LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 27/06/07 DAL BENEMERITO HOMESICK
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 27/06/07 18:11 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Sdoppiamenti di personalità ed erotismo morboso che virano verso un finale tipo La vittima designata: la premessa è affascinante, ma questa volta la regia di Cavallone è confusa e svogliata, priva di quella visionarietà ed inventiva che invece abbondava nei suoi film precedenti. Attori anonimi e inespressivi. Deludente.

Herrkinski 14/05/08 21:46 - 6277 commenti

I gusti di Herrkinski

Il film, su commissione, fu solo parzialmente diretto da Cavallone: lo iniziò e lasciò a metà, poi fu finito da Luigi Cozzi (che lo nega recisamente: forse si trattò di un omonimo). In effetti il tocco surrealista di Cavallone è praticamente assente in questa pellicola, che a dispetto del titolo ha anche poco di erotico. Trattasi di un banale film su due gemelle, una santa e l'altra mignotta, che si contendono lo stesso uomo. Pessima recitazione e ritmo soporifero per una pellicola trascurabile.

Undying 26/08/08 15:35 - 3816 commenti

I gusti di Undying

Minimalista e ridotto all'essenziale: addirittura la stessa attrice costretta ad interpretare due ruoli (che si scoprono legati da una schizofrenia psicologica). Al di là della miseria scenografica (anche se si narra esser girato nella villa di Nanni Loy) il film di Cavallone mai decolla, privilegiando dialoghi (quasi) surreali ed una narrazione castigata ed implicita, come si nota nella scena dello stupro/omicidio della barista da parte d'uno schizzato erotomane depresso, in cura da un incredibile psicologo. Scena di massa girata al carnevale di Ronciglione (Viterbo, Lazio).

Fauno 14/04/12 13:12 - 2036 commenti

I gusti di Fauno

Anche i grandi come Cavallone sbagliano, ed è uno scivolone da frattura multipla! Non parliamo di quanti film nazionali e internazionali, a forte attinenza con questo e infinitamente migliori ci siano, ma non si può lasciare per un'ora lo spettatore ad assopirsi prima di abbozzare neanche un film, ma un costrutto goffo e con poco spessore... Quando si arriva alla confessione davanti alla foto e al flashback, fatto malissimo, ormai si è già in catalessi. E sì che Afrika e Zelda sono due gioielli, anche se la media opta per Spell o Le salamandre.
MEMORABILE: La scena sul biliardo e la ripetizione "Ho ragione".

Cotola 29/12/13 01:25 - 8190 commenti

I gusti di Cotola

Questo film, di Cavallone non ha proprio nulla: non ci sono le tematiche care al regista; non ci sono i tocchi surrealisti a cui ci ha abituato; non c'è il suo spirito corrosivo nei confronti della società. Insomma niente di niente: tutto è piatto e sciapo come poche volte accade. Manca pure l'erotismo che è presente solo nel titolo. Morale della favola: da dimenticare in fretta o addirittura da non visionare. Il personaggio dello psicologo è impresentabile.

Mco 15/04/15 11:31 - 2230 commenti

I gusti di Mco

Già dall'incipit, immerso nel rito del caffè al bar, cogliamo la contrapposizione tra ordinario e imprevisto. La vena di follia che si ingrossa alla vista della cassiera si sgonfia nel colloquio con il dottore ma rimane una sorta di noumeno nemmeno troppo embrionale. Tutta la storia verte su un gioco di immaginazione galoppante, a cavallo tra ciò che è e ciò che potrebbe essere, tra corpi che si concedono e altri che recalcitrano, identità che fluttuano e parole che volano. Molto di più che un banale filmetto.

Rufus68 16/04/17 12:08 - 3421 commenti

I gusti di Rufus68

Sgangheratissimo gialletto in cui lo spettatore si perde in una serie di flashback, ridicoli dialoghi introspettivi e psicologismi da quattro soldi. Senza capo né coda, con attori allo sbando e il sospetto che il tutto sia un rimontaggio alla buona: giusto per non buttare il materiale girato. Sublime, in tale contesto raffazzonato, la citazione hitchcockiana del bicchiere di latte. Discrete le musiche.

Bubobubo 28/10/18 17:51 - 1601 commenti

I gusti di Bubobubo

La visione della versione uncut (che giustifica alcuni salti narrativi altrimenti più incomprensibili del solito) non modifica sostanzialmente il giudizio: è il film più sciatto, povero e brutto di un Cavallone giunto ormai al termine della sua carriera, prima di qualche hard d'autore sotto pseudonimo e della regia televisiva. La stanca investigazione del tema del doppio viene frustrata, oltre che da una regia disattenta e da un'estrema povertà di mezzi, da una prova attoriale particolarmente negativa. Solo per completisti.

Gmriccard 2/04/20 14:41 - 121 commenti

I gusti di Gmriccard

Film di transizione per un Cavallone prossimo al passaggio alle luci rosse. I dialoghi sono ridotti all’osso, i personaggi non hanno tridimensionalità e anche la storia è bizzarra come quelle dei film a venire. Però c’è un’atmosfera particolare di malessere che precede una tragedia incombente, segno distintivo della regia del milanese. Se possibile è meglio visionare la versione integrale: quella breve risulta ancora più sconclusionata.

Noodles 2/12/21 23:14 - 1358 commenti

I gusti di Noodles

Premesso che l'erotismo che il titolo promette resta sulla carta perché in pratica non se ne vede praticamente l'ombra a parte un brevissimo momento, è un film scialbo e piatto, mal servito dalla regia e che si perde tra tentativi di confondere lo spettatore e l'inserimento di qualche spruzzo thriller. Basso il livello delle interpretazioni; uniche cose buone sono la colonna sonora, discreta, e l'incipit, che sembrava promettere qualcosa che poi non viene mantenuto.

Ornella Picozzi HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità B. Legnani • 16/07/09 18:56
    Consigliere - 14459 interventi
    Herrkinski ebbe a dire:
    Interessante.. Evidentemente Cavallone è stato male informato riguardo al completamento della pellicola da parte di Cozzi, o ha giocato allo scarica barile vista la scarsa qualità del film (mi sembra però molto improbabile). Ma a questo punto rimane da chiedersi: chi c***o l'ha finito questo dannato film?

    Di solito li finisce il direttore della fotografia...
  • Homevideo Undying • 23/12/09 19:19
    Scrivano - 7613 interventi
    SEX & VIOLENCE 1 - La serie completa
    Titoli della serie Sex & Violence distribuiti da noi in VHS grazie alla Shendene & Moizzi, componenti il ciclo "Il cinema estremo italiano" (ogni titolo contiene il link alla scheda davinottica del film):

    1 - Porno Holocaust
    2 - Blue movie
    3 - La bella e la bestia
    4 - Blue nude
    5 - Sesso nero
    6 - La rivolta delle gladiatrici
    7 - La bestia uccide a sangue freddo
    8 - Porno Esotic Love
    9 - Libidine
    10 - Malabimba
    11 - La gemella erotica
    12 - Grazie signore p...
    13 - Emanuelle e gli ultimi cannibali
    14 - la bestia nello spazio
    15 - I ragazzi della Roma violenta
    16 - Amore e morte nel giardino degli dei
    17 - Eroi all'inferno
  • Discussione B. Legnani • 24/10/14 17:10
    Consigliere - 14459 interventi
    E' stata trovata la versione hard del film (Nocturno, ottobre 2014, pagina 51). Dalla prosa di Davide Pulici si evince che il regista sarebbe il solo Cavallone.

    per Curiosità?
  • Discussione Zender • 24/10/14 17:50
    Consigliere - 45275 interventi
    Essendo hard eviterei. Lasciamo qui al limite.
    Ultima modifica: 24/10/14 17:50 da Zender
  • Discussione B. Legnani • 24/10/14 20:46
    Consigliere - 14459 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Essendo hard eviterei. Lasciamo qui al limite.

    Va bene.
  • Discussione B. Legnani • 12/01/16 13:22
    Consigliere - 14459 interventi
    Vanno unificati quelli che oggi sul Davinotti sono i crediti di PATRIZIA BEHN (PLAY MOTEL) e PATRICIA BEHN.

    La realtà è ancor più complessa:
    Patrizia Behn (lezione IMDB) è qui (LA GEMELLA EROTICA) accreditata come Patricia Behnn.
    In VACANZE PER UN MASSACRO è accreditata Patricia Bhen.

    Attenzione alla stramba posizione della lettera H
    Ultima modifica: 12/01/16 13:23 da B. Legnani
  • Discussione Zender • 12/01/16 17:34
    Consigliere - 45275 interventi
    In VACANZE PER UN MASSACRO la vedo accreditata correttamente. Non è che confondi con un altro film? Mentre in PLAY MOTEL era accreditata come Patricia. Adesso dovrebbe essere a posto...
    Ultima modifica: 12/01/16 17:36 da Zender
  • Discussione B. Legnani • 12/01/16 22:09
    Consigliere - 14459 interventi
    Zender ebbe a dire:
    In VACANZE PER UN MASSACRO la vedo accreditata correttamente.


    Nei TITOLI del film, si legge Bhen.
    Questa fa tre film con tre pseudonimi diversi (colpa dei titolisti, immagino).
    Ultima modifica: 12/01/16 22:10 da B. Legnani
  • Discussione Zender • 13/01/16 07:55
    Consigliere - 45275 interventi
    B. Legnani ebbe a dire:
    Zender ebbe a dire:
    In VACANZE PER UN MASSACRO la vedo accreditata correttamente.


    Nei TITOLI del film, si legge Bhen.
    Questa fa tre film con tre pseudonimi diversi (colpa dei titolisti, immagino).

    Ah guarda, ho visto fare degli errori sui titoli di testa e coda dai titolisti (soprattutto nei film meno "importanti" ovviamente) da far paura...
    Ultima modifica: 13/01/16 07:55 da Zender
  • Discussione B. Legnani • 13/01/16 10:34
    Consigliere - 14459 interventi
    Zender ebbe a dire:
    B. Legnani ebbe a dire:
    Zender ebbe a dire:
    In VACANZE PER UN MASSACRO la vedo accreditata correttamente.


    Nei TITOLI del film, si legge Bhen.
    Questa fa tre film con tre pseudonimi diversi (colpa dei titolisti, immagino).

    Ah guarda, ho visto fare degli errori sui titoli di testa e coda dai titolisti (soprattutto nei film meno "importanti" ovviamente) da far paura...


    Recentemente ho letto NADRONICO al posto di ANDRONICO.