Bad boys

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Bad boys
Anno: 1983
Genere: drammatico (colore)
Papiro: cartaceo

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/05/08 DAL BENEMERITO SCHRAMM POI DAVINOTTATO IL GIORNO 5/06/08
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Schramm 13/05/08 20:12 - 2974 commenti

I gusti di Schramm

Ha quasi dell'incredibile che Rosenthal, dopo quell'anonima caccoletta che risponde al sequel di Halloween, sia padre di uno dei più ineffabili, stracultissimi, nerastri, crudi, sporchi e violenti prison-movie e del più accorato spaccato sulla gioventù bruciata degli eighties. Cavalcato da un Penn all'apogeo delle sue prove recitative (accompagnato da comprimari memorabili per caratterizzazione), l'opus carcerario non mostra ancora mezza ruga e mantiene lo status di piccola gemma senza tempo.
MEMORABILE: Il rito di benvenuto all'ingresso del riformatorio; La rissa tra Penn e il Vikingo; Horowitz

Supercruel 10/10/08 18:31 - 498 commenti

I gusti di Supercruel

Potentissimo dramma carcerario abile nel disegnare la parabola di una generazione giovanile allo sbando. Molto riuscita la descrizione dei meccanismi che regolano la quotidianità all'interno dell'istituto: la "doccia" di benvenuto, la leadership, i rapporti di forza tra detenuti. Maiuscola la prova attoriale dell'allora 23enne Sean Penn, coadiuvato da una serie di seconde linee abilissime (strano leggere che alcuni non abbiano avuto fortuna) e alle prese con personaggi tratteggiati divinamente (Horowitz, il Vikingo, Moreno). Ottimo.

Greymouser 15/07/10 00:21 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Un buon dramma carcerario, ben sceneggiato e soprattutto nobilitato dall'interpretazione del sempre straordinario Sean Penn. Se vogliamo, la parabola di redenzione che sostanzia la linea narrativa del film è poco realistica e un tantino forzata, ma la messa in scena è vivace, energica e coinvolgente. Per cui, alla fine, non si resta delusi.

Luchi78 11/01/11 13:44 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Bad Boys è un film ottimamente incentrato sulla violenza senza risultare quasi mai stupidamente violento. Ottimo Sean Penn, ma soprattutto il suo compagno di cella Horowitz, che risulta un personaggio magnificamente "pertinente" alla situazione. Stavolta la presenza di un Clancy Brown in versione cotonata non è così efficace come in altre più note apparizioni. La regia di Rosenthal è semplice ma efficace. Buono.

Puppigallo 23/05/11 15:49 - 4905 commenti

I gusti di Puppigallo

L'istituto di correzione che dovrebbe appunto correggere gli errori di minorenni da strada diventati delinquenti, in realtà pare servire solo da ulteriore banco di prova per diventare duri e spietati a scapito dei più deboli, costretti a subire. Il protagonista è uno di questi e saprà farsi rispettare, ma ovviamente, i guai non finiranno, perchè tra odio e vendetta, la spirale infinita di violenza lo risucchierà, nonostante, proprio quando tutto sembra precipitare, si intraveda un barlume di speranza. Bravo il giovane Penn, ma anche il corto di gamba e lungo di cerebro Horowitz. Notevole.
MEMORABILE: Il protagonista si vendica del "vichingo" e del suo compare di colore; L'evasione utilizzando il nitrogeno da fertilizzante; Il finale.

Pigro 27/05/11 09:39 - 8867 commenti

I gusti di Pigro

Più che sulla delinquenza giovanile, come si potrebbe sospettare all'inizio, è un classico film carcerario imperniato sulle tensioni estreme fra detenuti. Qui l'irlandese sprezzante diventa leader della prigione-riformatorio finché finisce dentro il portoricano che ha giurato d'ammazzarlo. Ritmo maestosamente incalzante, con alcuni episodi topici che culminano nell'eccellente duello finale e con personaggi ben caratterizzati e interpretati (bravo Penn, sornione Gurry compagno di cella). Non c'è morale, solo violenza e istinto di sopravvivenza.

Piero68 29/06/12 14:15 - 2881 commenti

I gusti di Piero68

Ha il merito e la forza di essere contemporaneamente un prison-movie ma anche un film sulla violenza giovanile per le strade. Sceneggiatura semplice e lineare ma che riesce a rendere appieno il disagio di una buona fetta di teenagers americani che non hanno la fortuna di nascere e crescere in quartieri ricchi. Rosenthal dimostra qualche ingenuità ma è davvero bravo a dirigere attori in erba. Ottimo Penn, che capisce l'importanza del ruolo e soprattutto che sarà il suo trampolino di lancio. Ma un bravo anche a tutto il cast. Convincente quasi sempre!

Paulaster 31/07/15 18:03 - 3699 commenti

I gusti di Paulaster

Si parte con una breve disanima di delinquenza metropolitana e subito dopo si aprono le porte del correzionale e l’attenzione vira sulle tensioni interne: sembra tutto qui ma l’epilogo è ancora lontano. Il quadro generale è cupo, con la violenza ben dosata e la tensione che regge fino all’ultimo. Solo qualche eccesso di sceneggiatura nell’autogestione carceraria. Penn ha già carisma e i comprimari gli sguardi storti da baby galeotti. Meno incisive le guardie.

Herrkinski 28/08/20 15:10 - 6810 commenti

I gusti di Herrkinski

Se l'incipit è una cruda ma necessaria istantanea nel mondo della delinquenza giovanile di Chicago, ben presto il film si rivela per la sua natura da prison-movie duro e puro; nel genere resta uno dei migliori, con tutti i cliché del genere ma non per questo meno affascinante o riuscito, grazie a una costruzione della tensione notevole e a un cast ottimo (sia il giovane Penn che i comprimari). Eccellente la fotografia tutta neon e grigiume sia negli esterni che nel carcere, alta la violenza, ben dosato il ritmo; due ore che scorrono via lisce come l'olio, cosa certamente non da poco.
MEMORABILE: Il bambino investito; Penn contro i due bulletti; Lo scontro finale.

Jena 1/07/22 18:33 - 1388 commenti

I gusti di Jena

Niente di eclatante. Molto settantiano nell'impostazione, con fotografia assai buia, parte con le solite bande di giovani ribelli e delinquenti segnalandosi per un livello di crudeltà sopra la media (il ragazzino schiacciato dall'auto, la fucilata nel petto). Poi diventa il solito prison movie con le solite angherie e i soliti personaggi stereotipati, cui fa eccezione un gigantesco biondo cotonato Clancy Brown che si segnala per bastardaggine. Sean Penn adolescente è meglio di quello adulto, dolcissima l'adolescenziale Ally Sheedy (che però era già ventenne, nella realtà).
MEMORABILE: Clancy Brown mette le proprie caccole nel piatto di Penn; "Gli  piaceva qui, si è suicidato bevendo quattro litri di disinfettante",.

Reni Santoni HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Schramm • 13/05/08 20:25
    Scrivano - 7314 interventi
    *Injoke: in un cameo appare Jamie Lee Curtis, protagonista di Halloween 2, la cui locandina appare fugacemente in una scena.

    *per prepararsi al film, Rosenthal e Penn andarono a far training in un departimento di polizia. Penn venne scambiato per un vero criminale e aggredito da un poliziotto

    *per il ruolo principale, prima di Penn vennero provinati Kevin Bacon e Tom Cruise

    *Il rituale di benvenuto del riformatorio a suon di sputi e lancio di oggetti fu un'idea estemporanea dello stesso Penn. Morales per il suo ingresso pretese che tutte le comparse si lavassero i denti prima di sputare.

    *La scena dell'evasione costò a Penn la frattura dell'anca e la sospensione delle riprese per otto settimane

    *Il padre di Rosenthal fa la parte del giudice che incarcera Penn

    *nessuno degli attori e delle comparse ha voluto stuntman
  • Homevideo Schramm • 3/10/12 02:11
    Scrivano - 7314 interventi
    (ATTENZIONE POSSIBILI SPOILER NON LEGGETE SE NON AVETE VISTO IL FILM)

    *dalla versione italiana sono assenti le seguenti scene:

    - la madre chiede a Penn di abbassare mentre suona la chitarra elettrica accompagnandosi con la radio a palla, Penn la ignora.

    - Morales ha un diverbio col padre poco prima di andare a mostrare la merce, rinfacciandogli di non avere lavoro.

    - Il vikingo si affaccia sulla cella del ragazzo che in seguito verrà stuprato da tweety e gli schiocca un bacio, deridendolo.
    La mattina dopo durante una corsa nella strada sterrata del cortile da cui evaderanno Horowitz e Mike, il ragazzo rivela a Mike la sua preoccupazione di essere stuprato. Il vikingo sorpassa mike e gli mostra il medio.

    - Una lezione di letteratura: a Perretti, al vikingo e a O'brien viene chiesto di leggere alla lavagna un periodo di Jack London. nessuno di loro sa leggere. Dopo una paternale sul loro stato culturale, l'educatore consegna a tutti dei fumetti chiedendo una relazione scritta e una storia con nuovi eroi inventati da loro. Horowitz - l'unico che sa leggere - denigra pesantemente il vikingo sul suo avanzato stato di analfabetismo (qualche scena più avanti Horowitz punzecchia anche o'brien sul suo non saper leggere). E' perciò che nella scena successiva alla tavola calda lo chiama "piccolo giudeo", scatenando la rissa.

    - Prima di essere stuprata, Ally Weedy è nella metro, nel vagone ci sono i soci di moreno, che si limitano a squadrarla. La Weedy percorre un lungo sottopassaggio prima di arrivare all'uscita dove verrà tampinata da Moreno.

    - Ally Sheedy identifica in centrale Moreno tra 5 pregiudicati

    - Tweety esce dal riformatorio ed è venuto a prendere in un furgone rosso da alcuni suoi amici di strada. Nell'andarsene, saluta chi sta nel cortile del riformatorio col dito medio. Immediatamente dopo i saluti di tutti, Mike e Horowitz evadono.

    - Dopo il teso diverbio in bagno con moreno, o' brian assegna i lavori a tutti, e assegna moreno ai cessi. Moreno gli si avvicina e gli sputa vicino ai piedi.

    - Dopo la scena dello sgambetto alla mensa, moreno e il vikingo provocano nuovamente Horowitz mentre guarda un film in sala tv (il film è Il bacio della morte), chiamandolo "lipshits". Lo scambio di battute degenera fino a una quasi rissa tra i quattro sotto gli occhi sgomenti di santoni. O'brien riesce a calmare Horowitz e a portarlo via tra le risate di moreno e del vikingo. Stacco sulla scena madre del film con la paraplegica buttata dalle scale tra le risate e gli applausi della teppaglia.

    - Perretti avvicina Moreno e gli chiede se, una volta eliminato O'brian, divideranno equamente i proventi della vendita sigarette, Moreno lo tratta con sufficienza, ma gli dà a intendere che la cosa è fattibile. O'brien, che ha assistito alla scena, rientra in stanza e aiuta Horowitz a saldare la radio tarocca con cui verrà liquidato il vikingo. Horowitz impreca perché non riesce a regolare il timer

    * Rispetto alla versione italiana, la vs estera ha una colonna sonora molto più ricca e variegata, che include tra gli altri Prodigal Son e Purgatory degli Iron maiden.
    Ultima modifica: 3/10/12 07:59 da Zender
  • Homevideo Buiomega71 • 3/10/12 03:30
    Pianificazione e progetti - 24128 interventi
    Ho la vhs della Skorpion, e alcune scene mi sembra (ma dico sembra) di ricordarle.

    Quando (ri)vedrò il film, farò un raffronto...
    Ultima modifica: 3/10/12 03:30 da Buiomega71
  • Homevideo Zender • 3/10/12 08:00
    Pianificazione e progetti - 45974 interventi
    Ottimo, grazie mille Schramm (però ho dovuto maiuscolizzare perché davvero non riuscivo a leggere senza un maiuscolo). So quanto sei affezionato al film.
  • Homevideo Schramm • 3/10/12 12:08
    Scrivano - 7314 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Ho la vhs della Skorpion, e alcune scene mi sembra (ma dico sembra) di ricordarle.

    Quando (ri)vedrò il film, farò un raffronto...


    è la stessa che ho io, così come ho la registrazione della prima tv di italia uno così come lo vidi ben due volte al cinema all'epoca: conosco il film a memoria e posso garantirti che delle summenzionate scene nell'edizione ita non ce n'è una sola che sia una che sia.
  • Homevideo Buiomega71 • 3/10/12 19:08
    Pianificazione e progetti - 24128 interventi
    Fatto passare con il FF la vhs, confermo le scene mancanti segnalate da Schramm.

    Per essere precisi il film, su vhs Skorpion, dura esattamente 1h, 43m e 07s.
  • Homevideo Schramm • 3/10/12 20:05
    Scrivano - 7314 interventi
    curiosamente anche IMDB.com riporta 104'. ma la versione integrale (disponibile ora anche su amazon) dura 123' tondi. va aggiunto che anche i titoli di testa sono lievemente differenti (il titolo è graficamente differentissimo) e c'è una manciata di secondi in più, non rilevantissima, di Ally Sheedy presa dal padre in negozio, poco prima che lei gli dica di aver scritto una lettera a Mike.
    Ultima modifica: 3/10/12 20:07 da Schramm
  • Curiosità Buiomega71 • 19/05/14 09:30
    Pianificazione e progetti - 24128 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv (Ciclo: "Superfilm", anno 1986) di Bad Boys

  • Musiche Schramm • 6/09/17 11:44
    Scrivano - 7314 interventi
    attenzione spoiler:

    La canzone che viene trasmessa dalla radio che esplode in faccia al Vichingo è Man on your mind (l’uomo che hai in mente) dei The Little River Band's "Man On Your Mind"

    (Notevole il mirroring con le liriche:
    pensavi che qualcosa del genere / non ti sarebbe mai potuto accadere / ti dico che hai un certo uomo in mente / e un bel peso sulle spalle (…) Hai mai trovato le parole per dire addio / Non sai cosa è davvero finché non accade / Ne hai solo sentito parlare ma è reale / non è solo un gioco / è scritto sul tuo viso / sei stato colpito a tradimento).
  • Curiosità Schramm • 6/09/17 11:53
    Scrivano - 7314 interventi
    * Per il proprio ruolo Sean Penn volle tra le altre cose rovinarsi la chiostra dei denti, macchiandosene e spezzettandosene alcuni. Sua madre, figlia di un dentista, si oppose, dicendogli che “rovinarsi una dentatura perfetta per un film è decisamente troppo!

    * Trenta reali detenuti e reali supervisori di riformatori sono stati inclusi nel film come attori, comparse e consulenti.

    * Il passaggio riportato sulla lavagna è estrapolato da Il richiamo della foresta di Jack London. Presumibilmente, è anche il libro che O'Brien e Horowitz leggono e discutono nella propria cella in una scena successiva.

    * Sean Penn pretese che tutti lo chiamassero Mick O’Brien durante la lavorazione del film.

    * Quasi tutti i personaggi principali vengono (o sono già) sfigurati a un certo punto del film.

    * Circa 12 anni dopo, nel 1995, Sean Penn reindosserà i panni di un galeotto in Dead Man Walking - Condannato a morte. Fu l’anno in cui uscì l’altro Bad Boys.

    * Clancy Brown e Jamie Lee Curtis si ritroveranno dalla parte della legge 7 anni dopo in Blue Steel.

    * Clancy Brown (Il Vichingo) interpreterà un vichingo reale nel 2007 in Pathfinder.

    (Fonte: Imdb)