L'uomo terminale - Film (1974)

L'uomo terminale
Media utenti
MMJ Davinotti jr

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Da un romanzo di Michael Crichton un esempio di fantascienza senza fronzoli, fredda e rigida come si usava nei Settanta. Anche molto lenta, esageratamente puntigliosa quando si tratta di affrontare le frasi più scientifiche. Ha senso, per dire, perdere oltre dieci minuti per mostrare nel dettaglio le fasi dell'operazione chirurgica che porta a inserire nel cervello del paziente un chip “tranquillante”? C'è un eccesso di scrupolo, negli autori, il cui unico scopo sembra essere quello di fornire plausibilità medico-scientifica al film dimenticando di renderlo nel contempo coinvolgente. La tanto decantata prova attoriale di George Segal, in realtà, è meno incisiva di quanto si sia portati a...Leggi tutto credere. E’ lui, nel ruolo del costruttore di robot Harry Benson, a subire la rivoluzionaria operazione che, per curarne gli improvvisi scatti d'ira, lo porta a inserirsi, nel cervello, un chip in grado di sedarne gli sfoghi attraverso bassi impulsi elettrici. L'equipe medica che lo segue fa appena in tempo a verificare l'efficacia del sistema che Benson fugge, naturalmente cominciando presto a dare di matto. Madman on loose insomma, e conseguente ricerca da parte di specialisti e polizia. La regia di Mike Hodges (anche sceneggiatore e produttore) è compassata e se anche le Variazioni Goldberg di Bach suonate da Glenn Gould danno un indubbio tocco di classe, ciò non basta a risollevare le sorti di un film tutto sommato scialbo, nel quale l'interpretazione misurata e comunque stimabile di Segal non produce effetti memorabili. Uno di quei film che si può seguire facendo altro e senza quasi accorgersi di averne perso per strada il filo.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Caesars 17/10/07 09:33 - 3430 commenti

I gusti di Caesars

Interessante l'idea di partenza: l'incapacità dell'uomo di risolvere i propri problemi affidandosi alla scienza (anzi spesso nei romanzi di Crichton è l'uomo che cerca di sfruttare la scienza per andare oltre al consentito, vedi i parchi giochi de Il mondo dei robot o Jurassic park, a creare problemi irrisolvibili). Purtroppo il film diretto da Michael Hodges non riesce a rendere al meglio a causa di un ritmo esageratamente lento che non crea la giusta tensione. Buona l'interpretazione di George Segal e bella la colonna sonora.

Buiomega71 15/12/10 14:19 - 2668 commenti

I gusti di Buiomega71

Gioiello molto sottovalutato della fantascienza anni 70, forse uno dei migliori. Straordinaria e gelida regia del mai troppo considerato Mike Hodges, che qui guarda a Kubrick, costruendo sequenze asettiche e inquietanti. Il germe della follia e lo studio scentifico per curarla, rimandano ad Arancia meccanica, di cui il film di Hodges ha più di un punto in comune. Promotore di tutto il cinema Cyber-punk a venire. Da non perdere assolutamente.
MEMORABILE: Il massacro di Jill Clayburgh a forbiciate, da parte di un folle George Segal. Il finale al cimitero.

Matalo! 8/08/13 14:25 - 1371 commenti

I gusti di Matalo!

Attraversato da una distaccata vena beffarda, sottolineata dalle Goldberg Variation (scritte da Bach per un insonne), ecco una messinscena elegante e lenta di un romanzo di Crichton nello stile di Mike Hodges dell'epoca d'oro. Il film difetta talvolta di ritmo ma ha in Segal un interprete a dir poco maiuscolo, con il suo classico aplomb ironico e sensuale che esplode in momenti di notevole espressività drammatica. Il tono del film è da racconto morale, appena finito si intuisce che sin dal primo fotogramma converge verso una idea.
MEMORABILE: Le diverse espressioni di Segal durante il test.

Samdalmas 2/04/18 15:41 - 302 commenti

I gusti di Samdalmas

Film quasi dimenticato di Mike Hodges, che molti ricordano per Flash Gordon, è un tipico esempio di fantascienza anni '70. Il controllo della mente di un paziente violento ricorda da vicino Arancia meccanica. La regia è volutamente fredda e asettica alla Kubrick con un sorprendente George Segal protagonista. Il ritmo a tratti sembra latitare ma merita una riscoperta, per chi ama il genere.
MEMORABILE: Il finale nella tomba.

Rufus68 26/02/19 22:43 - 3602 commenti

I gusti di Rufus68

Il tema filosofico alla base del film, molto potente, è superiore ai meriti del film stesso. L'uomo possiede un'anima divina o immateriale o è solo una congerie di circuiti elettrici cerebrali? Nel secondo caso: può un essere umano venire controllato come una macchina al di là della volontà? Queste domande fondamentali sono alla mercé di una regia lenta e poco convincente, pur se caratterizzata dallo stile secco e polemico dei Settanta. Riuscito a metà. Bravo Segal.

Daniela 6/08/22 09:38 - 11775 commenti

I gusti di Daniela

Soggetto ad attacchi d'ira improvvisi durante i quali commette azioni violente, un uomo accetta di sottoporsi a un'operazione sperimentale che dovrebbe inibire tali impulsi mediante l'innesto di un microcomputer nel cervello... Fantascienza mal invecchiata che sconta lo squilibrio tra la prima parte, verbosamente didascalica, e la seconda con tempi eccessivamente compressi ed eventi poco motivati. Anche la definizione del carattere del protagonista appare approssimativa dato che le astuzie criminali a cui ricorre non collimano con la rapppresentazione come vittima del proprio male.
MEMORABILE: Le ridicole misure di sicurezza; I festeggiamenti affrettati; L'orribile parrucca bionda; Lo strip-tease gratuito; L'omicidio "annacquato".

Joan Hackett HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Zender • 22/05/16 17:31
    Pianificazione e progetti - 46224 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film:

  • Homevideo Digital • 21/10/16 18:28
    Portaborse - 3580 interventi
    Dvd Sinister disponibile dal 14/12/2016.
  • Homevideo Xtron • 12/09/17 23:27
    Servizio caffè - 2019 interventi
    Il dvd SINISTER

    Audio italiano e inglese
    Sottotitoli in italiano
    Formato video 1.85:1 anamorfico
    Durata 1h40m03s
    Extra: Trailer

    immagine a 50:49

    Ultima modifica: 13/09/17 08:18 da Zender