LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 24/01/08 DAL BENEMERITO B. LEGNANI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 24/01/08 20:16 - 4695 commenti

I gusti di B. Legnani

Mastodontico, tormentato, bellissimo. Straziante ritratto della decadenza psichica di Ludwig II (inconsapevole sponsor della sezione "puzzles" della Ravensburger, avendo lui fatto costruire il castello di Neuschwanstein), narrato con sincera pietà da Visconti. Il regista riesce mirabilmente a evitare allo spettatore che la crescente cupezza dell’ambientazione diventi incomunicabilità e che la parossistica ridondanza scenografica diventi insostenibile orpello. Molte scene indimenticabili. Berger (doppiato da Giannini) grande, come tutto il cast.
MEMORABILE: L'incredibile fontana con i cigni.

Pigro 10/03/09 08:33 - 7737 commenti

I gusti di Pigro

La vita estrema del re Ludwig II, l'amore per la cugina, la follia, la musica, la morte. Il film dilaga oltre ogni limite, puntando proprio su quell'eccesso da melodramma wagneriano che fu la cifra esistenziale e psicopatica del monarca bavarese. Visconti tracima oltre ogni limite riempiendo gli occhi dello spettatore di malata meraviglia, a cui si attengono tutti gli eccellenti attori coinvolti. Con un gusto operistico che interpreta la vita stessa di Ludwig come un poema tragico e visionario. Imponente, imprescindibile, impegnativo.

Renato 27/05/10 13:44 - 1535 commenti

I gusti di Renato

Impressionante biografia di Ludwig II, girata da Luchino Visconti con abbondanza di mezzi ed un ottimo cast. Alla fine emerge con prepotenza una figura complessa, contraddittoria ed indubbiamente affascinante: chi era in realtà Ludwig? Un pavido scialacquatore di risorse, oppure un illuminato intellettuale? Il dubbio aumenta il fascino della pellicola, che pretende qualcosa dallo spettatore (poco meno di 4 ore la durata) ma dona molte sequenze grandiose: una su tutte la prima nella grotta artificiale.
MEMORABILE: Ludwig: "Io sono un enigma, e voglio rimanere per sempre un enigma per gli altri... ed anche per me stesso".

Nando 30/05/10 02:36 - 3458 commenti

I gusti di Nando

La storia discendente di un re, narrata con cura da Visconti, le sue paure, i suoi vizi, le sue turpi voglie. Da qui nasce un film importante in cui il regista analizza la decadenza di una dinastia evidenziando le brutture e le manie di grandezza. Una grande parabola sulla decandenza intellettuale che vede un Berger, dannato e totalmente partecipe nel ruolo assegnatogli.

Pau 4/07/10 01:09 - 125 commenti

I gusti di Pau

Implacabile affresco della decadenza di uno spirito - quello di re Ludwig II di Baviera - che poteva essere bello ma finisce per scivolare nel disagio, nell'inquietudine, nel tormento, nell'eccentricità, nel vizio e nella paranoia. La solitudine e la meschinità del potere uccidono gli afflati del povero Ludwig, anima eletta decisa a cercare la felicità nell' "impossibile", come dice lui stesso in una delle scene più intense. Intensa Romy Schneider, di nuovo alle prese con il ruolo che la rese celebre, stavolta in chiave più pragmatica.
MEMORABILE: Le sontuose e straripanti scenografie che illustrano gli interni dei castelli fatti costruire da Ludwig meriterebbero da sole la visione.

Jena 10/09/11 20:39 - 1171 commenti

I gusti di Jena

Grandioso film fluviale sulla follia del grande Ludwig. Ricostruzione storica perfetta, cura dei particolari esasperata, scenografie di una bellezza che lasciano senza fiato (visto l'abbondante utilizzo dei meravigliosi castelli bavaresi - e non - di Ludwig). Film wagneriano al cento per cento, in cui perdersi senza riserve. Infine l'interpretazione sconvolgente di Berger, che lascia senza parole (ma ottimi tutti, Romy Schneider in testa). Film che non si riescono a fare più e che solo Visconti riusciva a fare...

Homesick 26/12/12 17:49 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

È l’opera dove Visconti, ormai sul punto di chiudere la sua carriera, sostanzia tutto il suo culto per la Bellezza, sfolgorante in scenografie sontuose e nella cura certosina con cui allestisce gli aristocratici décor. Questo perfezionismo esornativo – lungo trait d’union fra Il gattopardo e Gruppo di famiglia in un interno – inibisce la vis dramatica generale, ma fa tutt’uno con il personaggio di Ludwig II: un medaglione di esteta romantico e decadente, sovrano perso nel mondo dell’arte ed estraneo alla realtà politica. Ottimi il doppiaggio di Giannini su Berger e di Montagnani su Howard.
MEMORABILE: La grotta dei cigni.

Deepred89 19/05/15 17:50 - 3272 commenti

I gusti di Deepred89

Col suo consueto tocco a tutto sfarzo (ma a emergere sono soprattutto gli squarci meno sfarzosi, come certi meravigliosi esterni) Visconti dipinge un personaggio di impressionante profondità, quasi commovente nella sua anima candida e fragile, dotta e (mi si passi il termine) burtoniana, impersonato da un Berger con volto e movenze indescrivibili (nè tantomeno giudicabili). Nel secondo tempo la megalomania mangia il personaggio il quale, irrimediabilmente, si allontana dallo spettatore, ma la sua ombra veglia sul film, impedendogli di cadere.

Mtine 9/10/18 20:13 - 224 commenti

I gusti di Mtine

Lussu(ri)oso e malato come il suo protagonista (e forse anche il suo interprete), Ludwig è la magnetica non-biografia di un regnante nemico di se stesso, che fin dalle prime immagini lascia trasparire quella che sarà la sua disperata e misteriosa vita. Vengono messi in luce più i rapporti con gli artisti (Wagner in primis) e l'Imperatrice Sissi (reinterpretata dalla Schneider) che le vita politica e pubblica (praticamente assente), sullo sfondo di curatissimi e claustrofobici interni. Un po' tirato per le lunghe (4 ore!), ma imperdibile.
MEMORABILE: I denti neri di Ludwig.

Magi94 19/05/19 01:42 - 659 commenti

I gusti di Magi94

Un puro classico di Visconti, nel suo stile ricercato e sfarzoso, lento e possente. La vita di Ludwig II di Baviera è spunto di riflessione sull'alienazione dell'uomo "nobile", che vorrebbe vivere una vita nel mondo delle idee, fatta di bellezze ed eccessi melodrammatici, ma invece è costretto dai vincoli esterni a interessarsi del reale, della guerra, dei poveri del regno. La parte ideale vincerà nell'anima dell'uomo e sarà causa della sua fine. Non emozionante come Il gattopardo, ma film bello e interessante, recitato in modo sublime.
MEMORABILE: Ludwig che precipita verso la follia e si illude di vivere i suoi sogni romantici.

Paulaster 5/07/20 11:07 - 2731 commenti

I gusti di Paulaster

Gli anni da sovrano del Re Ludwig II di Baviera. Prima parte dominata dal senso della bellezza e dell'arte, il film si concentra poi sulla paranoia, di un estremismo eccentrico e distruttivo. Confezione extralusso tra scenografie, costumi e location, ci fan precipitare in un Ottocento sfarzoso e di cura (maniacale) estatica. Berger nella sua migliore interpretazione tra innamoramenti, derive e invecchiamento; discrete la Mangano e la solare Schneider. Anche nella durata estesa si avverte la divisione a segmenti che toglie ariosità alla storia.
MEMORABILE: Di notte a cavallo con la Schneider; La fontana coi cigni; L'orchestra di Wagner sulle scale di casa; Il salone degli specchi.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Magnetti • 26/05/10 12:37
    Call center Davinotti - 212 interventi
    Alberto Angela nel 2007 fece un ottimo servizio sul Castello di Neuschwanstein (puntata 32 andata in onda il 24 febbraio 2007). Il mini documentario è stato girato sul posto, visitando tutte le stanze, con il solito approccio didascalico e "facile" del conduttore.
    Ovvio che il tutto fu condito con il racconto della travagliata e originale vita di Ludwig (tendenze sessuali, megalomania, presunti complotti etc etc).
    Non sono però riuscito a recuperarlo in rete.
  • Homevideo Zender • 26/05/10 13:57
    Consigliere - 43390 interventi
    Gli acquisti intelligenti... Grazie Renato! Imparagonabile l'offerta...
  • Discussione Zender • 27/05/10 14:04
    Consigliere - 43390 interventi
    Gugly ebbe a dire:
    Il castello creato da Ludwig in Baviera ha ispirato i costruttori per quello delle favole a Disneyland.
    Non ricordando Ludwig pensa che avevo capito che il castello di Ludwig fosse stato ricostruito in studio e che la Disneyland l'avesse visto nel film e l'avesse disegnato partendo da lì...
  • Discussione Galbo • 27/05/10 14:31
    Gran Burattinaio - 3745 interventi
    Gugly ebbe a dire:
    Il castello creato da Ludwig in Baviera ha ispirato i costruttori per quello delle favole a Disneyland.

    ci sono stato a Pasqua nel corso di un bel giro in Baviera, è davvero impressionante anche se ne ho visto di più belli, tipo quello di Linderhof
  • Discussione Deepred89 • 23/08/14 14:18
    Comunicazione esterna - 1426 interventi
    Rassegna THICK AS A BRICK – Livello 6 (20/08/2014)
    Ludwig (durata: 3 ore e 48 minuti)

    Dopo un mese di silenzio dovuto da sfrattamenti e nomadismo, la rassegna continua in territorio toscano. E per gettarsi nuovamente a capofitto nell’universo dei mattoni filmici la scelta è ricaduta su uno dei titoli più attesi della lista, il Luchino Visconti più chilometrico, un bel filmone in costume di quasi quattro ore di durata, Ludwig.

    Dopo dieci minuti introduttivi sulla vita di corte bavarese, roba da far temere assolutamente il peggio (l’episodio viscontiano di Boccaccio 70 mi uccise di noia, ed era un mediometraggio), ecco che entra in scena il bel personaggio di Romy Schneider (magistralmente doppiata da Maria Pia di Meo) e il film decolla. Un decollo totale, magistrale, che fa volare il film in zona capolavoro per almeno un’ora, con un ritmo e un calore umano che conducono per mano lo spettatore alla scoperta del personaggio principale. Il Ludwig che appare in questa prima parte è qualcosa di stupefacente, toccante, quasi commovente: una creatura utopista, infantile, tenera ed eccessiva allo stesso tempo, quasi alla Tim Burton se vista col senno di poi, resa indimenticabile da un Helmut Berger indescrivibile, tra le figure più fotogeniche mai viste in vita mia, sempre sul filo del ridicolo (ma senza mai andare oltre e scadere nella comicità involontaria) ma in grado di emozionare con ogni sua singola espressione.

    Poi qualcosa comincia ad incrinarsi, come se la progressiva grandezza di ciò di cui Ludwig si circonda inizi a sovrastare il film e lo stesso personaggio. Le scenografie si fanno sempre più grandiose, solenni, ma il protagonista diventa sempre più distante, così come i suoi tormenti, nonostante l’introduzione dell’elemento omosessuale (si noti il mitico Marc Porel in un ruolo curioso per chi l’ha apprezzato come attore di genere) e la progressiva discesa nella follia potessero lasciar sperare in un coronamento di quanto visto nella prima parte. Il legame tra il film e lo spettatore (o meglio, tra il film e il sottoscritto) si sfalda e si arriva alla parte finale senza vera partecipazione emotiva, col personaggio ormai esterno e distante (e infatti la scena clou avviene fuori campo), nonostante l’oggettiva bellezza di tutta la parte conclusiva.

    Tutto il resto è storia ed è puro Visconti, dalla perfezione formale (anche se, devo dire, mai visti esterni tanto suggestivi in un film del buon Luchino) all’impostazione barocca e teatraleggiante. In definitiva film notevole e, per gli appassionati del Tarr, nemmeno troppo pesante se preso per il verso giusto, nonostante eccessi e difetti. Vale la pena di rischiare…

    Voto: ***!
    Peso specifico: TT
    Ultima modifica: 23/08/14 14:25 da Deepred89
  • Discussione Gugly • 23/08/14 14:20
    Segretario - 4678 interventi
    Bello il voto "Peso specifico" :D
  • Discussione B. Legnani • 23/08/14 15:28
    Consigliere - 13702 interventi
    Deepred89 ebbe a dire:
    Rassegna THICK AS A BRICK – Livello 6 (20/08/2014)
    Ludwig (durata: 3 ore e 48 minuti)

    Dopo un mese di silenzio dovuto da sfrattamenti e nomadismo, la rassegna continua in territorio toscano. E per gettarsi nuovamente a capofitto nell’universo dei mattoni filmici la scelta è ricaduta su uno dei titoli più attesi della lista, il Luchino Visconti più chilometrico, un bel filmone in costume di quasi quattro ore di durata, Ludwig.

    Dopo dieci minuti introduttivi sulla vita di corte bavarese, roba da far temere assolutamente il peggio (l’episodio viscontiano di Boccaccio 70 mi uccise di noia, ed era un mediometraggio), ecco che entra in scena il bel personaggio di Romy Schneider (magistralmente doppiata da Maria Pia di Meo) e il film decolla. Un decollo totale, magistrale, che fa volare il film in zona capolavoro per almeno un’ora, con un ritmo e un calore umano che conducono per mano lo spettatore alla scoperta del personaggio principale. Il Ludwig che appare in questa prima parte è qualcosa di stupefacente, toccante, quasi commovente: una creatura utopista, infantile, tenera ed eccessiva allo stesso tempo, quasi alla Tim Burton se vista col senno di poi, resa indimenticabile da un Helmut Berger indescrivibile, tra le figure più fotogeniche mai viste in vita mia, sempre sul filo del ridicolo (ma senza mai andare oltre e scadere nella comicità involontaria) ma in grado di emozionare con ogni sua singola espressione.

    Poi qualcosa comincia ad incrinarsi, come se la progressiva grandezza di ciò di cui Ludwig si circonda inizi a sovrastare il film e lo stesso personaggio. Le scenografie si fanno sempre più grandiose, solenni, ma il protagonista diventa sempre più distante, così come i suoi tormenti, nonostante l’introduzione dell’elemento omosessuale (si noti il mitico Marc Porel in un ruolo curioso per chi l’ha apprezzato come attore di genere) e la progressiva discesa nella follia potessero lasciar sperare in un coronamento di quanto visto nella prima parte. Il legame tra il film e lo spettatore (o meglio, tra il film e il sottoscritto) si sfalda e si arriva alla parte finale senza vera partecipazione emotiva, col personaggio ormai esterno e distante (e infatti la scena clou avviene fuori campo), nonostante l’oggettiva bellezza di tutta la parte conclusiva.

    Tutto il resto è storia ed è puro Visconti, dalla perfezione formale (anche se, devo dire, mai visti esterni tanto suggestivi in un film del buon Luchino) all’impostazione barocca e teatraleggiante. In definitiva film notevole e, per gli appassionati del Tarr, nemmeno troppo pesante se preso per il verso giusto, nonostante eccessi e difetti. Vale la pena di rischiare…

    Voto: ***!
    Peso specifico: TT


    Per me arriva a **** ma sono sostanzialmente d'accordo su quasi tutto.
  • Discussione Rebis • 23/08/14 18:35
    Comunicazione esterna - 4289 interventi
    Dovrò rivederlo prima o poi ma sostanzialmente concordo con il giudizio di Deep, prima parte grandiosa, seconda in calare, ma nel complesso gran film.
    Ultima modifica: 23/08/14 18:36 da Rebis
  • Discussione Gugly • 23/08/14 18:39
    Segretario - 4678 interventi
    Il personaggio interpretato da Romy Schneider è qualcosa di commovente: è quella la vera Elisabetta di Baviera (il cui soprannome, tra l'altro, non era Sissi ma Lisi): volubile, infelice, intrappolata in un matrimonio e in una vita che detestava, e per questo incostante, civettuola ma distante, pronta ad approfittare dei privilegi del ruolo per tentare impossibili fughe dalla realtà, e in questo simile al cugino.
  • Homevideo Daidae • 1/12/18 19:51
    Compilatore d’emergenza - 865 interventi
    È uscito in vhs per "Video Rai",una serie di 3 vhs.