Lo trovi su

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/05/07 DAL BENEMERITO HOMESICK
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 13/05/07 09:49 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Divertente senza essere sboccata, romantica senza diventare sdolcinata: commedia brillante di gran classe fotografata in una Roma solare, turistica e festosa, visitata da Gregory Peck, giornalista squattrinato e galantuomo, e da Audrey Hepburn, principessina monella con tanta voglia di violare l'etichetta. Comparsate di Maurizio Arena, Paola Borboni, Paolo Carlini. Imperdibile.

Galbo 13/10/07 14:07 - 11618 commenti

I gusti di Galbo

La solita vecchia storia di Cenerentola (o qualcosa di simile) realizzata da un grande della cinematografia hollywoodiana (Wyler) per una commedia che per equilibrio, suggestione delle riprese e carisma degli interpreti fa parte dei prodotti "aurei" del cinema americano. Forse in alcuni punti un po' troppo sdolcinato, è comunque uno di quei film che si rivede più volte divertendosi sempre. Oscar per la Hepburn che da qui inizia il proprio mito.

Il Gobbo 22/10/07 23:37 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Trionfo della Vespa e fragorosa avvisaglia del boom a venire. Sì, è vero, la Roma (dunque l'Italia) di questa ineccepibile commedia sentimentale hollywoodiana, diretta da un decorato maestro, ha quel po' di oleografico che piace tanto agli americani. Ma c'è, grazie non solo al celebre scooter, un senso di aria, di via d'uscita dalle angustie neorealiste, che ci piace pensare premonitore. Il resto lo fanno due protagonisti fulgidi, e un copione senza pecche. Agghiaccianti i numerosi tentativi di ammodernamento o remake perpetrati negli anni.

Giapo 26/06/08 09:13 - 234 commenti

I gusti di Giapo

Commedia sentimentale raffinata ma un po' insipida, narrata con buon ritmo e interpretata con classe dalla sempre bellissima Audrey Hepburn e un convincente Gregory Peck, ma priva di particolari elementi di nota: non l’ho trovata particolarmente divertente né coinvolgente. Un film onesto, che viaggia a velocità di crociera senza attrattive particolari.

Pigro 10/09/08 10:19 - 8415 commenti

I gusti di Pigro

Principessa straniera a Roma sfugge alla sorveglianza e scopre la città con un giornalista. Gaia favoletta sentimentale ed esotica (per gli americani, essendo ambientata a Roma) con connotazioni turistiche: inutile cercare dove non c’è gran che. C’è invece, e molto, sul fronte interpretativo, con Audrey Hepburn che con questo film conquista la fama, ampiamente meritata per la sua stupefacente freschezza e comunicativa. In generale il film scorre bene e la visione è sempre piacevole.

Ciccio 15/01/09 00:56 - 9 commenti

I gusti di Ciccio

Una principessa in tourneè nell'Europa degli anni '50 varca la sua linea d'ombra con una fuga per una vacanza romana di 24 ore. Tutto tra caffè all'aperto, le bellezze di Roma e un burrascoso giro in Vespa con Gregory Peck, spiantato giornalista americano che si trova tra le mani una fortuna inaspettata e... Commedia romantica piacevole e garbata senza eccessive cadute in sdolcinatezza. Si può affermare che i suoi rifacimenti, in tutte le chiavi, costituiscano genere a sè. Splendida Audrey Hepburn, eccezionale Gregory Peck.
MEMORABILE: Ripetute scene in stile slapstick che coinvolgono Joe e l'amico Irving. Lo scherzo di Joe alla principessa davanti alla bocca della verità. La Vespa!

Ciavazzaro 16/01/09 16:40 - 4769 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Classico senza tempo, non può vantare imitazioni ben riuscite, è unico. La stupenda ambientazione romana fa da cornice a una storia che ad alcuni potrà anche sembrare banale, ma che è interpretata degnamente da Peck e la pover Hepburn e decisamente ben diretta. Si vede con molto piacere. Classico.

Saintgifts 26/05/09 10:52 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

È la Roma vista dagli americani la protagonista di questo delizioso film, ma è la Roma che piace anche a noi con i suoi monumenti il suo calore e la sua "dolce vita" (ma non nel senso felliniano). Ed è questa Roma a far vivere alla romantica principessa un piccolo sprazzo di normalità nella sua etichettata vita. Il misurato ed onesto Joe (Gregory Peck) è l'accompagnatore ideale per la principessa (Audrey Hepburn) in vena di scoperte. L'amore impossibile è l'unico sentimento amaro che riporta tutto alla inesorabile realtà. Un grande classico.
MEMORABILE: La trasformazione che opera il parrucchiere (Paolo Carlini) ai capelli della principessa: ottima trovata per completare la nuova identità.

Macguffin 15/02/11 17:53 - 124 commenti

I gusti di Macguffin

Considerate le premesse - un soggetto ultra-romantico, l'ambientazione nella splendida (anche se un po' caricaturale) Roma in fermento degli anni '50, la presenza dell'incantevole Hepburn - il rischio di "sdolcinare" era dietro l'angolo. Wyler invece dirige con equilibrio e misura rendendo verosimile la favola, fino allo splendido finale. Sente un po' il peso degli anni ma il perfetto incrocio tra la buona fattura e altri piccoli/grandi miti (la Vespa, la Hepburn, Peck, Roma) lo rende un classico, modello insuperato per tanti altri film.

Nancy 30/09/12 15:57 - 774 commenti

I gusti di Nancy

Leggera e piacevole commedia hollywoodiana che, se pure non brilla, intrattiene piacevolmente. Grande e storica coppia quella formata da Peck e Hepburn, in un intreccio romantico tra i personaggi di una principessa e un reporter. La trama si innesta permanentemente sullo sfondo della Roma degli anni 50 vista attraverso gli occhi dello scintillante mondo americano: anni luce, quindi, dal nostro Neorealismo, ma non necessariamente per questo meno gradevole, solo sicuramente più spensierato.
MEMORABILE: Audrey ubriaca all'inizio del film.

William Wyler HA DIRETTO ANCHE...

Tarabas 19/04/13 09:28 - 1773 commenti

I gusti di Tarabas

Di solito si dice "immortale". Ecco, forse non è proprio immortale (tante cose, viste oggi, fanno sorridere per ingenuità), ma di certo Vacanze romane resta un capolavoro di felicità filmata, che coinvolge ancora oggi grazie a una coppia di protagonisti che sarebbe impossibile replicare, al set naturale più bello del mondo, al mito di un'età dell'oro che non è mai esistita ma nella quale ci piacerebbe tanto aver vissuto. Di un altro film si direbbe "cartolinesco", ma queste cartoline romane in bianco e nero hanno una classe che lèvati.

Daniela 27/11/13 12:30 - 10357 commenti

I gusti di Daniela

Cerentola al contrario, una principessina, fuggita dal castello/ambasciata romana perché stufa del suo ruolo, gode di alcuni giorni di libertà a cavallo di una Vespa in compagnia di un principe azzurro americano e giornalista... Fiaba moderna, uno dei capisaldi del cinema romantico, impreziosita dalla velata malinconia del finale coi piedi per terra, gradevole anche all'ennesima visione: chi può resistere alla grazia incomparabile di Audrey Hepburn, al fascino virile rassicurante di Peck, alla visione così gioiosa della città eterna rappresentata nei suoi aspetti più caoticamente vitali?
MEMORABILE: La principessa ed il giornalista davanti alla bocca della verità

Jandileida 30/08/15 16:52 - 1310 commenti

I gusti di Jandileida

Cartolina a stelle e strisce sulla Città eterna che segnerà, per un lungo periodo a venire, l'idea che il mondo si farà dell'Italia e degli italiani. Presa quindi senza alcuna pretesa di aderenza alla realtà (a quello ci pensavamo, con piglio, da soli), la pellicola è una piacevole favola interpretata in maniera fresca e spontanea dalla premiata coppia Peck e Hepburn, girata con il solito mestiere della Hollywood anni '50 e che si avvale di uno scenografia che aveva pochi rivali nel mondo. Non annoia mai e scorre con gusto anche dopo 62 anni.

Ultimo 27/12/15 15:30 - 1457 commenti

I gusti di Ultimo

Classico senza tempo di Wyler, si presenta come una commedia romantica ambientata n una splendida Roma dei primi anni 50. Gli scorci della città (Via Margutta, il Colosseo, Piazza di Spagna e potrei citare molto altro...) sono tra i migliori dei film dell'epoca. Buono anche il cast, con un Gregory Peck dei tempi migliori e una giovine e bellissima Audrey Hepburn. Notevole, da vedere almeno una volta.
MEMORABILE: La gita in Vespa.

Paulaster 31/03/16 10:41 - 3162 commenti

I gusti di Paulaster

A pochi anni dalla fine delle guerra (ricordata in un momento toccante) Roma diviene teatro di spensieratezza e voglia di vivere. Inizio leggermente ingessato a far da preludio alla parte migliore, che è il divertente girovagare per la città tra piccole avventure. Conclusione che verte sul politicamente corretto con il chiarimento finale che soddisfa per la scelta rimettendo in equilibrio i rapporti tra una Hepburn fresca altezza reale e un distinto Peck. Regìa agevolata dai monumenti della Città Eterna.
MEMORABILE: La Hepburn addormentata che sbaglia la scala; Gli sgambetti di Peck al fotografo; Le fotografie scattate di nascosto.

Parsifal68 16/04/16 18:20 - 607 commenti

I gusti di Parsifal68

Principessa di un non specificato paese europeo in visita a Roma, stanca dei numerosi impegni ufficiali, "evade" dal suo mondo ovattato per trascorrere un giorno di vacanza spensierata in compagnia di un fascinoso reporter. L'amore è in agguato. Una favola molto ingenua e piena di buoni sentimenti che deve il suo successo alla presenza di due indimenticati attori come Peck e la Hepburn e che fu premiata con il premio Oscar. Invecchiato e non molto bene, ma è bello vedere come in tanti anni sia cambiata la Città Eterna.
MEMORABILE: La scena della Bocca della Verità.

Pinhead80 9/01/17 18:07 - 4091 commenti

I gusti di Pinhead80

Come è possibile riuscire a non rimanere abbagliati dalla candida bellezza della Hepburn o rassicurati dalla gentilezza dell'apparente burbero Peck? Se in più aggiungiamo una Roma da favola fotografata proprio laddove il suo cuore pulsante pompa litri di storia e di bellezza, ecco che il gioco è fatto. Soggetto, interpreti e cornice formano un quadro unico che si guarda con ammirazione e che non perde mai un briciolo di fascino malinconico.
MEMORABILE: La scena della Bocca della Verità.

Faggi 14/03/18 17:29 - 1516 commenti

I gusti di Faggi

La principessa è giovane, bella e inquieta, frizza di desiderio; e la si rimpinza di sedativo (barbiturici?) per placarne le smanie e farla dormire; ma lei, in ubriachezza chimica, fugge dalla sua prigione dorata: troverà/incontrerà Roma - una Roma tutt'altro che cartolinesca, catalizzatrice di sogni e sensualità - e l'amore... impossibile. Film scattante, sincero, divertente; girato e interpretato alla perfezione. Nessun sentimentalismo ma schietto humour romantico; e il bellissimo finale sorprende per malinconia erotica e compiutezza poetica.

B. Legnani 22/04/19 22:50 - 4937 commenti

I gusti di B. Legnani

La prima metà, pur facendo la tara dei decenni passati, lascia un poco perplessi, ma poi il film prende una freschezza della quale sono artefici i due protagonisti, perfetti per il ruolo, fino all'esplosione alla balera sul fiume, cui seguono momenti azzeccati, fino alla consegna delle... foto-ricordo. Ciò che non piace è il modo di gesticolare esagerato che viene richiesto alla maggior parte degli attori italiani, per andare incontro agli stereotipi dell'occhio statunitense. Ovviamente invecchiato, ma altrettanto ovviamente imperdibile.
MEMORABILE: In assoluto, la Hepburn che salta nel Tevere. Da cinefilo tricolore, Mimmo Poli che bacia la protagonista e lo "Smilzo" che, serissimo, balla con lei.

Noodles 4/06/20 23:03 - 1121 commenti

I gusti di Noodles

La storia del film non brilla per originalità, ma quando hai un Gregory Peck in gran spolvero, Audrey Hepburn bella e brava più che mai e una Roma stupenda a fare da sfondo, hai vinto. Si tratta infatti di una pellicola che emana fascino ad ogni inquadratura e ad ogni vicolo della città, ricca di scene immortali (la scena in Vespa su tutte). La confezione è splendida, soprattutto per quanto riguarda la fotografia. Ogni tanto il film rallenta bruscamente in alcune scene che vengono dilatate esageratamente: uno dei pochi difetti di questo bel film. Da vedere.

Eddie Albert HA RECITATO ANCHE IN...

Il ferrini 18/01/21 19:36 - 1837 commenti

I gusti di Il ferrini

Immancabile per ogni cinefilo, è uno dei film che vanta più tentativi di imitazione (solo rimanendo in Italia Innamorato pazzo ma anche il terribile Favola). Wyler fotografa una Roma che non c'è più, e anche solo per questo merita la visione, fatta di vicoli, mercatini, barbieri di quartiere e soprattutto quello storico monolocale in Via Margutta 51, nel quale si sveglierà un'imbarazzata Hepburn (debutto hollywoodiano folgorante). Una delicata, elegante, commedia che a dispetto della fama di romantico ha ben poco; di certo non il finale, amaramente realista.
MEMORABILE: Il taglio dei capelli.

Caesars 29/03/21 10:53 - 2977 commenti

I gusti di Caesars

Commedia rosa che, nonostante l'Oscar alla miglior sceneggiatura (di Trumbo, anche se all'epoca non venne accreditato), vanta una storiellina esile esile, non certo memorabile. A consegnarlo alla storia c'è invece la regia di Wyler e, soprattutto, le caratterizzazioni, assolutamente perfette, dei due personaggi principali interpretati dalla Hepburn e da Peck. I decenni passati dalla sua realizzazione sono molti e si sentono tutti, però mantiene la sua godibilità anche visto dallo spettatore di oggi. Da conoscere.

Minitina80 9/05/21 21:48 - 2560 commenti

I gusti di Minitina80

Una commedia che sa di favola, la cui principessa ha le sembianze di una Hepburn magnifica sotto tutti i punti di vista. Peck, invece, appare poco espressivo e la voce di Cigoli non gli addice proprio. Ad ogni modo risulta gradevole e piacevole da seguire, anche per il piacere di ammirare una Roma più bella di quella che verrà. Saggia la scelta di non esasperare la storia ed un epilogo di quel tipo conferma quanto di buono è stato fatto in sede di scrittura. Tra le migliori commedie sentimentali girate per garbatezza, buon gusto e purezza d’animo.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Giuse • 15/11/19 12:43
    Disoccupato - 18 interventi
    Si pensavo che non fosse visibile già all'epoca. A questo punto bisognerebbe capire che attinenza ha con l'appartamento dello scultore...sempre che ce ne abbia...
  • Discussione Lucius • 15/11/19 13:11
    Scrivano - 8549 interventi
    Probabile sarà lo stesso. La sua amica non abita più lì. Riuscire a contattarlo sarebbe bello. Si potrebbe scattare nell'appartamento, verso l'esterno e verificare la corrispondenza con il panorama.
    Non si sa mai in futuro...
    Ultima modifica: 15/11/19 18:08 da Lucius
  • Discussione Lucius • 19/11/19 13:21
    Scrivano - 8549 interventi
    Giuse ebbe a dire:
    Sembrerebbe che l'appartamento di Via Margutta 33 dove sono state girate alcune scene degli interni sia stato messo in vendita. Facendo una rapida ricerca si può trovare l'annuncio e soprattutto 20 foto degli interni.

    https://www.immobiliare.it/annunci/75964908/

    Già contattata l'agenzia. Mi hanno confermato che al posto della camera da letto oggì c'è la cucina. Aspettiamo l'ok e i permessi dello scultore per scattare... Incrociamo le dita.
  • Discussione Giuse • 19/11/19 22:51
    Disoccupato - 18 interventi
    Per carità, sarebbe una scoperta eccezionale...tuttavia dalle foto che ho visto non mi sembra che vi sia molta attinenza...nel soppalco del film c’è una specie di finestra di fronte al letto e c’è anche un bagno... anche la grande finestra mi sembra diversa. E’ anche vero che se fosse stata rifatta a Cinecittà sarebbe stata creata in maniera molto sofisticata...notavo l’altro giorno in una foto perfino i fili esterni che portavano l’elettricità agli interruttori e che erano comuni negli anni 50.
  • Discussione Lucius • 20/11/19 04:25
    Scrivano - 8549 interventi
    Mi interessa il panorama ma non so se mi faranno entrare...
  • Discussione Giuse • 20/11/19 10:36
    Disoccupato - 18 interventi
    Il panorama che si vede dalla finestra di Joe Bradley si può analizzare in numerose foto in giro per il Web. Risulta coerente con quello che si sarebbe visto se il soppalco fosse stato nel condominio di Via Margutta, 51...si vedono benissimo i 2 campanili della Chiesa di San Giacomo in Augusta a Via del Corso...Se dovessi vendere una casa,la foto di quel panorama sarebbe la prima che inserirei nell'inserzione...Questo non vuol dire molto perché Wyler avrebbe potuto usare degli sfondi creati ad hoc come credo abbia fatto nell'ufficio del capo di Bradley dove sullo sfondo dietro la finestra si vede la colonna di Marco Aurelio che campeggia nella piazza. Al momento però dalle foto che ho visto non mi sento di associare i 2 soppalchi a meno che non ci vengano fornite delle foto inedite che ci facciano capire come, nel corso del tempo, il soppalco sia cambiato...cioè, perché non si vede la finestra, perché il bagno è sparito ecc.
  • Discussione Lucius • 20/11/19 16:31
    Scrivano - 8549 interventi
    Io mi riferivo al panorama della camera da letto, quello che mostra i tettucci in tegole. In più sono quasi certo che l'ufficio del fotografo sia a Roma..
    Ultima modifica: 20/11/19 16:34 da Lucius
  • Homevideo Zender • 12/10/20 18:09
    Consigliere - 44580 interventi
    Uscito in bluray per la Paramount

    Formato Audio: 2.0 Mono Dolby Digital: Italiano Francese Giapponese Spagnolo Tedesco
    Dolby TrueHD 2.0: Inglese                    

    https://www.dvd-store.it/Video/Blu-Ray/ID-72002/Vacanze-Romane-Edizione-Speciale-Blu-Ray-Disc-6-Cartoline-da-Collezione
  • Homevideo Caesars • 18/03/21 12:07
    Scrivano - 12987 interventi
    A proposito del bluray italiano.
    Ho paura, ma spero di essere smentito, che contenga la versione a colorizzata (e non quella b&n).
    Infatti in rete ho trovato immagini di tale versione (credo appunto provenienti da bluray) e sotto riporto un estratto dal retrocopertina dove si legge "technicolor"

    [img size=424]https://www.davinotti.com/images/fbfiles/images56/colorazzz.jpg[/img]

    Vorrei sperare che sia un errore o almeno che contenga entrambe le versioni (b&n e colorizzata).
    O forse esistono due bluray (uno b&n e uno colori), visto che su dvdbeaver ho trovato che il bluray uscito in USA (ma region free e con audio italiano) è rigorosamente b&n
    http://www.dvdbeaver.com/film9/blu-ray_review_131/roman_holiday_blu-ray.htm

    Qualcuno ne sa di più?
    Ultima modifica: 18/03/21 14:16 da Zender
  • Discussione Caesars • 18/03/21 13:32
    Scrivano - 12987 interventi
    Non sapevo che ne fosse stato girato un remake televisivo. Dovrebbe essere uscito anche in Italia (solo TV?) col titolo "Vacanze Romane 2" (ma in originale era semplicemente Roman holiday).
    Anche in questa versione l'operato di Dalton Trumbo non era ancora stato riconosciuto
    Ultima modifica: 18/03/21 14:14 da Zender