Carter

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Get Carter
Anno: 1971
Genere: gangster/noir (colore)
Note: Ha avuto un remake: "La vendetta di Carter" (2000).
Numero commenti presenti: 19
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Jack Carter (Caine) è un killer: lo si capisce subito, nella prima scena in cui è seduto con altri gangster intenti a seguire un filmino porno d'epoca. Suo fratello è stato da poco trovato morto a Newcastle ed è lì che Carter ha intenzione di andare, per capire se si tratta davvero di suicidio come ha stabilito la polizia o di omicidio. Una volta raggiunto da Londra il nord del Paese si installa alla pensione "Las Vegas", la cui tenutaria non sembra uno stinco di santo, e comincia le indagini, che dal funerale lo porteranno a conoscere le persone che gravitavano intorno alla vittima. Proprietari di bar, di macchinette mangiasoldi o semplici criminali di piccolo cabotaggio a Jack già noti, dal momento che a Newcastle ci abitava. Anche donne,...Leggi tutto certo, come la bella ragazza che conosce a casa di uno dei tanti loschi individui che popolano il film. I nomi da ricordare sono parecchi e la prima parte non ingrana facilmente; meno appassionante del previsto, incappa in qualche pausa di troppo e non riesce a focalizzare in modo soddisfacente il personaggio di Carter, freddo sì ma senza particolari caratteristiche che ce lo facciano ricordare. Il carisma gli viene più dal grande appeal di Caine, che permette al suo (anti)eroe di apparire sempre elegante e in possesso di un invidiabile self control, facendogli sbrigare il lavoro senza mai indisporre coloro con cui viene in contatto. Poi però le cose cambiano: non precipitano subito, ma si delineano i prodromi della vendetta destinata a occupare la seconda parte, decisamente migliore e ricca di ottimi momenti in cui lo stile del regista Mike Hodges può imporsi con maggior decisione; a colpire però è innanzitutto la grande attenzione riposta nella scelta delle location: l'Inghilterra delle fabbriche, del cielo grigio, delle grandi costruzioni in cemento e delle cupe strutture in ferro si fa protagonista, con la mdp che sceglie sempre di posizionarsi al meglio (molti i campi lunghi e le panoramiche dall'alto) per donare al film la stessa sofisticatezza del suo protagonista. Senza lesinare sangue e violenza, Carter si fa glaciale macchina da guerra, incapace di trattenersi dal fare ciò che in fondo i sicari eseguono da sempre per mestiere. Non è un caso che per il remake trent'anni dopo verrà scelto Sylvester Stallone, perfetta incarnazione del concetto stesso di vendicatore dall'attore già portato in scena con RAMBO. Una vendetta che nasce anche dalla condizione della nipote, la figlia di suo fratello che si fa credere possa persino essere figlia sua, di Carter! Seguire la storia richiede attenzione non comune per via del gran numero di personaggi coinvolti, quasi tutti associabili a gangster di pari livello e quindi confondibili, e per questo quando si lascia più spazio all'azione il film ci guadagna, lasciando libero sfogo all'estro del regista. L'Inghilterra più vera, meno inflazionata, lontana dal cosmopolitismo londinese emerge con prepotenza marchiando a fuoco il lavoro di Hodges. Crudo, freddo e anzi raggelante, ben riflesso nello sguardo cupo di Caine, CARTER si fa ricordare anche per il raggelante finale, privo di inutili spettacolarizzazioni ed efficacissimo.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 20/03/07 DAL BENEMERITO ALMAYER POI DAVINOTTATO IL GIORNO 18/04/20
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Almayer 20/03/07 11:01 - 169 commenti

I gusti di Almayer

Carter se ne torna alla natia Newcastle per scovare chi gli ha ammazzato il fratello, e il comitato di benvenuto è particolarmente "caloroso". Splendida OST, bellissime riprese, personaggi ben delineati e un Michael Caine in particolare stato di grazia, ironico e cattivissimo allo stesso tempo. Violenza, sesso (tanto che ha un vm 18 in UK), humour inglese, e sullo sfondo un'Inghilterra disperata ben lontana dalla "swinging London". Un film fondamentale, che ha influenzato il genere negli anni a venire.

B. Legnani 19/04/07 00:34 - 4840 commenti

I gusti di B. Legnani

Bel film d'ambiente britannico, dominato dall'eccezionale prestazione di Michael Caine, qui forse al suo massimo, che cerca una doppia vendetta. Momenti tragici e momenti lividi in una trama non chiarissima all'inizio, ma che poi sa prendere e conquistare lo spettatore. Da vedere.

Il Gobbo 29/05/07 18:38 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Notevolissimo noir livido (non c'è altro aggettivo) e amaro, esaltato da un maestoso Michael Caine, che ritrova atmosfere e ambienti "suoi", seppure in contesto gangsteristico. Ma tutto è estremamente efficace. Indispensabile la colonna sonora di Roy Budd, e la visione (con imprescindibili sottotitoli) in lingua originale, un english decisamente non-BBC... Vanta un remake realizzato da Stallone, finora evitato per cautela.

Lovejoy 28/12/07 17:01 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Un film fondamentale nel genere noir e sopratutto nella carriera di un giovane Michael Caine. Nel ruolo del cinico Carter, infatti, Caine regala una prova da incorniciare. Bel mix di umorismo nero, sesso e violenza, condotto magistralmente dal bravo Hodges con due o tre sequenze da antologia. Splendida colonna sonora di Roy Budd. Un vero e proprio classico imperdibile.

Matalo! 9/07/08 09:37 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Michael Caine nel ruolo di una vita assieme a Harry Palmer; in questo particolare oggetto filmico crea un personaggio sfaccettato, viscido, sensibile, criminale e giustiziere. Hodges lo circonda di un milieu britannico squallido e pervertito, simile a quello de "Il mascalzone" con Richard Burton, con grande efficacia (anche se a volte oggi un po' datata). Tra i tre titoli fondamentali per chi ama Caine. Il cattivo è il commediografo John Osborne.

Cotola 13/07/11 23:53 - 7696 commenti

I gusti di Cotola

Ottimo noir inglese dai toni lividi, sporchi e molto violenti (all'epoca era vietato ai minori). La storia sembra essere la solita: quella di una vendetta. Eppure riesce ad avvincere sempre più: merito della solida regia, di una buona sceneggiatura, di una colonna sonora magnifica e piena di ritmo (grazie Roy Budd). Ah poi c'è una splendida prestazione di Michael Caine. State ancora leggendo? Correte a vederlo!

Rambo90 7/01/12 02:37 - 6521 commenti

I gusti di Rambo90

Un film eccezionale: teso, duro e violento come ci si aspetta da una storia di vendetta. Michael Caine è perfetto, il suo personaggio è ben ritratto in ogni sfaccettatura, ma non sono da meno nemmeno gli attori/personaggi di contorno. Bella la colonna sonora, ottimi gli ultimi trenta minuti, dove la furia vendicativa del protagonista raggiunge i picchi più alti. Imperdibile.

Max renn 26/03/12 18:59 - 80 commenti

I gusti di Max renn

Tra i noir di nuova generazione, "Carter" svetta prepotentemente grazie alla solida regia di Hodges (autore pure della sceneggiatura), il quale realizza ottime atmosfere immortalando con classe una cinerea Newcastle. Anche se l'interpretazione di Caine resta indelebilmente impressa in memoria, è l'intero cast a risultare all'altezza del compito (personaggi minori ben delineati e con le facce giuste). Al tutto va poi ad amalgamarsi una colonna sonora tanto ossessiva quanto azzeccata. Chapeau.
MEMORABILE: Il forsennato inseguimento finale nei pressi della cava.

Rebis 28/06/12 19:18 - 2092 commenti

I gusti di Rebis

La lunga serie di indizi e piste monche inanella episodi volti più che altro a esplorare e restituire un clima sociale di sordida abiezione morale: ne risente - in parte - l'andamento complessivo, sfilacciato e poco sostenuto. Le cose migliorano quando l'indagine investigativa lascia il posto ad una furibonda vendetta privata, che riserva sequenze di un nichilismo e di una brutalità inusitate. Finale un po' affastellato con epilogo spiazzante. La perizia di fotografia e stile, comunque, è fuori discussione. Seducente l'accordo tra musica e montaggio parallelo. Caine repellente e magnetico.

Daniela 8/11/12 13:34 - 9839 commenti

I gusti di Daniela

Malavitoso londinese torna nella natia e grigissima Newcastle per scoprire la verità sulla morte del fratello... Film importante per la capacità di inserire in un ritratto spietato di desolazione umana ed ambientale sequenze di inusitata ferocia non tanto per il loro contenuto quanto per la rappresentazione secca, senza fronzoli. Caine offre una prova memorabile dando vita ad un personaggio freddo, senza scrupoli, misogino ma anche sottilmente ironico, la cui sete di vendetta non ha alcun valore catartivo. E' un cattivo che sa di esserlo e non cerca alibi, destinato ad ispirarne molti altri.
MEMORABILE: La telefonata erotica a doppio obiettivo - l'inseguimento finale nella cava

Mike Hodges HA DIRETTO ANCHE...

Alex1988 13/10/14 19:51 - 681 commenti

I gusti di Alex1988

Mi aspettavo qualcosa di più estremo. Oggi fa solamente sorridere, la violenza presente in questo film. Comunque sia, rimane un buon prodotto che non ha nulla da invidiare ai tanti noir americani realizzati. Buona l'interpretazione di Caine, freddo nella sua vendetta.

Almicione 7/11/14 01:19 - 765 commenti

I gusti di Almicione

Jack Carter è uno spietato killer, freddo e ironico vendicatore nonché travolgente amatore, che – non credendo all'ipotesi di un incidente – vuole vendicare la morte del fratello. Un inesperto Hodges, fastidioso in particolar modo negli stacchi, raffigura tutti i canoni del genere in modo tipico, dal cinico protagonista all'incidente che nasconde un complesso intrico, dalle avvenenti ragazze ai farabutti e i loro scagnozzi. La fredda Newcastle si abbina bene a Carter e alla spietatezza dell'intera vicenda. Buon film, ma Hodges è biasimevole.
MEMORABILE: Carter che esce nudo con un fucile in mano; Il colpo di scena finale, che chiude il cerchio di delitti e quasi monda la città dall'intera vicenda.

Saintgifts 13/11/14 22:36 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

L'Inghilterra delle minigonne, decadente e innovatrice allo stesso tempo, con mani su mani di vernice a coprire la ruggine. Squallidi, sporchi, contaminati scorci di una Newcastle ottimo sfondo per una storia altrettanto sporca, dove si muovono personaggi che, dopo più di quarant'anni, rischiano il ridicolo. Jack Carter si muove a suo agio, conosce ogni anfratto della sua città, non teme nessuno, ha un compito da svolgere e sa come farlo. La sua superiorità ha raggiunto il culmine e la parabola è già in discesa. Non tutto si può prevedere.

Nicola81 30/05/15 18:50 - 2048 commenti

I gusti di Nicola81

Originale e spregiudicato noir britannico, che ha il suo punto di forza nell'ottima interpretazione di un Michael Caine perfetto nei panni del killer professionista che vuole vederci chiaro sulla morte del fratello. Storia non troppo lineare, ma la regia è scattante, i personaggi di contorno ben delineati e si respira fin da subito una bella dose di cinismo che prelude all'esplosione di violenza della mezzora conclusiva. Finale che chiude perfettamente il cerchio e buona colonna sonora di Roy Budd.

Myvincent 11/07/16 07:44 - 2663 commenti

I gusti di Myvincent

Rugginoso come i dolenti moli inglesi, desolato come le nebbiose mattinate del nord, il racconto (neanche tanto originalissimo) si dipana implacabile avvalendosi della faccia e della fisionomia di Michael Caine, senza le quali non sarebbe lo stesso. In breve, un malavitoso segue le tracce dietro alla morte del fratello buono, non risparmiando nessuna cattiveria. Qualche situazione anche comico-ironica fa il resto.

Rocchiola 29/06/18 09:44 - 889 commenti

I gusti di Rocchiola

Gangster movie duro e realistico che è un po' la versione inglese dell’hard-boiled con l’investigatore sostituito da un killer che indaga sulla scomparsa del fratello in una fredda e squallida Newcastle. La messa in scena brutale e senza fronzoli può ricordare lo stile di Aldrich, con Caine che aggiunge un altro importante tassello alla sua galleria di antieroi. La visione del filmino porno anticipa Un gioco estremamente pericoloso e Hardcore. Memorabile anche il tema musicale di Roy Budd reinterpretato da molti artisti (compresi gli Stereolab).
MEMORABILE: Carter nudo e armato di fucile sulla soglia di casa; L'inseguimento finale, La letale iniezione per punire Margaret; L'incontro con Eric alle corse.

Berto88fi 8/01/20 11:13 - 206 commenti

I gusti di Berto88fi

In pieno stile british questa rocambolesca e frenetica storia di vendetta, dal forte cinismo di fondo, che non lesina in nudi e humor. La trama inizialmente aggrovigliata e spiazzante decolla febbrilmente nella seconda parte, coinvolgendo lo spettatore fino all'epilogo secco e pessimista. One-man show per Caine, gangster elegante ma spietato nella sua freddezza; ottimo il mix di generi della colonna sonora.
MEMORABILE: La doppia telefonata piccante; La scena di sesso sfalsata alla guida veloce.

Giùan 21/01/20 10:25 - 3132 commenti

I gusti di Giùan

Non fosse per la risibile, antipatica (seppur necessaria) ideuzza finale dell'assoldamento telefonico del sicario da parte di Kinnear (Osborne di femminea spietatezza), praticamente un noir perfetto. Hodges indovina con armoniosa perizia cinematografica la astrale congiunzione tra fonte letteraria (il racconto di Lewis), restituzione d'ambiente (una Newcastle indimenticabile nella sua crepuscolare freddezza) e un protagonista (Caine) a metà tra villain ancestrale e l'eroe mitologico. Nell'inderogabile cast segnalo il viscido Hendry e l'Edna della Durnham.
MEMORABILE: La telefonata di Caine a Anna con Edna che l'ascolta; Caine esce fuori di casa nudo col fucile in mano mentre un gruppo di majorettes si esibiscono.

Rufus68 19/04/20 23:47 - 3223 commenti

I gusti di Rufus68

Alleggerito della parti più caduche (quelle pruriginose con la Ekland, le allusive-sexy della corsa in macchina) rimane un classico del revenge movie. Merito di Michael Caine, ovviamente, ma anche della pletora di solidissimi comprimari che gli fanno corona, a partire dall'ambiguo Kinnear di Osborne. Hodges gira pulitamente e senza strafare e innesta su un tronco action debitamente torbido un finale pessimistico e senza scampo.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Ellerre • 8/06/09 11:36
    Call center Davinotti - 1124 interventi
    Celebre colonna sonora del jazzista britannico Roy Budd. Il prodigioso compositore qui ci delizia con il suono di un clavichord elettrico nel tema principale http://www.youtube.com/watch?v=8kMhcf8eyiA
    Riferimento discografico: Roy Budd, Get Carter, Cinephile 1971.

  • Discussione Cotola • 13/07/11 23:54
    Consigliere avanzato - 3652 interventi
    Onestamente ritengo che noir sia decisamente più azzeccato come genere. Lo si evince anche
    dalle recensioni di altri davinottiani.
  • Discussione Zender • 14/07/11 08:19
    Consigliere - 43940 interventi
    Ok, andata per noir.
  • Discussione B. Legnani • 14/07/11 09:13
    Consigliere - 14082 interventi
    Senz'altro.
  • Musiche Quidtum • 3/11/13 15:21
    Servizio caffè - 2188 interventi
    ROY BUDD - "GET CARTER" OST 45rpm WEST RECORD EG 180 (1971)

    CARTER...singolo 45rpm di ROY BUDD. Stampa originale italiana su etichetta WEST RECORD (EG 180) del 1971. Un capolavoro del British jazz dal ritmo incalzante con assoli di piano elettrico funky di Budd e splendide percussioni di tabla indiana da parte del batterista, Chris Karan, di chiara fama per aver suonato come musicista di studio e session man per Ian Carr Nucleus / Basil Kirchin / John Schroeder / Bedazzled OST / Mike Nock Trio / Quincicasm fame. Questa fantastica mood music appare nei titoli di apertura del film, basato sul romanzo del 1969 di Ted Lewis, "Jack's Return Home". La B side è di un altro artista e non fa riferimento alla colonna sonora di questo film.

    Audioclip

    Ultima modifica: 3/11/13 18:40 da Zender
  • Homevideo Digital • 6/08/17 09:20
    Segretario - 3113 interventi
    Dvd Golem disponibile dal 25/10/2017.
  • Homevideo Rocchiola • 28/06/18 11:00
    Call center Davinotti - 1176 interventi
    Ottima edizione che presenta un video abbastanza granuloso ma pulito e dalla definizione discreta. L'audio dolby digital è pulito ma davvero molto basso come livello d'uscita e pertanto bisogna alzare parecchio il volume. Credo abbiano utlizzato il master dell'edizione Warner uscito all'estero anche in bluray nel 2014.
  • Curiosità Caesars • 28/06/18 14:07
    Scrivano - 11705 interventi
    Uno delle pellicole preferite da Stanley Kubrick, che del film disse: "Ogni attore che lo vedrà, poi vorrà lavorare con Mike Hodges".

    Fonte: Imdb
  • Discussione Raremirko • 12/08/19 23:30
    Addetto riparazione hardware - 3543 interventi
    Lo trovo inferiore al remake, ma ha dalla sua il fascino inglese e l'interpretazione di Caine, molto buona; un pò lento e macchinoso, risulta invecchiato bene e si merita la nomea di cult anche per il finale coraggioso e controcorrente.

    Hardcore di Schrader prenderà da qui almeno qualcosa.



    La donna di nome Glenda, quella sul letto, è Geraldina Moffat, madre di Sam Houser, l'auore di Gta 3-4-5, della Rockstar !!!!!!! ; è grazie a lui se GTA e' 3D, come lo conosciam ora.


    Grazie di cuore Geraldine per averlo concepito.
  • Homevideo Digital • 22/12/20 15:09
    Segretario - 3113 interventi
    Dvd Sinister disponibile dal 24/02/2021.