Una pazza giornata di vacanza

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Ferris Bueller's day off
Anno: 1986
Genere: commedia (colore)
Numero commenti presenti: 12
Papiro: cartaceo
APPROFONDIMENTI: 27 ANNI DI TEEN-MOVIES

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Stubby 14/09/07 21:24 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

John Hughes è stato il mio regista preferito durante il mio periodo adolescenziale, negli anni '80. Purtroppo questo "Ferrìs Bueller day off" non è mai entrato nelle mie corde, anche se mi sono sforzato di vederlo più di una volta. Il bravo Hughes ha sfornato commedie migliori e, diciamolo pure, il buon Broderick non l'ho mai digerito nemmeno successivamente. Pollice verso.

Homesick 31/05/08 08:50 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Scanzonato viaggio in città di tre studenti che bigiano la scuola: ai tipici elementi della commedia anni Ottanta – con gran copia di canzoni di bands del periodo come gli Sputniks e i Big Audio Dynamite – Hughes aggiunge citazioni da musical, gags simpatiche (ma, spesso, troppo esagerate) e continui sguardi in macchina. Broderick è un monello estroso e determinato – invita a credere solo in se stessi condannando tutti i deleteri “-ismi” della Storia – che traina la graziosa Sara e l’allampanato Ruck; Jones è l’implacabile preside.
MEMORABILE: Le telefonate con la voce contraffatta.

Renato 12/10/08 14:44 - 1557 commenti

I gusti di Renato

Bella teen comedy americana, con una storia divertente ma anche un certo pessimismo di fondo che la eleva di qualche punto rispetto ad altri film similari. Si sente la mano dell'ottimo Hughes, forse più in fase di scrittura che non per la regìa (corretta ma anonima)... Il film fu un bel trampolino di lancio per "Ferris Bueller" Matthew Broderick, anche se Alan Ruck qui gli dà almeno un giro di distacco.

Galbo 16/10/08 05:46 - 11387 commenti

I gusti di Galbo

Divertente commedia giovanile che riflette bene l'atmosfera anni '80, diretta da un solido professionista come John Hughes. Il regista azzecca in pieno il tono narrativo corretto e l'atmosfera giusta, confezionando un film che è nello stesso tempo godibile ma non banale (contiene peraltro anche un sottinteso messaggio morale) che piace anche per la simpatia dei suoi interpreti, in primo luogo l'allora lanciatissimo Matthew Broderick.

Tomastich 5/03/10 10:31 - 1216 commenti

I gusti di Tomastich

Ennesima teen-comedy di John Hughes, ma meno convincente delle sue altre pellicole. La storia è un po'troppo demenziale e mancano le canzoni che hanno fatto grandi gli anni 80. Un vero peccato, perché alcune scene sono davvero deliziose e figlie del loro tempo.

G.enriquez 6/04/10 14:33 - 121 commenti

I gusti di G.enriquez

Nonostante sia anni luce migliore rispetto ai film di Hughes con l'antipatica Molly Ringwald, questo filmetto non ha poi molto da offrire, tranne che un certo gradevole garbo (meno male). Non si capisce infatti perché Ferris Bueller sia così conosciuto in tutta New York e ritenuto un grande: ha fatto solo 9 giorni di assenza, ha una ragazza fissa normalissima di cui è innamorato e durante le sue scorribande nella Grande Mela non è che combini molto casino. Conosco centinaia di ragazzi molto più "Buelleriani" di lui, ma assai meno "famosi"!

Mushroom 14/06/12 20:32 - 36 commenti

I gusti di Mushroom

Divertente ed esilarante commedia anni '80. Dedicato specialmente agli adolescenti, è apprezzato anche da un pubblico maturo. I personaggi del film, qualche problema adolescenziale a parte, sono perfetti: non hanno problemi finanziari, non hanno famiglie disagiate... anzi, possiamo definirli quasi viziati. In un certo senso è quasi un punto di originalità, dato che invece molti teen-movie puntano proprio su questo senza dare uno spessore psicologico o morale. Simpatici i messaggi che dà, ma riservati solo ad alcuni giovani "agiati". Godibile.

Luchi78 28/09/12 15:54 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Teen-comedy che esce dai soliti ripetitivi schemi ambientati nei college americani per proporre una sorta di idolo infallibile impersonato dal bravo Matthew Broderick. La scrittura bilancia bene la storia tra i tre protagonisti giovani, il preside della scuola e i vari genitori e familiari al contorno, creando situazioni al limite del paradosso ma anche divertenti. Compare anche Jennifer Grey ante Dirty Dancing. Simpatico.

Belfagor 14/01/13 21:41 - 2623 commenti

I gusti di Belfagor

Idolatrato sull'altra sponda dell'Atlantico, a me ha provocato la nausea. Sì, la vita è troppo bella e breve per essere sprecata sui banchi di scuola... finché sei un privilegiato borghese e manipolatore. Ferris Bueller, reso ancor più irritante dall'interpretazione di Broderick, è ai limiti della sociopatia, un concentrato del qualunquismo e dell'arroganza reaganiani che continuano a far danni. L'unico personaggio sensato è il preside interpretato da Jones, che viene fatto passare per il cattivo. Insostenibile.

Almicione 31/07/15 17:47 - 765 commenti

I gusti di Almicione

Ferris, ovvero colui a cui tutto va bene e Cameron, ovvero colui a cui tutto va male, con l'aggiunta di Sloane, (eventuale) terzo personaggio passivo a sostegno del primo, tutti uniti contro un superiore goffo: quante commedie sono state strutturate in modo simile? In effetti Ferris può benissimo risultare fastidioso a un pubblico che certi tipi non li tollera, ma in generale, grazie a qualche trovata geniale – come la pianola – il film non si disprezza nonostante talvolta cada nel deprimente (sicuramente tutte le scene con Jones).

Zio bacco 30/04/20 18:38 - 240 commenti

I gusti di Zio bacco

Teen movie figlio del suo tempo, è una commedia abbastanza divertente, sebbene altamente inverosimile. Il patinatissimo Broderick dell'epoca guida un cast di comprimari all'altezza e attori al tempo in auge. Gli interventi di metateatro sono molto fastidiosi all'inizio, complice la caratterizzazione alto borghese dei protagonisti, ma si stemperano man mano che la trama si sviluppa, fino all'azzeccata ultima scena. Non male le musiche, rivedibile invece il doppiaggio in italiano, specie del goffo Cameron. Non imperdibile, ma nemmeno evitabile.

Daraen4 14/09/20 21:26 - 36 commenti

I gusti di Daraen4

Un no grosso come una casa. Sbagliati tutti i tempi comici. Irritante, in l'estrema sintesi, nonostante sia interpretato da attori di per sé anche bravi: indispongono le faccette inutili e irritanti dell'amico del protagonista, la faccia perennemente imbambolata della sua ragazza, le situazioni totalmente non credibili, dilatate a dismisura da una regia e un montaggio pessimi. Terribile.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Dusso • 14/04/10 12:13
    Segretario - 1621 interventi
    Attenzione!il film non è ambientato a New York ma a Chicago