LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 19/04/07 DAL BENEMERITO IL GOBBO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 19/04/07 12:10 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Sensazionale trasposizione wellesiana del romanzo di Kafka, capolavoro assoluto del cinema. Welles resta fedele all'impianto del testo ma lo ambienta diversamente (straordinarie e sinistre le locations fra Jugoslavia e Italia) ambientando l'apologo kafkiano ai giorni nostri, e si concede diverse libertà, anche nel finale. Visionario e allucinato, surrealista e barocco, a tratti degno di un horror espressionista, con un Perkins perfetto Josef K. circondato da un cast di superlativi gigioni, è un film che non si dimentica. Esperienza mistica.

Capannelle 25/02/09 12:15 - 3855 commenti

I gusti di Capannelle

Non è di agevole fruizione ma non lascia indifferenti: estraniante e surreale, è un collage senza pari di sensazioni e ambientazioni. Per me si potevano tagliare alcune parti e magari lo stesso Perkins, allucinato come si deve ma anche tremendamente monoespressivo. D'altra parte certe scene sono girate magistralmente: l'azienda, la villa di Hustler, i bambini nel tunnel, il palazzo di giustizia con i suoi occupanti che sembrano anime di dannati. E come non godersi il viso della Schneider o lo stupendo adagio di Albinoni?

Mdmaster 13/12/10 16:10 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Eccezionale rivistazione di Welles del racconto di Kafka, splendido sia come storia a livello meramente teatrale, sia a livello di scenografie morbose e claustrofobiche (l'ufficio di Josef è perfetto esempio). Orson si prende qualche libertà, ma tutto in nome di una vicenda non meramente "Kafkiana" ma più critica dal punto di vista sociale. Perfetta la scelta di Perkins, attore spesso sottovalutato, qui in una parte a metà tra il patetico e il comico, interpretata meravigliosamente. Non facile da digerire e interpretare, ma da vedere.
MEMORABILE: Perkins pronuncia "Non posso parlare ai parenti... durante le ore di lavoro"; pause perfette e tono sommesso, fa sorridere immediatamente.

Pigro 2/12/10 09:21 - 8348 commenti

I gusti di Pigro

Welles attualizza Kafka e al tempo stesso lo atemporalizza proiettandolo in un universo gotico, ottimamente fotografato in un b/n che sembra riprendere l'espressionismo e invece crea un'altra dimensione. In un pazzesco frullato di location e di scenografie macerate, introdotte dall'animazione di Alexeieff, ha luogo l'odissea di K. in un crescendo visionario da incubo filosofico. È infatti l'impasto visivo labirintico da horror vacui la cifra stilistica del film, che più della sceneggiatura riesce a restituire la febbrile ispirazione originaria.

Homesick 11/01/11 14:09 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

La Legge, entità ubiqua ma trascendente, è inavvicinabile da chi, come il funzionario di banca Josef K., si isoli e si ostini ad affidarsi a categorie razionali: Kafka lo ha scritto e Welles lo ripete, infittendo l’atmosfera onirica e straniante del romanzo con le lenti distorte, le ombre e le figure grottesche del cinema espressionista tedesco per architettare un’opera di enorme potenza visionaria, adatta(ta) alle inquietudini e all’alienazione dell’era postatomica. Il regista divora la scena nel ruolo dell’avvocato e legge fuori campo i titoli di coda come ne L’orgoglio degli Amberson.
MEMORABILE: Il prologo con la parabola “Davanti alla legge” realizzata da Alexander Alexeieff con la tecnica dello schermo di spilli retrattili.

Nancy 29/10/12 16:00 - 774 commenti

I gusti di Nancy

L'Orson Welles più complicato che mai, probabilmente. Claustrofobico con alcune scene da panico assoluto (gli occhi dei bambini attraverso la capanna) anche grazie al ricorso a un'illuminazione espressionista che amplifica all'ennesima potenza luci e ombre eliminando i grigi. Per molti versi incomprensibile, il film si pone come un flusso di coscienza o, meglio ancora, di paranoia del protagonista in una metafora giuridica che è anche persecuzione dell'umano e violazione della libertà individuale. Un labirinto visivo e concettuale. Impegnativo.

Giùan 21/04/13 11:31 - 3262 commenti

I gusti di Giùan

Ulteriore vertigine di Orson il quale, come genio comanda, rispetta la materia (e la maniera) kafkiana salvo poi “spillarne” l’onirismo imperante, l’opprimente claustrofobicità, il senso di ineluttabile persecutorietà, attraverso la recrudescente presenza e affermazione del proprio incoercibile spirito libero e affabulatorio. Il film si presenta così come un incubo lucido ma allucinato, in cui si manifesta ancor più ferocemente l’impossibilità di confrontarsi con una dimensione “superiore”, imperscrutabile. Grandangolare performance di Anthony Perkins.
MEMORABILE: L’ufficio arnia in cui lavora K.; Welles/Hastler sotto le coperte; Gli scagnozzi fustigati; I fazzoletti di Bloch e dello zio Max; L’atelier di Titoretti.

Furetto60 22/05/13 07:57 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Capisco il genio profuso per riprodurre, dal racconto, i significati simbolici, allucinati e tristemente ironici, mi stupisce la fotografia, livida, molto contrastata e cupa, a rendere un’atmosfera opprimente e quasi claustrofobica, concordo con i meriti dell’interpretazione di Perkins, nondimeno il film risente della frammentarietà del racconto, anzi l’acuisce. Il risultato finale è che lo si apprezza ma non coinvolge, anzi già verso la metà si aspetta impazientemente la fine.
MEMORABILE: L’enorme salone (apparentemente, sono specchi) con le scrivanie allineate; L’avvocato, della stessa razza, in peggio, del manzoniano Azzeccagarbugli.

Delpiero89 27/12/13 14:47 - 263 commenti

I gusti di Delpiero89

Difficile da giudicare. Di grande impatto e valevoli sono sicuramente l'incipit e alcune grandiose immagini (soprattuto di ambienti chiusi), ma il peregrinare del povero Anthony Perkins annoia e molto. Un film molto intellettuale e davvero poco solido.

Didda23 29/06/14 19:18 - 2310 commenti

I gusti di Didda23

Tanto eccessivamente algido e poco partecipativo nel racconto quanto maestoso nella rappresentazione visiva dell'opera, che si avvale di un b/n carico di contrasto e di una regia che reinterpreta la lezione dell'espressionismo tedesco. Welles si muove bene nei meandri metaforici delle claustrofobiche location offrendo delle inquadrature tra il magnifico e l'eccelso. Perkins, anima errante e spaesata, recita con coscienza; Orson attore riempie lo schermo con un carisma difficilmente riscontrabile. Un' opera ambiziosa, forse non del tutto riuscita, ma decisamente importante.

Orson Welles HA DIRETTO ANCHE...

Alex1988 16/09/14 19:39 - 713 commenti

I gusti di Alex1988

Claustrofobico e angosciante, caratteristiche degne di un film horror. Welles traspone Kafka usando virtuosismi cinematografici notevoli per l'epoca, portando lo spettatore all'interno di quest'incubo giudiziario dal quale è impossibile venir fuori, metafora con la quale si vuole sottolineare l'impossibilità di vincere l'imponenza della legge.

Matalo! 17/12/14 08:20 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Condivido le perplessità sulla riuscita del film. Chi ha letto Kafka sentirà la mancanza del suo stile senza stile, "piatto" resoconto di un sogno che dall'apparente assenza di ingerenze autorali trae la sua infinita forza simbolica. Al contrario Welles immerge il racconto in uno stile barocco, frenetico, multiforme che disorienta e sfibra. Ovviamente il film è stupefacente dal punto di vista estetico, ma è molto meno kafkiano di quel che la vulgata crede di vederci. Perkins, sosia di Kafka, troppo frenetico. Immensa bellezza la Schneider.
MEMORABILE: Lo studio del pittore circondato da bambine urlanti.

Qpossum 15/06/15 21:40 - 37 commenti

I gusti di Qpossum

Pur non essendo fedelissimo allo spirito del capolavoro di Kafka (soprattutto nella figura di K), l'adattamento di Welles non sfigura nel confronto. Il film rinuncia alla cupezza del romanzo, in buona parte non trasferibile su pellicola, ma riesce a trasmettere la stessa angoscia grazie a una bella fotografia e soprattutto a scenografie splendide, disorientanti per vastità ma al tempo stesso oppressive.
MEMORABILE: L'allucinante banca in cui lavora K.

Ronax 13/09/15 01:28 - 957 commenti

I gusti di Ronax

Welles rinuncia a un'impossibile fedeltà letterale a Kafka e reinventa la parabola di Josef K orchestrando un allucinato labirinto visivo che contrappunta esterni di agghiacciante desolazione a spazi chiusi tanto più claustrofobici e opprimenti quanto più sono vasti. Visivamente straordinario, il film soffre però di una sceneggiatura spezzettata, che giustappone quadri slegati senza creare un'autentica tensione e un afflato unitario. Grande Foa, splendide e intense la Moreau e la Schneider, troppo petulante e a volte un po' fastidioso Perkins.
MEMORABILE: Lo sconfinato salone dell'ufficio dove lavora Josef.

Cotola 1/11/15 20:32 - 7826 commenti

I gusti di Cotola

Non troppo infedele al capolavoro di Kafka, è un film estremamente claustrofobico, angosciante e non sempre di facile fruizione a causa di qualche pausa in un ritmo comunque buono. Ma quel che è innegabile è un fascino visivo di rara potenza grazie alla regia wellesiana che gioca meravigliosamente con spazi (ora amplissimi ora angusti e da incubo) ed ombre di stampo espressionista, coadiuvato da delle scenografie, molto funzionali alle varie scene, che mozzano il fiato per la loro bellezza. La meravigliosa fotografia completa un quadro tecnico di eccelso livello. Da vedere e rivedere.
MEMORABILE: L'inizio animato realizzato con la tecnica degli spilli. A casa di K con le inquadrature sghembe e gli spazi angusti. Le scenografie.

Minitina80 23/03/18 07:33 - 2512 commenti

I gusti di Minitina80

Dal celebre romanzo di Kafka, Welles tira fuori uno dei suoi migliori film. È un incubo terrificante messo in scena con notevole perizia e un tocco surreale che potrebbe suscitare l’invidia del miglior Buñuel. Rimane freddo e distaccato nei toni e mantiene sempre un’ambiguità di fondo che si tramuta in uno spettro di sensazioni poco rassicuranti. L’insieme di attori che vi hanno partecipato rappresenta un unicum assoluto che costituisce un valore aggiunto. Inciampa poche volte altrimenti avrebbe toccato vette ancora più alte.
MEMORABILE: Il prologo.

Fauno 11/06/17 01:02 - 1986 commenti

I gusti di Fauno

Chi ama Welles avrà modo di adorare questo film e io non posso negare che vengan messi puntigliosamente a nudo tutti i malfunzionamenti della giustizia, dall'arresto alla sentenza, creando perfino varianti immaginarie ma efficaci sull'assoluzione temporanea o dilazionata. Il problema è attuale anche per la conclusione sulla connivenza dell'alta magistratura coi poteri occulti e suscita disgusto dover confermare come già per i politici sia difficile legiferare quando poi i giudici non applicheranno quanto stabilito. Film però lento e macchinoso.
MEMORABILE: Il fascino dell'accusato, raccontato da Welles; L'intro col racconto sulla porta della Giustizia.

Saintgifts 23/08/17 11:13 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Scenografia e fotografia eccellenti che da sole creano l'inquietante atmosfera che il romanzo di Kafka, pubblicato postumo (l'autore lo voleva bruciato), provoca partendo da una giustizia umana che riesce a schiacciare chiunque decida debba essere schiacciato. Nell'incipit c'è la parte migliore, nei primi dialoghi tra il signor K (Perkins, sosia quasi perfetto di Kafka) e il commissario di polizia (ottimo Foà). Le donne, anche se è difficile da comprendere il loro ruolo fino in fondo, hanno un peso determinante e sono ottimamente interpretate.
MEMORABILE: La prima inquadratura di Perkins, presa da sopra il suo capo mentre è sdraiato nel letto, somiglianza straordinaria con Kafka.

Xabaras 7/06/18 22:27 - 189 commenti

I gusti di Xabaras

Radicale è l'approccio del regista all'incubo del Processo: Welles lascia da parte qualsiasi tipo di possibile consequenzialità tra gli eventi narrati rintracciabile nell'opera kafkiana e preferisce concepire il tutto in una serie di sketch onirici e disturbanti aiutato da scenografie immaginifiche e da un piglio magistrale nell'amministrare le dimensioni della claustrofobia. Welles evita l'allegoria teologica (una delle tante chiavi di lettura del libro) e preferisce scolpire K. quale terreno e risoluto nemico di una società caotica e depravata.

Myvincent 5/12/18 07:30 - 2781 commenti

I gusti di Myvincent

La denuncia di un uomo qualunque, tra le centinaia di tessere che il sistema tirannico vuole siano tutte uguali, fa muovere inesorabilmente la farraginosa macchina della giustizia che procede acefala verso un processo sommario. Orson Welles rispetta con grande rigore letterario l'intento di Kafka, realizzando un'opera ragguardevole e difficile, anche da un punto di vista scenografico. Il mondo sospeso fra l'onirismo e la realtà, scivola sui volti di grandi star del calibro di Perkins, Moreau, Schneider, con risultati sorprendenti.

Akim Tamiroff HA RECITATO ANCHE IN...

Paulaster 4/02/19 12:24 - 3094 commenti

I gusti di Paulaster

Impiegato viene arrestato e intanto lasciato a piede libero. Incubo kafkiano in cui non si conosce l'accusa e bisognerà accettare il verdetto. Altalenante nella resa per il mancato acuirsi dell'angoscia e della pressione della giustizia. A livello tecnico Welles propone scenografie notevoli (il posto di lavoro, il tribunale) o scelte visive inedite (il pittore), sempre curando la fotografia di ogni scena. Perkins ha qualche buon momento, si ricorda di più la Schneider.
MEMORABILE: L'entrata in tribunale; Distesi tra le scartoffie; I bambini che spiano il pittore; Le stanze dalle porte giganti e i soffitti bassissimi.

Daniela 21/04/21 22:58 - 10197 commenti

I gusti di Daniela

Quello che Welles trae dal capolavoro di Kafka è un film stratificato e a doppia faccia. Fedele al testo laddove sa ricreare visivamente la sensazione di smarrimento provata dal protagonista attraverso scenografie che oscillano tra il futuribile asettico e il babelico barocco. Nello stesso tempo, come era da attendersi dal genio del regista, anche felicemente infedele, laddove dà corpo e voce  alle presenze enigmatiche e sfuggenti che costellano la storia, affidate ad attori perfetti nei rispettivi ruoli. Capolavoro labirintico che necessità di più visioni. 
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Cotola • 10/11/09 15:52
    Consigliere avanzato - 3663 interventi
    In occasione del Torino Film Festival la pellicola verrà proiettata nei seguenti giorni:

    19 novembre ore 17,00 Cinema Massimo
    20 novembre ore 11,45 Cinema Nazionale


    Vedere un film del grande Welles è occasione da non farsi sfuggire.
  • Homevideo Buiomega71 • 18/07/13 11:32
    Pianificazione e progetti - 22621 interventi
    Rieditato in dvd per la Golem, disponibile dal 17/09/2013

    http://www.amazon.it/Il-Processo-Suzanne-Flon/dp/B00DYMFPVA/ref=sr_1_411?s=dvd&ie=UTF8&qid=1374139844&sr=1-411
  • Homevideo Rebis • 18/07/13 15:16
    Gestione sicurezza - 4304 interventi
    Il dvd filmauro non era proprio un bijoux: solo audio ita e qualità video discreta. Sarebbe interessante se nel dvd golem ci fosse almeno l'originale con sub italiano, ma dubito visto che la golem i sub non li mette mai...
  • Discussione Cotola • 1/11/15 21:01
    Consigliere avanzato - 3663 interventi
    Visto ieri al cinema Massimo di Torino. Vederlo sul grande schermo (in versione restaurata) è un'esperienza visiva unica. Così come rivedere (cosa che ho fatto in questi giorni) Otello e Falstaff (sempre restaurati in hd) che sono meravigliosi ed
    hanno una potenza visiva ineguagliabile resa benissimo sul grande schermo. Credo che questi ultimi due siano tra le migliori riduzioni in celluloide del grande Shakespeare.

    Zender, quasi quasi inauguro un sondaggio sui film più belli di Welles nella sezione classifiche. Che ne dici?
    Ultima modifica: 1/11/15 21:02 da Cotola
  • Discussione Didda23 • 1/11/15 21:29
    Comunicazione esterna - 5748 interventi
    Puoi farlo! Sono fatte apposta!
  • Discussione Zender • 2/11/15 06:54
    Consigliere - 44421 interventi
    Confermo Didda, puoi fare "sondaggi" su quel che vuoi (di inerente al cinema ovviamente)