Images

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Images
Anno: 1972
Genere: drammatico (colore)
Numero commenti presenti: 15
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Lavorando in modo straordinario, a tratti sublime, con immagini (appunto), location e musiche (Vilmos Zsigmond è ai suoi massimi livelli e riesce a ricavare dai verdi paesaggi in cui è immersa la villa di campagna al centro del film contrasti cromatici e visuali in controluce di rara bellezza), Altman ci offre un lavoro in apparenza magnifico. Le musiche di John Williams, dissonanti, del tutto inusuali, con violini impazziti, arpeggi e flauti che scoccano note ai confini dell'avanguardia, centrano il clima da incubo senza uscita nel quale Altman infila la protagonista Cathryn (York, Palma d'oro a Cannes francamente esagerata), vittima di paranoie che la portano a confondere le persone tra loro, a trovarsi di fronte e dialogare in casa con...Leggi tutto fantasmi di amanti morti da anni (Bozzuffi). Perseguitata da telefonate misteriose, visioni inquietanti in cui incontra se stessa, Cathryn cerca di rifugiarsi nel libro fantasy che sta scrivendo (e "In Search of Unicorns" è davvero il libro della York sul quale il film si basa in un continuo gioco di rimandi metacinematografici, così come Susannah è il nome del personaggio interpretato da Cathryn Harrison e Cathryn quello cui presta il volto Susannah York!) ripercorrendone molti passaggi tra sé e sé, rifuggendo una realtà che non ha forma, offuscata da distorsioni mentali che diventano l'unico asse portante del film. Non esiste una vera storia: esiste Catrhyn che chiede al marito (Auberjonois) di portarla nella loro casa di campagna e che quando lui è via comincia ad essere bombardata da paranoie pericolose che non si arrestano quando l'uomo rientra, coinvolto solo marginalmente dagli incubi di lei. C'è un oggetto che ritorna ossessivamente in ogni ambiente, ci sono gli spazi della mente che si aprono per farvi accedere figure la cui tridimensionalità non si è mai certi sia "reale"; perché i due piani della percezione si confondono e si influenzano, nell'ottica di Cathryn (che diventa poi la nostra). Il problema è che l'identico gioco viene condotto per un'ora e mezza senza variazioni di rilievo, con la protagonista sballottata da un incontro all'altro, maltrattata alla ricerca di una spiegazione che non pare poter esistere. E se l'occhio si può felicemente perdere nella contemplazione estatica della natura, altrettanto non ha modo di farlo nelle altrettanto numerose sequenze d'interni, dove le sovrapposizioni e l'espressione stupefatta della York diventano routine e la programmatica superficialità del partner autentico fastidio. C'è tempo per un bel finale sulla cascata, ma dare una forma e una direzione a dialoghi e situazioni che paiono assemblati senza un minimo di organicità avrebbe permesso di non confinare il film tra le opere d'autore tendenzialmente pretenziose e non facilmente accessibili.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 16/03/07 DAL BENEMERITO CAESARS POI DAVINOTTATO IL GIORNO 9/08/18
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Caesars 16/03/07 13:57 - 2654 commenti

I gusti di Caesars

Chi conosce i film di Robert Altman fatti di situazione corali, con tanti personaggi che interagiscono tra loro, rimmarrà sicuramente spiazzato da questo "Images". Tratto da un racconto della stessa Susannah York, è ambientato in una villa di campagna dove la protagonista, che ha trascorso lì parte dell'infanzia, torna col marito; si scontrerà con i fantasmi del suo passato. Ritmo lentissimo che potrebbe scontentare molti, ma che non inficia assolutamente la riuscita del film, anzi! Bellissimo.

Rebis 8/10/08 18:45 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Altman tenta l’impresa di catturare con il puro linguaggio cinematografico un inarrestabile disfacimento psichico: malgrado la struttura non sia esente da schematismi d'impostazione freudiana, il rarefatto e intangibile - affollato di presenze come in una spettrale coralità - è restituito con notevole suggestione e perizia in un gioco di rifrazioni progressive per cui ogni cosa ne significa quantomeno un’altra. Il finale non è proprio imprevedibile ma riesce ad insinuare il tangibile destabilizzante sospetto che nulla sia veramente avvenuto. Nel filone di Repulsion e Le Orme, da recuperare.

Bruce 19/01/09 14:55 - 999 commenti

I gusti di Bruce

E’ uno di quei film sospesi nel vuoto che possono appassionare o annoiare, a seconda anche dello stato d’animo e della predisposizione dello spettatore. Grazie ad una regia curatissima Altman riesce a renderci parte del disfacimento mentale della protagonista; con immagini e luci distorte, riflessi e colori seppiati, entriamo nel disagio psichico della brava protagonista Susannah York e ci perdiamo con lei sino a non distinguere ciò che è reale quel che è suggestione. Lentissimo ma di grande fascino visivo. Non di certo il classico thriller.

Pigro 19/02/09 19:44 - 7698 commenti

I gusti di Pigro

Un titolo perfetto per restituire l'anima e il corpo di un film basato sulle immagini (proiettate dalla psiche) che si sovrappongono alla realtà, portando a una fusione/confusione di piani che la mente malata della protagonista, rifugiata nella casa agreste della sua infanzia per un esaurimento, non riesce più a distinguere. Un film virtuosistico, che mette a dura prova l'attenzione stessa dello spettatore, trascinandolo nel climax insano delle allucinazioni. Psicanalitico. Pittorico.

Undying 1/12/09 10:16 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Scrittrice di libri per l'infanzia (una bravissima Susannah York) vive, in preda a visioni e schizofreniche allucinazioni, un'esistenza tormentata dal ricordo del suo ex amante. Ottimo esemplare di thriller "interiore", con riflesso del malessere psicologico della protagonista rappresentato dalla superba messa in scena, opera di una fotografia esemplare: autunnale, decadente e tetra destinata a lambire un tetro cottage ubicato in Irlanda. Pur avendo momenti di pausa, il film coinvolge nel tratteggiare una personalità tormentata da doveri e necessità, ascrivibili alla sfera sessuale femminile.

Capannelle 29/12/09 08:56 - 3688 commenti

I gusti di Capannelle

Questo thriller psicologico di Altman non è proprio una passeggiata e nonostante la bravura di Susannah York non riesce a elevarsi più di tanto proponendo lo stesso tema (lui che si defila continuamente e lei schizofrenica in preda alle recondite pulsioni sessuali) dall'inizio alla fine. Il senso di angoscia è sottolineato da musiche quasi sperimentali.

Homesick 17/02/10 08:25 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Nevrosi sessuali di una donna che precipita nel baratro della follia, smarrita nei tormenti del presente e perseguitata da un passato che assume ora le sembianze di spettro (l'irriverente Bozzuffi), ora di persona in carne ed ossa (Harrison). Concettualmente, Altman rintraccia il Polanski di Repulsion ed attraverso la fotografia stinta di Vilmos Zsigmond e le dissonanze di John Williams - richiamanti quelle di Morricone per l'affine Una lucertola con la pelle di donna - tesse un'atmosfera fiabesca, lugubre e malata, estrinsecazione del disagio psichico della schizofrenica York.

Herrkinski 22/10/10 18:27 - 4957 commenti

I gusti di Herrkinski

È riduttivo definire thriller questo bel film di Altman; infatti, nonostante l'atmosfera e gli eventi creino un clima angosciante, ci troviamo di fronte a un buon esemplare di psicodramma d'autore, tipicamente anni '70. Sembra una versione "alta" di La stagione della strega di Romero, ma anche di La morte corre incontro a Jessica, usciti nello stesso biennio ('71/'72): suggestioni oniriche, traumi della sfera femminile, soundtrack dissonante, atmosfera tetra ed autunnale. Ottima la York, Un film non per tutti, ma sicuramente interessante.

Buiomega71 17/12/10 14:18 - 2211 commenti

I gusti di Buiomega71

Capolavoro assoluto nella filmografia dell'immenso Altman e secondo di una trilogia "psicologica femminile" aperta con Quel freddo giorno nel parco e chiusa con Tre donne. La York è straordinaria nel calarsi nella psicologia di una donna mentalmente instabile, che confonde la realtà con l'immaginazione, sprofondando sempre più nel baratro della schizofrenia. Grande atmosfera data dall'opprimente campagna inglese, da Oscar la fotografia di Vilmos Zsigmond e un senso di disagio che rimane anche dopo la visione. Capolavoro!
MEMORABILE: La York che rivede sè stessa entrare in casa; il feroce accoltellamento di Marcel.

Stefania 3/02/11 02:28 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Catherine lotta e complotta con almeno tre alter-ego: Ulna, la protagonista del libro che scrivendo, la ragazzina Suzanne, e l'odiata-amata sosia che appare verso il finale. Sulle tre figure maschili, invece, trasferisce la sua ambivalenza nei confronti della sessualità. Divertente decriptare i tanti simboli (l'Unicorno, il puzzle, i cristalli, la macchina fotografica), ma il limite dl film, un po' bergmaniano, un po' polanskiano, sta nel far capire subito ciò che vuole essere: un carosello destrutturato di immagini, ombre cinesi proiettate sulla parete spoglia di una solitudine incolmabile.
MEMORABILE: Gli ambigui dialoghi con Suzanne; l'incontro con la sosia sul ciglio della strada, il precipizio e la cascata.

Cotola 12/12/11 00:05 - 7402 commenti

I gusti di Cotola

Sicuramente tra i film più sottovalutati del grande Altman. Un intenso ed intrigante ritratto di donna costruito come un thriller psicologico. Non facilissimo da seguire, specie all’inizio, per la grande facilità con cui mischia i diversi piani realtà/finzione, si fa via via più affascinante ed avvincente. Se si entra nel gioco, non se ne esce più e si finisce soddisfatti. Straordinaria la partitura di John Williams; avvolgente la fotografia di Vilmos Zsigmond; eccellente la prova della York che fu giustamente premiata a Cannes.

Bronson82 27/01/14 14:00 - 32 commenti

I gusti di Bronson82

Images è un affascinante viaggio allucinato nella mente di una disturbata mentale. Spiazzante e attraversato da una tensione creata dal dubbio che le scene siano la realtà effettiva o una visione della protagonista, la bella Susannah York. Visionario e angosciante.

Faggi 26/04/16 19:47 - 1476 commenti

I gusti di Faggi

Ottimo film sullo slittamento e la sovrapposizione dei piani di realtà (materiale e mentale) e sul mistero della follia. Notevole perché riflette (e fa riflettere) sui concetti formali esclusivi del linguaggio cinematografico (immagini in movimento montate secondo un libero - fino a un certo punto - arbitrio). Suggestivo (specie nella prima parte) e ben congegnato; è infine una sorta di thriller psichico con l'allucinazione come stella fissa intorno alla quale orbita tutto il resto.

Fedeerra 10/11/17 07:42 - 401 commenti

I gusti di Fedeerra

Altman sembra quasi voler condannare l'ingiustificata frenesia sessuale dell'uomo e lo fa attraverso le pulsioni, le fobie e le visioni della sua protagonista. Un film morboso e allucinante, che profuma di solitudine, di follia, di pioggia e di brughiera. Grande esempio di cinema psicologico, diretto da un sempre ispirato Altman e interpretato magistralmente da Susannah York.

Alex75 13/02/18 13:33 - 661 commenti

I gusti di Alex75

Altman ci guida nel labirinto della mente disturbata della protagonista attraverso una successione di sequenze spiazzanti, in cui il piano della realtà e quello dell’immaginazione (allucinata) si sovrappongono e si intrecciano fino a confondersi, sfociando in un finale enigmatico. Una visione impegnativa ma al tempo stesso fascinosa, soprattutto grazie alla prova di Susannah York (anche autrice), giustamente premiata a Cannes, molto intensa nel percorrere i cangianti umori della protagonista.
MEMORABILE: Gli incontri e i dialoghi paradossali col defunto René (Bozzuffi); Cathryn vede se stessa; Il ciondolo appeso allo specchietto retrovisore; La cascata.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Caesars • 13/02/14 11:37
    Scrivano - 10217 interventi
    No Poppo. I dvd, se PAL, scorrono più velocemente (25 fotogrammi al minuto invece che 24).
  • Homevideo Poppo • 13/02/14 12:32
    Galoppino - 415 interventi
    Ah! Ho capito (dvd no, bluray sì). Dunque quando passa in tv si riduce ancora di più, o sto dicendo un'altra sciocchezza? No perché questo spiegherebbe le tre diverse durate di cui sopra (in assenza di tagli, s'intende)
  • Homevideo Rebis • 13/02/14 13:56
    Comunicazione esterna - 4289 interventi
    Dunque il dvd PULP dura 1;41;28 ed è nel formato corretto 2:35 ma letter box per cui, sì, bisogna zoomare per vederlo a schermo pieno (perdendo un po' di definizione, certo). La cover riporta anche in questo caso informazioni errate (formato 1:33). Ha il doppio audio ita/eng con sub ita opzionali. La durata dei dvd come dice Caesar rispecchia quella televisiva e non quella cinematografica. Ignoro invece a cosa corrisponda quella dei BR, però immagino sia come quella dei dvd...
  • Homevideo Caesars • 13/02/14 14:22
    Scrivano - 10217 interventi
    Sulla durata del bluray non sono sicuro, però credo che rispecchi quella cinematografica, al contrario del dvd.
  • Homevideo Poppo • 13/02/14 14:28
    Galoppino - 415 interventi
    ok, ho capito, vado a procurarmi anche il dvd Pulp :-) E intanto grazie.
  • Homevideo Rebis • 13/02/14 14:31
    Comunicazione esterna - 4289 interventi
    Poppo ebbe a dire: ok, ho capito, vado a procurarmi anche il dvd Pulp :-) E intanto grazie. Sì, è quello con la durata maggiore. Non so il dvd Storm, ma quello da edicola aveva almeno un taglio evidente nella scena dell'omicidio.
  • Homevideo Poppo • 13/02/14 15:03
    Galoppino - 415 interventi
    Caesars ebbe a dire: Sulla durata del bluray non sono sicuro, però credo che rispecchi quella cinematografica, al contrario del dvd. Mah, su alcuni bluray è indicato 24fps (MASH, HAIR, 2001, Prometheus); non avendo una gran videoteca ho dato per scontato fosse così per tutti i supporti video digitali, quindi anche per i dvd.
  • Homevideo Poppo • 20/02/14 01:52
    Galoppino - 415 interventi
    Rebis ebbe a dire: Dunque il dvd PULP dura 1;41;28 ed è nel formato corretto 2:35 ma letter box per cui, sì, bisogna zoomare per vederlo a schermo pieno (perdendo un po' di definizione, certo). La cover riporta anche in questo caso informazioni errate (formato 1:33). Ha il doppio audio ita/eng con sub ita opzionali. Visionato anche questo. Danno come formato 1:33 poiché è sì un 2:35 ma appare inscatolato nel 4/3 (letterbox); purtroppo se agisci di zoom ti perdi i sottotitoli che escono dal campo, essendo stati inseriti nella banda nera sottostante, ossia per la visione su un tv 4/3. La cosa interessante è la durata, ossia quei 101 min che pensavamo riferiti alla durata cinematografica; a memoria il dvd Storm presenta almeno un paio di tagli, alla faccia dell'edizione speciale... Tra formati e durate 3 edizioni dvd e niente di fatto. Non male per un capolavoro come Images.
    Ultima modifica: 20/02/14 01:57 da Poppo
  • Homevideo Rebis • 20/02/14 16:03
    Comunicazione esterna - 4289 interventi
    Poppo ebbe a dire: ... purtroppo se agisci di zoom ti perdi i sottotitoli che escono dal campo, essendo stati inseriti nella banda nera sottostante, ossia per la visione su un tv 4/3. Molti dvd purtroppo hanno questo problema, ma in alcuni casi, mi è parso di capire, dipende dal televisiore: ho provato lo stesso dvd su televisori diversi e i sottotitoli in uno appaiono sul margine nero e nell'altro in sovripressione alle immagini... Boh, mai capita sta cosa.
    Ultima modifica: 20/02/14 16:04 da Rebis
  • Musiche Alex75 • 29/03/18 16:34
    Call center Davinotti - 593 interventi
    Il brano "In Search of Unicorns", di John Williams https://www.youtube.com/watch?v=Juzx5lFGu3o