Two lovers

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Two lovers
Anno: 2008
Genere: drammatico (colore)
Regia: James Gray
Numero commenti presenti: 27
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 11/04/09 DAL BENEMERITO MASCHERATO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 1/04/13
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Mascherato 11/04/09 23:27 - 583 commenti

I gusti di Mascherato

Gli uomini preferiscono le bionde...ma sposano le brune. Incredibile, ma vero, il nuovo film di James Gray parte proprio da qui. Two Lovers non è un poliziesco, ma i "delitti" ci sono ed anche i "castighi" (sebbene l'ispirazione dichiarata sia un altro Dostoevskji, quello de Le notti bianche). E c'è il dualismo bene/male (rappresentati rispettivamente dalla tranquilla Vinessa Shaw e dalla folle e volubile Gwyneth Paltrow). E la famiglia, così presente. E la città. Perché, emigrato in Europa Woody Allen, è rimasto lui, l'autore di Little Odessa, a raccontare NY, le metropolitane, i locali...

Galbo 31/07/09 06:16 - 11452 commenti

I gusti di Galbo

Fortemente impregnato dal clima metropolitano (siamo nei sobborghi di New York), l'ultimo film di James Gray abbandona il mondo del crimine per raccontare la storia più vecchia del mondo, quella dell'uomo diviso tra due donne, che ama entrambe in modo diverso. Il regista racconta la storia con stile personale, e il film si può dire decisamente riuscito grazie ad una bella sceneggiatura, una suggestiva ambientazione e una prova convincente del cast con un sempre più bravo Phoenix.

Stefania 19/08/09 23:52 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

È un quartiere aperto sull'oceano, Brighton Beach, vicino c'è New York con le sue mille luci, eppure questo film è claustrofobico e crepuscolare. Orizzonti chiusi, come la "stanza tutta per sé", da adolescente, del non più adolescente Leonard, come il cortiletto e la terrazza condominiale dove si consuma, ancor prima di iniziare, la sua storia d'amore con Michelle. Malinconico, ma non minimalista: c'è un che di eroico nella rinuncia di Leonard alla vita oltre quel cortile, nel suo accettare una tradizione non scritta, ma ferrea e invincibile.

Madame_s 18/10/09 12:39 - 11 commenti

I gusti di Madame_s

Una bella fotografia ci restituisce la cruda realtà del quotidiano, fatta di piccole e grandi tragedie, di emozioni e sentimenti trattenuti, della drammaticità del non detto, delle contraddizioni del vivere. Splendide le atmosfere cupe e claustrofobiche degli interni; bella la colonna sonora, perfetto contrappunto della scena visiva. In definitiva un bel film - peccato per il finale, un po' scontato - in cui svettano un bravissimo e disfatto Phoenix ed una splendida Paltrow, leggermente invecchiata e più in carne e terribilmente tormentata.

Cotola 21/02/10 19:08 - 7630 commenti

I gusti di Cotola

Interessante e coinvolgente film ad opera di un regista interessante e maturo che sfugge le facili e ridicole romanticherie per provare a raccontare una storia al cui centro ci sono i sentimenti contrastati e difficili di persone "normali". Certo l'evoluzione del plot non è molto originale, compreso il finale molto beffardo, ma riesce comunque a tenere, non sbraca mai e coinvolge lo spettatore. Bella la prova di Phoenix. Gray va tenuto d'occhio.

Rickblaine 10/04/10 11:24 - 635 commenti

I gusti di Rickblaine

James Gray ci ha abituato spesso a tanto fumo e niente arrosto. Qui devo dire che mi ha stupito. Il regista è tecnicamente valido e dirige un cast che riesce a rimanere sopra le righe. La trama è intricata, forse troppo mielosa ma nelle giuste proporzioni. Ispirato ad uno dei lavori di Dostojevsky.

Losciamano 10/04/10 15:11 - 112 commenti

I gusti di Losciamano

Decisamente, questo è il film dove si intravede una provata maturità del regista, James Gray, il quale dopo aver stentato con flop come The yards e banalità come I padroni della notte, qui raggiunge finalmente un'attendibilità stilistica. Sono efficaci le ambientazioni, il cast (sopra a tutti Phoneix), le inquadrature e la musica. Unica pecca è invece la "attendibilità" del film stesso che risulta, al di là di tutto, molto prevedibile e qualcosa di già visto.

Enzus79 11/04/10 08:29 - 1847 commenti

I gusti di Enzus79

James Gray lascia il genere action e si cimenta in quello drammatico-sentimentale. Risultato parzialmente riuscito. Joaquim Phoenix si dimostra ai livelli de Il gladiatore. La Paltrow invece sa interpretare benissimo la "gatta morta". Forse un po' sopravvalutato.

Homesick 5/08/10 19:00 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Raffinato melodramma sull’impossibilità di liberarsi del peso dell’appartenenza familiare e dell’ambiente piccolo borghese per inseguire i propri sogni, si ispira a “Le notti bianche” di Dostoevskij – almeno per i colloqui appartati e i travagli interiori di Phoenix e Paltrow – e in un racconto fluido e profondo integra armoniosamente i dirimpettai di Hitchcock, i legami multipli di Truffaut e le coloriture yiddish di Allen. Gli attori (Phoenix al vertice) si esprimono con lirica sincerità e la fotografia, lividamente smagliante, richiama il Technicolor di un cinema ormai scomparso.

Didda23 8/12/10 19:56 - 2298 commenti

I gusti di Didda23

Film molto godibile: certo non spicca l'originalità del tema, ma Gray riesce a renderlo suo ed il risultato è piacevole e avvincente. Il tormento del protagonista è reso benissimo da un Phoenix impeccabile. Il film nel suo piccolo ha i tratti della tragedia, dell'angoscia di fronte ad una scelta (intesa kierkegaardiamente), del dramma quotidiano. Può risultare scontato il finale, ma molto efficace. Bella sorpresa, ambientazione affascinante. Vinessa Shaw è incantevole e dolcissima.

Brainiac 14/12/10 19:53 - 1083 commenti

I gusti di Brainiac

Le braccia ciondolanti, l'andatura avvilita: il lavoro sulla gestualità di Joaquim Phoenix è mirabile. Travolto da un insolito desiderio per chi lo deprezza, sdegnoso con chi lo ama, in fuga dalla sua cameretta, (ri)accolto/ coccolato/ costretto/ compreso da genitori apprensivi/ afosi/ vigilanti. La cautela di Gray per i suoi personaggi è ammirevole, li rende tridimensionali. Eppoi cornici, bar-mitzvah, pillole sul comodino, opera, metropolitana, cicatrice. Caustico, sofferto, vero, vissuto: Two lovers, con tutti i suoi deja-vu, è un gran bel film.

Deepred89 30/12/10 23:44 - 3311 commenti

I gusti di Deepred89

Donizetti, Dostojevskij, la bionda e la mora, la ragione e il sentimento: sono molti i punti in comune tra questo Two Lovers e Match point, ma al di là di queste analogie è lo spirito ad essere diverso. Alla freddezza e alla lucidità del film di Allen se ne contrappone uno dall'anima notturna e silenziosa, che procede in uno stato di sospensione che lo rende molto più dostojeskiano dell'altra pellicola. Niente da dire sul film in sè: ottimi personaggi, suggestiva atmosfera, intreccio intenso e credibile, grande cast. Ottimo.
MEMORABILE: Il pianosequenza sul tetto: abilità tecnica, suggestione scenografica e paesaggistica, intensità emotiva.

Mickes2 19/06/11 14:08 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Un raffinato ménage a trois, dove la delicatezza e la leggerezza dei modi rimanda subito "all'altro" molto più famoso. La metropoli Newyorkese fa da sfondo alla storia di un ragazzo, scosso da una perdita importante, ma deciso in qualche modo a riscattarsi. Sul suo cammino incontrerà due ragazze: Sandra e Michelle. Saranno per lui due modi di affrontare il futuro. In bilico tra melodramma e malinconia, Gray si mantiene lucido nell'analizzare i rapporti tra l'individuo e il gruppo. Il finale per quanto scontato, è potente, sofferente e molto amaro.
MEMORABILE: La sfavillante fotografia di Baca-Asay. Il pianosequenza sul tetto: di grande impatto tecnico ed emotivo.

Rullo 6/07/11 20:02 - 388 commenti

I gusti di Rullo

Da subito si coglie la patina deprimente che avvolge la pellicola, complice la fotografia, continuamente cupa, accompagnatrice di uno dei Joaquin Phoenix più ispirati nelle sue distorsioni mentali e amorose. A confronto le due ragazze, una ebrea e dai modi innocenti, forse il terzo incomodo di un triangolo amoroso con troppi spigoli, l'altra più estroversa. Quest'ultima prenderà il protagonista nella sua orbita fin dall'inizio, permettendo un'analisi psicologica umana di gran classe.

Rebis 16/08/11 13:18 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Soggiogati dal sogno che tace segreti meschini; incapaci di romanticismo, traditi dal quotidiano: due amanti, nessun amore. Perché il desiderio fa male, scopre il fondo d'inadeguatezza, impone di morire dentro almeno una volta per sopravvivere. Melodramma livido, sgradevole, coraggiosamente antispettacolare nel dischiudere il baratro dell'ordinario, il compromesso avvilente che conduce alla società degli uomini. Gray sommerge Brooklyn d'acque torbide, dischiude aurore larvali. Nessun giorno, nessuna notte. Il tempo soltanto. L'autenticità di Phoenix ferisce. Notevole Gwyneth Paltrow.

Nancy 24/02/12 20:52 - 774 commenti

I gusti di Nancy

Film sentimentale dalle tinte scure dell'universo metropolitano di cui è totalmente impregnato e che rispecchia alla perfezione il suo animo: cupo, malinconico, che arriva anche a punte di masochismo. La crisi dell'uomo che non è ancora uscito dall'adolescenza, o forse ci è ripiombato dopo una prova di vita adulta finita male. Joaquin Phoenix bravissimo (peccato che lo si veda così poco in giro!) e la Paltrow splendida. Colonna sonora delicata, come l'intero film, con un finale agrodolce: l'unico che poteva davvero essere in tono con un film così.
MEMORABILE: I capelli di Gwyneth Paltrow (!)

Pigro 26/04/12 10:24 - 7914 commenti

I gusti di Pigro

La fidanzata ufficiale o la bionda sexy? Classico dilemma da maschio indeciso, sospeso fra normalità quotidiana e avventura romantica, che attanaglia il tormentato eroe d’un film “da camera” tutto giocato sull’indagine profonda e smaliziata dei sentimenti. Del resto, l’amore è un territorio dove tutto è permesso, fatto di ansie e ipocrisie, dove è facile sognare e bruciarsi le ali. Il racconto segue, in una NY suggestivamente fotografata, la macerazione psicologica del protagonista, tra slanci, sotterfugi e dialoghi sottili, fino all’amaro finale.

Belfagor 26/07/12 08:22 - 2627 commenti

I gusti di Belfagor

Il giovane Leonard è combattuto tra la fedeltà verso la futura sposa Sandra (che incarna le tradizioni familiari e la stabilità alle quali lui si sta riavvicinando) e la passione per la bionda e trasgressiva Michelle. Non il solito dramma sentimentale, ma una storia intimista e joyciana, impostata su tonalità fredde simil-Technicolor e sulla natura drammatica della vita quotidiana. Un omaggio alla naturalezza del cinema classico. Bravissimo Phoenix, commovente la Paltrow, giustamente raccolta e riservata la Shaw.

Faggi 20/03/18 17:17 - 1509 commenti

I gusti di Faggi

Inquieto melodramma metropolitano (Brooklyn, New York) con sottolineature di arie d'opera che evidenziano il disegno romantico malinconico, qua e là plumbeo, prossimo al fatalismo e all'ineluttabile. Incredibilmente suggestivo in certi passaggi (Paltrow alla finestra, di notte); naturalistico, figurativo nella posizione psichica in equilibrio sull'orlo del baratro tragico. Il protagonista (Phoenix, bravo) è un predestinato all'amore folle (dove ansia ed estasi, realtà e sogno convivono). Epilogo amaro, solo in apparenza non terribilista.

Giacomovie 8/07/18 13:01 - 1355 commenti

I gusti di Giacomovie

Un uomo temta il suicidio, torna a vivere coi genitori e conosce due donne. Un film sentimentale rischia gli stereotipi, ma questo è ricavato da un soggetto con nuovi spunti. La direzione accorta, l’ambientazione urbana dai colori cupi e una scrittura in cui ogni dettaglio alimenta lo sviluppo della trama lo rendono un lavoro di buona qualità, la cui maturazione però non è immediata ma lenta. Infatti dopo un primo tempo anonimo si potrebbe aver voglia di abbandonarlo, ma alla fine i conti tornano e resta la soddisfazione di aver visto un bel film.

Decimamusa 23/08/18 12:46 - 85 commenti

I gusti di Decimamusa

Difficile trovare difetti in questo film profondo, delicato e coinvolgente. Funziona tutto: la coordinazione generale e le scelte tecniche della regia, la creatività e le cadenze della sceneggiatura, l’interpretazione accurata e misurata degli attori, mai fuori delle righe. Su tutti, un impareggiabile Joaquin Phoenix, che rende al meglio un personaggio trasognato, sensibile, talvolta irresoluto, esposto ai colpi dell’esistenza; al quale, però, per insondabili meccanismi, la vita aggiusta gli errori e sceglie per lui.

Daniela 23/12/19 00:32 - 9649 commenti

I gusti di Daniela

Reduce da un tentato suicidio, Leonard si trova spinto dagli amorevoli genitori tra le braccia di una donna dolce e comprensiva, ma lui è più attratto da una vicina di casa, problematica e già impegnata sentimentalmente... Sarebbe soltanto l'ennesimo tiramolla amoroso di un uomo indeciso tra la bionda e la mora se non fosse per la sceneggiatura meno banale del previsto, le cui qualità emergono soprattutto nell'epilogo amaro, e per la prova convincente del cast: brava Shaw che sembra quasi la sosia di Hilary Swank, in parte Paltrow, ottimo Phoenix nel rendere luci ed ombre suo personaggio.
MEMORABILE: La scatola con l'anello raccolta nella sabbia

Urraghe 10/03/20 19:12 - 67 commenti

I gusti di Urraghe

Film pluripremiato che narra di un trauma amoroso e delle sue conseguenze. Un Phoenix ciondolante è affascinato dalla bellissima Paltrow contrapposta all'altrettanto affascinante Shaw. Un amore non corrisposto tra simili e incompatibili. Sottotrama interessante sul fascino dell’irraggiungibile preferito alla vita confortevole. Sviluppo della storia frammentata con una fotografia scura in quel di New York. Interessante prova degli attori.

Lou 3/05/20 12:31 - 985 commenti

I gusti di Lou

Struggente racconto di un dilemma sentimentale, l'amore impossibile posto a confronto con la relazione agevolata dalla famiglia. Il tormentato protagonista, un Phoenix sempre molto intenso, fatalmente attratto da una donna affascinante ma problematica e inaffidabile, non vuole arrendersi ai condizionamenti familiari che lo spingono tra le braccia di una donna di cui non è innamorato. Sceneggiatura realistica e convincente su un tema non nuovo, ma interpretato con personalità e con la giusta dose di delicatezza e sensibilità.

Bruce 7/08/20 12:09 - 1006 commenti

I gusti di Bruce

Uno di quei film che ti si attacca addosso dall'inizio e che diventa impossibile da abbandonare strada facendo. Merito di Joaquin Phoenix, che dà vita a un personaggio borderline, tenero e sognatore, ma non solo; sono la sceneggiatura, la regia, la fotografia che funzionano, così come il resto del cast, ben assortito, appropriato e credibile. Finale bellissimo e poetico, per nulla banale o consolatorio. Ottima anche la scelta delle musiche. Merita davvero.

Paulaster 27/10/20 17:06 - 2869 commenti

I gusti di Paulaster

Ragazzo problematico frequenta due donne. Il triangolo amoroso con le classiche differenze caratteriali tra le protagoniste coinvolte diviene un tiramolla emozionale per un Phoenix a suo agio in ruoli instabili. Non convincono le epiche frasi d'amore come la sbandata con la vicina di casa che passa dall'aborto all'ipotetica fuga. Discrete le ambientazioni di Brooklyn che richiamano ambienti periferici ma non degradati. Come interpretazioni la Paltrow ha qualche buon momento, la Shaw non incide, la Rossellini offre gli sguardi giusti.
MEMORABILE: Phoenix che fa il mimo; Phoenix che balla la breakdance; La domanda se Phoenix è matto.

Kinodrop 29/11/20 19:49 - 1600 commenti

I gusti di Kinodrop

Leonard, reso psicologicamente fragile dalla perdita della fidanzata, si riprende alla grande quando incontra due ragazze molto diverse ma ugualmente desiderabili. In una New York splendidamente fotografata si dipana il groviglio della scelta tra tranquillità borghese e passione alternativa che attanaglia il protagonista. Narrazione che non approfondisce troppo limitandosi all'alternanza un po' meccanica di situazioni e soluzioni estemporanee fino ad un evento che sceglie per tutti. Phoenix bravo "antieroe", Paltrow e Shaw perfetta "antitesi" di sensibilità femminile.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Panza • 1/04/13 21:58
    Contratto a progetto - 4960 interventi
    Quella citata nell'ultima riga del papiro è più propriamente un'equivalenza (uguaglianza fra due rapporti [divisioni]).
  • Discussione Didda23 • 1/04/13 22:16
    Comunicazione esterna - 5731 interventi
    Giusto panza! Così Zender riscrive il papiro e paga per il Davinotti che ha osato dare due palle al bel film di Gray!!
  • Discussione Cotola • 2/04/13 01:21
    Consigliere avanzato - 3646 interventi
    E si piazza bene nella "classifica" delle sufrecce. Ben 17 su 18...non poco.
  • Discussione Zender • 2/04/13 08:03
    Consigliere - 43743 interventi
    In realtà abbiamo fatto un errore sia io che il Marcel. Io che ho copiato male il duepalle e mezzo dal quadernetto speditomi dalla segretaria (se lo sa mi ammazza) e lui scrivendo equazione (manca l'incognita, d'accordo, ma anche l'equazione è un'uguaglianza).

    A dire il vero quella scritta dal Marcel Panza non è né una equazione né una normale equivalenza ma una proporzione, direi, visto che l'uguaglianza di due rapporti è detta appunto proporzione.
    Ultima modifica: 2/04/13 08:07 da Zender