividisco). Buone intenzione si vanno a infrangere contro l'incapacità di Steven di creare la magia (il quale cerca invece di ottenerla obtorto collo, fallendo miseramente). Bravi Dustin e Bob Hoskins.
MEMORABILE: "Ti aspetterò sempre in quel momento tra la veglia e il sonno..." ma che tenerezza!

Lupoprezzo 1/09/11 13:32 - 635 commenti

I gusti di Lupoprezzo

Il fanciullino spielberghiano è rimasto a metà strada: l'invito a recuperare il bambino che è in noi trova forza nella prima parte del film, con un Williams genitore stacanovista e privo di fantasia. Quando poi la pellicola abbraccia finalmente i luoghi creati dallo scrittore scozzese James Matthew Barrie, tutto si risolve in un grande luna park fatto coi dollari che ha la meglio sulla storia e sui personaggi (eccezion fatta per un istrionico Hoffman nei panni di Capitan Uncino) soffocando di fatto la magia dell'isola che non c'è.

Belfagor 27/12/11 15:56 - 2627 commenti

I gusti di Belfagor

Ormai cresciuto, Peter Pan deve fare ritorno all'Isola Che Non C'è per liberare i figli rapiti da capitan Uncino. L'impianto di base suggerirebbe un'impostazione volta a far riscoprire la magia del mondo infantile agli adulti, ma Spielberg (qui al suo peggio) trasforma tutto in una didascalica baracconata, una fanfaronata da far cariare i denti. Nel cast altisonante ma sprecato si salvano Hoskins nei panni di Spugna, un gigionesco Hoffman e, come se ci fosse bisogno di dirlo, Maggie Smith.

Piero68 8/02/12 09:22 - 2783 commenti

I gusti di Piero68

Questa volta Spielberg scivola su di una buccia di banana dirigendo il suo peggior film. Milioni di dollari per la costruzione del set dell'Isola che non c'è (l'unica cosa bella) per poi girare una pellicola destinata unicamente ad un pubblico di giovanissimi. Perchè la scialba sceneggiatura e la durata eccessiva portano un pubblico più pretenzioso alla noia assoluta. Persino Williams, abituato all'impossibile, si trova in evidente imbarazzo a dover recitare in mezzo ad un gruppo di ragazzini chiassosi. Hoffman discreto ma troppo caricaturale.

Stelio 17/08/14 17:25 - 384 commenti

I gusti di Stelio

Il film fatica a causa di una contaminazione con il mondo adulto? A mio avviso Hook ne è quasi del tutto privo (per lo meno non ne è più carico di altre storie); lo stesso Peter Pan firmato Disney aveva momenti molto meno spensierati e malinconici al paragone; qui anzi c'è la sensazione che, tra cannoni che sparano vernice e liquidi accecanti, l'effetto sia l'opposto (con qualche ovvia eccezione): la fotografia ne è un prodotto eccessivo ed evidente. Per il resto pellicola discretamente realizzata; Williams e Hoffman danno lezioni a tutti.

Bruce 16/10/15 11:22 - 1006 commenti

I gusti di Bruce

L'idea di fondo non era male: Peter Pan, diventato adulto, si è dimenticato del suo passato da ragazzo, ha perso la fantasia e la capacità di sognare; ritrova via via la sua memoria rivivendo così la propria fantastica avventura e incontrando i vari personaggi della storia. Non mi ha però convinto il registro teatrale e troppo macchinoso scelto da Spielberg, compreso quello di affidarsi a un cast di stelle che risulta assolutamente sprecato in ruoli sbagliati.

Parsifal68 4/05/16 11:23 - 607 commenti

I gusti di Parsifal68

Deludente e pasticciata versione del celebre personaggio di Barrie. Spielberg lo raffigura come un nevrotico e dimesso avvocato che ha dimenticato di essere Peter Pan, scappato via dall'Isola che non c'è anni prima e al quale Capitan Uncino ha rapito i figli. Un budget elevato, un cast di attori di livello altissimo per un film molto confuso e dalla trama che si discosta parecchio dal romanzo. Hoffman è il più calato nella parte mentre Williams è troppo burlesco e impacciato per essere credibile. Salvo le musiche del grande John Williams.

Rigoletto 5/06/16 16:16 - 1621 commenti

I gusti di Rigoletto

Kolossal fantasy girato da Spielberg con consumato mestiere. La dimensione favolistica non va perduta complice l'atmosfera e le musiche (al solito del fidato John Williams). La cosa migliore sta nel cast: Robin Williams adattissimo per il ruolo di Peter Pan e ha assolto al suo compito con bravura, ma la coppia Hoffman/Hoskins è perfetta; i loro duetti sono imperdibili. Ottima la prova anche di tutti gli altri. Se devo trovarci un difetto direi che l'eccessiva modernizzazione dei Bimbi Perduti guasta un po' la riuscita complessiva.
MEMORABILE: Il ruolino semplice ma perfetto interpretato da Arthur Malet.

Vito 2/05/17 11:18 - 665 commenti

I gusti di Vito

Bel fantasy di Spielberg, basato su un'intuizione geniale: e se Peter Pan crescesse? Cast straordinario con ottime prove di Williams, Hoffman e Hoskins e della sempre bravissima Maggie Smith. Più di due ore di avventura e divertimento; un film che paradossalmente piace sempre di più vedendolo con uno sguardo adulto, riuscendo così a cogliere le sottili trovate sparse qua e là. Unica nota stonata la Roberts nei panni di Trilli.
MEMORABILE: "Cosa sarebbe il mondo senza Capitan Uncino?"

Minitina80 23/12/17 09:47 - 2400 commenti

I gusti di Minitina80

Hook appartiene a quella categoria di pellicole in cui Spielberg confronta il mondo dei bambini con quello degli adulti. Non è la prima volta che sottolinea la difficoltà di comunicazione tra i due piani, il dolore del distacco dai genitori e l’importanza di essere tale. Il personaggio creato da Barrie ben si presta a questo genere di argomentazioni dando la possibilità a Spielberg di confezionare un’opera dal tocco fiabesco, senza alcuna particolare velleità di autore se non quella di compiacere un pubblico giovanile.

Jena 24/12/17 17:55 - 1219 commenti

I gusti di Jena

Fra i più fiacchi Spielberg di sempre. Qui il nostro si fa troppo prendere la mano da buonismi, carinerie e dalla voglia di piacere alle famiglie (con conseguenti lauti incassi, che però non ci furono). Certo, è sempre Spielberg e non mancano i momenti divertenti: l'inizio con Robin Williams, sempre bravo, riluttante Peter Pan quarantenne, oppure il Capitan Uncino di Dustin Hoffman (l'interesse nel film è sempre risvegliato dalla sua presenza). Né mancano gli effetti speciali (belli i voli di Peter). Guardabile, un po' noiosetto.

Buiomega71 28/12/17 14:00 - 2298 commenti

I gusti di Buiomega71

Quando Spielberg gioca a fare il melenso (vedi anche l'episodio poco riuscito de Ai confini della realtà) manca totalmente il bersaglio. Se la voglia di tornare ragazzino in E.T. partoriva meraviglie, quì si impantana in una zuccherosità eccessiva, irritante e artificiosa. Dall'odioso Peter Pan di Williams fino allo stucchevole e insopportabile Campanellino della Roberts. Maestose scenografie simil Gilliam servono a poco, se non ad aumentare il senso di baracconata caramellosa da far venire il diabete a Walt Disney. Quasi nulla si salva, nel pacchiano bubble gum spielberghiano.
MEMORABILE: Le smorfiette di Capitan Uncino/Dustin Hoffman; I ragazzini che sembrano parenti stretti dei Goonies; Le scenografie pompose della nave.

Anthonyvm 20/06/19 11:04 - 2137 commenti

I gusti di Anthonyvm

L'idea di partenza che vede un Peter Pan cresciuto e dimentico del proprio passato è ottima; purtroppo lo script è lacunoso, lasciando svariati buchi e un certo senso di incompletezza (specialmente nella parte centrale, centrata sui bimbi sperduti e non molto divertente). Riuscitissime le sequenze con Hoffmann, un capitan Uncino sopra le righe e malignamente brillante. Non entusiasmante il resto del cast (Williams se la cava ma quello di Peter non è il suo ruolo migliore). Film assai imperfetto, eppure scorrevole, sontuoso, a tratti magico.
MEMORABILE: Il rapimento dei bambini; Le sequenze sulla nave di Uncino; Il flashback di Peter e Wendy; Il bimbo grasso che atterra pirati rotolando; Il finale.

Noodles 5/03/20 15:18 - 952 commenti

I gusti di Noodles

Versione semi-rivisitata e ipertrofica del classico Peter Pan, a cui questo lavoro nulla di interessante aggiunge se non vagonate di personaggi inutili ed effetti stucchevoli. Il film si avvale di un ottimo cast ma sembrano tutti fuori posto, compreso il protagonista Robin Williams, qui dimenticabile. Il mestiere di Spielberg c'è, ma c'è anche la sua ben nota propensione alla commercialità, di cui tutta la pellicola è permeata. A tratti un film insopportabile. Da perdere ostinatamente.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.