Le notti bianche

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 11/08/07 DAL BENEMERITO HOMESICK
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 11/08/07 18:10 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Neointimista. Il racconto sull’illusione e l’amore sfortunato di Dostoevskij si sposta da S. Pietroburgo ad un’affascinante città dai tanti volti – placida, eterea, notturna, piovosa, nebbiosa, nevosa, albeggiante - tutta ricostruita in studio e illuminata dalla limpida fotografia di Rotunno. Bravissimi sia il puro, realista e poliedrico Mastroianni sia la dolce, tenace sognatrice Schell. Marais è … fantomatico e Pani appare brevemente nel ruolo di un teppistello.
MEMORABILE: Il ballo di Mastroianni.

Il Gobbo 24/12/07 19:03 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Ambizioso, raffinato, ma in ultima analisi un po' estenuato esercizio di stile di Visconti, più a suo agio con le storie e gli allestimenti magniloquenti, ma certamente tronfio di poter esibire nei titoli Dostoevskij come soggettista! Molti passaggi a vuoto, ma ammaliante la fotografia di due pezzi da novanta (Ippoliti e Peppino Rotunno) che avvolge tutto il film in un'atmosfera sognante che è la maggior qualità di un film non centratissimo. Mastroianni valido, la Schell come sempre un po' svenevole.

Ammiraglio 8/07/08 14:25 - 150 commenti

I gusti di Ammiraglio

Un bel film, migliore di quanto appaia a prima vista (tecnicamente superbo). L'atmosfera creata è davvero perfetta per rappresentare il sogno d'amore di entrambi i protagonisti e i loro viaggi nella notte. I due attori protagonisti compiono un ottimo lavoro. Anche se la Schell a volte sembra entrare talmente tanto nel personaggio da non essere più credibile.

B. Legnani 8/08/08 16:46 - 4688 commenti

I gusti di B. Legnani

Ronf, ronf. Va nella lista dei film quasi unanimemente celebrati che io non riesco ad apprezzare. Irrimediabilmente tedioso, con una presentazione dei sentimenti dolce finché si vuole ma ultra-manichea. Grande Mastroianni, mentre la Schell inalbera un sorriso sì bellissimo, ma che dopo dieci minuti diventa insopportabile. Assolutamente inutili Jean Marais (che non ci prova neanche) e la Calamai. La città, tutta ricostruita in studio (il che aumenta il fastidio), è ispirata a Livorno. Decenni-luce da Ossessione , da Ludwig, da Senso...

Matalo! 10/08/08 02:47 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Forse sottovalutato, anche se non regge col racconto dato che Mastroianni è un po' troppo tonto. Suggestiva l'ambientazione che vede una Livorno spettrale far da cornice al girovagare del fanciullesco protagonista. Una certa magia del tutto e una notevole eleganza ci fan sopportare la faccia da pianto di Maria Schell. Ben migliore del freddo e malriuscito tentativo di Bresson comunque.

Galbo 21/10/08 05:57 - 11343 commenti

I gusti di Galbo

Tratto da un racconto dello scrittore russo Dostoevskij, rappresenta il trionfo dell'estetica viscontiana e da questo punto di vista è maggiormente lodevole per il contorno formale (scenografia e fotografie che rendono l'atmosfera del film quasi sospesa) che non per la struttura narrativa, che appare spesso sterile, a causa di una sceneggiatura piuttosto inconcludente in alcuni passaggi. Ottimo il cast, con un grande Mastroianni.

Deepred89 8/06/09 21:57 - 3268 commenti

I gusti di Deepred89

Bellissimo film, semplice nella trama ma ricchissimo di fascino. Incantevole l'ambientazione nel borgo di notte, arricchito da molti ottimi particolari: personaggi che appaiono e scompaiono nel buio, scenografie vagamente oniriche e di grande suggestione e un ottimo utilizzo delle luci. Molti silenzi, ritmi dilatati e trama semplicissima, scelte che risultano azzeccatissime. Funzionano un po' meno i flashback vari e lo sviluppo del personaggio della Calamai, ma nel complesso si tratta di difetti non gravi. Bravo Mastroianni. Ottimo.

Giùan 21/03/12 12:29 - 2927 commenti

I gusti di Giùan

Rara toppa registica nella clamorosa carriera di Visconti, paradossalmente opera ancor più senile di quelle della conclamata vecchiaia (L'innocente). Film di cui mi ha sempre infastidito la sia pur ricercata artificiosità (la ricostruzione in studio, il patinato b/n di Rotunno), rea al contempo di render asettica l'ambientazione e inerte la recitazione (Mastroianni imbalsamato, la Schell inutile, gli altri non pervenuti). Ci cascò pure Bresson con l'appena migliore 4 notti, mentre Luchino girerà il suo capolavoro dostojevskiano con I fratelli Roccamazov.

Lucius 6/05/12 13:42 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Un genuino esrecizio di stile, un cinema tutto in studio, girato con maestria ma che oggi, soprattutto dopo la carriera di Visconti, appare desueto, estremamente sincero e prorio per questo privo di mordente. Imponente il lavoro scenografico di Cinecittà, ma siamo lontanissimi dal trionfo dell'estetica viscontiana. Buone le caratterizzazioni dei tre interpreti principali. Un salto nel passato in una riuscitissima atmosfera che incornicia tutto il film, arricchendolo di grande suggestione.

Didda23 22/03/13 17:53 - 2282 commenti

I gusti di Didda23

La perfezione della glaciale fotografia di Rotunno conferisce un'asettica artificiosità al girato, che poggia su una sceneggiatura eccessivamente petulante, purtroppo senza genuinità. Peggio ancora fa il cast, con un Mastroianni irritante e oltremodo ingenuo. Visconti dal canto suo possiede un'eleganza unica che permette all'opera di non essere stroncata in toto. Una rilettura splendida dell'opera di Dostoevsky sarà fatto molto dopo da quel genio di James Gray. Mediocre.

Almicione 9/07/13 18:09 - 765 commenti

I gusti di Almicione

Visconti si prende l'arduo compito di trasportare la magia del capolavoro dostoevskiano sullo schermo. E in parte ci riesce, soprattutto nelle ultime sequenze (l'impareggiabile scena finale è voluttà pura, bella quasi quanto il finale del libro). Tra i difetti figurano alcune sequenze un po' noiose che potevano essere tagliate e una non proprio complessa caratterizzazione del personaggio di Mario (Mario...), il cui carattere nel libro è uno degli aspetti più interessanti. Da lodare invece la narrazione (abbastanza fedele), i flashback, il ballo.
MEMORABILE: La scena del ballo; Le ultime frasi di Mario; La scena finale nella sua totalità.

Mickes2 15/08/13 20:34 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Sogno di un’utopia nelle notti bianche, melodramma che sublima nel romanticismo, fiaba trasognante nell’intimo emotivo. Livorno come non-luogo, spettrale e avvolgente insieme, per una storia d’amore impossibile e corrisposta tra lontananze e promesse, decisioni e speranze. Visconti scompone e ricompone un mosaico dell’animo in un evolversi emozionale tra felicità, dolore e malinconica illusione e al centro la magia di un’Attimo di gioia, unico e (ir)raggiungibile, rubato (per il futuro) da un triste destino. Meravigliosa e angelica Maria Schell.
MEMORABILE: La neve...; Il finale.

Nando 5/08/14 00:20 - 3458 commenti

I gusti di Nando

Ispirato da un romanzo del grande Fedor, la pellicola appare ineccepibile sotto l'aspetto scenografico, con luoghi ricostruiti in maniera eccelsa. La vicenda è melodrammatica, cavalcata con leggera maestosità da Mastroianni mentre la Schell è accettabile. Situazioni sentimentali e ritmo non sempre elevato, ma lo stile magniloquente del maestro Visconti si percepisce costantemente.

Cotola 24/06/15 15:50 - 7456 commenti

I gusti di Cotola

Il romanzo breve di Dostoevskij nella versione di Visconti. A colpire maggiormente è di sicuro la bella fotografia in bianco e nero di Rotunno ma soprattutto lo straordinario lavoro di scenografia di Chiari e Garbugli che ricostruiscono magistralmente un pezzetto di Livorno negli studi di Cinecittà tanto da farla sembrare la vera città toscana. Belle le prove di Mastroianni e della Schell. C'è anche la Calamai nella particina di una passeggiatrice sola e sul viale del tramonto. Però sembra mancare qualcosa per renderlo grande come altri lavori del regista.

Vitgar 12/03/17 10:07 - 586 commenti

I gusti di Vitgar

Ritmo un po' lento in stile Visconti ma produzione di buon livello. Ambientato in una città improbabile con persone che sembrano ombre che passano velocemente. La trama è semplice ma la buona sceneggiatura la rende gradevole e ben strutturata. Ottima la fotografia. Mastroianni notevolissimo, bella la mimica facciale di Maria Schell, Jean Marais ha un ruolo talmente defilato che neanche si vede. Consigliato.
MEMORABILE: Il ballo sfrenato.

Daniela 2/07/20 19:24 - 9206 commenti

I gusti di Daniela

Mentre sta passeggiando di notte per le vie di Livorno, un impiegato si imbatte i giovane straniera in attesa dell'uomo amato che però non si presenta... Tre anni prima Visconti aveva diretto Senso, tre anni dopo sarà la volta di Rocco e i suoi fratelli: stretta tra due capolavori,  questa libera trasposizione del romanzo breve di Dostoevskij rischia di apparire ancora più dimessa di quel che è. Visivamente pregevole, un film troppo languido ed estenuato, monocorde come la prestazione di Maria Schell. Più convincente il malinconico Mastroianni. 
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Musiche Ciavazzaro • 10/05/11 21:06
    Vice capo scrivano - 5596 interventi
    Sempre Nino Rota:

    http://www.youtube.com/watch?v=XutpACQNq-U&feature=related
  • Homevideo Mco • 14/03/13 00:13
    Scrivano - 9653 interventi
    A partire dal 19 Marzo 2013 in BLU-RAY per Cristaldi Film.
  • Discussione B. Legnani • 16/12/13 00:40
    Consigliere - 13722 interventi
    Chi ha il film può fornire un fotogramma con il capofamiglia che si vede all'inizio camminare con Mastroianni?
    Grazie.
  • Discussione Homesick • 16/12/13 15:39
    Capo scrivano - 1382 interventi
    Ciao, questa può andare?
  • Discussione Homesick • 16/12/13 18:17
    Capo scrivano - 1382 interventi
    Provo con quest'altra, ma ho visto che è impossibile vederlo bene in faccia, perchè è sempre ripreso da lontano:

  • Discussione B. Legnani • 16/12/13 19:22
    Consigliere - 13722 interventi
    Homesick ebbe a dire:
    Provo con quest'altra, ma ho visto che è impossibile vederlo bene in faccia, perchè è sempre ripreso da lontano:

    Ultima modifica: 16/12/13 19:23 da B. Legnani
  • Discussione B. Legnani • 16/12/13 19:27
    Consigliere - 13722 interventi
    Forse è proprio il caraterista al quale da anni sto cercando di dare un nome. Si vede ne LA VISITA (proprietario della libreria), ne LE MANI SULLA CITTA' (uomo dell'entourage di Randone), ne IL PROCESSO DI VERONA (mi pare faccia l'aiuto del giudice Cersosimo) e in SALVATORE GIULIANO (un avvocato).
    Che sia Ferdinando Gerra? Mah!

    Grazie.
  • Discussione B. Legnani • 16/12/13 19:43
    Consigliere - 13722 interventi
    Vedo che IMDB lo dà presente in A CAVALLO DELLA TIGRE. Prossima volta che passa lo registro e lo cerco.