LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/10/19 DAL BENEMERITO DIGITAL
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Gabrius79 13/10/19 23:08 - 1230 commenti

I gusti di Gabrius79

Michela Andreozzi dirige questa pellicola che mescola commedia e azione ambientandola (attraverso una buona ricostruzione) negli anni ‘80. I momenti divertenti sono contati ma poco importa perché la storia, che all’inizio fatica a decollare, poi spicca il volo e si fa seguire tranquillamente. Le protagoniste se la cavano bene (forse la Angiolini e la Rossi di più perché meglio servite dal copione) e Argentero si adatta bene al ruolo. Peccato per Max Tortora, che lascia il segno ma appare pochissimo, e per la Sandrelli un po' sottotono.

Digital 13/10/19 11:33 - 1145 commenti

I gusti di Digital

Gaeta, primi anni Ottanta. Quattro donne con vari problemi provano a cambiare la loro vita svaligiando una banca. Commedia che svolge correttamente il compito di far sorridere, senza per questo dimenticarsi di andare a toccare argomenti più seriosi (la crisi economica, la violenza domestica) concedendosi anche una deriva poliziesca (notevole il lungo inseguimento sbirri-ladre). L’amalgama tra le varie componenti è buona, il che rendo questo film piacevole. Nel cast riccamente femminile è la D’Amico a imporsi; odiosa la Pastorelli.

Rambo90 16/10/19 22:40 - 6597 commenti

I gusti di Rambo90

Filmetto piuttosto sciapo, dalla partenza promettente ma che raramente va oltre la macchietta, con improvvisi squarci di drammaticità che stentano a essere presi sul serio, visto il tenore cabarettistico del copione. Nel ricco cast femminile si segnala la Angiolini, anche grazie a un personaggio molto più misurato e verosimile degli altri, mentre Argentero si avvia sempre di più a una piena maturità espressiva. Ritmo abbastanza spedito, ma lascia poco soddisfatti. Regia mediocre.

Graf 20/10/19 23:25 - 706 commenti

I gusti di Graf

Quattro ragazze nella Gaeta degli anni ’80, tra problemi familiari e disoccupazione strisciante, decidono di rapinare le banche vestite da uomini per conquistare un futuro migliore. Commedia e noir, attenta analisi di un preciso ambiente sociale e inseguimenti polizieschi, sagace studio di caratteri e indagini gialle; il film mette molta carne a cuocere ma il piatto finale è gradevole, benché dal sapore non molto omogeneo. Regia corretta al servizio dell'attenta recitazione delle quattro attrici protagoniste. Solo delle macchiette i personaggi secondari.

Nando 5/02/20 01:51 - 3512 commenti

I gusti di Nando

Ispirata da una vicenda reale francese, la pellicola ambientata a Gaeta offre, nonostante l'ambientazione anni 80, la difficoltà di quattro donne nell'affrontare la vita reale e quindi si sceglie la via delle rapine, con fortune alterne. Discreta l'indagine sulle violenze domestiche, brava la Rossi e sul lavoro casalingo con una Sandrelli che genera sempre allegria, in parte Ambra e brava la D'Amico; l'unica inutile appare la Pastorelli. Argentero pecca nel finale buonista.

Puppigallo 30/04/20 19:45 - 4563 commenti

I gusti di Puppigallo

Un maldestro tentativo di trattare argomenti familiari seri, mischiato con la commediola, tendente a scivolare quasi nel demenziale, sono gli ingredienti che danno vita a questo minestrone piuttosto indigesto. Se poi si aggiungono anche personaggi di contorno abbastanza pietosi, come il direttore di banca e la segretaria del commissario (un baffuto Argentero messo lì per presenza e nome), il risultato non poteva che essere misero, pretenzioso e stonato, danneggiato soprattutto dal voler percorrere troppe strade. Evitabile.
MEMORABILE: L’autista, amico di una delle rapinatrici, quando le vede camuffate, commenta: "Azz... i Duran Duran"; Il poster di Borotalco.

Galbo 28/12/20 06:59 - 11544 commenti

I gusti di Galbo

Commedia criminale al femminile, ispirata ad una vicenda realmente accaduta in Francia. La Andreozzi dirige un cast di attrici italiane piuttosto ispirate che tentano di limitare le carenze di una sceneggiatura che si muove in un territorio limite tra il brillante e il drammatico, con alcune pretese di critica di costume sul ruolo marginale della donna. Al netto della discreta realizzazione tuttavia, raramente il film è incisivo e gli spunti brillanti non sono adeguatamente sviluppati, risultandone un opera ibrida alla lunga piuttosto noiosa. 

Ultimo 23/01/21 12:30 - 1425 commenti

I gusti di Ultimo

Una commedia semplice semplice, costruita su misura per le protagoniste, amiche da una vita che si improvvisano rapinatrici di banche. Il film scorre tutto sommato bene, senza particolari colpi ma anche senza momenti morti, così da raggiungere la piena sufficienza. Bene la Angiolini e la Pastorelli, nella norma le altre. Argentero ha vissuto momenti migliori. Da segnalare l'inseguimento dopo la prima rapina come momento migliore.

Luca Argentero HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Kaciaro • 23/10/19 16:44
    Galoppino - 483 interventi
    commediola da 2 lire non c'e niente di interessante se non l'ambientazione in una buia Gaeta anni '80, spreco totale di attori...
  • Curiosità Fedemelis • 8/12/20 16:07
    Fotocopista - 1846 interventi
    La rivista che Maria (Rossi) compra con tanta felicità dalla cresta sulle 10.000 lire della spesa è il settimanale Grand Hotel n.3 uscito il 20 gennaio 1977:

    [img size=424]https://www.davinotti.com/images/fbfiles/images54/granho1.jpg[/img]

    Rivista un po' datata essendo esposte nella bacheca del cinema più in là nella storia le locandine di Borotalco e Pierino colpisce ancora  del 1982:

    [img size=424]https://www.davinotti.com/images/fbfiles/images54/granho2.jpg[/img]
  • Curiosità Galbo • 28/12/20 06:54
    Consigliere massimo - 3815 interventi
    Film ispirato a una storia realmente accaduta in Francia alla fine degli anni Ottanta: cinque amiche di Avignone, ragazze madri tra i venti e i venticinque anni ribattezzate dalla stampa le amazzoni o le mamme rapinatrici  misero a segno diversi colpi a mano armata prima di essere arrestate e condannate, nel 1996, a pene lievi tra i 6 e i 18 mesi di detenzione.

    Fonte: Wikipedia