Il diavolo veste Prada

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Lo trovi su

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Commedia tutta al femminile che ruota attorno al rapporto tra una giovane ragazza spigliata (Anne Hathaway) e il mondo della moda che inizialmente gli è distantissimo (alla prima telefonata ricevuta la sentiamo chiedere: “Gabbana con quante B?”). Lei sogna di fare la giornalista, ma il primo incarico che si trova tra le mani è quello di assistente della leggendaria direttrice (Meryl Streep) della rivista di moda “Runway”. Un posto che milioni di ragazze sognano ma che comporta una dedizione totale: Miranda è esigente, esigentissima, fa richieste che pretendono soluzioni immediate! La giovane fatica a decollare, ma una volta entrata nel grande circo non riesce più a rinunciarvi sacrificando amori e amicizia. Tutto ampiamente prevedibile,...Leggi tutto nel film di David Frankel, ma indubbiamente il ritmo è serrato, la sceneggiatura ben scritta e la regia scoppiettante al punto giusto. Grazie anche a un casting perfetto (la Streep è formidabile, la Hathaway dolcissima e Stanley Tucci molto bravo) THE DEVILS WEAR PRADA fila via come un treno sui binari di un’inevitabile banalità che però non ci impedisce di coinvolgerci e farci talvolta sorridere. Quasi una favola alla PRETTY WOMAN, con tanto di strega cattiva (la Streep) e una Cenerentola che dai maglioni di acrilico da supermercato passa agli abiti da principessa delle passerelle. Superficiale, preconfezionato, fin imbarazzante in certi break sentimentali un po' patetici col boyfriend aspirante cuoco. Allo stesso tempo una perfetta dimostrazione dell'efficienza hollywoodiana, nella sua impeccabile confezione. Compare il nostro Valentino.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 23/11/06 DAL DAVINOTTI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Magnetti 7/02/07 09:16 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Il Diavolo veste Prada (titolo da non interpretare in senso letterale ma piuttosto autoironico) è uno di quei film che si vedono volentieri e scivolano via leggeri come un bicchiere di Coca Cola; ad eccezione del personaggio di Meryl Streep, ottimamente disegnato e ancor meglio interpretato. Da non dimenticare anche Stanley Tucci. Anne Hathaway è carina e niente più.

Caesars 9/03/07 12:20 - 3326 commenti

I gusti di Caesars

Niente da dire, questo genere di film gli americani lo sanno fare e anche bene. Tipico esempio di commedia leggera che riesce ad intrattenere gradevolmente senza essere niente di eccezionale. Il merito è sicuramente di una sceneggiatura ben calibrata e di un paio di attori (Meryl Streep e Stanley Tucci) veramente notevoli. Adattissimo per passare due ore rilassati senza pensare ai propri problemi quotidiani.

LEX 2/04/07 11:29 - 49 commenti

I gusti di LEX

Veramente penosetto. Contiene gran parte delle cose che non sopporto della societá moderna e del mondo della moda: capisco che vada visto con leggerezza e preso per quello che é, ma l'abbondanza dei luoghi comuni, la banalitá della storia, i personaggi stereotipati e la "ricchezza" dei dialoghi, sono troppe cose da digerire tutte insieme. Brava la Streep come mostro sacro dell'ambiente "trendy" e gran gnocca l'esile Hathaway: interessante il commento sul maglioncino infeltrito... triste ma vero!

G.Godardi 2/04/07 17:27 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Filmetto leggero leggero in cui tutto va come deve andare. Cioè tutto è di una prevedibilità disarmante. Ma ciò non significa che sia un brutto film, tuttaltro, è un film ben costruito, con una sceneggiatura solida e un cast all'altezza, che oltre ai protagonisti snocciola comprimari gustosi (Tucci e la Blunt). Anche il mondo della moda, più che criticato è omaggiato, e alla fine la figura della direttrice, superba Streep simil Crudelia Demon, è vista come una donna sola resa acida dalla vecchiaia avanzata e dalla conseguente solitudine. Evasivo.

Galbo 4/04/07 05:37 - 11847 commenti

I gusti di Galbo

Simpatica commedia che sarebbe inesistente senza le esilaranti interpretazioni della Streep e di Stanley Tucci. Il tema non è certo una novità, basti pensare a Una donna in carriera di Nichols fatto ormai un bel po' di anni fa, e la sceneggiatura è tutt'altro che impeccabile. Quello che si apprezza sono appunto le interpretazioni. Ideale per un paio d'ore all'insegna del disimpegno puro.

Lercio 4/04/07 11:16 - 232 commenti

I gusti di Lercio

E bene rendersi conto fin dall'inizio che è la solita commedia acida e alla fine succederà più o meno quello che accade nei film di questo genere, ma non è stato presentato come altro. Bisogna scordarsi che non ci sia infilata dentro della morale a buon mercato per farla breve. L'aspetto positivo di questo film ha un nome: Meryl Streep. E' davvero fantastica, e con l'aiuto di un cast più che all'altezza alcune situazioni sono davvero efficaci. Un film banale di lusso, e non solo per i vestiti.

Flazich 26/05/07 14:31 - 659 commenti

I gusti di Flazich

Ma che miseria questo film: una trama a dir poco imbarazzante, le musiche scelte ad hoc, una patinatura d'immagine che si rischia di rimanerci invischiati; insomma una delle tante produzioni americane di cui avremmo fatto volentieri a meno. Il personaggio più imbarazzante è quello interpretato da Meryl Streep: un condensato di stereotipi aziendal-fascisti che più che far sorridere fa venir voglia di spegnere il televisore. Comunque Meryl è molto brava. Anne Hathaway (chissà da dove esce poi?) se non fosse per le tette neppure l'avrei notata.

Homesick 1/07/07 12:01 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Commedia leggerissima, che scorre via come acqua fresca. Trama semplice e lineare, recitazione sobria (molto professionale la Streep, simpatici la Hathaway e Tucci), finale all'insegna dell'umiltà e del rifiuto delle tentazioni 'luciferine' del mondo dell'alta moda. Cameo di Valentino. Puro passatempo.

Deepred89 16/08/07 12:31 - 3484 commenti

I gusti di Deepred89

Commedia brillante, americana al femminile: non si ride mai, si sorride spesso, ogni tanto ci si annoia un poco. La sceneggiatura riesce a dire qualcosa sul mondo della moda, ma non si preoccupa mai di essere verosimile e non evita una ripetitività che rischia di venire a noia. La confezione comunque è ottima: regia veloce e raffinata, montaggio perfetto, musiche azzeccate; ottimo anche il cast (anche se penalizzato dalle mediocri vocette del doppiaggio italiano): perfettamente in parte la Hathaway, bravissima la Streep e ottimo Tucci. Passabile.

Undying 10/10/07 17:16 - 3814 commenti

I gusti di Undying

Il "Diavolo" del titolo è la strepitosa Meryl Streep, nei panni della "cinica" (ma non troppo) Miranda Priestly, direttrice della più celebre rivista à la mode, Runway. Andy (l'altrettanto brava Anne Hathaway) dopo la laurea giunge a New York alla ricerca di un posto come giornalista: finirà sotto la direzione della "diabolica" Miranda. Buona metafora della "crescita" e delle problematiche in ambiente lavorativo, con ironia intrinseca alla sceneggiatura ed analisi, non superficiale, sui perché e percome la Moda sia sinonimo d'Inferno.
MEMORABILE: La sfilata parigina di Valentino.

David Frankel HA DIRETTO ANCHE...

Puppigallo 5/11/07 22:51 - 4853 commenti

I gusti di Puppigallo

Una moderna Crudelia Demon, ma senza i cani da torturare; e così se la prende con quasi tutti quelli che le capitano a tiro, compresa una povera assistente. La tattica della giovane protagonista può essere riassunta così: se stai con lo zoppo, inizia a zoppicare. Brava la Streep (almeno finchè resta una pura carogna), ma anche il suo femmineo stilista. Purtroppo, c’è anche un po’ di pietosa morale spicciola e la sceneggiatura è piuttosto banale e prevedibile nella costruzione della vicenda, che perde inevitabilmente colpi. Il risultato è senza infamia e senza lode. Per chi si accontenta.
MEMORABILE: Lo stilista sull'assistente: "Chi è quel caso disperato? E' per un servizio prima e dopo la cura?"; Sto facendo una nuova dieta efficace, non mangio.

Mfisk 27/11/07 15:11 - 127 commenti

I gusti di Mfisk

Uno di quei film che non hanno alcuna qualità tranne la bravura degli attori e che giustificano così i principeschi cachet che vengono loro assegnati. La trama fila via senza né sorprese né incertezze, prevedibile dall'inizio alla fine; la sceneggiatura offre un esempio di cencellismo applicato (avranno fatto il minutaggio dei temi proposti: spaesamento-lavoro-conflitto-solidarietà-amore-etc.etc?); costumi, scenografie e musiche sono comme-il-faut. Gli attori, loro, sono bravissimi e salvano la pellicola con la loro sola presenza.
MEMORABILE: Il monologo sul maglione ceruleo e la susseguente apparizione della Hathaway in versione modaiola.

Red Dragon 18/12/07 20:54 - 125 commenti

I gusti di Red Dragon

Discreta commedia, di quelle che Hollywood sa confezionare davvero bene. Certo, siamo sinceri... sostituiamo un mostro di bravura come la Streep con un X qualsiasi. Ma anche un grande Tucci e perché no, la dolce Hathaway: diventa un film da bocciare senza esitazione. Però loro ci sono e noi possiamo goderci 90 minuti scorrevoli, forse troppo lineari ma conditi con discreta acredine e un buon polso in regia. L'unica vera pecca del film sono certi moralismi "standard" che portano la parte finale ad essere davvero nauseabonda. Ad ogni modo gradevole.

Redeyes 23/01/08 11:08 - 2289 commenti

I gusti di Redeyes

Ho faticato e non poco a finire di guardarlo: un condensato di tic, luoghi comuni e clichè da capogiro. Per fortuna ci hanno evitato un Tucci estremamente checca isterica, limitandosi alla prima. La Streep è sempre brava, ma ogni singola battuta viene immaginata da chi guarda prima ancora che esca dalla sua voce. Di una banalità disarmante, senza alcun acume né impregnato di solo cinismo (e lo avrei apprezzato molto più della solita ridondante morale!). Si gode solo con i titoli di coda! Negativo.

Kolly 6/09/08 14:55 - 34 commenti

I gusti di Kolly

Un film molto carino e ben curato nonostante sia la solita storia del brutto anatroccolo che diventa un magnifico cigno. Cast molto buono, soprattutto la straordinaria Meryl Streep che indossa particolarmente bene il suo personaggio da strega cattiva. Il ritmo è veloce ma non troppo e riesce a farci seguire il racconto senza annoiare. Una pellicola che vale sicuramente la pena di vedere.

Ciavazzaro 8/09/08 11:40 - 4772 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Discreto. Meryl Streep è una convincente protagonista, ma la trama della ragazza che entra nel mondo dorato della moda e delle riviste patinate è ormai un tema trito e ritrito, così come è scontata la moralina finale. Buona confezione certo, ma niente di troppo esaltante sotto il sole.

Daniela 21/01/09 11:54 - 11417 commenti

I gusti di Daniela

Commedia che ho guardato con interesse perché ritrae un mondo stravagante con personaggi sopra le righe e che avrei pure ricordato senza ignominia se non fosse stato per il terrificante finale (malanno che affligge tanti altri film del genere). Vi immaginate come sarebbe la favola di Biancaneve se ad un certo punto la Matrigna cattiva si rivelasse una bonacciona che finge di essere perfida ma in realtà vuole solo che Biancaneve acquisisca consapevolezza di se stessa, impari a comprendere i veri valori della vita e bla bla bla?

Tarabas 22/01/09 11:51 - 1843 commenti

I gusti di Tarabas

È ambientato in un mondo che, se scomparisse, non mi farebbe versare una lacrima. Questo mi influenza nel giudicare questo film superficiale, vuoto e anche francamente irritante per come glorifica le pseudostars della moda e della stampa patinata. Le parabole "esistenziali" dei personaggi sono meccaniche e ovvie, fidanzato e amici bohemiennes della protagonista sono insopportabili. La Streep sarà anche brava, ma sono arrivato in fondo solo grazie al tasto "pausa" del decoder e a frequenti viaggi verso il ripiano birre del frigo. Glamourous e tanto basta.

Fabbiu 23/01/09 09:18 - 2040 commenti

I gusti di Fabbiu

È una commmedia, ma non è che mi abbia divertito poi tanto, a parte alcune situazioni e qualche battuta. Poi ci sono pause riflessive e momenti sdolcinati un po' pesanti. Sarà tutto il contesto forse un po' troppo femminile, ma ho odiato questo film, ieri sera. Il finale era prevedibile già dal primo quarto d'ora... Antipatia dei personaggi, la stessa protagonista mi è risultata alquanto apatica; moralina fritta e rifritta. Oggettivamente non è mal diretto, ma ciò che è stato proposto non ha riscosso un minimo di interesse, da parte mia.

Brainiac 23/01/09 14:48 - 1083 commenti

I gusti di Brainiac

Rabbia. Ecco il sentimento che mi provocano film del genere, in cui, nonostante il messaggio sia quello di "rimanere se stessi nonostante l'esterno ci dica che siamo sbagliati", si mitizza un mondo ributtante (va bene, i personaggi sono sopra le righe, ma la sensazione di "rampantismo" anni 80 resta eccome). A parte questo non trascurabile aspetto, tra l'altro di gran moda nelle serie Tv Usa (Ally McBeal, Dr. House e via dicendo, dove si deve "primeggiare" a tutti i costi e ci si sbrana per un'avanzamento di carriera), resta una commediola insulsa. Modaiolo!

Stanley Tucci HA RECITATO ANCHE IN...

Pigro 27/01/09 11:49 - 8746 commenti

I gusti di Pigro

Aspirante giornalista diventa segretaria tuttofare della dispotica direttrice di una rivista di moda. La storiella è leggera leggera e ampiamente prevedibile, tuttavia la perfidia di Meryl Streep (in gran forma) e alcuni dialoghi e situazioni frizzanti sollevano il film a un discreto e piacevole livello. Insomma, qui non si parla né di moda né di stampa né di arrivismo né di New York: l'unica vera anima del film è la struttura brillante e i dialoghi vivaci. Simpaticamente superficiale.

Capannelle 2/02/09 08:57 - 4040 commenti

I gusti di Capannelle

Il mondo della moda, quindi il frivolo a gogò (indisponente o brillante a seconda dei gusti) senza alcun pudore. C'è qualcosa oltre alla confezione professionale, all'autoironia abbastanza scontata, ai bravi Streep e Tucci? Forse il personaggio Miranda, che pare trasformarsi da carnefice a vittima lei stessa di un ingranaggio. Per il resto, tra colleghe invidiose, amichetti della Hathaway e moraline in stile americano sulla dedizione al lavoro, le banalità si sprecano.

Supercruel 2/03/09 00:06 - 498 commenti

I gusti di Supercruel

Commediola curata che sotto una patina di (finto) cinismo si lascia ben presto andare ad una brodaglia di buoni sentimenti della domenica. Chi si aspetta un feroce e piccante racconto dello spietato mondo dell'alta moda rimarrà deluso, perché la perfida (e bravissima) Maryl Streep (il "diavolo" del titolo) in fondo ha buon cuore e non vuole male a nessuno (non sia mai!). L'intrattenimento è anche sufficiente ma la profondità è meno di zero. Robetta vuota, risaputa e furbetta.

Stefania 26/12/09 21:26 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Questo film risveglia il Savonarola che è in me: auspico un rogo di cazzate firmate a Times Square, e ci butterei dentro anche la direttora e l'assistente gay. Storia di mal-formazione: una ragazza sveglia si trasforma in una perfetta idiota. Il subdolo addormentamento della sua coscienza è attuato attraverso mortificazioni e lusinghe, fino alla botta finale, quando il Diavolo indossa l'ultima maschera, quella del mentore buono. Pinocchio diventa burattino, anzi manichino. Potabile solo come favola. Ovviamente, nera!

Belfagor 28/12/09 15:50 - 2652 commenti

I gusti di Belfagor

Commedia poco divertente, che fa affidamento sul talento di Meryl Streep, stavolta nelle vesti della perfida manager. Il problema è che la sua presenza offusca gli altri personaggi (escluso l'istrionico Tucci) e la commedia perde di tono quando non è sullo schermo. Il film procede in modo discontinuo, fino ad un finale poco consistente e poco convincente. Brava, comunque, la giovane e promettente Hathaway. Due pallini.

Pinhead80 21/11/10 23:35 - 4276 commenti

I gusti di Pinhead80

Il film si regge interamente sulla straordinaria interpretazione di Meryl Streep, che giganteggia nella sua splendida perfidia. Il ruolo della Streep schiaccia (sia nel film che nell'interpretazione) la Hathaway sotto a un rullo compressore. Gli abiti esibiti durante il film saranno apprezzati soprattutto da un pubblico femminile appassionato di moda.

Didda23 4/05/11 21:02 - 2352 commenti

I gusti di Didda23

Commedia frizzante e divertente, "Il diavolo veste Prada" si fa apprezzare soprattutto per la notevole prova di tutto il cast (la Streep sovrasta tutti, ma anche Tucci è molto bravo). Il tono scanzonato e leggero conferisce alla pellicola la giusta brillantezza. L'intrattenimento è garantito, sicuramente non ci si annoia. Non male, dopotutto!

Mutaforme 30/11/11 23:48 - 402 commenti

I gusti di Mutaforme

Brillante e ironica commedia in cui un'ottima Meryl Streep interpreta alla perfezione il personaggio del capo che "deve" trattare male i propri sottomessi, mentre questi ultimi si sbattono per soddisfare i bisogni più assurdi. Buono il ritmo, che non concede mai pause, non troppo originale ma discreta la sceneggiatura.
MEMORABILE: "Non essere sciocca, tutti vogliono essere noi".

Giùan 10/05/12 19:00 - 3664 commenti

I gusti di Giùan

Discreto nel dettare i ritmi da commedia, giustamente sfarzoso e vanesio nella confezione, decisamente superiore per qualità dei protagonisti (Tucci e la Streep in particolare han modo di estrarre dal cilindro interpretativo un paio dei loro istrionici conigli). Dove la trasposizione di Frankel stona, inducendo a una certa fastidiosa orticaria, è nella posticcia moraletta perbenista, assolutoria e conciliante. Più gustoso e anche meno ripetitivo nelle situazioni, sarebbe stato praticar il terreno della favola nera; ma si sa, ciò è chimera.
MEMORABILE: Il visino smunto e triste, per una volta sopportabile, di Anne Hathaway; La perfetta sintonia di sguardi in tralice e battute sferzanti di Meryl Streep.

Roger 23/10/12 03:09 - 143 commenti

I gusti di Roger

Il film è praticamente Meryl Streep e l'unica cosa che rimane è il sadismo e la perfidia con cui tratta i dipendenti (la cattiveria diverte e paga sempre...), ovvero un subdolo elogio al potere (più ancora che al successo) che per il resto del film si cerca di contrastare con facili moralismi sull'importanza degli affetti, vita privata, scotto da pagare per il successo eccetera eccetera. Nevrotizzante...
MEMORABILE: ...tutti vogliono questa vita, tutti vogliono essere noi...

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Gugly 4/01/15 23:12 - 1054 commenti

I gusti di Gugly

Direttrice dispotica schiavizza il personale ma... dove sta la novità? Pare che il personaggio della Streep sia vagamente ispirato alla mitica Anne Wintour, ma i capi superpretenziosi esistono in molti ambiti professionali, la differenza qui la fanno i dialoghi brillanti e la patina ultraglamour; la Streep è praticamente una Crudelia rassegnata che ama "scuoiare" modelle e sottoposti, la Hathaway ha il ruolo ingrato del personaggio più ovvio e debole. Ok, adesso devo andare, mi è venuta voglia di shopping...
MEMORABILE: (A Miranda distrutta per questioni personali): "Posso fare qualcosa per te?" "Sì, il tuo lavoro".

Yamagong 10/01/15 16:45 - 274 commenti

I gusti di Yamagong

Frivolo, vacuo, fondamentalmente inutile. Ma d'altra parte, Il diavolo veste Prada sa anche essere un'utile rassegna dei futili totem del mondo occidentale ricco: il fashion victimism, la smaniosa aspirazione alla noia del lusso, il fascino per la subordinazione più umiliante (cosa oggi facilmente rintracciabile in qualsiasi reality o talent di sorta). La Streep, quasi sublimata nelle fattezze di Miranda Priestly, è indubbiamente il pezzo forte di tutto il lotto. Sorprendente il finale, molto più realista del previsto. Sbiadita la Hathaway.

Piero68 7/04/15 10:40 - 2866 commenti

I gusti di Piero68

Commedia generazionale che una decina di anni fa sbancò i botteghini regalando sogni patinati alle allora 20enni, americane e non, che cercavano di cavalcare il sogno del momento: lavorare nel campo della moda. Indubbiamente affascinanti le mise della Hathaway e della Streep che però cozzano contro la mancanza di una sceneggiatura valida. Donne in carriera e problemi di cuore gli unici argomenti che alla fine vengono fuori, a dispetto delle enormi potenzialità che poteva avere un film del genere. Buono il cast, con un Tucci sempre smagliante.

Zio bacco 14/10/15 21:48 - 240 commenti

I gusti di Zio bacco

L'idea alla base, ossia quella di concepire un film sull'arrivismo lavorativo, sul mondo della moda e, più latamente, sulle donne in carriera, non è certo innovativa. Nondimeno poteva essere un'ottima occasione per creare un film estremamente cinico e crudo, senza troppi fronzoli. In realtà lo si ricorda quasi solo per l'ottima interpretazione della Streep, tirata a lucido e in una delle sue migliori prove. La storia è fin troppo patinata e il finale ricco di insegnamenti morali è insopportabile. Molto bravo pure Tucci. Per il resto perdibile.

Lou 17/10/15 17:37 - 1079 commenti

I gusti di Lou

Tra i punti di forza di questo film di grande successo vi sono sicuramente il ritmo incalzante e la brillantezza dei dialoghi, ma indubbiamente ad aggiungere valore contribuisce la bravura della grande Streep nell'interpretare la perfida Miranda, direttrice della più importante rivista di moda di New York. Ottimamente in parte anche Anne Hathaway in versione acqua e sapone. Lo sguardo ironico e dissacrante sui parossismi del mondo della moda si rivela efficace e divertente.

Parsifal68 7/06/16 16:13 - 607 commenti

I gusti di Parsifal68

Commedia americana di grande successo che strizza l'occhio alle commedie di Blake Ewdards, solo che al posto della divina Hepburn c'è un'irritante Hathaway: zuccherosa, fastidiosa, anche un po' "scema" direi. Per fortuna c'è la recitazione strepitosa di Meryl Streep, che qui dimostra tutto il suo enorme talento anche in un ruolo all'apparenza semplice. Molto bravo Stanley Tucci, un attore spesso relegato a ruoli da comprimario. In sostanza un buon film, molto chic nella confezione e furbetto quanto basta.

Almicione 21/09/16 01:57 - 765 commenti

I gusti di Almicione

Un'apprezzabile critica a un certo sistema, a un certo modo di vivere e vedere il mondo, che in pratica è condiviso da tutta la società di affari e successo. Tuttavia, mi aspettavo un appunto a quell'immensa buffonata che è il mondo della moda, che a tratti viene persino esaltato. A ogni modo il film non è niente di spettacolare, non contiene niente di memorabile e non merita una seconda visione. Streep non mi fa impazzire, così come nessuno del cast. In realtà, nonostante la sua fama, è un film piuttosto ordinario.

Josephtura 20/03/17 17:19 - 187 commenti

I gusti di Josephtura

Commedia che guardo sempre volentieri. Pulita, brillante e credo meno superficiale e patinata di quanto possa apparire. Un po' come il mondo in cui è ambientata. In cui tutti si parlano con "carineria" e, neanche tanto nell'ombra, fanno volare mannaie. Da un certo punto di vista sono sempre stupito di quanto poco siamo recettivi riguardo al modo "americano" nella gestione del personale. Qui siamo sicuramente al paradosso, ma qualcosa di buono c'è. Nel suo genere gran film.
MEMORABILE: Di fronte a due cinture per "tutti" uguali la Streep dà lezione su cosa sia l'industria della moda.

Modo 22/04/17 22:41 - 887 commenti

I gusti di Modo

Commedia riuscita e simpatica. Come non rimanere entusiasti dalla prova di Meryl Streep (qui strepitosa nel suo sadismo)? Non sfigura neppure, nel ruolo di giovane rampante impacciata, la bella e dolce Anne Hathaway. La trama è molto semplice ma a suo modo rispecchia il mondo dell'alta moda e lo esalta all'estremo. Se si superano certi momenti esageratamente frivoli il film è godibile.

Noodles 11/09/19 23:17 - 1460 commenti

I gusti di Noodles

Titolo intelligente per una commedia molto ambigua, che ci porta nel mondo vacuo della moda, prendendolo in giro ma allo stesso tempo mostrandocelo come un mondo dorato. Non si capisce bene da che parte stia insomma. Però la storia non è male e scorre senza mai annoiare. Recitato non troppo bene, tranne per la straordinaria prova di Meryl Streep, perfetta in ogni singolo fotogramma. Su di lei alla fin fine si regge l'intero film. Finale un po' deludente.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Paulaster 10/03/20 10:08 - 3591 commenti

I gusti di Paulaster

Neofita della moda diviene assistente della direttrice più importante. Plot classico in cui l'imbranata ce la fa, con sfilata di tutti i nomi e marchi che contano come in un gigantesco spot per il mondo del fashion. Chiaramente indirizzato a un pubblico femminile, il film ha buon ritmo nella prima parte anche grazie a musiche accattivanti. Ultimo segmento prevedibile con parentesi sentimentale inutile e chiusura che suona falsa. Streep discreta ma si ripete un po', Hathaway nella norma, bene Tucci. Cameo dello stilista Valentino.
MEMORABILE: L'inedito di Harry Potter; L'incidente di macchina; Le due cinture uguali e seguente lezione sugli stilisti.

Gestarsh99 12/03/20 16:35 - 1392 commenti

I gusti di Gestarsh99

Pettinata celebrazione del praticantato rotocalco-fashionistico in fogge sartoriali vagheggianti il mito letterario di Goethe. La perenne fagocitazione faustiana è qui leziosamente strapiombata nella melassa rosacea e compiacente di una soap-comedy riempisala sul gavettismo più trafelante e stacanovistico, con l'imperìta tirocinante scortata di gran passo dal suo ingresso carponi nel foyer magaziniero al congedo balzelloni verso lidi editoriali meno diabolici e svendenti. Ritmato, telegenico, buonisticamente rincuorante: scommessa a occhi chiusi nelle prime serate del gossippòdromo televisivo.
MEMORABILE: Le iniziali occhiatacce di commiserazione della Streep alla sprovveduta neoassunta Hathaway.

Androv 29/03/22 17:17 - 119 commenti

I gusti di Androv

Film decisamente riuscito. Una commedia graffiante sull'assurdità del mondo della moda e delle personalità completamente fuori di testa che lo popolano. Il film è frizzante e brioso, senza cali di interesse, dominato da interpretazioni eccelse (su tutti Streep, in uno dei suoi ultimi grandi ruoli, e Tucci). Da vedere senza troppi pensieri, lasciandosi coinvolgere in una storia paradossale e riuscita.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Ruber • 25/09/10 16:28
    Contratto a progetto - 9128 interventi
    Il film, che a sua volta è tratto dal libro di Lauren Weisberger, si ispira molto alla vita professionale della potente direttrice di Vogue America, la terribile Anna Wintour.

    La Weisberger era al tempo una fedele collaboratrice molto vessata della Wintour a Vogue.
  • Musiche Lucius • 13/06/11 21:46
    Scrivano - 8810 interventi
    Nella soundtrack i brani di Madonna "Jump" e "Vogue", quest'ultimo a sottolineare il collegamento diretto con la rivista.
    Ultima modifica: 18/05/20 12:59 da Lucius
  • Homevideo Gestarsh99 • 14/08/11 14:49
    Scrivano - 19934 interventi
    Disponibile in edizione Blu-Ray Disc per 20th Century Fox:



    DATI TECNICI

    * Formato video 2,35:1 Anamorfico 1080p
    * Formato audio 5.1 Dolby Digital: Ceco Turco
    5.1 DTS: Italiano Spagnolo Russo
    5.1 DTS HD: Inglese
    * Sottotitoli Italiano Inglese Spagnolo Bulgaro Croato Ceco Estone Lettone Lituano Serbo Russo Rumeno Sloveno Turco
    * Extra Commento audio del regista David Frankel, della produttrice, della costume designer Patricia Field, della sceneggiatrice, del montatore e del direttore della fotografia.
    Scene tagliate commentate
    Sequenza di gag
  • Discussione Buiomega71 • 22/09/13 13:18
    Pianificazione e progetti - 23872 interventi
    Pochi minuti fa ero al ristorante, e su Studio Aperto hanno mostrato degli spezzoni di un film, ma col vociare della clientela mangereccia non ho udito nulla.

    La scena in questio: in un ufficio tutti i dipendenti, freneticamente, nascondono qualsiasi tipo di oggetto dentro cassetti o sotto le scrivanie, come se stesse per arrivare il megadirettore fantozziano

    Una scena mi ha colpito in particolare (ha accesso la lampadina del mio irrefrenabile ludibrio fetish): una segretaria che indossa comode pantofole casalinghe le scalza al volo per calzare uno sfavillante paio di scarpine nere col tacco

    Sono quasi certo che il film sia Il Diavolo Veste Prada

    Chi ha visto il film può confermare? Grazie
    Ultima modifica: 22/09/13 13:31 da Buiomega71
  • Discussione Galbo • 22/09/13 14:06
    Consigliere massimo - 3904 interventi
    L'ho visto un pò di tempo fa, ma andando a memoria credo che il film sia quello
  • Discussione Buiomega71 • 22/09/13 14:07
    Pianificazione e progetti - 23872 interventi
    Galbo ebbe a dire:
    L'ho visto un pò di tempo fa, ma andando a memoria credo che il film sia quello

    Grazie Galbo :)
  • Discussione Didda23 • 22/09/13 14:17
    Comunicazione esterna - 5772 interventi
    L'attrice in questione è la Blunt