LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

La città è Milano e chi gioca d'azzardo è Luca Antieri (Luc Merenda), un baro da bische provinciali assoldato e promosso sul campo da un boss malavitoso (Enrico Maria Salerno). Quando però mette gli occhi sulla ragazza (Dayle Haddon) del figlio (Corrado Pani) del boss, scoppia un putiferio e il figlio stupido e impulsivo finisce per scontrarsi con suo padre e con Luca. Strano a dirsi, il film vale soprattutto non per la regia di Sergio Martino quanto per un'inattesa e rimarchevole bravura nella direzione del cast. E se di Salerno già si sapeva (una caratterizzazione strepitosa, che sul set ruba la scena a tutti), le sorprese vengono dai due avversari principali Corrado Pani e Luc Merenda: il primo tratteggia con estremo sadismo e convinzione...Leggi tutto un personaggio viscido e crudele; il secondo (una volta tanto) si rivela l'uomo giusto al momento giusto. Il viso poco espressivo ma dallo sguardo furbo e fiero sono proprio quel che ci voleva per dare corpo nel migliore dei modi a un eroe positivo ma con non poche ombre. Dayle Haddon (scipita e slavata solo a un primo esame superficiale) si ritaglia una parte nemmeno troppo secondaria, mentre al bravo Lino Troisi (un baro di secondo piano) spetta un ruolo marginale. Purtroppo all'ottima direzione del cast non corrisponde un soggetto altrettanto buono (opera di Ernesto Gastaldi, che con Martino scrive anche la sceneggiatura) e la storia alterna momenti eccellenti ad altri mediocri (le parentesi amorose tra Merenda e la Haddon sono materiale perfetto da parodiare, di una banalità rara). Un film di mafia e gamblers girato con un ritmo da commedia sentimentale. Inadeguate le musiche di Michelini.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Caesars 12/02/07 10:22 - 2674 commenti

I gusti di Caesars

Filmetto nobilitato dall'interpretazione di Enrico Maria Salerno il quale interpreta un boss malavitoso che ingaggia Luc Merenda, baro di professione, per imbrogliare i clienti della sua bisca. Tutto bene fino a che il protagonista non s'innamora della bella Dayle Haddon, fidanzata dell'ottuso figlio (Corrado Pani) del boss. Non certo il miglior Martino ma rimane un film vedibile (anche se tranquillamente dimenticabile).

Undying 4/11/07 15:18 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Enrico Maria Salerno, bravo come sempre, rappresenta l'unico motivo d'interesse: quando esce di scena a metà film, lo spettacolo è finito. La sceneggiatura, opera del prolifico Ernesto Gastaldi, ha molte buone trovate e la figura del giocatore incallito Luca Altieri (Luc Merenda) si intreccia naturalmente e bene con il fascino di Dayle Haddon, donna del figlio di un potente boss locale. Ma i risvolti cronologici (ad esempio il finale) appaiono bruschi e radicali, connotando il film d'un senso di incompletezza e non linearità. Grazioso comunque.

Cotola 4/01/08 13:32 - 7458 commenti

I gusti di Cotola

Filmetto poliziesco, con ampi innesti da commedia, piuttosto mediocre e prevedibile che per giunta ci propina un finale drammatico poco convincente sotto tutti i punti di vista. Il personaggio spaccone e "vincente" di Merenda poi ricorda un po' troppo quello di Nick Hezard. Insomma tutto già visto. In ogni caso il film si lascia guardare senza troppi problemi fino alla fine.

G.Godardi 3/04/08 18:02 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Tentativo, parzialmente riuscito, della Dania film di diversificare la propria produzione con uno psuedo noir invece dei soliti poliziotteschi o commedie sexy. Film che parte molto bene, con un bel contrasto tra scene drammatiche mostrate e relativo contrappunto ironico. Purtroppo dopo la prima ora si incespica e fatica ad andare avanti, salvo comunque regalarci un bell'inseguimento sul finale. Merenda funzionale come al solito. Salerno nobilita il film di molto. Regia di Martino ancora una volta superba con ottimo uso degli spazi.
MEMORABILE: Gli zoom incrociati che aprono la scena del pestaggio di Merenda.

Buck 20/09/08 15:57 - 32 commenti

I gusti di Buck

Martino è un grande regista... nulla da dire. Tra le grandi opere che ci ha regalato sicuramente questo film risulta uno tra i suoi migliori. Noir-drammatico con una bella storia d'amore, viaggia liscio fino ad un triste finale che lascia l'amaro in bocca. Bravissimi i protagonisti, grandi Enrico Maria Salerno, Pani, Merenda, Haddon, azzeccati il contesto, le ambientazioni... sembra un gangsteristico americano. Ottimo.
MEMORABILE: L'interpretazione d Enrico Maria Salerno e Corrado Pani.

Fauno 8/11/08 12:40 - 1907 commenti

I gusti di Fauno

Molto commediola e molto poco poliziottesco. L'unico messaggio chiaro è l'incoercibilità dei giocatori d'azzardo, nonchè l'imprescindibile maturità di chi sta a capo di un'organizzazione criminale. Attori bravi, Salerno come sempre sopra le righe. Non un capolavoro, ma piacevole da vedere.
MEMORABILE: La frase di Salerno a Corrado Pani è quasi più coinvolgente di quella di Giulio Cesare a Bruto!

Stubby 3/03/09 08:35 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Pellicola veramente accattivante grazie soprattutto ad un ottimo cast, in palla come non mai. Ottimo Merenda nei panni del god of gamblers nostrano, piacione ma anche capace di menare le mani; grandi anche Salerno (ecchettelodicoaffare) ma soprattutto Pani: la parte della carogna la interpreta a meraviglia.

Straffuori 3/05/09 12:18 - 175 commenti

I gusti di Straffuori

Buon film drmmatico/criminale sul mondo delle bische della Milano by night degli anni 70. Merenda interpreta un furbastro e baro incallito giocatore di professione. Pani il viscido figlio del Boss "vecchia maniera" che non ha più rispetto. Bella la Hannah. Cast ricco di caratteristi anni '70. Notevoli scene di azione (in particolare l'inseguimento finale).

Bruce 23/11/09 10:38 - 1002 commenti

I gusti di Bruce

Film d'azione, drammatico ma con toni anche da commedia, che si regge su di un cast di buon livello con il trio Merenda, Pani, Salerno perfettamente in parte. Brava anche la Haddon. Girato a Milano e nelle sue bische clandestine, si chiude a Nizza. Non indimenticabile ma scorre piacevolmente sino al termine.

Daidae 9/06/10 15:36 - 2729 commenti

I gusti di Daidae

Molto gradevole. Luc Merenda nella parte di un "onesto" baro e sopratutto Corrado Pani in quella del figlio del capo, debosciato e carogna. Ottimo tutto il cast, belle ambientazioni e bel film che merita di essere riscoperto. Tre pallini direi che ci stanno tutti.
MEMORABILE: Whisky con latte come parola d'ordine per accedere alla bisca.

Herrkinski 7/04/11 17:58 - 5035 commenti

I gusti di Herrkinski

Una gradevole sorpresa. Questo film si distanzia dai contemporanei poliziotteschi per una trama che gira sul mondo delle bische e della malavita, mettendo come protagonista una "simpatica carogna", (il brillante Luc Merenda); non da meno gli ottimi Enrico Maria Salerno e Pani in due ruoli molto ben caratterizzati, nonchè il classico buon cast di caratteristi dell'epoca. Il film ha ritmo e seppur non originalissimo si lascia vedere più che gradevolmente; ci sono azione, buoni sentimenti, violenza e pure una vena amarognola. Buono.

Trivex 23/04/12 10:37 - 1480 commenti

I gusti di Trivex

Solida e violenta incursione di Martino nel mondo del gioco d'azzardo (a mio avviso una vera piaga sociale) nell'Italia anni 70. La bisca dei signori farà perdere il sorriso beffardo stampato in faccia a Luc Merenda, giocatore di professione e amante immaturo per diletto. Bella anche l'idea di passare in Francia nella seconda parte, con uno sviluppo solo apparentemente riparatorio (ma è troppo presto per cantare vittoria). Perde mezzo punto per i dialoghi troppo superficiali e per l'innaturale romanticismo intentato dal Luc, qui antieroe. Comunque ***.
MEMORABILE: Il finale di nero profondo..

Nando 25/04/12 11:28 - 3458 commenti

I gusti di Nando

Noir con qualche connotazione melodrammatica, soprattutto nel finale, in cui si osservano le peculiarità gigionesche del baro Merenda in competizione prima con un sempre convincente Salerno e poi con un ottuso Pani. Sviluppo narrativo abbastanza prevedibile ma nel complesso quasi accettabile.

Homesick 2/06/12 18:01 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Una pausa nei primi cinque anni di carriera di Martino, che nel soggetto sul gioco d’azzardo convoglia la violenza del poliziesco, spunti picareschi e, nell'inatteso epilogo, le lacrime non ancora terse dopo La bellissima estate. Questa dispersione narrativa costituisce il limite di un film comunque ben condotto nel ritmo e forte della presenza di Salerno, boss razionale e mediatore, e di Pani, figlio belluino e complessato, che nel loro contrasto anticipano la coppia Leroy-Steiner. Impavido e irriducibile Merenda; truci e minacciosi Troisi e Javarone, in prima fila fra i caratteristi.
MEMORABILE: Il “colpo di stato” di Pani; Merenda, invalidato, che spara servendosi delle mani della Haddon.

Giùan 16/07/12 22:02 - 2930 commenti

I gusti di Giùan

Martino gioca stavolta, grazie all'innovativo copione di Gastaldi, la partita del noir metropolitano e la mano rischia di trasformarsi in un ambizioso gioiellino, non fosse per i due di briscola che Sergio non manca mai di ammannirci. Così, mentre serve un ambiguo tris d'assi (Padre da tragedia Greca, Salerno e i suoi figli, il putativo Merenda e quello degenere del sangue, Pani), tale da anticipare il Cronenberg di La promessa dell'assassino, stona invece la deriva sentimentale presa dal film che, pur non insincera, appare tuttavia cinematograficamente un bluff. Intenso.
MEMORABILE: Il viscido sguardo di Lino Troisi; Pani che fa precipitar per le scale Salerno in sedia a rotelle.

Il Dandi 28/07/12 04:31 - 1747 commenti

I gusti di Il Dandi

Stavolta l'accoppiata Martino/Merenda è la versione anni '70 di Matarazzo/Nazzari, innestando la violenza e il sessismo dei poliziotteschi coevi in un mélo dai toni pessimisti e patetici. Una divagazione bizzarra ma apprezzabile, metà noir e metà "lacrima-movie", in cui anche gli sporadici tentativi di inserti da commedia non cambiano l'atmosfera di cinismo generale. Una spanna sopra il vecchio leone Salerno (sulla sedia a rotelle) e il perfido figlio Pani.
MEMORABILE: L'ultimo confronto tra lo squilibrato Pani e il padre Salerno.

Furetto60 19/05/13 18:46 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Poliziottesco spurio, nel senso che gli interpreti e le caratteristiche sono quelle ma di poliziotti non ve ne sono (uno viene presto accoppato). Una storia d'amore drammatica, in pieno stile pessimista anni '70: scazzottate, atmosfera spesso tesa, delinquenza che spadroneggia, inseguimento finale niente male. Merenda è nel ruolo (e gli si addice), Pani offre un cattivo proprio odioso, Salerno è teatrale ed enfatico come suo solito e funziona. La colonna sonora, invece, è piuttosto banale.
MEMORABILE: Questa volta il bluff non ti è riuscito; L'uccisione del vecchio boss (Salerno).

B. Legnani 30/06/13 02:37 - 4691 commenti

I gusti di B. Legnani

Curioso film di Sergio Martino, con un'ampia commistione di generi (dal gangsteristico al sentimentale, dal noir addirittura al lacrima-movie). Opera più interessante che riuscita (**), ha però una dote notevole, costituita dalla scorrevolezza della vicenda e dalla padronanza degli interpreti, favorita da due cavalli di razza come Salerno e Pani. Merenda ha la faccia giusta, ma non può certo competere con loro. Bellissima la Haddon. Sfilza di volti cari fra terze e quarte linee (c'è pure Fanfoni, più volte in scena con zero battute).

Uomomite 21/08/13 16:04 - 174 commenti

I gusti di Uomomite

Il film è un ibrido tra noir e dramma, con tanto di storia d'amore "realista". Luc Merenda è un abilissimo baro buono e Corrado Pani è il figlio fetentissimo di un boss d'altri tempi (Enrico Maria Salerno). Tra Merenda e Pani sarà guerra senza esclusione di colpi, nel mezzo la bella Dayle Haddon. Una pellicola briosa che ha anche il non indifferente merito di mostrare, in maniera alquanto realistica e competente, meccanismi organizzativi, modus operandi e connivenze della criminalità milanese di quegli anni.

John trent 30/01/14 10:41 - 326 commenti

I gusti di John trent

Interessantissimo ibrido che mescola noir e commedia con una spruzzatina di poliziesco. Ed è proprio dal poliziesco che Martino attinge a piene mani componendo il cast (Merenda, Salerno) per poi uscire subito dai canoni del genere preferendo un registro fondamentalmente ironico e scanzonato. L’unico poliziotto (un commissario, tra l’altro pure corrotto, interpretato da Carlo Alighiero) dura più o meno 5 minuti perché viene subito ucciso in un agguato. La bellezza di Dayle Haddon è quasi disarmante, mentre Pani si conferma ottimo villain.
MEMORABILE: Lino Troisi, baro di professione, umiliato al tavolo del poker.

Mco 27/02/14 18:45 - 2138 commenti

I gusti di Mco

Un film che solca sentieri meno battuti all'interno del genere, come il gioco d'azzardo nel caso de quo. Le performance di Merenda, Salerno e Pani lasciano il segno ben più degli inseguimenti o degli intrighi di malavita dell'intera struttura. In alcuni frangenti, la componente ludica invade anche il plot, rendendo omaggio a qualche parentesi da commedia tout court. Insolito ma efficace, con un faccia a faccia tra padre e figlio indimenticabile.

Motorship 1/03/14 17:45 - 567 commenti

I gusti di Motorship

Interessante mix tra noir e commedia diretto molto bene da Sergio Martino. Un film che descrive la mala delle bische clandestine della Milano anni 70 senza mancare di analisi sociale. Buon ritmo e ottima azione fanno sì che il film sia coinvolgente per tutta la sua durata, seppur nei limiti della sceneggiatura. Ottimo il cast, in particolare Corrado Pani in un ruolo da vero cattivo, anche se non va dimenticato un sempre magistrale Enrico Maria Salerno; abbastanza convincente anche Merenda e sempre splendida Dayle Haddon. Buon film.
MEMORABILE: Pani che fa rotolare dalle scale Salerno sulla sedia a rotelle; Lino Troisi umiliato al tavolo da gioco.

Vitgar 13/01/15 10:19 - 586 commenti

I gusti di Vitgar

Noir poco convincente e di poca sostanza. Trama poco decifrabile tra gangster, vizio del gioco, mafiosi, sentimenti profondi e vite sempre in bilico. Bravi Enrico Maria Salerno e Corrado Pani in versione di cattivissimo. Luc Merenda sembra un po' un fumetto e Dayle Haddon è poco incisiva. Non è certo questo il poliziottesco che ha fatto scuola a Tarantino.

Nicola81 23/02/16 17:31 - 1925 commenti

I gusti di Nicola81

Il poliedrico Martino gioca anche la carta (è proprio il caso di dirlo...) del noir alla Di Leo, ma senza convincere come nei gialli e nei polizieschi, anche a causa della sua regia meno ispirata del consueto. La coppia Merenda/Haddon funziona bene e la classe di Pani e Salerno è indiscutibile (che poi il primo non sia credibile come figlio del secondo è un altro discorso). Quando c'è di mezzo il gioco d'azzardo le concessioni alla commedia sono inevitabili, ma il finale è melodramma allo stato puro. Inappropriate le musiche di Michelini.

Myvincent 24/04/16 07:14 - 2524 commenti

I gusti di Myvincent

La storia avventurosa di un baro affascinante quanto spericolato (che ha il volto affilato di Luc Merenda) si complica inevitabilmente quando si inserisce l'amore. Il lavoro di Sergio Martino non convince del tutto, per come si muovono i protagonisti (davvero poco convincenti), surclassati alla grande dai caratteristi. Si salva la bella fotografia, coi suoi effetti estetici tutti da godere.

Pessoa 2/04/17 21:37 - 1130 commenti

I gusti di Pessoa

Polpettone di Martino sul gioco d'azzardo clandestino in una Milano più anonima del solito. La trama, non particolarmente originale, viene mortificata da una sceneggiatura banale e da una regia arruffata e poco lineare. Trascinano il film fino alla fine gli ottimo Pani e Salerno, mentre Merenda si ispira alla guasconeria dei modelli francesi di Delon e Belmondo. Terribili le parentesi melò. Si può tranquillamente evitare, a meno che non siate, come il sottoscritto, appassionati del genere.

Pinhead80 11/07/17 20:15 - 3891 commenti

I gusti di Pinhead80

Un abile baro da bische clandestine si innamora, suo malgrado, della donna del figlio del boss locale. Da lì in avanti sarà una lotta senza quartiere contro tutto e tutti. Un film difficilmente incanalabile in un vero e proprio filone, che integra al suo interno tanti generi senza privilegiarne alcuno. Non tutto riesce alla perfezione, soprattutto quando a uscire di scena è il mitico Enrico Maria Salerno, vero e proprio pezzo da novanta di tutta la pellicola.
MEMORABILE: Enrico Maria Salerno che provoca il figlio in cima alle scale di casa.

Rufus68 16/12/18 21:59 - 3050 commenti

I gusti di Rufus68

Filmetti come non se ne fanno più. Sentimenti basici come la vendetta e l'odio, un po' d'azione, caratteri netti e schierati, scazzottate, una spruzzata di melodramma e il gioco è fatto. Il regista non interferisce con mattane d'autore e lubrifica il tutto con esperienza e mestiere. Merenda, al solito, eccede nel suo fare piacionico; meglio Pani megalomane e sadico monodimensionale.

Mark 19/02/19 11:19 - 264 commenti

I gusti di Mark

I titoli di testa che squarciano il buio metropolitano lasciano presagire sviluppi solidissimi. Martino e Merenda inoculano l'aspettativa del brivido noir a metà strada tra Scerbanenco e complottismo di stato. Purtroppo nulla di tutto questo. La trama si aggrappa al filo esilissimo del personaggio di Merenda neanche troppo delineato. Tutto il resto viene da sé. Restano comunque in evidenza la perfomance del monumentale Salerno, le meravigliose ambientazioni e l'ottimo montaggio.
MEMORABILE: Alla lotteria dei cromosomi mi è andata male... mi è uscita una scartina! (Salerno a proposito di Pani-figlio).

Graf 21/01/20 03:59 - 685 commenti

I gusti di Graf

Un insolito noir che sfuma subito verso il rosa sentimentale, reso presto livido da un clima caliginoso di violenza vendicativa e che si conclude in un purpureo spasimo da tragedia strappalacrime. Tutti i colori di una storia che ha il suo cardine drammatico in una sceneggiatura ricca di eventi, di emozioni e di snodi narrativi curvilinei e zigzaganti ma che l’ottimo artigiano della regia Sergio Martino padroneggia con piglio saldo senza mai uscire di strada. Grande prova attoriale di Enrico Maria Salerno nella parte del boss mafioso paralitico.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.