LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 1/06/09 DAL BENEMERITO AAL
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Aal 16/08/09 01:35 - 322 commenti

I gusti di Aal

Film introvabile e cult assoluto. La cartomante e vedova Lucia Bosè cerca di sbarcare il lunario predicendo il futuro. Il lunatico figlio (Maurizio Degli Esposti) però possiede davvero poteri soprannaturali e se ne serve impulsivamente per soggiogare le sue vittime, scatenare forze oscure, provocare fenomeni incontrollabili e isteria di massa. Un film surreale ed ammaliante, criptico e iquietante, bellissimo, da recuperare assolutamente.
MEMORABILE: Durante uno stato di trance Lucia Bosè inizia a sputare rane (vive) dalla bocca, mentre risuona ossessiva la nenia di uno scacciapensieri.

Wonka 7/12/09 23:12 - 31 commenti

I gusti di Wonka

Film raro assurto a ruolo di cult. Mi ha lasciato un po' perplesso. Non si capisce bene (o perlomeno io non lo capisco) in che direzione si muova. Alterna momenti lineari, calmi, con passaggi stranianti, ermetici in un crescendo surreale, fino alla fine (criptica come buona parte del film). Manca qualcosa: una recitazione più viva, un soggetto reale da seguire.
MEMORABILE: La danza "rituale" al suono di violino con conseguente fuoriuscita di rane dalla bocca della Bosè. I 10' finali.

Brainiac 21/12/09 08:45 - 1083 commenti

I gusti di Brainiac

Insolito, visionario, possente questo Arcana. Questi è un Lynch ante-litteram che si diploma in surrealismo italiano. O un Elio Petri che si laurea in storia e critica del cinema horror. Ma le definizioni, per quanto ingegnose, non possono riprodurre lo straniamento provocato dal fascino tenebroso di una pellicola in cui si associano frustate di critica sociale (il padre morto in galleria) ed ombre sovrannaturali degne del mistery più conturbante. Non tutto verrà svelato, il puzzle non sarà ricomposto appieno, ma la visione è consigliatissima. Inquietantissimi fantasmi, Questi.

Fauno 6/03/10 11:22 - 1936 commenti

I gusti di Fauno

Ci sono due alternative: o si fa un'opera concreta o si fa un'opera visionaria. Invece questo film parte col massimo della concretezza e il primo tempo è veramente godibile e attendibile, poi stranamente tutto vira verso la visione, non si capisce fino a che punto le forze occulte la facciano da padrona e la carica del film scema fino a collassare. Subentrano le allegorie o le metafore alla Jodorowskji prima maniera e non si capisce neanche più chi, come e perché muoia e che cosa c'entrino rivoluzione e repressione. Peccato davvero!
MEMORABILE: La bellezza, l'espressività e il carisma di Degli Esposti battono nettamente quelli della Bosè.

Lucius 19/04/10 02:00 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Un'opera nera che sa di neorealismo, fatta con pochi mezzi ma realizzata con talento registico. Il film è un nero maledetto, che ci parla di malocchi, cartomanzia, esorcismi e magia nera. La colonna sonora è minimalista ma capace di incutere terrore. Un film insolito nella sua fattura. Da riscoprire.

Daidae 1/08/10 19:50 - 2763 commenti

I gusti di Daidae

Film che si pone a metà strada... né troppo bello, né troppo brutto. Considerato un cult per via della sua (ex) rarità, si tratta di un'opera che mischia tutto: credenze religiose, superstizione critica sociale, paranormale. Potrebbe anche essere interessante, ma in certi momenti risulta incomprensibile e anche noioso.

Ciavazzaro 28/12/10 20:56 - 4766 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Curioso, oscuro, inquietante: questi sono alcuni degli aggettivi che più si adattano a questo film. Oscuro in tutti i sensi (sia per la rarità, sia per la storia), allo spettatore non è dato sapere quasi nulla e questo rende la visione molto più inquietante. Lucia Bosè è di una bravura unica, fragile (in senso buono) la Aumont. Un film che non si dimentica e che conserva per tutta la sua durata un senso di ansia e angoscia.

Trivex 31/12/10 17:12 - 1508 commenti

I gusti di Trivex

I primi 60 minuti sono da quattro pallini pieni. Scuro e minaccioso, le tetre cerimonie magiche fanno la loro impressione. Ci sono poi scene molto forti (la madre legata al letto e sfiorata in parti sensibili dal coltello), collocate perfettamente nell'ambiente perennemente malato, a volte degenerato (qualche momento ambiguo, nella complicità tra donna e figlio). Dall'insulso volo dei piatti, le cose cambiano un po', non certo in meglio. Troppo lunghe le scene surreali, anche se hanno il loro perché (la metro rossa, fermata De Angeli e la sua oggettistica).

Ducaspezzi 23/09/11 19:29 - 222 commenti

I gusti di Ducaspezzi

Il film lascia a mezz'aria quesiti che non accondiscendono a risposte. Queste diraderebbero la carica malsana che ha generato quelli, in forza di immagini, sequenze, onirismi, compenetrazioni tra reale ed esoterico che mirano a dare scorci distorcenti di fatti "normali", a cui non viene concesso che il risalto di riposti tratti angosciosi, malfermi, inquieti, onirici, che non trovano soluzione ma solo un' obliqua espressione. Madre chiromante e un figlio-entità. Madre e clienti. Figlio e clienti. Madre morbosa, figlio, padre morto. Esoterico!
MEMORABILE: I misteriosi bambini del condominio e la sulfurea alleanza tra questi ed il figlio della chiromante.

Homesick 13/05/12 16:59 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Disorganico e barcollante, risente in negativo della cesura tra la prima parte, scrupolosa osservazione antropologica degli emigrati meridionali nella metropoli del Nord, e la seconda, pastiche esoterico fine a se stesso concluso da un inatteso epilogo da cinema politico-civile; in tal caso Questi si destreggia con sequenze visionarie ed immagini surrealiste (l’asino issato sul tetto, le rane dalla bocca), valorizzate dal competente montaggio di Franco Arcalli, anche sceneggiatore. Gli occhi profondi e spauriti della Aumont vincono sulla maschera un po’artefatta della Bosè.
MEMORABILE: La levitazione delle stoviglie; il rito al suono del violino tzigano; l’asino issato sul tetto; le rane dalla bocca.

Pigro 4/04/13 08:58 - 7924 commenti

I gusti di Pigro

La magia arcaica e terrigna di un meridione lontano fa breccia pasolinianamente nel cunicolo di palazzoni di periferia di una Milano cementata e sventrata da una metropolitana infida. Potente l’intuizione da cui parte la storia della sensitiva (che simula in cerca di emancipazione) e del figlio inquieto (che vuole recuperare i segreti ancestrali): dalla spietata fenomenologia di una borghesia cittadina indagata in primissimi piani da docufilm, si rotola verso una visionarietà delirante e sempre più rarefatta fino a una sorta di annientamento.

Bruce 13/05/13 12:44 - 1006 commenti

I gusti di Bruce

Lungo il sottile filo che lega genialità e follia. Interessante esperimento cinematografico e autoriale, girato da Questi in una Milano "meridionale", lurida e sofferente, lacerata dagli scavi sotterranei per la metropolitana e dalla miseria. Lucia Bosé è magnetica ma anche il figlio Degli Esposti regge ottimamente la parte. Tante stranezze in un film fatto più di visioni che di trama. Sicuramente originale, confuso e surreale. Ottima la musica.

Giùan 21/07/13 06:58 - 3056 commenti

I gusti di Giùan

Tra i risultati più longevi dello sperimentalismo italiano anni ’70, il film di Questi possiede il rarissimo fascino dell’inquietudine. Lo scuote da cima a fondo un atmosfera perturbante, l’accumulo dei cui elementi (antropologici, socio-culturali, sessuali, politici) non collassa mai, potenza del montaggio esoterico di Kim Arcalli e del coreutico score di Grano/Pisano. Trasfigurato, ellittico, allucinato, a tratti di claudicante surrealismo, ma sempre lucido e autenticamente ispirato. Bosè/Degli Esposti di negromantica bellezza e carisma. Bravo Giulio!
MEMORABILE: “L’assalto” notturno di Degli Esposti alla Bosè; I ragazzini sul pianerottolo; Gli occhioni di Tina Aumont; La litania cantata ondeggiando.

Maik271 13/01/14 16:39 - 436 commenti

I gusti di Maik271

Considerato erroneamente un b-movie, ha invece la bella e originale idea di sfruttare le credenze popolari nella borghese Milano mescolate alle ataviche pratiche magiche del meridione d'Italia da cui provengono i due protagonisti. Alcune scene sono riuscitissime, altre sono fin troppo, per me, ermetiche. Bello il caos finale. Sicuramente da rivedere per conglierne ulteriori sfumature.
MEMORABILE: La Bosé sputa rane vive dalla bocca!

Schramm 28/04/14 13:36 - 2454 commenti

I gusti di Schramm

Proprio mentre sembra tracciata una mappa di disordini antropologici, a Questi prende il ticchio di coniugare il paranormale col parafascismo, il folklore col surrealismo, la metro si fa inconscio collettivo della patria, lo schermo si fa madido di ermetismi impenetrabili e inconcludenti vaneggiamenti, di bunuelismi raccogliticci, di una visionarietà nubivaga e sagomata a singhiozzo capace di suggestionare ma sostanzialmente priva di forza evocativa, le immagini diventano fondi di caffé che lo spaesato, bluffato e irritato spettatore è chiamato a frugare e interpretare senza cavarci le gambe.

Myvincent 25/04/14 08:05 - 2608 commenti

I gusti di Myvincent

Maledetto e contraddittorio, il film incuriosisce e respinge nei suoi contenuti, raccontando le gesta di una cartomante-fattucchiera da poco e del suo figlio problematico. Un'opera irrisolta, con un secondo tempo confuso e allegorico che forse vorrebbe ispirarsi ai grandi registi neorealisti, ma alla fine convince poco e fa un buco nell'acqua.

B. Legnani 25/07/15 15:46 - 4790 commenti

I gusti di B. Legnani

Sarà sicuramente un mio limite, ma del secondo tempo non ho capito assolutamente nulla. Peccato, perché i primi cinquanta minuti sono molto interessanti e promettono qualcosa che poi il film non mantiene, disperdendosi in fatti e concetti chiari decisamente ai meno. Bravissima la Bosè (ma forse un po' troppo signorile per il ruolo della cartomante meridionale). Nel secondo tempo, in mancanza d'altro, ci si perde, come sempre, negli occhioni della Aumont.

Undying 16/01/16 15:47 - 3839 commenti

I gusti di Undying

Indisponente, fastidioso e altamente noioso, non soltanto per quanto è brutto. Un po' ovunque osannato, è un raro esempio di cinema incomprensibile che si fa seguire solo per vedere fin dove può arrivare il nonsense narrativo. Ché parlare qui di sceneggiatura, scenografia e dialoghi è proprio cosa inadeguata. Certa polemica politica (i fascisti nel finale) appare forzata anche per allora. I protagonisti e le comparse non hanno atteggiamenti sensati e parlano come automi meccanici. Cinema destrutturante veramente (de)genere, non adatto ai più...
MEMORABILE: Gli invalidi espulsi dall'Inps; Le rane uscite dalla bocca della Bosè; L'asino issato sul casolare; Lo schiaffo di Maurizio a un cliente della madre.

Rufus68 30/05/17 23:59 - 3155 commenti

I gusti di Rufus68

A tratti affascinante, a tratti solo strambo. La potenza tellurica del Sud, umiliata dal progresso (la madre cartomante che svende saperi millenari) e parodizzata dalla nuova potenza ctonia (la metropolitana, che esige anche il tributo di sangue del paterfamilias), risorge alla vita grazie a un nuovo sciamano (bravo Degli Esposti, sorta di indiano metropolitano). Lo sviluppo della tesi è, però, discontinuo e sacrifica progressivamente al surreale la coerente unità dell'opera. Da vedere, comunque.

Bubobubo 1/09/18 10:26 - 1231 commenti

I gusti di Bubobubo

Dalle condotte fognarie sale perturbante un virus: è arrivato l'irrazionale nella compunta Milano. Il cavallo pazzo Questi, già autore di interessantissime (anche se del tutto imperfette) pellicole di genere, firma la sua opera più criptica e affascinante, surrealismo magico dagli evidenti risvolti politici. È un film sconclusionato? A tratti. È vero che da un certo punto in avanti non ci si capisce più niente? Sicuramente. Ma è questo suo carattere anarchico e inafferrabile a catturare lo spettatore.

Il Dandi 5/10/20 00:27 - 1855 commenti

I gusti di Il Dandi

Ultimo frutto della collaborazione fra Giulio Questi e Kim Arcalli, assurto a fama di film "maledetto" e non solo per la sua sfortuna distributiva e per i tagli subiti. Si intercetta lo zeitgeist fra stregoneria e folklore meridionale tanto da far impallidire la maciara di Fulci e lo si fa covare fra le gallerie della metropolitana per emergere in una periferia milanese da romanzo popolare. Il risultato è tra i più visionari, perversi e malati film italiani del genere; ma al risultato, pur fascinoso, non avrebbe guastato una maggiore concretezza.
MEMORABILE: Le riprese rubate tra la folla a mo' di candid camera; La Bosé che sputa rospi.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Musiche Ciavazzaro • 12/10/11 20:51
    Scrivano - 5612 interventi
    Grazie per l'interessante link !
  • Discussione Fauno • 12/10/11 21:21
    Contratto a progetto - 2542 interventi
    Visto il caos vedrò quanto dura la mia, che dovrebbe essere uncut. FAUNO.
  • Discussione Kanon • 12/10/11 21:55
    Fotocopista - 816 interventi
    Aal ebbe a dire:
    Ciao,
    se a qualcuno interessa, ho scovato questo sito che è una vera miniera d'oro: http://www.myduckisdead.com/
    Colà, c'è il link alla versione, credo, uncut di Arcana (http://www.myduckisdead.com/2010/12/arcana-1972-giulio-questi.html). Dovrebbe essere quella restaurata dal CSC, il running time è 145 minuti.


    Veramente ne indica 105, di minuti. Di tanto in tanto ne ho usufruito di quel sito.
  • Musiche Pigro • 3/04/13 15:37
    Consigliere avanzato - 1494 interventi
    La registrazione del tema rituale col violino (quello del ballo in cucina mentre si vede l'asino issato e le rane che escono dalla bocca di Lucia Bosè) "fu fatta dal regista anni fa in Macedonia, durante i riti degli anastenaridi che passeggiano sul fuoco senza bruciarsi" (Tullio Kezich, Corriere della sera).
  • Discussione Schramm • 11/04/14 13:46
    Risorse umane - 6724 interventi
    Samtam90 ebbe a dire:
    Dubito che invece si riesca a reperire la versione da 111' mandata in onda al Trevi anni fa.

    però attenzione, bisogna tenere conto che si tratta della rt di una pellicola. facendo una botta di sottrazioni (2' e 30'' in meno per ciascuna ora) col reverse vhs da 105' grossomodo dovremmo esserci quanto a integralità...
  • Discussione Buiomega71 • 11/04/14 13:54
    Pianificazione e progetti - 22125 interventi
    Visto che la vhs italiana NON E MAI esistita (che poi, all'epoca delle tv selvagge regionali, il film di Questi passava regolarmente, per poi scomparire misteriosamente), attendo che qualcuno lo riversi in dvd (CineKult?), essendo film da me ricercato da secoli (senza successo)
  • Discussione Trivex • 11/04/14 15:41
    Segretario - 1301 interventi
    La prima parte è notevolissima, poi, a mio avviso, cala un po'.

    Ma è senza dubbio un film da recuperare.
  • Discussione Mco • 11/04/14 15:52
    Scrivano - 9687 interventi
    Il film è comparso nei palinsesti notturni di Ab Channel lo scorso anno, non so in quale versione.
  • Discussione Quidtum • 11/04/14 17:08
    Servizio caffè - 2188 interventi
    Più che altro il film è apparso grazie al regista, che ha fornito un telecinema.
    Ultima modifica: 11/04/14 17:08 da Quidtum
  • Discussione B. Legnani • 25/07/15 15:40
    Consigliere - 14005 interventi
    Visto. Del secondo tempo non ho capito nulla. E intendo "nulla" non per dire "poco", ma per dire "zero assoluto".
    Se qualcuno vuole spiegarmi qualcosina, gliene sarò grato.