Il ristorante all'angolo

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Blood diner
Anno: 1987
Genere: horror (colore)
Note: Remake-omaggio di "Blood Feast" (1963).
Numero commenti presenti: 17
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Lercio 24/03/07 18:32 - 232 commenti

I gusti di Lercio

Remake non ufficiale di Blood Feast. Delirante, pacchiano, con effetti speciali orrendamente confezionati e recitazione oltre il limite dell'indecenza. Tutti questi ingredienti risultano comunque gradevoli nell'insieme, soprattutto considerando che si tratta di un prodotto girato con due soldi per il noleggio (anche se sembra una confezione d'altri tempi per i Drive-in). Difficile spiegare come abbia fatto il giro del mondo.

Stubby 26/03/07 00:25 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Non so se piangere o ridere:il film è penosissimo, però certe scene sono talmente trash che alla fin fine ti rimane impresso nella memoria anche a distanza di vent'anni: una ragazza nuda che fa karate e muore in maniera assolutamente assurda, per esempio. O un uomo che nonostante venga privato delle mani riesce a guidare e si permette di ridere... E questo è solo un assaggio. Personalmente lo custodisco gelosamente nella mia videoteca personale. Mitico.

Undying 27/03/07 18:28 - 3839 commenti

I gusti di Undying

Sarà un caso o la settima arte (nella sua veste horror) è per vocazione "irragiungibile" e inarrivabile per una mano femminile posta dietro la camera da presa? Tolto il felice caso di Kathryn Bigelow e Antonia Bird (Il Buio si Avvicina e L'Insaziabile) quello che resta è davvero qualcosa di inguardabile. Prendete un titolo a caso diretto da Roberta Findlay o, appunto, questa ridicola rivisitazione di Blood Feast, che manca l'obiettivo a causa della comicità voluta e non.

Cotola 20/02/08 23:51 - 7622 commenti

I gusti di Cotola

Divertente e scombiccherato omaggio al cinema di quel “geniaccio” (si fa per dire) di Hershell Gordon Lewis ed in particolare a Blood Feast, di cui questo film è una sorta di remake. Frattaglie e splatter in quantità industriale; ridicolo e grottesco sopra i livelli di guardia, eppure talmente strambo da risultare abbastanza godibile. Purché non vi aspettiate nulla di che.

Tomastich 15/10/10 12:20 - 1216 commenti

I gusti di Tomastich

Remake omaggio, volutamente parodico, poco divertente a livello orrorifico ma gratificante agli occhi degli amanti di un certo tipo di cinema. C'è tutto il meglio (o il peggio) che un aspettatore si potrebbe aspettare da uno sghangherato tribute-slasher. Andiamo tutti al festino sumero!

Buiomega71 9/03/11 19:33 - 2297 commenti

I gusti di Buiomega71

Tra i più divertenti horror demenziali mai girati. La Kong non si prende sul serio e realizza un trashone sgangherato e gustosissimo. Belle ragazze a iosa (tra cui una letteralmente divelta in due), gag sceme e nello stesso tempo truci (la strage a colpi di mitra nella palestra), effetti speciali ridicoli (il cervello nella teca) e battute di quart'ordine (il cervello ai due fratelli "perchè ragionano con il cazzo, invece che col cervello"!). Ma trovo questo filmaccio davvero irresistibile e spassosissimo. Personale guilty pleasure.
MEMORABILE: L'apparizione della dea Shetar, con i denti simili alla Karen Black dell'episodio Zuni di Trilogia del terrore; il massacro finale nella discoteca.

Herrkinski 23/01/13 18:39 - 5290 commenti

I gusti di Herrkinski

Inteso inizialmente come seguito del classico Blood feast, il film ne è piuttosto una reinterpretazione; ma i tempi sono cambiati e il gore a buon mercato che a inizio anni '60 poteva sconvolgere, nel 1987 ovviamente non fa più alcun effetto, specialmente se realizzato in modo penoso. D'altro canto, probabilmente la regista Kong non voleva fare un film serio bensì un omaggio al cinema di H. G. Lewis, senza troppe pretese; quindi ci sono demenzialità a palate, volgarità e stupidaggini varie, ma ogni scherzo è bello quando dura poco, si sa. Bizzarro.

Fabbiu 12/01/14 13:31 - 1952 commenti

I gusti di Fabbiu

Sinceramente mi ha divertito; forse perché partito prevenuto o forse perché ignoravo che fosse sil eguito-remake di un classico del filone splatter, ma alcune trovate mi sono sembrate degne di nota, anche perché bisogna considerare che nulla è mai per un attimo preso sul serio e pur nella semplicità dell'insieme e nella scarsezza tecnica della realizzazione, in quello stile di fare a pezzi i luoghi comuni dell'horror (che era già scontato allora, figurarsi oggi) ci sono più momenti che ricordano le produzioni Troma. Non male, dopotutto.
MEMORABILE: Il ristoratore ventriloquo dalle mani appena tagliate se ne va borbottando e spruzzando sangue dai moncherini.

Jena 15/12/14 18:42 - 1217 commenti

I gusti di Jena

Siamo al livello zero del cinema: recitazione ed effetti speciali pessimi, sceneggiatura abboracciata e confusa, demenzialità involontaria. Il tutto fa sembrare i film del padrino Herschell G. Lewis raffinate opere alla James Ivory. Eppure i trashofili più accaniti potrebbero anche divertirsi, vuoi per l'assurda scombiccheratezza del tutto, vuoi per qualche "genialata" (tipo la karateka che muore stecchita perchè una stalattite le si conficca in testa), vuoi per la nostalgica atmosfera eighties. Tutti gli altri meglio si astengano.
MEMORABILE: La stalattite in testa; Il cervello con le palle/occhi; La dea Ishtar con la pancia dentata; La strage in disco col tipo con la maschera da Reagan.

Taxius 22/09/15 15:44 - 1651 commenti

I gusti di Taxius

Divertente e demenziale b-movie horror. Il film è decisamente folle e non va preso seriamente (basti pensare che il cattivone di turno è un cervello parlante con due occhi dentro un vasetto di vetro). La recitazione è scadente ma questo aumenta ancora di più il divertimento. Splatter e donnine nude abbondano come consuetudine in questo genere di film. Non aspettatevi chissà che, ma c'è molto di peggio in circolazione.

Pesten 18/03/18 07:56 - 646 commenti

I gusti di Pesten

Trash horror così ridicolo e grottesco da risultare anche passabile. Del resto si capisce che questo era l'obiettivo della regista, probabilmente riuscito, di omaggiare certo cinema di genere. La stupidità delle situazioni e dei dialoghi trasforma i personaggi in macchiette che però compiono degli atti di una violenza decisamente efferata, il tutto mischiato a una bella quantità di tette al vento e varie situazioni grottesche che non mancheranno di strappare qualche risata. Si arriva alla fine per vedere fino a che punto ci si è spinti.

Anthonyvm 19/03/18 10:09 - 2128 commenti

I gusti di Anthonyvm

Stupendo remake parodistico e completamente fuori di testa del classico Blood feast di Lewis. Volutamente sopra le righe e trash, è un calderone di effettacci splatter economici, acconciature indecenti, musica anni '50, nudità, zombi, vette weird belle alte e tanto altro ancora. Come non amare un film che ha per protagonisti due fratelli psicotici e un cervello parlante che li comanda a bacchetta? Alcune gag riescono a far ridere e non ci si annoia praticamente mai. Certo, non è un film per tutti, ma visto col giusto spirito diverte parecchio.
MEMORABILE: Il buttafuori con la testa spappolata sotto le ruote di un'auto a ritmo de La Cucaracha; Il finale con un attacco zombi uscito fuori dal nulla.

Pumpkh75 15/12/16 14:50 - 1336 commenti

I gusti di Pumpkh75

Squinternato, sbrindellato, quasi amatoriale: non c’è un soldo a disposizione e la produzione inventa un tourbillon splatteroso di effettacci dilettanteschi (il braccio amputato ne è terrificante emblema) e di assurdità da sbellicarsi, affissi su un nulla artistico devastante. Tra la Troma e H. G. Lewis, è inferiore a entrambi ma è così sballato che ne provi pietà e ti strappa anche qualche grassa risata, con la palma del thrash che va alla poveretta con la testa a supplì. Il maschietto apprezzerà il diluvio di donnine nude. Sfacciato.

Daidae 31/10/17 22:47 - 2762 commenti

I gusti di Daidae

Incredibile trashone al quale andrebbe mezzo pallino; ne guadagna invece ben 2 e mezzo in quanto ai difetti tipici di un film di serie Z (qualità della pellicola scadente quanto gli attori, regia anonima, musica inesistente) sopperisce con un'ottima dose di umorismo. Alcune scene sono divertentissime, a iniziare dal turpiloquio dello zio resuscitato e messo in barattolo (scena che poi verrà copiata in Tammy e il T-Rex) per finire con la festa "sumera" dove saranno sfoggiati i ridicoli effetti speciali. Bruttissimo, ma divertente.
MEMORABILE: Il cadavere che con un calcio si spezza in quattro, un evidente pupazzo; Il pupazzo-cliente del ristorante concorrente; L'uomo investito; La festa.

Caveman 27/12/18 14:25 - 192 commenti

I gusti di Caveman

Omaggio al padrino del gore, H. G. Lewis, questo film si distacca e generando una sciocchezza divertentissima, una serie di gag di grana grossa e scene splatter che divertono l’appassionato. Un tripudio di sangue e smembramenti come non ci fosse un domani. Ci si diverte a patto di spegnere il cervello; godibile per una serata tutta popcorn. La regia della Kong è divertente e divertita, si aggiunge non-sense al tutto e la pellicola fila via strappando più di una risata. Quello che si dice un bel film ignorante.

Gabigol 23/05/19 21:48 - 418 commenti

I gusti di Gabigol

Parrebbe essere un remake non ufficiale del capostipite di Lewis; e poi stupisce che dietro la cinepresa ci sia una donna, tanto il film è intriso di profluvi testosteronici e tette al vento. Il film è indubbiamente scarsissimo sotto il profilo tecnico, ma questo è uno di quei casi, piuttosto rari a dire il vero, in cui contano maggiormente le intenzioni (ironiche) nonché un certo gusto per il grottesco che non viene certo fatto passare in sordina. Visione divertente, a patto che si sappia cosa ci si accinge a guardare.
MEMORABILE: La testa sotto le ruote; Il pupazzo-cliente infiltrato; Il cervello nella teca; L'incontro di wrestling; La dea zannuta; Il guidatore senza braccia.

Rigoletto 6/09/20 19:29 - 1621 commenti

I gusti di Rigoletto

Splatter d'altri tempi che potrà piacere al cultore del genere gore ma che difficilmente verrà apprezzato dallo spettatore medio. Il lavoro di Kong non si segnala né per aver saputo rivitalizzare una sceneggiatura volgare, né per aver ricondotto tutto a binari più accettabili. Poco entusiasmante anche dal punto di vista interpretativo, resta soltanto un horror trash con efferatezze e nudità a oltranza.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Undying • 23/09/09 17:40
    Scrivano - 7630 interventi
    Nato e concepito come sequel di Blood Feast, Blood Diner poco ci mancava che fosse stato diretto, per volere del co-produttore Jimmy Maslon, da H.G.Lewis, in un momento in cui si paventava forte un ritorno - dietro la M.d.P. - del "padrino del gore".

    Ricorda, al proposito, H.G.Lewis*(1):

    "Jim (Jimmy Maslon, n.d.r.) mi propose questo film, che doveva essere un seguito a Blood Feast e io avrei dovuto avere carta bianca nella regia.
    Uno dei produttori, Jackie Kong, aveva tuttavia il vero controllo del film e volle dirigirlo lei.
    Credo sia stata una cosa corretta, da parte sua, chiamare il film Blood Diner anziché Blood Feast II."

    *NOTA (1)
    Herschell Gordon Lewis, Godfather of Gore: The films, Randy Palmer
  • Curiosità Buiomega71 • 9/03/11 19:37
    Pianificazione e progetti - 22101 interventi
    Jackie Kong è stata la moglie di William Osco, produttore del cultone "Flesh Gordon", e dell'hard vintage "Mona: the virgin nymph".
  • Homevideo Buiomega71 • 9/12/13 17:50
    Pianificazione e progetti - 22101 interventi
    Direttamente dalla collezione privata di Buiomega71, la vhs Vivivideo

    Durata effettiva: 1h, 20m e 24s

    Ultima modifica: 9/12/13 18:58 da Zender
  • Homevideo Buiomega71 • 20/10/17 14:03
    Pianificazione e progetti - 22101 interventi
    Dal 10/11/2017 dovrebbe uscire in dvd per la Quadrifoglio Production

    Fonte: dalla loro pagina di FB
    Ultima modifica: 20/10/17 14:35 da Buiomega71
  • Homevideo Ciavazzaro • 20/10/17 16:46
    Scrivano - 5612 interventi
    Ottimo, un pò di film 80's in dvd non può che far bene !
  • Homevideo Nightflier • 26/10/17 19:06
    Disoccupato - 10 interventi
    Qualcuno ha notizie sulla versione usata per il dvd? sarà la stessa della vhs? Mi pare che la vhs fosse cut di qualche scena, voi ne sapete qualcosa in più?
  • Homevideo Buiomega71 • 26/10/17 19:17
    Pianificazione e progetti - 22101 interventi
    Nightflier ebbe a dire:
    Qualcuno ha notizie sulla versione usata per il dvd? sarà la stessa della vhs? Mi pare che la vhs fosse cut di qualche scena, voi ne sapete qualcosa in più?

    Non era cut la vhs, era proprio cut la versione italiana uscita nei cinema (di conseguenza anche la vhs)
    Ultima modifica: 26/10/17 19:17 da Buiomega71
  • Homevideo Mco • 27/10/17 18:22
    Scrivano - 9687 interventi
    Esatto, l'amico Buio ha centrato il concetto.
    Da noi, come in Germania ed Inghilterra, il film della Kong uscì cut.
    Per trovare la versione completa ci si deve rivolgere al mercato blu-ray (la Classic Cult Collection edition).
  • Homevideo Nightflier • 5/12/17 15:36
    Disoccupato - 10 interventi
    Pare che le scene mancanti siano state inserite negli extra del dvd Quadrifoglio.
  • Homevideo Deepred89 • 7/12/17 08:41
    Comunicazione esterna - 1431 interventi
    Dopo una serie di ricerche fatte con Buiomega71, la questione sembra meno banale del previsto. Nonostante quanto riportato da diverse fonto e nonostante la spunta alla voce "tagli" sul sito di Italia taglia, il film, nel 1988, potrebbe aver goduto di una prima uscita nelle nostre sale in versione integrale, o perlomeno senza tagli imposti dalla censura, con divieto ai minori di 18. Questa edizione corrisponde col master trasmesso da Canal Jimmy. La nota edizione cut (di quasi 5 minuti) con divieto ai 14 sarebbe stata approntata nel 1989 e non si esclude che anche quest'ultima sia uscita in sala. L'edizione in vhs, in versione cut e quindi apparentemente tratta dalla seconda edizione, presenta invece un ridoppiaggio applicato su un master dai titoli stranieri, il che potrebbe lasciar supporre l'utilizzo di un'edizione estera cut poi doppiata ex novo.