La parmigiana

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1963
Genere: commedia (bianco e nero)
Note: Soggetto dal romanzo omonimo di Bruna Piatti.
Numero commenti presenti: 12
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 23/09/08 14:47 - 11422 commenti

I gusti di Galbo

Buona commedia di Pietrangeli che compie un ritratto privo di retorica e di facili giudizi morali sul claustrofobico ambiente della provincia italiana. Attraverso un buon lavoro di scrittura della sceneggiatura, il film presenta personaggi ben caratterizzati interpretati da validi attori. Buona anche la prova della Spaak.

B. Legnani 23/04/10 15:09 - 4748 commenti

I gusti di B. Legnani

Bel film di Pietrangeli, lievemente sotto Io la conoscevo bene, altro ritratto di donna giovane e un po' spiantata. Bella prova della splendida Spaak (che qui inizia col sedurre un seminarista) e contorno di tanti caratteristi notevoli, con cenni almeno per la Perego (deliziosi i suoi dialoghi) e per Randone. Francesco Barilli è il ragazzo di Montechiarugolo che balla con la Perego, mentre Mario Brega fa l'agente Brega.

Dusso 4/01/12 23:35 - 1535 commenti

I gusti di Dusso

Bel film di Pietrangeli, che dirige piuttosto bene e riesce (grazie ad un intreccio in diversi piani temporali) a rendere la vicenda più interessante di quello che poteva essere. Grandi le interpretazioni di Randone, della Perego e Manfredi, la Spaak che nei primi anni 60 come bellezza era quasi insuperabile è molto brava. Deliziose diverse sequenze.

Addison 8/07/12 10:22 - 90 commenti

I gusti di Addison

Un altro ritratto femminile del cinema di Pietrangeli. La protagonista è forse meno compiuta di altre a cui il regista ci ha abituato e la Spaak non le infonde molto più di una certa indolente sensualità; ma è circondata da molti caratteri indovinatissimi, interpretati da attori perfetti in quei ruoli (due su tutti: un'espansiva Didi Perego e un Nino Manfredi truffatore). Bella l'idea della vicenda raccontata su due pianu temporali (eppure molto fluida); splendidi i dettagli che impreziosiscono ogni sequenza e la rendono viva. Un gioiellino.

Vitgar 22/07/15 11:58 - 586 commenti

I gusti di Vitgar

Bella commmedia "italian style" firmata da Pietrangeli con la collaborazione alla sceneggiatura di Ettore Scola. Gli intrighi e le meschinità di una appicicosa provincia padana, con protagonista una giovane Spaak che vive in modo annoiatao le vicende quotidiane. Buon cast con Salvo Randone e Didi Perego perfetta coppia "rassegnata". Mario Brega lo preferisco nel western. Buona colonna sonora di Piccioni.

Roger 20/07/15 03:16 - 143 commenti

I gusti di Roger

La Spaak interpreta qui un altro personaggio femminile "alla Pietrangeli", costretta a fare i conti con l'ipocrita e contraddittoria morale maschile, per la quale è predestinata a una implicita prostituzione. La sceneggiatura ha il pregio di circondarla di molte caratterizzazioni interessanti, a cominciare da un Manfredi suo corrispettivo maschile, costretto cioè a vendersi per sopravvivere. O la Perego, a parole irreprensibile ma anche lei "corruttibile".
MEMORABILE: La Spaak a Manfredi, accasato con una donna attempata: "Si vede che c'era una mamma nel tuo futuro!"

Homesick 14/02/16 16:08 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Si scioglie come neve al sole per la volatilità del racconto - buona comunque la costruzione a flashback -, che acquisisce spessore in qualche arguta descrizione della vita di provincia e nei siparietti dai cenni dialettali della coppia Randone-Perego. La Spaak guadagna in personalità d'attrice, portando il suo personaggio sul piedistallo della dignità e dell'anticonformismo; Manfredi e Buzzanca non eccellono, limitandosi a ripetere, rispettivamente, i soliti ruoli di morto di fame opportunista e di uomo del Sud possessivo e geloso.
MEMORABILE: Randone nell'orchestrina che canta "Selene"; Buzzanca in attesa sotto la finestra, paragonato al tre di bastoni.

Daniela 27/12/17 18:16 - 9518 commenti

I gusti di Daniela

L'adolescente Dora vive presso lo zio prete ma la vita di provincia le va stretta. Dopo il primo amore con un coetaneo, si trasferisce da un amica della madre, continuando a sedurre gli uomini con la sua bellezza... Bel ritratto femminile di Pietrangeli, con punti di contatto con quello tracciato nel suo capolavoro: Dora ha meno sogni di Adriana ed affronta meglio la vita, anche se il finale è elusivo in questo senso. Di rilievo il cast che circonda Spaak, impegnata in una delle sue migliori interpretazioni: indimenticabile la coppia Perego-Randone, gustoso Buzzanca, sornione Manfredi.
MEMORABILE: I battibecchi matrimoniali fra l'esuberante Perego ed il rassegnato Randone; La corte tenace di Buzzanca

Rocchiola 15/08/18 10:55 - 872 commenti

I gusti di Rocchiola

Pietrangeli fa le prove generali per il suo ultimo e più celebrato lungometraggio Io la conoscevo bene raccontandoci la formazione sentimentale della giovane e bella Dora, ragazza di provincia che passa da una delusione all’altra. Adottando la struttura a flashback il regista cattura appieno il senso di falso benessere e ottimismo trasmesso dal boom economico dei primi anni 60. Rappresentativo il campionario maschile diviso tra il conservatorismo di Buzzanca, il facile opportunismo di Manfredi e le voglie represse piccolo-borghesi di Randone.
MEMORABILE: La fuga a Riccione con il seminarista; La scoperta che Nino fa il mantenuto; La Perego al ballo invitata da un giovinetto attratto dalle donne mature.

Myvincent 12/01/19 19:13 - 2575 commenti

I gusti di Myvincent

La vita di provincia nell'Italia degli anni 60, attraverso il racconto di una giovane donna, sola, che preferisce appropriarsi del proprio corpo (mercificato, uto, ma pur sempre proprietà privata), piuttosto che darsi senza amore a una esistenza comoda e borghese. Brava la Spaak, sul cui bel viso si riesce a decifrare un'eterna espressione in bilico fra l'enigmatico e il malinconico. Ottima la sceneggiatura con continui contrappunti e flashback esplicativi.

Alex1988 10/07/19 18:31 - 659 commenti

I gusti di Alex1988

Commedia all'italiana figlia di quel periodo (siamo nel pieno del boom economico) dove, a colpire forse più della protagonista, interpretata da Catherine Spaak, volitiva ma non troppo, sono i personaggi che la circondano, ognuno volto a rappresentare le contraddizioni tipiche degli italiani post-boom. Con un cast pressoché perfetto tra cui spiccano Didi Perego e Salvo Randone; oltre a Manfredi, ovviamente.

Zampanò 8/09/20 16:11 - 164 commenti

I gusti di Zampanò

Catherine Spaak divenne all'inizio degli anni 60 l'icona della ragazza moderna nel taglio luciferino del termine, un "crack" che distrugge la tradizione e la verginità (Dolci inganni, La voglia matta). Pietrangeli ci marcia ma sotto un velo positivo, di commedia, in cui la vita libera anche se piena di batoste è preferibile ai nidi reazionari (ottimo Randone, zio lercio). Manfredi brilla come nei momenti migliori; Buzzanca, nato caratterista, qui inizia a farsi attore. Da vedere.
MEMORABILE: Le prove per una réclame nello studio di Manfredi, pubblicitario fallito.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Tersilli • 28/09/15 18:48
    Galoppino - 124 interventi
    In dvd per Filmauro dal 25 novembre.
    http://www.amazon.it/Parmigiana-Francesco-Barilli/dp/B015S4SJN2/ref=sr_1_1?s=dvd&ie=UTF8&qid=1443458814&sr=1-1&keywords=la+parmigiana

    PS: era ora!
    Ultima modifica: 28/09/15 18:48 da Tersilli
  • Homevideo Dusso • 2/12/15 09:39
    Segretario - 1621 interventi
    Qualcuno lo ha già acquistato?
  • Homevideo Quidtum • 8/02/16 13:40
    Servizio caffè - 2188 interventi
    DVD9 Filmauro (5,16 GB), durata 106'58", traccia audio: italiano, nessun sottotitolo, AR estendibile a 16:9 (720 x 576 pixels), qualità video: buona, qualità audio: buona. Il comparto Extra include il finale alternativo (3') e alcuni filmati dell'Istituto Luce relativi al film. Tre screens, catturati rispettivamente a 5'00", 21'55" e 51'35"





    Ultima modifica: 8/02/16 13:51 da Zender
  • Homevideo Rocchiola • 15/08/18 10:59
    Call center Davinotti - 1142 interventi
    Confermo la bontà del DVD in questione. Anche se non si accenna a nessun restauro, l’immagine appare abbastanza pulita e nitida con un bel bianco-nero dagli ottimi contrasti, mentre l’audio 2.0 è di ottimo livello e soprattutto molto potente. E tra gli extra abbiamo anche n finale alternativo che allunga di qualche manciata di secondi quello apparso nel film, mostrandoci la Spaak che dopo essersi truccata specchiandosi in una vetrina (il film termina così), si avvia verso un bar e sedendosi ad un tavolino con fare lievemente provocante si accende una sigaretta. Il tutto per rendere più esplicita la morale del film che secondo me sottolinea il fatto che Dora delusa dagli uomini, non cercherà più legami duraturi ma solo avventure che le permetteranno di sopravvivere possibilmente mantenuta da ricchi individui di dubbia moralità.
  • Discussione Roger • 9/06/19 18:29
    Call center Davinotti - 2809 interventi
    Esiste un finale alternativo che rende più esplicito il destino a cui si avvia Dora: dopo aver subito l'ennesima delusione da Nino, sorpreso ad avere una relazione di puro interesse con la proprietaria di una rosticceria, esce e si trucca specchiandosi nella vetrina di un negozio



    nel finale alternativo si avvia poi verso piazza del Popolo, suscitando l'interesse di alcuni uomini



    qui la si vede avviarsi ai tavolini del bar Rosati



    dove si siede e ammicca sorridente ad alcuni avventori del locale all'aperto