Ombre malesi

Media utenti
Titolo originale: The letter
Anno: 1940
Genere: gangster/noir (bianco e nero)
Numero commenti presenti: 15

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 16/09/07 DAL BENEMERITO IL GOBBO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 16/09/07 21:33 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

A Singapore la moglie di un piantatatore finisce sotto processo per l'uccisione di un tizio: lei dice legittima difesa... Foschissimo melodramma noir tratto da Somerset Maugham, eccezionale per atmosfere (quando la fotografia in bianco e nero è una forma d'arte) e dominato dalla magnetica performance di Bette Davis, la durissima maliarda assassina e imputata nel serrato processo. Regia sapiente per un grande classico della vecchia Hollywood

Cotola 12/07/08 17:41 - 7517 commenti

I gusti di Cotola

Splendido melodramma a forti tinte noir che si avvale della stupenda regia di Wyler, di una notevole e raffinatissima sceneggiatura di Howard Koch (tratta da un racconto di Somerset Maughman) leggermente rovinata solo da un finale un po' accomodante ma in fondo obbligato (per motivi censori), di una grandiosa fotografia e di scenografie ed ambientazioni malsane ed inquietanti al punto giusto. Anche gli attori fanno la loro parte e, com'è ovvio, specialmente una magistrale e crudelissima Bette Davis.

Maineng 2/08/08 15:21 - 100 commenti

I gusti di Maineng

Bette Davis che esprime al top il suo stile recitativo di donna fredda e calcolatrice, caratteristiche che con l'abilità di Wyler diventano quasi il fondamento del film. Herbert Marshall perfetto nella parte di marito innamorato e ingenuo (nonché tradito). Da ammirare anche le scenografie e l'ambientazione in generale, molto esotica e tipica del periodo coloniale. La fotografia mi é piaciuta, molto efficace! Forse troppo marcata una certa teatralità in alcune scene ma é un partcolare che non compromette assolutamente la bellezza della pellicola!
MEMORABILE: Mi é sempre rimasta in mente l'immagine notturna con le nuvole che attraversano il cielo e oscurano la luna.

Stefania 30/07/09 12:38 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

L'ombrosa signora Crosbie, stregata dalla luna (malese), dalla passione, dall'orgoglio, uccide, seduce, inganna, manipola, ma all'ombra della luna va incontro al suo destino... Bellissimo film che concilia perfettamente noir e dramma giudiziario e parla anche di conflitti: tra due mondi, quello europeo e quello orientale, tra raziocinio e istintualità, tra "morale provvisoria" e etica della vendetta. In mezzo a tutto ciò, due indimenticabili figure femminili. Avvolgente, stordente, inesorabile.
MEMORABILE: La visita di Leslie nel quartiere cinese e l'incontro con la rivale.

Daniela 2/02/10 07:51 - 9386 commenti

I gusti di Daniela

In una piantagione malese, la moglie di un ricco possidente uccide un conoscente di famiglia. La donna sostiene di essersi difesa da un tentativo di violenza carnale, ma la moglie del morto è in possesso di una lettera (The letter è il titolo originale) che svela i retroscena. Noir di ambientazione esotica, memorabile per l'atmosfera torbida ed il clima di crescente angoscia che stringe in una morsa la protagonista, Davis in una delle sue più intense interpretazioni, detestabile ma anche capace di suscitare compassione. Fotografia ipnotica.

Galbo 4/02/10 05:56 - 11385 commenti

I gusti di Galbo

Magnifico film noir magistralmente diretto da William Wyler. Anche se la trama appare piuttosto scontata e niente affatto originale, il film si segnala per le efficaci atmosfere (si veda la parte iniziale del delitto all'interno della piantagione), l'ambientazione e l'eccellente prova del cast con una splendida Bette Davis, giustamente candidata all'Oscar per la sua interpretazione.

Saintgifts 18/03/10 22:29 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Bette Davis eyes. Non sono mai stato un fan di Bette Davis, una bellezza difficile per me, ma devo ammettere che è tremendamente affascinante e bravissima attrice. "The Letter" sembra fatto apposta per lei, per i suoi sguardi, per le sue espressioni, per le sue grandi bugie, ma anche il coraggio delle verità in questo noir ambientato in un oriente rappresentato così bene tra oscurità, fumi d'oppio e completi immacolati di occidentali serviti e riveriti, ma appena tollerati. Regia e sceneggiatura perfette, fotografia da commozione, bravi interpreti.

Bruce 7/06/10 10:42 - 1004 commenti

I gusti di Bruce

Del 1940, film d'altri tempi, impossibile da confrontare con le moderne produzioni. Ma come non riconoscere la qualità di una fotografia in bianco e nero mai così nitida ed efficace e di dialoghi studiati alla perfezione che nascondono un'approfondito esame delle diverse dinamiche relazionali tra i protagonisti? Eccellente è l'avvocato, nel suo difficilissimo ruolo di amico, consigliere e professionista, disposto a salvare il salvabile pur con tutti i dubbi impostigli dalla propria coscienza. Bette Davis è maligna e magnetica. Tragico noir.
MEMORABILE: Il confronto in carcere a proposito dell'esistenza della lettera.

Nando 1/06/12 13:32 - 3472 commenti

I gusti di Nando

Efficace melodramma a tinte fosche in cui le angosce della protagonista, un'altera e perfetta Davis, emergono preponderanti. L'accusa di omicidio aleggia in tutta la narrazione ed il crescento drammatico sfocia nell'intenso finale. Interessanti e realistiche le ambientazioni.

Jdelarge 26/10/14 11:01 - 874 commenti

I gusti di Jdelarge

Il genere noir si intravede negli occhi di Bette Davis (qui sublime) e nel gioco di luci e ombre messo in scena magistralmente da Wyler. L'ambientazione malese è originale e rappresenta un altro punto di forza notevole della pellicola che, però, non è sorretta ugualmente dalla trama, la quale risulta essere eccessivamente prevedibile. Peccato; perché con una Davis a questi livelli e una regia così ispirata, una trama un po' più accattivante avrebbe fatto gridare al capolavoro.

Myvincent 26/11/15 07:00 - 2549 commenti

I gusti di Myvincent

Dentro a uno scenario esotico e misterioso si susseguono vicende legate a un omicidio, un processo e una lettera decisamente compromettente. Il tutto ruotando attorno alla figura dark di Bette Davis, in bilico tra innocenza e colpevolezza. Al solito lo spirito manicheo arriva puntuale come una lama affilata che non lascia scampo. Un po' verboso, nel complesso.
MEMORABILE: Il merletto di "mezzanotte" come inutile scacciapensieri.

Faggi 4/01/16 15:14 - 1502 commenti

I gusti di Faggi

La luna, qualche volta in campo, che Bette Davis contempla (o semplicemente scorge) nel finale è il simbolo migliore per questa pellicola sul lato nascosto della personalità: al visibile corrisponde sempre un invisibile. Noir atipico e formidabile, di suggestiva ambientazione esotica, girato con idee chiare, ambiguo, incalzante, pungente e cinico. Radiografia di anime impietosa quanto basta, senza sconti per nessuno dei personaggi.

Gippal 24/01/17 21:33 - 86 commenti

I gusti di Gippal

Ambientato in Malesia, conquista per la regia curata di Willyam Wyler, stakanovista come sempre, per le performance impeccabili dei suoi attori (Bette Davis in primis), per le atmosfere uniche, insinuanti, che si mischiano a una forte suspence mai smorzata, mai appianata e anche per le musiche di Max Steiner. Difficile non rimanere sbigottiti di fronte all'incredibile scena iniziale, frutto di un estenuante lavoro, girata 34 volte; semplicemente da mozzare il fiato.

Gius 8/08/17 19:15 - 40 commenti

I gusti di Gius

Veramente un bel noir; un vero capolavoro, per l'epoca (1939). Bette Davis è semplicemente superba, di una perversione spettacolare e di un'espressività magistrale. La sapiente regia di Wyler inquadra la protagonista in un gioco di chiaroscuri notturni e proprio gli splendidi occhi della Davis ne vengono ulteriormente esaltati. La figura tragica del marito Herbert Marshall è evidenziata con drammaticità. Alta figura importante è quella dell'avvocato, che sembra subire anch'egli il fascino della Davis.

Fedeerra 15/09/19 06:12 - 422 commenti

I gusti di Fedeerra

La mostruosità del buio, delle ombre, del non detto, del non vissuto. William Wyler costruisce una dimensione soffocante e afosa in un labirinto noir che è un trionfo cinematografico tra i suoi più riusciti. Bette Davis è immensa, si immerge in un personaggio dal fascino inquietante intervallato da spari di luce. Cast tecnico e artistico ai massimi livelli. Capolavoro.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.