House of the dead

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: House of the Dead
Anno: 2003
Genere: horror (colore)
Regia: Uwe Boll
Note: E non "The House of the Dead". Tratto dall'omonimo videogioco della Sega. Il sequel è intitolato "Cacciatori di zombi".
Numero commenti presenti: 13
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Dopo RESIDENT EVIL ancora uno zombie-movie derivato da un videogioco. Questa volta tocca al “The House of the Dead” della Sega, richiamato quasi subliminalmente durante i combattimenti con brevissimi inserimenti delle schermate di gioco che mostrano le classiche sparatorie sanguinarie in soggettiva. Il film, a giudicare da fotografia, cast e dialoghi, sembra il classico teen horror moderno alla SO COS’HAI FATTO (forse sarebbe meglio citare il sequel INCUBO FINALE, visto che è anche quello ambientato su di un'isola con prevalenza di scene notturne), quindi ragazzetti...Leggi tutto sessualmente attivi capeggiati dalla superbella decisa e “con le palle”: un copione visto mille volte, con i nostri eroi che se ne vanno su di un'isola sperduta per un rave party epocale ma che causa ritardo (ci arrivano solo grazie al passaggio a pagamento concesso dal losco Jürgen Prochnow) troveranno il luogo desolato. Ovviamente nel giro di pochi minuti pullulerà di zombi putrefatti (buono il make-up) e si apriranno le lunghe battaglie sanguinarie (ma questi si possono colpire un po' ovunque senza dover necessariamente mirare al cervello, a quanto pare). La cinepresa volteggia e gira vorticosamente fermando l'immagine di tanto in tanto per qualche salto al rallentatore stile MATRIX, i ragazzi sparano all'impazzata e finché c'è l'azione il film di Uwe Boll sarebbe quasi potabile. Quando invece lo spazio è lasciato ai dialoghi o alle solite considerazioni di rito (“Ma secondo te ne usciremo vivi?”) c'è da mettersi le mani nei capelli. Le girls indossano completini mozzafiato...
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 20/12/06 09:34 - 4508 commenti

I gusti di Puppigallo

Un pregio di questo film? Dura poco (90 min). Un difetto? Il film. Ci vorrebbe più rispetto per la pellicola. E' un vero peccato imbrattarla con simile lordume, che col passare dei minuti assume l'inquietante forma di un'enorme onda di liquame cinematografico che inevitabilmente sommergerà il povero spettatore. Non si salva nulla, dagli attori (penosi), alla sceneggiatura (per carità!), all'ambientazione. E' tutta pura spazzatura maleodorante da eliminare, differenziando mi raccomando (la sceneggiatura va nella carta). Velo pietoso anche sugli zombi tuttofare.
MEMORABILE: Nulla da segnalare, se non il mio disgusto.

LEX 29/01/07 12:33 - 49 commenti

I gusti di LEX

Non mi aspettavo nulla di piú e non sono stato deluso: una pellicola completamente inutile, ridicola nel suo tentativo di creare situazioni macabre che, puntualmente, scadono nel ridicolo; la recitazione è a dir poco amatoriale. Qualche scena splatter (la "schiacciatina" di testa sul finale ?!) e tanti sbadigli. Salvo solo quei flash di schermate da videogame. Non sopporto la negazione della tradizione: se il caro buon zombie muore solo con un colpo in testa... perché cambiare??? Che presunzione.

Stubby 7/03/07 21:39 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Mamma mia che obbrobio! D'accordo che non mi aspettavo niente di che, ma francamente qui siamo davanti a un qualcosa di indefinibile. In passato altri film tratti da videogiochi avevano dato qualche segnale positivo, ma questo non ha niente che si salvi. Il top: una ragazza che fa kung fu in mezzo ad un'orda di zombi; ma è solo la ciliegina sulla torta. Per carità: evitatelo assolutamente.

keoma 20/03/07 08:04 - 34 commenti

I gusti di keoma

Considero "house of the dead" un film riuscito malgrado le critiche. E' l'omaggio più sentito al nostro cinema degli zombi, quello autoriale di Fulci (Zombi), ma anche quello dei vari Mattei e Fragasso (Virus, Zombi 3, After death). "House of the dead" è un trip visivo e visionario, sorretto da dialoghi ironici ma non pedestri. Uwe Boll crea il primo film-videogioco perfetto, fatto di pixel che arrivano a contaminare la realtà di carne e sangue. Un film quasi avanguardistico, per questo.

Undying 30/05/07 17:48 - 3840 commenti

I gusti di Undying

Quando, alla carenza di idee e soggetti di certo interesse, subentra la vuota e sciocca potenza della citazione. Il film si basa solo, ed esclusivamente, sul riferimento ai titoli realizzati da Sega per Sale giochi, Console e Pc; e palese riferimento sono gli inserti tratti dal videogioco (estrapolati da House of the Dead n.2). Ridicolo l’assunto di base: alcuni giovani, diretti all’Isola della Morte per un Rave party, imbracciano fucili a canne mozze, pistole, bombe a mano e agiscono come fossero tanti Rambo. Oscenamente brutto.
MEMORABILE: Qualche buon effetto speciale, come una donna amputata in due, non serve a sanare il nervoso, derivato dall’oscuramento delle azioni degli zombi.

Supercruel 23/07/08 00:52 - 498 commenti

I gusti di Supercruel

Totalmente folle! Uwe Boll non ha il minimo senso della misura! "House Of The Dead" è un film che va ASSOLUTAMENTE visto, perché, pur leggendo quello che se ne scrive in giro, non ci si crede finché non lo si guarda scorrere davanti alle pupille. Dialoghi assurdamente imbecilli, attori indecenti, regia post-qualcosa (post-cinema?), inserti originali dal videogame, canovaccio narrativo totalmente assente. Uwe Boll è un fottutissimo mito!

Sunchaser 7/11/08 12:57 - 127 commenti

I gusti di Sunchaser

Questa trasposizione di un famoso sparatutto SEGA è impresentabile, probabilmente l'horror più scadente degli ultimi vent'anni: facce, interpretazioni, messinscena, scenografia e fotografia da videoclip di infimo livello, regia "nociva", effetti speciali ridicoli (avvilente il ricorso al bullett-time di Matrix), sceneggiatura e dialoghi repellenti di Mark A. Altman e Dan Bates. Boll continuerà fieramente la sua carriera con film tratti da videogame.

Belfagor 23/05/09 15:42 - 2623 commenti

I gusti di Belfagor

Non è difficile estrapolare un discreto fanta-horror da un videogioco di successo come The House Of The Dead. Uwe Boll non c'è riuscito. Certo, magari non si raschia il fondo di Alone in the Dark, ma a parte i completi attillati delle protagoniste non si salva un granché. Cherry, che ci aveva divertito in Final Destination 2, è ingabbiato in una sceneggiatura che sembra scritta in due minuti su un tovagliolo da bar. Per carità, qualcuno fermi Boll prima che profani anche The House Of The Dead 2!

Deadmarcio 5/01/10 15:27 - 27 commenti

I gusti di Deadmarcio

Un'incredibile vaccata con pseudo zombi che non solo corrono ma nuotano e sono anche ottimi guerrieri, con protagonisti che da semplici giovani si trasformano in qualche minuto in tiratori provetti e guerriei kung-fu. Nemmeno un B-movie ma piuttosto una sottocategoria della Z dove il regista sfrutta penose scene ralenti ed enigmatici flash delle immagini (pessime) del videogioco e alla morte dei personaggi sfrutta una panoramica rosso sangue come se morissero in un videogame. Pessimo.
MEMORABILE: Uno dei personaggi che si nasconde dagli zombie come frodo dai Nazghul.

Rambo90 10/02/10 22:59 - 6343 commenti

I gusti di Rambo90

Inizia come un qualsiasi capitolo della saga di Venerdì 13 (i ragazzi arrapati in cerca di divertimento nei boschi) e continua come uno sparattutto di serie Z. Questo è lo stile di Uwe Boll (che farà decisamente meglio con Alone in the Dark), ed è decisamente un film da evitare, poco appassionante nonostante la sovrabbondanza di azione e scene splatter e senza un solo personaggio che ispiri simpatia. Per i più coraggiosi esiste anche un seguito.

Mdmaster 23/09/10 18:35 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Più che omaggio al nostro cinema italiano, Boll è capace di farci rimpiangere perfino Le notti del terrore di Bianchi! Dove quello faceva ridere e imbroccava degli effetti riusciti, House of the Dead ci mette sequenze tratte dal videogioco (a che pro?), make-up ignobile, trama inesistente, personaggi cerebrolesi. Un film veramente inutile, neanche di quel pecoreccio divertente di cui erano capaci i nostri registi: noioso, futile e pieno di boria. Come più o meno tutta la filmografia del geniaccio tedesco.

Metuant 24/10/10 21:59 - 454 commenti

I gusti di Metuant

Già qui Uwe Boll lascia vedere tutti gli elementi del suo diciamo "cinema" fatto di sequenze pacchianamente al ralenti, dialoghi da colpi di remo sulla nuca, azione esagerata fino alla nausea e tante, troppe sparatorie fini a se stesse. Tralasciando la trama che poi trama vera non è, qui ci mette dentro anche una bella sequela di spezzoni tratti dal videogioco originale dal quale è tratto il film (se di film si può parlare). Va bene la passione per i videogiochi, però...
MEMORABILE: "Game over, stronzo!"

Edecubo 18/08/14 05:43 - 49 commenti

I gusti di Edecubo

Da dimenticare; non ha senso niente in questa pellicola, neanche la sua distribuzione. Credo che Uwe Boll sia il peggior regista di sempre. La trama tratta da un videogioco non regge, gli attori non sanno bene che personaggi devono interpretare... C'è una grande, grandissima confusione artistica.
MEMORABILE: I ralenti e gli spezzoni del gioco durante la sparatoria finale.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Raremirko • 3/12/12 00:03
    Addetto riparazione hardware - 3475 interventi
    Gers, il film mi è piaciucchiato, è grave?
  • Discussione Gestarsh99 • 3/12/12 21:56
    Scrivano - 14449 interventi
    Non so, dipende da quali sostanze hai assunto prima e/o durante la visione: è grave solo se hai inalato polvere di marmo mescolata a farina o se hai bevuto del Sangiovese corretto al metanolo :D

    Comunque, se si è amanti del trash involontario il film può risultare chiaramente gradevole.
    Sempre se ho capito bene il senso del tuo gradimento.
  • Discussione Raremirko • 4/12/12 15:03
    Addetto riparazione hardware - 3475 interventi
    io dico proprio cinematograficamente; e, dai, come horror ci son decidne di titoli peggiori...


    insomma, una piena sufficienza.
  • Discussione Gestarsh99 • 5/12/12 18:00
    Scrivano - 14449 interventi
    Più che un horror a me è parso un action/splatter alla sotto-Anderson.

    Di paura se ne vede poca, non trovi?
  • Discussione Raremirko • 5/12/12 18:01
    Addetto riparazione hardware - 3475 interventi
    Gestarsh99 ebbe a dire:
    Più che un horror a me è parso un action/splatter alla sotto-Anderson.

    Di paura se ne vede poca, non trovi?


    L'atmosfera però è riuscitissima, così come il voler buttare tutto sull'ironia
  • Discussione Gestarsh99 • 5/12/12 18:09
    Scrivano - 14449 interventi
    Raremirko ebbe a dire:
    come horror ci son decidne di titoli peggiori...

    In questo senso ti quoto: c'è sempre il vergognosissimo
    Zombie Nation di Lommel (e dire che aveva esordito con un film del calibro de La tenerezza del lupo...)
  • Discussione Ruber • 7/12/13 15:15
    Compilatore d’emergenza - 8963 interventi
    Visto ieri sera sulla mitica 4rete, che dire uno spasso di super trash horrorifico:)) ah per la serie non si capiva che era tratto dal videogame della Sega...no non si capiva infatti hanno dovuto mettere il logo SEGA da per tutto!! Ed e incredibile che ne abbiano girato anche un sequel...tremendo!!
  • Discussione Caveman • 12/12/18 17:30
    Pulizia ai piani - 278 interventi
    Ruber ebbe a dire:
    Visto ieri sera sulla mitica 4rete, che dire uno spasso di super trash horrorifico:)) ah per la serie non si capiva che era tratto dal videogame della Sega...no non si capiva infatti hanno dovuto mettere il logo SEGA da per tutto!! Ed e incredibile che ne abbiano girato anche un sequel...tremendo!!

    E dire che il sequel è appena meglio di questo terribile film.House of the Dead è uno degli horror peggiori che io abbia mai visto; piange il cuore nel vedervi recitare il mitico Clint Howard.